Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Leevancleef

Coordinatori
  • Content count

    5,907
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    90

Leevancleef last won the day on October 22

Leevancleef had the most liked content!

Community Reputation

18,047 Guru

About Leevancleef

  • Rank
    Capitano

Contatti

  • Twitter
    La Maglia Bianconera (@La_Bianconera)

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Biglietti
    Nessuno

Recent Profile Visitors

23,185 profile views
  1. Leevancleef

    Pavel Nedved, l’intoccabile

    "Qualcuno cominci a fare le valigie"? Dopo la prima sconfitta a dicembre, e con la qualificazione agli ottavi alla quarta giornata? Questo è come il sondaggio sul licenziamento per Sarri! Dovessimo perdere un'altra partita che facciamo, chiediamo la decurtazione di tutto il cda? Grazie che poi i topic degenerano e diventa un perculamento continuo.
  2. Leevancleef

    Craig Burley (ESPN): "Se fossi la Juve mi sbarazzerei di Sarri"

    Scusate eh, ma se dovessimo andare su tuttojuve e riportare quello che pensa ogni singolo pensatore di casa nostra (o anche estero) sulla Juve servirebbero 40 pagine... ma veramente dobbiamo parlare di quello che pensa Craig Burley? Allora apriamo 2000 topic con le opinioni di Paolo Rossi, di Causio, di Bruscolotti e di Volpecina! Già è tanto che ci sia quella di Massimo Mauro
  3. Leevancleef

    Lazio - Juventus 3-1, commenti post partita

    Su Luis Alberto sfondi una porta aperta, mi piace tantissimo da anni e sempre da anni è una mia scelta fissa al fantacalcio Ronaldo è un discorso a parte. Io non credo che abbia patito più di tutti questo modo di giocare. O magari non più di altri. Se consideriamo che ha fatto 8 gol, che tre gli sono stati annullati per fuorigioco "di alluci" addirittura dopo aver esultato, che per più di un mese ha avuto un problema che non lo ha fatto allenare a dovere, ma che a San Siro, per esempio, oltre al gol annullato (quella volta per l'alluce di Dybala!) si era bevuto tutta la difesa interista prendendo una traversa che ancora trema (e al Wanda aveva fatto prendere una strizza a tutti bevendosi quella dell'Atletico)... allora scopriamo che a quest'ora potrebbe avere benissimo un ruolino da 11/12 gol in campionato. L'importante è che ritrovi la forma, e i segnali sono incoraggianti. Purtroppo se già a volte siamo disequilibrati con questo assetto (cioè senza le tre punte "forti") viene facile pensare che metterne una in più per togliere un equilibratore come Bernardeschi ci esporrebbe maggiormente. Ancora non siamo pronti, forse, per schierarli tutti e tre, anche se è il mio sogno giocare con tutti e tre fissi (ma anche i pochi ricambi, a quel punto, diventerebbero un fattore di rischio). Mandzukic credo che fosse un discorso sia tecnico che di bilancio. Se poi trovassero una soluzione... ben venga! Il trequartista inteso in senso classico è un ruolo specifico, ma tu quella posizione puoi interpretarla come ti pare. Ci abbiamo visto Perrotta, Nainggolan, Pereyra... e chi più ne ha più ne metta, giocare in quella posizione. Se stesse bene Ramsey, cioè a pieni giri, giocherebbe lui (così come se stesse bene Douglas). Ma dovendo trovare un'alternativa... ecco che propendi per una soluzione di quantità, di schermo (come ho già detto... ricordiamo il lavoro su Brozovic a San Siro), che di tanto in tanto magari possa tirarti fuori la giocata di qualità (e in un annata non sufficiente a livello propositivo, c'è da dire anche che nemmeno gli gira bene: palo a Lecce dopo aver scartato il portiere con un grande aggancio, palo con l'Atletico, ieri scarta il portiere e serve un assist perfetto a CR7 salvato da Strakosha sulla linea...). Per ora dobbiamo prendere e sfruttare quello che abbiamo (e possibilmente criticando ma non insultando gente che indossa la nostra maglia, perchè così facciamo solo il gioco dei prescritti).
  4. Leevancleef

