Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Deborah J

Vs Supporto
  • Numero contenuti

    11.856
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni con più "mi piace"

    12

L'ultima giornata che Deborah J ha vinto risale al 18 Febbraio

Deborah J ha ottenuto più mi piace in un giorno nei suoi contenuti!

Reputazione Comunità

7.207 Guru

Su Deborah J

  • Titolo utente
    Juventina nel sangue
  • Compleanno 4 Luglio

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Donna
  • Biglietti
    Nessuno

Contatti

  • Sito web
    http://angolodellamicizia*

Visite recenti

18.727 visite nel profilo
  1. Deborah J

    Assegnata a Bernardeschi la 10 della Nazionale

    Questo è un topic che parla di Bernardeschi e della 10 in NAZIONALE. Limitatevi a commentare Federico, che Dybala non c'entra nulla.
  2. Deborah J

    Assegnata a Bernardeschi la 10 della Nazionale

    LA NUMERO 10 E ancora la democraticità del lasciar scegliere i numeri di maglia ai giocatori, anche quel 10 che probabilmente finirà sulle spalle di Bernardeschi: «E’ un numero che ha sempre un peso particolare: io posso avere un’idea, ma è giusto lasciare a loro la decisione. Lo prenderà chi se la sente: se lo vuole Chiellini, lo diamo a Chiellini...». E soprattutto la sua forza dei nervi distesi: Mancini la immagina contagiosa, e gli fa usare come messaggio a Kean parole che in realtà sono buone per tutto il gruppo. «Quello che ho detto per Moise, vale anche per gli altri: devono andare in campo tutti con tranquillità, allegria, entusiasmo. E continuare a giocare, a cercare un calcio d’attacco come hanno fatto fino ad oggi». Lo dice come se fosse la cosa più facile del mondo, forse per questo gli hanno creduto così in fretta. Da La Gazzetta dello Sport di stamattina, le parole sono di Mancini.
  3. Deborah J

