Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Sign in to follow this  
grower

Il lato oscuro dello sport (Netflix)

Recommended Posts

Immagine.jpg.beda5c263b982b2f014c6b23752a849c.jpg
Il lato oscuro dello sport esamina sei incredibili storie al confine tra sport e illegalità raccontate dagli atleti, allenatori e funzionari di polizia al centro delle controversie. Gli episodi includono lo scandalo del pattinaggio di figura alle Olimpiadi di Salt Lake City del 2002, l'operazione di contrabbando di marijuana della superstar Indycar Randy Lanier, le partite di basket truccate all'Arizona State University, il sicario a cavallo al centro di un giro di frodi assicurative, il più grande scandalo di partite truccate nella storia del calcio italiano noto come Calciopoli e la tragica caduta in disgrazia del capitano della nazionale di cricket sudafricana Hansie Cronje. 

Prima visione assoluta il 6 Ottobre 2021 su Netflix.

 

Quoto

A più di quindici anni dallo scandalo che ha segnato il punto più basso nella storia del calcio italiano, Luciano Moggi, amministratore delegato della Juventus dal 1994 fino al 2006 – anno dello scoppio del caso Calciopoli – è tornato a parlare della vicenda nel corso di un documentario presentato dalla piattaforma d’intrattenimento Netflix, dal titolo The dark side of the sport.

“Ho perseguito l’obiettivo del calcio, che era la mia passione”, ha esordito l’ex dirigente bianconero, “Il calcio in realtà è uno sport puro, è uno sport dove vince chi gioca meglio: se abbiamo vinto sette campionati, che credo sia una cosa importante, evidentemente i giocatori che abbiamo comprato, da Zidane a Nedved e Cannavaro erano quelli giusti. Noi non abbiamo mai chiesto a nessuno di vincere la partita: la vincevamo con le nostre forze. Poi è come se fossi stato in cima a un albero e tutti fossero pronti da sotto a sparare”. 

Le prime intercettazioni vennero pubblicate nel maggio del 2006, e di lì a poco tempo lo scandalo travolse l’intero sistema calcio. Questo il ricordo di Luciano Moggi relativamente a quei giorni tanto movimentati: “I primi dieci giorni sono stati tremendi. Televisioni, radio e giornali ripetevano costantemente ‘scandalo nel calcio eccetera’, ma io non mi sono mai approfittato di niente e di nessuno. Essere tacciato da ladro mi ha fatto male. Devo dire che mi sentivo abbastanza abbattuto. Avevo vergogna pure a passeggiare per le strade: era come se mi fosse caduta addosso non una tegola, ma un’intera casa”. L’ex membro della Triade ha poi proseguito: “Quella squadra era il mio capolavoro e in quel momento lì ho pensato a tante cose: è importante che lo dica, anche al suicidio, ma la religione mi ha insegnato che la vita è fatta di tanti momenti, belli e brutti, e bisogna andare avanti, combattendo anche quelli brutti. Nel momento più brutto ho sentito una forza interiore dentro di me che mi diceva ‘devi combattere, devi dimostrare al mondo che ciò che è stato detto e fatto sono finzioni'”

Dopo aver rassegnato le dimissioni il 14 maggio del 2006, Luciano Moggi venne convocato dagli inquirenti per un’udienza preliminare. Questo il suo ricordo al riguardo: “Volevo capire cosa avevo fatto, perché non avevo idea di cosa potessero imputarmi: io parlavo con i designatori, ma parlavo come parlavano tutti, cercavamo di tutelarci. Sono per la giustizia, sono per un mondo per bene, ma devo dire che leggendo quella scritta, ‘la legge è uguale per tutti’, ho avuto dei dubbi, perché se fosse stato scandalo questo era lo scandalo generale del calcio, a 360°, non a venti gradi: non riguardava solo me”. ha detto Moggi, riferendosi al coinvolgimento di altri esponenti del mondo del calcio nella vicenda: “Non è vero che era il sistema Moggi a condizionare il calcio, ma il sistema generale: anche le altre squadre parlavano con gli arbitri e il designatore, ma questo è stato tolto completamente dalla circolazione da parte dei P.M. ed è venuto fuori solo il piccolo pezzo dei 360°: quello della Juventus”.