    Lazio - Juventus 3-1, commenti post partita

    Banchettato senza costrutto? Siamo andati a casa della squadra più in forma del campionato, quella con le migliori medie assolute casalinghe, miglior attacco e miglior difesa, capocannoniere e miglior uomo assist, per tutti era una partita tostissima, nella quale la sconfitta poteva essere dietro l'angolo vista la Juve col Sassuolo. Noi andiamo a Roma, li chiudiamo lì (che già non è una cosa scontata) e dopo che abbiamo banchettato nella loro metà campo, passiamo in vantaggio, sfioriamo il 2-0, prendiamo gol al primo tiro nello specchio al 45°, sfioriamo il l'1-2 prima dell'espulsione di Cuadrado... ed abbiamo "banchettato senza costrutto"? E allora loro cos'hanno fatto fino all'espulsione di Cuadrado? Lo zero assoluto? Ma magari avessimo banchettato sempre così da dopo l'Inter! Persino i critici hanno ammesso che in 11vs11 la Juve ha fatto un'ottima partita. Lo scorso anno venimmo dominati salvo risolverla fortunosamente alla fine. Quest'anno in parità numerica potevamo benissimo stare 1-2. Sorvoliamo poi sul fatto che io non ho parlato dell'andamento della squadra post-Inter, nè tantomeno ho accennato al fatto che fossi soddisfatto (è stato un lento scemare di prove a livello di gioco), quindi se devi buttarla in corner ti pregherei di non attribuirmi concetti che non ho espresso. Io ho parlato della partita di ieri, e in una lingua abbastanza comprensibile
  5. Leevancleef

    Lazio - Juventus 3-1, commenti post partita

    Assolutamente. E' verissimo. E' chiaro che sulla carta noi contiamo un maggior numero di effettivi, ma poi c'è sempre il resoconto del campo, e se di quegli effettivi la metà è a mezzo servizio mentre altri (faccio un nome: il Napoli) ha una bassa incidenza di infortuni, allora le cose si riequilibrano. Così come andrebbe rivisto anche il concetto di rose super. O quantomeno non andrebbe esasperato. Voglio dire... non è che nelle altre squadre non si trovino reparti ottimi o ottimi giocatori, o nella nostra siano tutti fenomeni. Quando noi comprammo De Sciglio questi era un giocatore reietto dal Milan, che per le premesse con le quali arrivò ha fatto anche il suo in questi due anni. Bentancur era un giovane sconosciuto, ma di belle speranze e niente più, non è che siamo andati a comprare Fabian Ruiz, giocatore già più affermato, per dire. Così come non è che le altre squadre in questi anni non abbiano speso soldi. Solo che li hanno spesi malissimo. Vabbè, il discorso è lungo, mi sono fatto prendere la mano Cmq sì, quello degli infortuni è un fattore che va considerato nei vari "moriremo tutti" che si leggono in giro da anni ormai...
  6. Leevancleef

