Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Giannij Stinson

Coordinatori
  • Numero contenuti

    8.380
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni con più "mi piace"

    18

L'ultima giornata che Giannij Stinson ha vinto risale al 23 Giugno 2018

Giannij Stinson ha ottenuto più mi piace in un giorno nei suoi contenuti!

Reputazione Comunità

12.857 Guru

Su Giannij Stinson

  • Titolo utente
    « Challenge Accepted! »
  • Compleanno 31/12/1992

Contatti

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Biglietti
    Nessuno
  • Interessi
    juventus, calcio, play station, pc, tennis, musica, pallacanestro e... belle figliole XD

Visite recenti

30.257 visite nel profilo
  1. Giannij Stinson

    Chi vorreste come prossimo allenatore della Juventus?

    Zidane sarebbe il successore naturale di Allegri. Conte un passo indietro notevole. Allegri se rinsavisce da questa paura che gli è venuta per me potrebbe anche essere riconfermato... Guardiola un'ipotesi affascinante ma credo irrealizzabile. Il mio preferito è Klopp, darebbe una scossa profonda e storica all'ambiente con le sue idee. Deschamps non mi piace e infine aggiungo che l'unico italiano convincente è Gattuso ma forse è troppo milanista per essere preso in considerazione.
  2. Giannij Stinson

    Ultimo Uomo: L’Atletico si è mangiato la Juventus

    L'Atletico si è mangiato la Juve, ma la Juve non fa fatto niente per non farsi mangiare. Il punto è questo...
  3. Giannij Stinson

    Juventus Women 2018/2019 | La rosa e tutte le news sulla squadra

    Ragionamento che continua a non convincermi finchè si parla di lingua inglese. Poi è possibile che non si faccia ma la traduzione è quella che abbiamo fatto tutti. Ripeto se avesse voluto esprimere una suo augurio avrebbe usato "should be" o meglio ancora "would be nice", stava pur sempre scrivendo sul Guardian mica su Topolino...
  4. Dzeko (roma) Piatek (Milan) Milik (Napoli) Quagliarella (Sampdoria) C.Ronaldo (Juventus)
  5. Giannij Stinson

    Remuntada impossibile: i numeri e i precedenti condannano la Juve

    Quando ti trovi con l'acqua alla gola come in questo caso è praticamente impossibile ribaltarla nonostante ci si provi, perchè basta mezzo secondo di follia/distrazione e hai mandato tutto a puttane. Chiedere ad Evra e Benatia
  6. Giannij Stinson

    Juventus Women 2018/2019 | La rosa e tutte le news sulla squadra

    "Could be played at Allianz Stadium" significa proprio "Potrebbe giocarsi" cioè quello che ho scritto io. E mi pare tutto tranne che un parere personale altrimenti avrebbe usato "should be"
  7. Giannij Stinson

