Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Leevancleef

Coordinatori
  • Content count

    5,748
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    88

Leevancleef last won the day on April 8

Leevancleef had the most liked content!

Community Reputation

17,572 Guru

About Leevancleef

  • Rank
    Capitano

Contatti

  • Twitter
    La Maglia Bianconera (@La_Bianconera)

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Biglietti
    Nessuno

Recent Profile Visitors

22,289 profile views
  1. Con Cuadrado e Costa esterni alti (o Berna al posto di uno dei due) insieme in un 433 secondo me perderemmo quantità di gol nelle gambe. Che poi è tutto da vedere, magari fai il 90% di possesso e 200 tiri in porta. Ma quando si parla di tridente il mio pensiero va sempre a quelli dei migliori Barça e Real degli ultimi anni, in cui ogni singolo giocatore garantiva quasi "per curriculum" 20 gol stagionali. Però è chiaro che stiamo parlando di situazioni ideali e... di troppa grazia! Voglio dire... due anni fa giocammo persino con Alex Sandro Berna Costa nel tridente per i troppi infortuni (un derby mi pare), quindi Cuadrado/Costa è cmq una soluzione. Delle altre opzioni mi intriga troppo vedere prima o poi Ramsey come mezzala, ma forse serve ancora rafforzare le fondamenta. Il 4231, a cui accennavo anche nel pezzo, "magara"! Ma servirebbe un equilibrio pazzesco. Cioè... o giocare talmente avanti nella riconquista della palla da estremizzare qualsiasi concetto di gegenpressing, o i due esterni alti (Ronaldo e Costa?) il lavoro nelle due fasi che garantivano qualche anno fa Mandzukic e Cuadrado difficilmente lo faranno, e rischieremmo di spezzare la squadra in due. Però dai due di cc non togliermi Pjanic!
  2. Dalle parole di Sarri si presume tocchi a Don Rodrigo. Sinceramente neanche ricordo se mi sia capitato in passato di vedere partite di Rabiot da regista di un cc a 3, ma è cmq uno dei ruoli che ha ricoperto. In teoria i piedi li avrebbe, anche se vorrei giudicarlo meglio sul "passaggio lungo", ma vedendo le palle che ha perso finora da mezzala (con le ovvie scusanti della forma, che però non possono durare in eterno)... se le stesse le perdesse da regista ci ritroveremmo gli avversari in porta! Già a volte quando capita a Pjanic vorrei spaccare il televisore... non vorrei correre il rischio di spaccare casa! C'è da dire che quest'anno Bentancur in quel ruolo da titolare ha deluso (ma mi sembra fosse la partita col Verona, giocata male da tutta la squadra), mentre quando è subentrato a Pjanic ha fatto bene, persino meglio del Miralem pre-Brescia. Ma è da mezzala che secondo me potremmo scoprire un Bentancur "sarriano". Il modo in cui ha praticamente costruito il gol di Higuain a San Siro, dando palla a Pjanic partendo da mezzala e tagliando al centro per poi andare a fare il rifinitore... beh, denota grande intelligenza tattica.
  3. Ora mi è più chiaro, ma personalmente penso che anche i singoli abbiano ancora ampi margini, non credo abbiano raggiunto il massimo. Forse stanno "dando" il massimo, quello sì, ed è un piacere vedere questa disponibilità, come dicevo nel post precedente. Ma credo possano fare ancora meglio. Mi aspetto più discese sul fondo (con relativi assist) da parte dei terzini, più inserimenti e qualità da parte delle mezzali, più freddezza sotto porta dagli attaccanti, ancora più tranquillità nelle uscite difensive, meno leggerezze di Pjanic e Bonucci su alcune palle troppo leggere, più attenzione sulle palle da fermo, persino un po' più di "presenza" nelle uscite da parte del portiere, ecc... 😉
  4. Grazie a te! Io credo che prossimamente sentiremo diverse lodi da parte di Sarri verso i nostri giocatori per la disponibilità che stanno mostrando. Ed è uno degli aspetti che mi piace di più. Noi tutti possiamo aver paura di mille cose prima che inizi una nuova avventura, ma è come se gli insegnamenti di serietà e umiltà che questo club trasmette ai proprio giocatori fungano da garanzia. Della serie "tranquilli, chiunque dovesse arrivare noi prendiamo le cose seriamente perché sappiamo dove ci troviamo". Serve una grande società, un grande capitano, ma anche che più giocatori trasmettano questi valori. E tra questi c'è sicuramente Khedira, mai lodato abbastanza, e che zitto zitto è arrivato al suo quinto anno di Juve. L'unica cosa che gli rimprovero è di non parlare in italiano nelle interviste, lui che volle fare il primo saluto in italiano il giorno della sua presentazione. Sui suoi meriti tattici non mi ripeto, l'ho già fatto nel pezzo.
  5. Grazie , vale lo stesso anche per me, riesci ad essere sempre molto misurato e quadrato nei tuoi post, è un piacere leggerti. Concordo che i margini non solo "siano", ma "debbano" essere ancora ampi.
  6. Leevancleef