    Lazio - Juventus 3-1, commenti post partita

    Padronissimo, certo. Ma io non condivido le tue contestazioni, che anche per me mistificano abbastanza la realtà, e ti spiego perchè. La Lazio non ha continuato a giocare "anche" dopo aver preso il gol, ha iniziato a giocare appena Bentancur si è infortunato. Prima avevamo giocato solo noi (difatti gli unici tiri nello specchio erano i nostri, loro fanno il primo, che resterà l'unico fino all'espulsione di Cuadrado, al 45°, cioè il gol). Da quando Rodrigo si infortuna a quando esce passano quasi 10 minuti. Come ho scritto nel post, già in quei 10 minuti avevamo diminuito il pressing, per ovvi motivi, ma cmq non avevamo subito assolutamente nulla (abbiamo iniziato a subire negli ultimi 7/8 minuti del 1°t, non tiri, solo una pressione maggiore rispetto a prima frutto soprattutto di nostri errori in uscita tra Emre Can e Cuadrado). Nel secondo tempo le squadre sono entrate in campo in modo più equilibrato, ma tu dici che la Juve non andava oltre il centrocampo? Perchè la Lazio? Se c'era una squadra che ha avuto un'occasione per raddoppiare, prima dell'espulsione di Cuadrado, siamo stati noi. Errore di Strakosha... beh, amen, quelle del 1°t erano state tutte costruite, potrà capitare anche a noi di sfruttare gli errori altrui o valgono solo quando li regaliamo al Sassuolo? Di fatto la Lazio era rimasta ancora a quel tiro di fine 1°t. Dopodichè c'è l'espulsione, lì ho scritto che cambia la partita. Quindi scrivere "nessuna azione creata nel resto del secondo tempo" senza considerare l'uomo in meno, e sminuire il fatto che in 11vs11 le avessimo avute quasi tutte noi, mi sembra curioso. Berna in ripresa non l'ho visto solo io, è stato sottolineato anche in telecronaca e da vari giornalisti e tifosi. E' sua l'azione in cui scartando il portiere offre a Cristiano la palla del 2-0, di testa, che Strakosha salva sulla linea. Qualche altro centimetro e aveva fatto un assist clamoroso per il tipo di giocata. Sul calcio d'angolo in quell'occasione non si può quasi mai dare colpe eccessive a chi lo batte, a meno che non faccia un errore clamoroso. Lì c'è stato un'incomprensione sulle consegne da mantenere per l'uomo da lasciare al limite dell'area (doveva essere Dybala), seno tutti quelli che sbagliano un corner (e se ne sbagliano diversi a partita) andrebbero crocefissi! Un corner lo puoi sbagliare, ma non devi prendere contropiede. Per il reso sulle sue partite precedenti mi sono espresso già in passato, è stato il peggiore di questo inizio anno, sebbene si sia molto sottovalutato il suo lavoro di quantità (basti pensare a come annullò Brozovic a San Siro). Proprio per questo ho scritto "in ripresa". A momenti fa l'assist del 2-0! La Lazio in Europa League sta facendo giocare le seconde linee, non scherziamo! Non è la Lazio titolare. Ma poi non è che esagero io, parlano i dati, e i dati dicono quanto ho scritto: 6 (ora 7) vittorie consecutive, miglior attacco e miglior difesa casalinghe. Il capocannoniere del torneo, il re degli assist d'Europa. Direi che i numeri parlano chiaro. Era una delle partite più toste che avremo in questo campionato. Szczesny è stato il migliore dal momento in cui siamo rimasti in 10. Fino ad allora nemmeno una parata, solo un paio di uscite. Da quel momento in poi i miracoli. Ma eravamo in 10, appunto. E per me ha una valenza diversa, perchè con uno in meno è diverso che a parità numerica, senò deciderebbero di giocarci tutti in 10vs11 e risparmiare uno stipendio. Sinceramente è poco più di un mese che c'è la fase di down. Due mesi fa giocavamo Inter-Juve. Poi abbiamo giocato altre partite vincendo di misura, ma dominando sul piano delle occasioni (persino a Lecce, mangiandoci l'impossibile e subendo il pari su un rigore inesistente). Ci sta la sconfitta e per questo temevo molto questa partita, ma in 11vs11 non sembravamo AFFATTO la squadra dell'ultimo mese, tanto è vero che è stata opinione riconosciuta da tutti i critici (non la mia) che in parità numerica è stata una delle migliori prove stagionali. Sarri non è che si sia intestardito a giocare col trequartista, è che si sono rotti prima Costa e poi Danilo, e ha dovuto arretrare Cuadrado rimanendo senza esterni alti (perchè se devo giocare con Bernardeschi esterno meglio sfruttare Dybala nel suo ruolo, che nel 433 non avrebbe). Quando tornerà Costa ne riparleremo. Gli acquisti di quest'estate sono rotti, non è che "non li vuole" far giocare. Ramsey era pensato per giocare al posto di Berna, ma si infortuna di continuo perchè è reduce da un crociato (quando già era stato acquistato). Rabiot non giocava da gennaio e le volte che lo ha messo ha deluso, deve crescere. Ha recuperato Dybala, che non mi sembra un trentacinquenne. come non lo è De Ligt, Pjanic, Bentancur, Alex Sandro, Szczesny... Io non so come si evolverà la situazione. I margini di miglioramento ci sono tutti, e mi basta che si analizzi la situazione per quello che è attualmente, facendo anche un raffronto con gli anni scorsi, coi quali siamo totalmente in linea in quanto a punti in campionato, e abbiamo fatto meglio in Europa.
  7. Leevancleef

    Lazio - Juventus 3-1, commenti post partita

    Beh, se si riprende ben venga, anche se sia Emre che Benta sono più abituati a giocare come mezzali destre. Tanto è vero che col Sassuolo Can si vedeva che era chiaramente adattato (troppo adattato). Per me è da recuperare a prescindere (e deve essere bravo anche lui), perchè uno in più, cmq la si pensi, ci serve come il pane, non possiamo rinunciare a nessuno.
  8. Leevancleef