    Juventus Women 2018/2019 | La rosa e tutte le news sulla squadra

    Sarebbe pure ora
  8. Giannij Stinson

    Juve, Allegri in bilico: spunta la suggestione Guardiola

    In caso di eliminazione dalla Champions la Juventus pensa al sostituto di Allegri: Zidane è il favorito, ma spunta anche la suggestione Guardiola. Il 12 marzo oltre al futuro della Juventus in Champions League potrebbe decidersi anche quello di Massimiliano Allegri che, in caso di prematura eliminazione, a fine stagione molto probabilmente lascerebbe la panchina bianconera dopo cinque stagioni. In realtà la fiducia della società nei confronti del tecnico livornese è ancora molto alta ma è chiaro che uscire agli ottavi di Champions League nell'anno dell'acquisto di Cristiano Ronaldo non sarebbe considerato un successo, anzi. Inoltre lo stesso Allegri, dopo cinque anni fatti comunque più di vittorie che di delusioni, potrebbe decidere di provare un'esperienza all'estero dove gli estimatori dell'attuale allenatore bianconero non mancano di certo. Ecco perchè secondo 'Tuttosport' la Juventus valuta già le possibili alternative: dal favorito Zidane al ritorno di Deschamps, passando per una suggestione di nome Pep Guardiola. L'ex Real ha da sempre un ottimo rapporto con Agnelli, è il preferito di Cristiano Ronaldo e non ha mai nascorso di essere rimasto molto legato all'ambiente Juventus. Su di lui però nelle ultime settimane c'è il forte interesse del Chelsea che a fine stagione, o forse prima, saluterà Sarri. Goal.com
  9. Se vince la Premier l'unica cosa che deve fare è "scappare" via, Liverpool è un ambiente difficile, rischia di passare da essere il Dio che ha riportato la Premier dopo 30 anni al fesso che torna a prenderle. Ma questo lo dico a prescindere dal fatto che mi piacerebbe averlo alla Juve, anche perchè per ora non c'è nulla di concreto se non un mio sogno, ecco
  10. Zidane a livello di gestione della squadra è una via di mezzo tra Allegri e Klopp, sicuramente è uno che pretenderà molto dal mercato (penso ad Isco e Marcelo), cosa che uscendo gli ottavi non è affatto scontata. Mentre Klopp oltre a pretendere decisamente meno, darebbe una scossa epocale alla Juve a livello di atteggiamento e per questo mi affascina tantissimo come ipotesi, senza contare che sono un suo estimatore della primissima ora. Detto questo Zidane lo prendo ad occhi chiusi.
  11. Zidane o Klopp, da questi due non si scappa. Sono gli unici che darebbero la scossa che serve all'ambiente per non vedere più queste partite oscene... Mi dispiace per Allegri che reputo bravo ma ormai non riesce più ad essere quello dei primi tempi che metteva Sturaro titolare col Real e vinceva la partita. Ora ha sempre paura di perdere e non rischia quindi finisce sempre a pensare prima a non prenderle.
  12. Con Pjanic nel centrocampo a 2 sei arrivato in finale e a fianco aveva Khedira, non proprio un mastino. Di avere più personalità del sopravvalutato Bentancur e i piedi più dritti di Matuidi. E tanto mi basta. Poi è ovvio che se lo metti nelle condizioni peggiori (quindi nel cc a 3) e non gli dai continuità, non rende...
  13. La Juventus torna dal Wanda Metropolitano con le ossa rotte, il risveglio lascia più interrogativi che certezze. Ora serve un'impresa. La Juventus lascia Madrid con una sonora sconfitta e, soprattutto, con un'impresa da compiere. Il 12 marzo, tra le mura amiche, i bianconeri saranno chiamati a ribaltare il 2-0 del Wanda Metropolitano: risultato apparentemente senza diritto di replica. Nella capitale spagnola sono emersi nitidamente i limiti strutturali di una grande squadra ma non ancora grandissima, a cui manca ancora qualcosa per tornare a primeggiare in Champions League ventitré anni dopo. La Signora paga un momento tutto fuorché brillante. Non brilla la condizione atletica generale, opache le individualità. Con alla base del discorso una verità incontrovertibile: il centrocampo non è all'altezza degli altri top club europei. Lacuna, non di poco conto, sorta contro l'Atletico Madrid. Lì dove il “cholismo” ha smontato l'”allegrismo”, lasciando a quest'ultimo solo una profonda tristezza. Due modi di intendere il calcio diametralmente opposti, con il primo round conclusosi a netto appannaggio del diabolico stratega argentino. La vigoria batte la pazienza, la pressione supera l'attendismo, la coralità stritola i singoli. Appunto, la mediana. Da sempre cuore pulsante di una squadra, da troppo tempo assente ingiustificata in casa Juventus. E la sensazione è che il solo arrivo di Ramsey non sia destinato a modificare il trend. All'interno di un elevato coefficiente tecnico, Matuidi e Bentancur balbettano. Mentre Pjanic, anche con la febbre, là in mezzo è l'unico a saper dare del “tu” al pallone. Troppo poco, specialmente puntando costantemente sulla qualità. E considerando il ritmo imposto dagli spagnoli, anche con Khedira difficilmente la storia sarebbe cambiata. L'Atletico Madrid non ha una rosa forte come quella juventina, ma si è dimostrato superiore in tutto e per tutto, ridimensionando inesorabilmente le ambizioni bianconere. Dal ruolo di favorita a eliminata di lusso. Scenario impronosticabile alla vigilia e che riporta la lancetta del progresso europeo della Signora ai tempi di Monaco di Baviera. La Juventus di Allegri nella massima competizione continentale è sempre arrivata a un passo dall'affermazione, senza però trovarla. Al netto delle due finali perse con Barcellona e Real Madrid, Madama si è fermata sul più bello anche all'Allianz Arena e al Bernabeu. E chissà che un'eventuale mancata rimonta, con conseguente uscita, non metta la parola fine al connubio tra Allegri e la Juve a giugno. Infine colpisce in negativo anche la prestazione di Cristiano Ronaldo, storica bestia nera dell'Atletico, uomo sul quale sono state riposte le speranze per spezzare l'incantesimo. Senza tuttavia dimenticare che uno avendo vinto cinque Champions, e altrettanti Palloni d'oro, può avere sempre degli assi nella manica da giocarsi quando meno te lo aspetti Goal.com
  14. Un centrocampo mediocre che si continua a schierare in maniera mediocre piuttosto che metterlo in maniera sufficiente cioè Pjanic-Emre Can
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.