La sentenza di primo grado, pronunciata dalla Corte di Napoli l’8 novembre 2011, dichiarò Luciano Moggi colpevole del reato di promozione della associazione a delinquere, condannandolo alla pena di 5 anni e quattro mesi di reclusione, poi ridotti a 2 anni e 4 mesi dalla sentenza di secondo grado (17 dicembre 2013). Il 24 marzo 2015, la Corte di cassazione ha annullato le condanne precedentemente stabilite per quanto riguarda l’oggetto di associazione a delinquere per Moggi, senza possibilità di ulteriore appello per sopraggiunta prescrizione dei reati contestati: alla fine, l’ex dirigente della Vecchia Signora non scontò neppure un giorno in carcere. “Ho dimostrato che anche io non ho fatto niente: se nessuna partita è stata alterata, se tutti gli arbitri sono stati assolti, qual era il danno che era stato arrecato al calcio? Quelli che hanno condotto il processo di calciopoli passeranno da un giudice diverso, non sarà una prova d’appello ma sarà determinate: Gesù Cristo, è lui il giudice supremo”

footballnews24

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scoperto anch’io questa sera e visto il primo episodio (partite truccate di Arizona State University)

Sono molto curioso di guardare l’episodio dedicato a calciopoli (3o episodio)

Poi mi pronuncio

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

"il più grande scandalo di partite truccate nella storia del calcio italiano noto come Calciopoli"... 

È già uno scandalo presentarla così! 

Già che ci siano immagini della Juve in questo trailer me li fa girare ad elica! 

Mò vediamo che ne esce!... 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo sto vedendo ora...c'è Narducci che "spiega" la storia :261:

 

dai su che vogliamo farci? Possono raccontare sta farsa perché i primi complici li abbiamo avuti a Torino, e ancora oggi quando vedo Elkann in tribuna mi vien lo schifo.

 

Faccio il live mentre lo sto guardando:
si parla di Sampdoria-Juve 0-3 e del rigore dato per fallo su Emerson che, secondo il giornalista di ESPN, non c'è .ghgh 

rigore nettissimo

 

A narrare la storia ci sono i mitici Auricchio e Narducci.

 

Poteva mancare la storia di Reggina-Juventus e il "sequestro di Paparesta?"  la storia che conoscete insomma .ghgh ovvio che il fallo di mano del difensore reggino non c'è in questo documentario .ghgh 

io non so se sta storia che l'ha chiuso nello spogliatoio possono ancora dirlo a distanza di anni quando c'è una sentenza di archiviazione.

 

Il processo Biscardi un programma molto influente e le "pressioni" di Moggi .ghgh 

 

Juventus-Milan 0-0 l'intelligenza giornalistica parla di 2 episodi a sfavore del Milan (ovvio che la mano di costacurta su cross di Ibrahimovic non esiste) tra le quali una di queste è un vantaggio non avuto per aver fischiato fallo prima .ghgh 

 

La telefonata delle griglie .ghgh e il giornalista di Espn con Auricchio spiegano i sorteggi "truccati" :261: 

 

Le famose ammonizioni mirate del Bologna.

 

Milan-Juventus con l'arbitro Collina che non poteva essere condizionato. Però caso strano con l'arbitro e senza Ibra vinciamo noi lo stesso .ghgh 

 

Narducci racconta di aver sentito 170mila telefonate quindi presumo che quelle di Facchetti le abbia sentite...non era sfuggito no? .doh 

 

Raccontano la storia dell'interrogatorio e il ghigno di Narducci a sentire il pianto di Moggi, il giorno delle sentenze, Berlusconi la vittima, le solite cose insomma.

 

C'è la testimonianza di Nucini, Baldini .ghgh per fortuna c'è anche la parte dove un po' si parla delle altre intercettazioni, ovviamente si parla del "tutti colpevoli tutti innocenti", e poi si arriva alla sentenza (dove non dicono che Narducci se n'era scappato dal processo) e alla condanna e la soddisfazione di Peppino che aveva vinto la sua farsa.

 

La chiosa finale del documentario è fantastica: nessuno accusa i calciatori, i proprietari della Juventus che siano stati coinvolti in calciopoli :261: come dire "non ce l'avevamo con voi, non ci denunciate" .ghgh 

  • Mi Piace 1
  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 8/10/2021 Alle 02:33, Leevancleef ha scritto:

"il più grande scandalo di partite truccate nella storia del calcio italiano noto come Calciopoli"... 

È già uno scandalo presentarla così! 

Già che ci siano immagini della Juve in questo trailer me li fa girare ad elica! 

Mò vediamo che ne esce!... 