    Lazio - Juventus 3-1, commenti post partita

    Grazie per avermelo chiesto. Devo dirti la verità, una delle mie paure di quest'estate su Sarri era proprio una cosa che gli contestavo ai tempi di Napoli (pur apprezzandone il lavoro già allora, così come apprezzavo quello di Allegri), ovvero la poca elasticità. Devo dire che già in parte al Chelsea (che non ho seguito sempre), ma già da dopo le prime giornate con noi (nelle primissime cambiò solo un uomo per provare ad "installare" un software di base alla squadra) alcune scelte mi hanno rincuorato. Non mi sembra uno monocratico o non disposto a cambiare idea. Anche a Napoli, in realtà, partì col trequartista per poi cambiare senza problemi quando vide che non funzionava. Qui ha fatto l'opposto. Il fatto è che a Napoli aveva esterni da poter mettere anche in panchina (Mertens, inizialmente), qui da noi uno dei giocatori cardine gli si è rotto da subito (Douglas Costa), e a parte una parentesi con Cuadrado alto, subito dopo si è rotto Danilo. E allora qualcosa ti devi inventare, perchè di fatto sei rimasto senza esterni, dato che Cuadrado lo arretri e l'unico che ti rimane è Bernardeschi. A quel punto però scatta una comparazione: mi dà più un Bernardeschi esterno o un Dybala nel suo ruolo, una volta che devo rinunciare ad un fenomeno come Costa? Credo che non ci siano dubbi che Dybala andasse sfruttato di più (e meno male), da qui la soluzione trequartista, pensata inizialmente per Ramsey, ma che con i problemi del gallese ci ha lasciati in un limbo in cui poter sfruuttare Berna più come trequartista di quantità che di qualità (anche se non è che uno si dimentichi come si tira o come si faccia un passaggio... anche Federico ci ha messo del suo con un inizio pessimo. Credo che il ragionamento possa essere stato questo.
  9. Leevancleef

    Lazio - Juventus 3-1, commenti post partita

    Ci mancherebbe che non ti possa permettere. Su Mandzukic il veto è stato posto a monte, la questione tecnica andava di pari passo con l'idea della società. Su Khedira/Can ti dico subito. Innanzitutto non sono 20 giorni, ma un mese e mezzo di preparazione (la lista è stata consegnata pochi giorni dopo la chiusura del mercato, che è finito il 2 settembre... considerando che il raduno è avvenuto intorno al 10 luglio (non ricordo con precisione, ma siamo lì...). Poi io credo che Sarri, una volta accortosi delle difficoltà nel fare esattamente quello che avrebbe voluto lui, ha badato al sodo scegliendo il giocatore più tattico che abbiamo, quello che, data la poca propensione dell'attacco a ritornare, dati i problemi difensivi e il dover instaurare nuovi meccanismi, dati i limiti del centrocampo, ti garantiva un certo equilibrio, oltre ad essere quello con più propensione all'inserimento (è il centrocampista con la migliore media gol SU AZIONE in campionato di tutti questi 9 anni, più di Vidal e Pogba). E qui è bene sottolineare una cosa, sulla quale in troppi passano sopra o che danno per poco importante: Khedira tatticamente è un professore! Io capisco che l'equilibrio non sia un concetto misurabile come la velocità, la potenza, ecc, che non risalti all'occhio. Ma bisognerebbe farsi qualche domanda se ogni allenatore non ci vuole rinunciare mai. E parliamo di Ancelotti, Allegri, Sarri, Low, Mourinho... tutta gente con filosofie diverse. E alcuni di questi ci hanno vinto Champions e Coppa del Mondo con Khedira titolare, o ci sono arrivati in finale. Non aveva iniziato affatto male quest'anno. Risaltava molto di più Matuidi perchè, appunto, appariscente, ma lui stava facendo bene. I problemi sono inizati quando dal 433 si è passati a giocare costantemente col trequartista (perchè non essendoci più l'esterno alto a coprire sul terzino avversario è la mezzala che deve allargarsi, e quindi lui fa un lavoro in più che non gli è congeniale), ma soprattutto col riacutizzarsi dei fastidi fisici, che hanno portato poi alla scelta netta di intervenire. Can non lo vedo così simile a Bentancur. Bentancur è più tecnico (ieri fa un numero sulla fascia che sembrava Dybala), Can è più assalitore, ma se in un mese e mezzo una scelta la dovevi fare... eh, ha fatto quella (di certo non mette subito Ramsey e Rabiot fuori lista). Io spero che ritrovi la giusta strada, perchè a me il giocatore piace. Ma in queste uscite è stato gravemente insufficiente.
  10. Leevancleef

    Lazio - Juventus 3-1, commenti post partita

    Grazie mille a tutti voi, è un piacere provare a ragionare passando sopra le incazzature se c'è qualcuno che ha la pazienza di leggere e la gentilezza di apprezzare Grazie anche te Fortunatamente pare che per Benta non sia così grave, perchè in caso contrario la cosa iniziava a farsi parecchio pesante.
  11. Leevancleef