    Assegnata a Bernardeschi la 10 della Nazionale

    Perchè quella della Juve ha già un proprietario. Mica i dirigenti della Juve sono ridicoli che la tolgono a chi hanno voluto fortemente la indossasse (per loro scelta) per darla ad un altro giocatore.
  4. Se no Dybala stava già correndo in quel di Milano... anzi, aveva già fatto un "giro" sul campo di San Siro. Col cavolo che Andrea Agnelli gli dava un gioiellino di giocatore in cambio di uno che più che conoscono più che altro in Italia. Fuori lo conosco a malapena i suoi parenti.
  5. Sono daccordo... criticare sportivamente è una cosa giusta e normale. Ma il tiro al bersaglio no. Io mi riferisco a quello... forse non è chiaro, ma lo dico in ogni dove. Mi sembra strano che tu non abbia letto commenti davvero beceri nei confronti di questo giocatore...ripetuti e continuati, da vero e proprio accanimento ossessivo. Che è diverso dal dire "mi aspettavo di più". Non ho mai "contestato" frasi del genere. Forse, non te ne sei accorto.
  6. Tieni presenti ci saranno anche "infiltrati"... Dybala è molto amato dai tifosi... in tutto il mondo (lo si evince dai 30 milioni e passa di follower) basa vedere i topic dedicati a lui, se conti vedi quanti sono quelli che lo stimano e quanti quelli che lo detestano. La vera percentuale è quella. I sondaggi non dicono niente, perchè anche io potrei farmi 100 nick e votare a favore di chi voglio... per dire. Ma anche nei sondaggi, prevale sempre la preferenza positiva della maggioranza a suo favore.
  7. Io avrei preferito Zidane... l'ho ribadito più di una volta. Su Didier non sarei molto convinta... magari poi stupirebbe. Ha esperienza a livello mondiale, comunque. Vero ci sono tanti allenatori, se dovesse andare via Allegri, la società credo si farebbe trovare preparata... anche perchè, loro sanno già come andrà a giugno.
  8. Quando presero Allegri si diceva anche di peggio. Sembrava che senza Conte fosse finito il mondo.
  9. Non so se sono simili... non seguo Didier. Ho guardato la finale, giusto perchè c'era qualche giocatore nostro in entrambe le squadre. So che piace ad Andrea Agnelli (così si dice) che gli è affezionato e lo stima. Io avrei preferito Zidane... ma purtroppo è ito. Spero che, se dovesse arrivare, darà a Dybala il posto che è stato sempre suo, e che gli spetta di diritto e, soprattutto, nel suo ruolo naturale. Anche se penso che Allegri lo farà giocare titolare, due partite in panchina non significano nulla. Magari in quel momento non era in forma. Poi, il fatto che non possa giocare con Ronaldo... è solo una cavolata immaginaria di chi non sopporta il nostro 10. Hanno giocato insieme e hanno dato spettacolo, dando qualità al gioco e l'intesa tra i due era evidente, agli occhi di tutti... penso anche ai tuoi, visto che molto probabilmente non te li "cavi" proprio perche ti servono per queste cose.
  10. Non voglio difendere Didier o criticare Allegri... ma una piccola nota la devo fare: quando si dice che Allegri gli scudetti li ha vinti perchè bravo, alcuni rispondono che li ha vinti grazie allo squadrone che la Juve gli ha messo in mano (Pogba c'era anche in uno vinto con lui e ora c'è Ronaldo che è superiore a Mbappè ). Quindi si potrebbe giocare anche senza allenatore.
  11. Metti una decina? Non credo si va molto oltre, se si, di poco... se pensi a quanti utenti scrivono su VS sono una minoranza che neanche fa testo.
  12. Pierpaolo Marino, 45 anni di calcio. E ora? Come è la vita dopo 45 anni di calcio? «E’ una vita più matura, più selettiva, mi sorprendo del fatto che non mi manchi troppo l’attività professionale. Forse c’è un momento in cui apprezzi il fatto di non avere troppe responsabilità. O forse è il mondo del calcio che è cambiato, che ha ridimensionato la figura dei direttori sportivi, dei manager». L’ultimo incarico ufficiale tre anni fa. Nel frattempo che proposte sono arrivate? ".Sì, proposte ne ho avute, ma non allettanti. Perché vorrei che l’ultima esperienza fosse di un livello professionale importante e di una categoria adeguata. Ho bisogno di stimoli giusti, di qualcosa che rappresenti una sfida. Non è un problema di ingaggio, di soldi, per intenderci. Andrei anche a rendimento se ci fosse un’occasione stimolante».[...] [...] Allegri resterà alla Juve? «No. Ma…». Ma? «Non resterà, ma per sua scelta». E se andrà via, chi prenderà la Juve? «Deschamps»[...] [...] Dybala per Icardi. E’ possibile? «Sarebbe un colpo dal punto di vista del bilancio e tecnico. Ma sai perché l’affare non si farà mai?». Perché? «Entrambe penseranno di aver diritto a un conguaglio e la cosa finirà così». E allora, Icardi dove va? «Andrà in Spagna. O forse no, in Germania». Ma chi ha avuto ragione nella lite con l’Inter? «Ti dico una cosa. Il capitano è per definizione quello che tutela, rappresenta, lo spogliatoio. Se la moglie del capitano o la procuratrice del capitano dicono che la squadra non valorizza il capitano e lui non si dissocia, è normale che si creino problemi. Il capitano è la guida». Dove giocherà Chiesa l’anno prossimo? «Nella Juve». Zaniolo? «Resta alla Roma. Ma non per sempre». Barella? «All’Inter». Tonali? «Va alla Juve». Il vero affare del prossimo mercato? « Lo fa chi prende Saint-Maximin del Nizza». E poi? «E poi mi piace molto Lozano». Chi vince la Champions? «La Juve. E me lo auguro davvero, perché sarebbe la più grande rivincita morale per Allegri. Se la merita». A proposito: Allegri è stato un tuo giocatore a Pescara «E anche un grande affare: lo presi dal Pavia per 600 milioni e due anni dopo lo rivendemmo per sette miliardi al Cagliari». Ma oggi chi è più forte: Messi o Ronaldo? «Nell’economia delle due squadre sono alla pari. Ma soprattutto a livello di certe partite internazionali, in cui conta anche la fisicità, pesa di più Ronaldo». Chi vince l’Europa League? «Napoli, dai». E chi va in Champions con Juve e Napoli? «Inter e Milan». Per emergere nel calcio di oggi, come dirigente, serve più competenza, abilità o fortuna? «Conta la passione. E saper cogliere gli attimi, che non vuol dire aver fortuna ma andarsela a cercare. La negatività non ti porta mai da nessuna parte». E senza il calcio, cosa sarebbe oggi Pierpaolo Marino? «Un giornalista sportivo. Forse un buon giornalista sportivo». [..] Tuttosport.com
  13. SCATTA LA RIVOLUZIONE Questa sera primo atto della corsa a Euro 2020. Dentro dal 1’ il 19enne Kean. Il ragazzo di origini ivoriane, a meno di sorprese a questo punto clamorose, agirà là davanti con Immobile e Bernardeschi. Quagliarella? Dentro a gara in corso. Presenza numero 101 per il capitano della Nazionale e della Juventus Giorgio Chiellini, che esordì proprio contro la Finlandia nel 2004. E in Finlandia, l’anno scorso, Moise Kean giocò un grandissimo Europeo Under 19, segnando una doppietta nella finale poi persa ai supplementari con il Portogallo. La gara che di fatto lo fece entrare nel cuore di Mancini insieme a Zaniolo. Insomma, sulla carta un’avversaria da lieto fine. e. Kean così è stato preferito a Politano. Sfruttando i movmenti di Immobile, che nella Lazio parte spesso largo a destra, contando sul momento magico di Bernardeschi, fermo a 2 reti in in 16 partite, il ct punta a un gioco di movimento anche orizzontale da parte dei suoi attaccanti, che sappiano trovare profondità. Corriere dello Sport
  14. In conferenza, Giorgio Chiellini parla del compagno Moise Kean: "A gennaio aveva l'opportunità di andar via, ma gli ho consigliato di restare". Dal Bologna al Chievo, dalla SPAL al Milan. Un po' tutti, a gennaio, avrebbero voluto contare su Moise Kean, senza spazio alla Juventus e apparentemente destinato a un nuovo prestito dopo quello al Verona. E invece l'attaccante bianconero, probabile titolare contro la Finlandia, è rimasto. Merito di Giorgio Chiellini. A raccontarlo è stato proprio il centrale, intervenuto accanto al commissario tecnico Roberto Mancini nella classica conferenza stampa di vigilia del match di Udine, valido per le qualificazioni a Euro 2020. "A gennaio aveva l'opportunità di andar via, ma io gli ho consigliato di rimanere. In una stagione lunga avrebbe potuto rendersi utile e trovare il proprio spazio. Ora si sta rendendo utile e io spero che questo sia solo l'inizio". Kean, come detto, dovrebbe essere preferito a Politano come sostituto degli infortunati Insigne e Chiesa. Contro la Finlandia, con ogni probabilità, toccherà dunque a lui completare il tridente dell'Italia assieme a Bernardeschi eImmobile. Un bel premio per un ragazzo che in stagione ha messo assieme un minutaggio misero ma, al contempo, una media goal da far invidia ai più blasonati bomber d'Europa. Sia in campionato che in Coppa Italia. Sfiorando la rete anche nella gara di ritorno contro l'Atletico Madrid. Goal.com
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.