Ciao luca, ti ho mandato una email, non vorrei che tu la perdessi, per cui sappi che te lo scrivero ovunque! un abbraccione mitico e grazie!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 11/10/2021 Alle 17:38, RLP✰✰✰RLP✰✰✰ ha scritto:

Lo sto vedendo ora...c'è Narducci che "spiega" la storia :261:

 

dai su che vogliamo farci? Possono raccontare sta farsa perché i primi complici li abbiamo avuti a Torino, e ancora oggi quando vedo Elkann in tribuna mi vien lo schifo.

 

Faccio il live mentre lo sto guardando:
si parla di Sampdoria-Juve 0-3 e del rigore dato per fallo su Emerson che, secondo il giornalista di ESPN, non c'è .ghgh 

rigore nettissimo

 

A narrare la storia ci sono i mitici Auricchio e Narducci.

 

Poteva mancare la storia di Reggina-Juventus e il "sequestro di Paparesta?"  la storia che conoscete insomma .ghgh ovvio che il fallo di mano del difensore reggino non c'è in questo documentario .ghgh 

io non so se sta storia che l'ha chiuso nello spogliatoio possono ancora dirlo a distanza di anni quando c'è una sentenza di archiviazione.

 

Il processo Biscardi un programma molto influente e le "pressioni" di Moggi .ghgh 

 

Juventus-Milan 0-0 l'intelligenza giornalistica parla di 2 episodi a sfavore del Milan (ovvio che la mano di costacurta su cross di Ibrahimovic non esiste) tra le quali una di queste è un vantaggio non avuto per aver fischiato fallo prima .ghgh 

 

La telefonata delle griglie .ghgh e il giornalista di Espn con Auricchio spiegano i sorteggi "truccati" :261: 

 

Le famose ammonizioni mirate del Bologna.

 

Milan-Juventus con l'arbitro Collina che non poteva essere condizionato. Però caso strano con l'arbitro e senza Ibra vinciamo noi lo stesso .ghgh 

 

Narducci racconta di aver sentito 170mila telefonate quindi presumo che quelle di Facchetti le abbia sentite...non era sfuggito no? .doh 

 

Raccontano la storia dell'interrogatorio e il ghigno di Narducci a sentire il pianto di Moggi, il giorno delle sentenze, Berlusconi la vittima, le solite cose insomma.

 

C'è la testimonianza di Nucini, Baldini .ghgh per fortuna c'è anche la parte dove un po' si parla delle altre intercettazioni, ovviamente si parla del "tutti colpevoli tutti innocenti", e poi si arriva alla sentenza (dove non dicono che Narducci se n'era scappato dal processo) e alla condanna e la soddisfazione di Peppino che aveva vinto la sua farsa.

 

La chiosa finale del documentario è fantastica: nessuno accusa i calciatori, i proprietari della Juventus che siano stati coinvolti in calciopoli :261: come dire "non ce l'avevamo con voi, non ci denunciate" .ghgh 

mamma mia che pena di documentario infatti...

 

Cioè io se fossi il tifoso di un'altra squadra, onestamente a vedere una roba simile mi verrebbe da dire: ma veramente la juve l'hanno fatta sparire quell'anno per queste cose?

Cioè solo per queste cose? .ghgh 

 

Ma poi quel Napoletano incallito che parla di "guardare le partite sotto un'altra lente a causa di questo lavoro"

 

Ah ma dei BOSS MAFIOSI a bordo campo a seguire e truccare le partite del Napoli non ne ha mai sentito parlare?

A Napoli immagino ci si goda a pieno il calcio

 

Ma tanto prima o poi arriva, arriva per tutti, proprio come ha detto Lucky ;)

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

appena visto, solito documentario superficiale e fazioso (tutto da parte dell'accusa), non capisco perchè lucianone e l'ultrà juventino si siano prestati, ma cmq per chiunque sia un po' sveglio è chiaro dal documentario stesso come l'inchiesta fosse ridicola e al 100% fuffa! fantastico l'inizio con i fantomatici "pentiti" della camorra napoletana, con uno che s'immagina scenari alla Gomorra ma che scompaiono magicamente dopo 30 secondi di documentario... Alla fine tutto si riduce alle ammonizioni col Bologna, la telefonata col potentissimo Biscardi e la battuta su Paparesta! E ovviamente la partita scudetto vinta con pieno merito (pure il documentario nonostante tratti il bilan come la povera vittima del campionato non riesce a fare in modo di nasconderlo) .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.