    Lazio - Juventus 3-1, commenti post partita

    Ah beh, con cotanti argomenti potrei rispondere "specchio riflesso" e moriremo tutti. Di involuzione dell'ultimo mese ne ho parlato ampiamente da un mese a questa parte. Ho descritto la partita di ieri, e sorrido quando uno scrive "attaccandosi a quelle due o tre azioni del primo tempo", visto che abbiamo banchettato nella loro metà campo e loro ci hanno fatto il primo tiro nello specchio al 45°. Per il resto mi sembra che si parli per preconcetti, senza entrare nel merito. Io ho provato ad entrare nel merito, e mi sembra che siano in parecchi ad averlo capito. Tu no, pazienza
  12. Leevancleef

    Lazio - Juventus 3-1, commenti post partita

    Grazie per la condivisone. In merito alle tue considerazioni, certo, fare considerazioni ragionate e propense al dialogo, con toni civili, non tange nulla sull'amare o meno la Juve. Per quanto mi riguarda proverò a risponderti. Abbiamo una rosa sovraffollata, qualcuno per far quadrare il bilancio doveva e deve essere ceduto. Si erano scelti in un primo momento Matuidi e Khedira, su cui Sarri (e viene da dire per fortuna) ha poi messo il veto, perchè in un'estate in cui cambia la guida tecnica (con una filosofia opposta) alcuni passaggi possono essere un po' più lunghi (specie se il tecnico lo hanno liberato tardi e ha poi avuto anche problemi di salute). Mandzukic faceva parte di quel gruppo di giocatori, non rientrando per caratteristiche nel tipico gioco sarriano, avendo manifestato già nella seconda parte dello scorso anno una pesante flessione, e avendo un'età su cui non è possibile "investire" oltre (visto che abbiamo già giocatori di quell'età nel reparto, e rischieremmo di trovarci di colpo senza più nessuno, un domani). Emre Can è stata una scelta tecnica. Non avendo dimostrato quest'estate di aver interiorizzato certi meccanismi (e direi che si vede) e in virtù dell'ampio numero di centrocampisti, si è scelto di togliere lui. Appena comprati non potevi certo mettere fuori lista Rabiot o Ramsey. Quest'ultimo non è stato acquistato già fallato. E' sempre stato uno che ha sofferto di "intermezzi" a livello di infortunio, ma quello grosso, il crociato, che in pratica gli ha rovinato e gli sta rovinando la ripresa, lo ha subìto quando era già stato preso, nel corso di Napoli-Arsenal. Rabiot non era fallato, semplicemente era rimasto fermo. Ma sia uno come Ramsey (che chi ha visto giocare in Premier sa quanto vale) che uno come Rabiot (che a me non fa impazzire, ma che era voluto da tutti i grandi club e un domani lo rivendi quando vuoi facendoci plusvalenza) a ZERO li riprenderei anche oggi. A ZERO eh... avendo comprato Cristiano Ronaldo non è che è sempre festa e puoi spendere decine di milioni in ogni ruolo. Sui centrali difensivi sinceramente non costruirei chissà quali castelli. Premesso che quando sono stati chiamati in causa non hanno fatto benissimo, ma l'obiettivo in questi primi mesi era cambiare totalmente l'atteggiamento difensivo instaurando delle certezze, e farlo con Bonucci e Chiellini per inserire a poco a poco De Ligt. Fare troppo turnover come gli anni scorsi voleva dire confondere ancora di più la squadra. Poi Chiellini ti si rompe subito... va considerato come un fattore o no? Immaginiamoci le stagioni scorse senza Chiellini (quando cmq avevamo anche Benatia al posto di De Ligt come "terzo" centrale) e traiamo le conclusioni. E' più giusto considerarla una scusante o sparare a zero? Per me è una scusante grossa come una casa, perchè un conto è una squadra con Chiellini (o con Sergio Ramos) un conto una senza. In tutto ciò Bonucci ha fatto molto bene tranne qualche partita, e De Ligt uguale, perchè per me ha dato ampie dimostrazioni di forza, ma per troppo tempo si è ricamato sui tocchi di mano casuali facendone un tema "tecnico" (quando le prestazioni erano buone). Senza aver potuto usufruire del più forte difensore italiano, del tuo capitano, del leader massimo in campo, cioè de primo referente tra allenatore e squadra, fino a due partite fa avevi conseguito la migliore partenza di sempre tra campionato e Champions. A me è la gara col Sassuolo che ha fatto incazzare davvero per la prima volta quest'anno, non una sconfitta come quella di ieri.
  13. Leevancleef

    Lazio - Juventus 3-1, commenti post partita

    Data una dimostrazione di forza in una serata infausta! Arriva a dicembre la prima sconfitta stagionale dell'unica squadra ancora imbattuta in Europa (rileggere e memorizzare). Si perde a casa della squadra più in forma del campionato dopo averla dominata per larghi tratti, dovendo fare a meno anche del nostro miglior centrocampista (in quel momento il migliore in campo) per l'ennesimo infortunio. Fino a quando, dal possibile 1-2 (con Dybala che non la passa a CR7), va in scena la fiera degli episodi tra rossi dati e rossi negati! Restiamo in 10 e andiamo sotto. Grazie a Szczesny resistiamo anche ad un rigore viziato da fallo su Pjanic ad inizio azione, inspiegabilmente confermato dal var. Ci proviamo fino alla fine, com'è giusto che sia, ovviamente rischiando, ma non va. E alla fine prendiamo il terzo a campo aperto. Paradossalmente buoni segnali in una gara persa (nel gioco e nei singoli, con Ronaldo buono e Berna in ripresa). Ma prima o poi doveva arrivare una sconfitta. Ci sta. Ora si tratta di metabolizzarla e ripartire ancora più cattivi! Se vogliamo iniziare (come già si è iniziato) con il lamento delle sirene che va avanti da ANNI… prego: facciamo pure! Tanto una volta era colpa di Marotta, oggi di Paratici e Nedved, ieri di Allegri, oggi di Sarri, e a turno, ieri e oggi, dei vari giocatori che stanno antipatici. Robe difronte alle quali veramente sembra di trovarsi in una classe di asilo. Se però nel farlo si vuole analizzare la partita, capire CONTRO CHI abbiamo giocato (a casa della squadra più in palla della Serie A, che in casa deteneva sia il miglior attacco che la miglior difesa), COME abbiamo giocato (cioè, per il 70% del tempo in cui siamo rimasti 11vs11, banchettando nella loro metà campo, subendo il primo tiro nello specchio al 45°), e IN CHE MODO la partita è cambiata (frutto di un misto di episodi arbitrali tutti contrari e scelte scellerate di alcuni singoli), allora si abbia il buon gusto (se non il buon senso) di lasciare da parte i propri preconcetti, le proprie fazioncine, i propri stereotipi ricchi di contraddizioni, e non sputare addosso a Tizio e Caio tanto per farlo. Criticando ovviamente, ma ragionando di calcio. La Juve ha giocato fino all’espulsione di Cuadrado una delle migliori partite stagionali. Io temevo questa partita, molto incazzato e deluso dall’atteggiamento contro il Sassuolo, e più di tutto (specialmente dopo il pareggio dell’inter di ieri) avrei voluto vedere un approccio e una gestione della partita diversa rispetto a domenica scorsa. L’ho vista, al di là del risultato. E per l’ennesima volta contro una “grande” o nelle sfide che contano (Atletico, Napoli, Bayer, Inter, di nuovo Atletico nel 1°t, Lazio). Difesa altissima, pressing nella metà campo avversaria, riconquista palla puntuale ad ogni loro uscita, fraseggi continui, RAPIDI, e fatti nella maniera GIUSTA (palla avanti palla dietro), e così via. Se poi ci metti un Ronaldo che sembra proseguire nel suo ritrovamento della forma (lo avevo già visto in ripresa con il Sassuolo) allora ecco un gol del vantaggio che esce dopo un’azione bellissima, finalizzata da un triangolo fra i migliori in campo: Cristiano e Bentancur. Bentancur che alcuni qui definivano “Pippancur”, prigionieri delle loro battaglie di cui sopra. Bentancur che ad un certo punto fa un numero pazzesco sulla fascia. Bentancur che si infortuna, perché la sfiga con noi ci vede davvero benissimo, ed è costretto ad uscire al 37°. Già dal momento in cui “zoppicava” si era notato che la Juve aveva un po’ attutito quella pressione continua che aveva prodotto diverse occasioni, al punto che anche un giocatore come Bernardeschi appariva in partita facendo le scelte giuste (finalmente) a livello offensivo (culminate nella bella giocata per l’assist a Cristiano, il cui colpo di testa è salvato sulla linea da Strakosha). Entra Emre Can, e non entrerà bene, se non per l’unica palla degna di nota della sua partita (quella appunto che libererà Bernardeschi nell’azione appena descritta). Da lì iniziano cinque minuti finali pieni di imprecisioni in uscita ad opera dello stesso Emre Can e di Cuadrado. Dalla sintesi di queste ultime nasce l’angolo da cui subiamo il pareggio all’ultimo minuto, al primo tiro preso nello specchio! Non perfetti Bonucci e Alex Sandro nella fattispecie. La difesa aveva le giuste posizioni, ma un po’ la palla perfetta e millimetrica di Luis Alberto, un po’ una comunione di disattenzioni, e arriva il pareggio nel momento peggiore, prima di andare negli spogliatoi. Bella partita comunque. Inizia il secondo tempo all’insegna dell’equilibrio, sebbene sia un equilibrio non statico, perché spesso si vedono folate da una parte e dall’altra. Ma l’unica occasione ce l’abbiamo ancora noi, ed è GIGANTESCA! Su errore di Strakosha, Dybala recupera palla e invece di darla a Cristiano, SOLO in mezzo all’area, decide di tirare con lo specchio della porta mezzo coperto. Strakosha para, e ti scorre un brivido sulla schiena pensando al famoso detto “gol mangiato…”. Ma il modo in cui si rovina la partita è kafkiano. Dopo che Fabbri aveva risparmiato un rosso a Luiz Felipe (nemmeno fischiato il fallo)... ecco che da un nostro corner un mancato rispetto delle consegne tra Dybala e Bernardeschi innesca un contropiede che si conclude con fallo di Cuadrado da ultimo uomo, ma ad una quarantina di metri dalla porta. Cuadrado che forse poteva temporeggiare (e che da dopo l’ultima sosta delle Nazionali vive un momento di down), ma io ricordo benissimo che un episodio simile in questa stagione venne valutato non da rosso (ma non ricordo la gara, se qualcuno la rammenta me la segnali, grazie). Sliding door. Una gara tosta, interpretata benissimo, rovinata sul più bello, appena dopo aver fallito l’1-2! E andiamo un po’ nel pallone. Per carità, bisognerebbe mantenere una certa solidità anche in 10, ma contro questa Lazio a casa sua (e che meritava di vincere a San Siro con l’Inter ad inizio anno, quando i risultati non le entravano) non è la cosa più semplice del mondo. Specie se poi a confezionare il gol del 2-0 arriva un’altra giocata PERFETTA, ancor più di quella del primo gol, ovvero un lancio stupendo di Luis Alberto e un inserimento, stop, e tiro, da fenomeno di Milinkovic-Savic. Chapeau! De Ligt forse non perfetto nella circostanza, anche se c’è chi si perde il taglio iniziale di Milinkovic. Ma giocata grandiosa. A quel punto è un Everest. La Lazio è la squadra che attacca meglio la profondità in Italia, la migliore a giocare di ripartenza. E infatti noi abbiamo il merito di provarci, ma aprendoci mortalmente ai loro contropiedi. Da uno di questi arriva un rigore, giusto, ma viziato da fallo su Pjanic al limite della loro area ad inizio azione che gli permette la riconquista della sfera. Né menzionato in telecronaca da un Pardo che non vedeva l’ora di commentare una serata del genere, né da Fabbri, né (credo) rivisto dal var che stasera dormiva. Szczesny, quasi inoperoso per oltre un’ora, nell’ultima parte decide di prendere 8 in pagella con alcuni interventi strepitosi, e para un “doppio rigore” ad Immobile, regalandoci gli ultimi minuti di forcing. Anche qui… un tempo a parti invertite si sarebbe detto “non puoi lasciarli giocare a casa tua con un uomo in più” (perché noi è questo che abbiamo provato a fare), ma la serata delle scelte dei singoli scellerate si conclude con un paio di soluzioni di Danilo totalmente incomprensibili (un tiro dalla distanza con l’area piena di nostri giocatori e un cross sbilenco dalla trequarti, entrambi finiti in Curva Nord). E nell’estremo atto di generosità becchiamo il terzo a campo apertissimo. Se ho descritto qualcosa che non torna fatemelo presente. Ma se la partita è stata questa, al di là della delusione a caldo per la prima sconfitta stagionale (la prima sconfitta stagionale!) a dicembre, allora serve dire con onestà che Sarri l’aveva preparata benissimo, che la Juve aveva giocato benissimo, che meritava di chiudere il 1°t almeno 1-0 (se non 2-0), che avrebbe potuto ripassare in vantaggio nel 2°t, e che l’espulsione ha cambiato totalmente la partita. Se questi sono motivi per urlare di tutto contro Sarri, contro Paratici e Nedved (meno male che ci sono gli esuberi, senò tra poco dovevo giocare io), contro chiunque, allora forse sono io che interpreto le partite in un modo sbagliato. Siamo in linea coi punteggi degli scorsi anni, siamo addirittura oltre per quanto riguarda la Champions: è l'andamento da record storico dell’inter l’anomalia (ed è vero, è il loro record storico di punti). Ed è un'anomalia che fa perddere la brocca a molti, esattamente come la faceva perdere il testa a testa con Sarri di due anni fa. Per contro si può dire che pesano i punti persi col Sassuolo (con quelli saremmo primi) e che quelli persi a Lecce sono stati certificati come “rubati” (come piace "definirli" ai nostri haters) grazie ad un rigore che non doveva essere assegnato (e a tante occasioni nostre non concretizzate). E’ una lotta punto a punto, ma restiamo lì ad una partita di distanza. Vanno evidenziate però due cose su tutte. Questa squadra a volte pecca di concentrazione in alcuni singoli (può essere il Pjanic che gioca in modo altalenante, Emre Can o l’ultimo Cuadrado che regalano palloni agli avversari, o alcune altre disattenzioni varie come quelle sui corner a nostro favore, o la scelta dell’ultima giocata, ecc), che meritano un cambio di rotta da parte dei singoli stessi e strigliate più convincenti da parte del mister. Ed io, sul tema “strigliate”, mi soffermerei, perchè è più di questo aspetto, cioè il saper tenere tutti sulla corda, che a volte mi preoccupo, specie in assenza di un leader caratteriale e tecnico in campo come Chiellini (che non è un’assenza da poco), quando dall’altra parte Conte, che spesso fatica pure lui a portarle a casa persino contro la Spal o l’Udinese, nel saper dare stimoli è un maestro, e si ritrova in squadra “un Chiellini” in Godin (e questa cose contano). A volte non si deve focalizzare tutto solo sul campo e sulla tattica, bisogna anche iniziare a stimolare la squadra facendole capire che si sta facendo la lotta con quelli là. L’altro aspetto è che è necessario concretizzare di più quanto si crea anche dopo essere andati in vantaggio. E saperlo mantenere il vantaggio! Al di là degli errori tecnici che possono capitare nell’una e nell’altra fase, serve essere ben mentalizzati su questo, VOLER concretizzare (quindi essere cattivi sotto porta, non provare sempre sto cacchio di tiro a giro per i fotografi), VOLER non subire, come se ci si stesse giocando la vita (invece di regalare letteralmente assist per i gol degli avversari). Se si abbassa un minimo la guardia, allora si corrono pericoli seri. Detto ciò, contro le grandi le prove a livello di gioco sono state tutte buone o ottime, e i margini sarebbero tanti. Dico “sarebbero” perché lo stato di forma e gli infortuni ci impediscono di fare voli pindarici. Avevamo trovato in Bentancur un interprete perfetto per il ruolo di mezzala al posto di Khedira. Se il suo infortunio sarà grave, aggiungendosi a quelli di Chiellini di Douglas Costa, di Ramsey, alla forma misteriosa di Rabiot, ecc, bisognerà sempre rincorrere un assetto ideale all’interno di un percorso di rinnovamento che già di per sé ha i suoi ostacoli (Guardiola al primo anno di City agguantò il quarto posto valido per la Champions all’ultima giornata come uno Spalletti qualsiasi, e parliamo di Guardiola e della squadra che ha speso di più al mondo). Però una cosa… siccome abbiamo già fin troppi nemici, siccome abbiamo quelli lì come nostra peggiore rivale (con alla guida e in dirigenza chi sappiamo), siccome i media e i giornalisti godono nel vederci inciampare… quantomeno freniamoci noi con le shit storm, calmiamoci con lo sputare su tutto e tutti, riflettiamo, prima di lanciarci in intemerate assurde, provando a ripensare ai casi del passato, a fare paragoni, ad essere logici. La Juve ha sin troppi nemici per avere anche noi tra di loro. E certi atteggiamenti (intendo alcuni pubblici, sui social ecc) "arrivano", e ci giocano contro. Chissà se si riuscirà mai a criticare senza essere prigionieri delle proprie religioni, esasperandole. E’ in questi momenti che dobbiamo "scendere in campo" pure noi. Sempre se si è tifosi.
  14. Szczesny 8 Cuadrado 4,5 Bonucci 5,5 De Ligt 5,5 Alex Sandro 5 Bentancur 7,5 Pjanic 5,5 Matuidi 6 Bernardeschi 6 Dybala 5 Ronaldo 7 Can 4,5 Danilo 5 Higuain s.v. All Sarri 5,5 Il Migliore Szczesny
  15. Lukaku (Inter) Ronaldo (Juve) Immobile (Lazio) Joao Pedro ( Cagliari) Ilicic (atalanta)
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.