    Podio dei gol più belli della nostra storia

    Sinceramente c'ho provato e non riesco... sono troppi i gol straordinari della nostra storia per ridurli ad un podio. In generale quando mi è stato chiesto il più bello ho risposto sempre con un "simbolo", ovvero quello di Platini annullato a Tokyo, per tutti i significati che stanno dietro a quel gol (il fatto che l'abbia fatto Platini, il fatto che sia stato annullato a noi nonostante i deliri dei senza neuroni, il fatto che fosse stato fatto durante un'Intercontinentale, cioè un Mondiale per club antelitteram, davanti a tutto il mondo, il fatto che gli abbia fatto seguito quella reazione stupenda e densa di significato... ecc). Da Sívori a CR7 ne abbiamo visto, dal vivo o in video, di ogni tipo. Senza contare che esistono gol stupendi anche da parte di giocatori meno celebrati. Non riesco... passo la palla a voi
  7. Sicuro che siamo arrivati al "massimo"? Io spero di no, per quanto sia soddisfatto della strada intrapresa. Uso il post di @UomoDiCheb per sintetizzare quanto ancora si possa crescere... -> LINK
  8. Cioè... I singoli vengono citati persino nel titolo e tu chiedi del "perchè lo spartito, contano i singoli"? Non sorprende allora che tu sia L'UNICO a non aver capito il topic, visto quanto scrivi. Innanzitutto non si capisce cosa c'entri che da quando esiste il calcio ci siano state milioni di squadre ognuna col suo spartito. Grazie per la "preziosa" informazione, ma questo essendo un forum della Juve analizza lo spartito della Juve, quando decideremo di fare un approfondimento su quello dell'Herta Berlino lo chiameremo "vecchiasignoren". Successivamente non è corretta l'affermazione "chi decide sono sempre i singoli, non lo spartito". È una contraddizione storica. Se così fosse non esisterebbero casi in cui rose di giocatori meno forti battono rose di giocatori più forti, non sarebbero esistite una marea di vittorie che la storia stessa, appunto, ci racconta. Non c'è una regola precisa, e direi fortunatamente, perchè il calcio è bello per questo. Esistono squadre che si affidano molto ai singoli lasciando loro più libertà, quindi con uno spartito minimo, riuscendo a farle rendere al massimo; ci sono squadre che invece si affidano molto di più ad uno spartito facendolo rendere altrettanto al massimo; ci sono squadre che sposano le due concezioni, singoli e spartito, ecc. Per ognuna poi ci sono quelle che invece rendono al minimo, ecc. Non esistono regole valide sempre, altrimenti tutti giocherebbero allo stesso modo. Lo stesso concetto di "spartito", infatti, prevede innumerevoli declinazioni. Lo spartito non sono gli "schemi" e basta, lo spartito comprende una miriade di situazioni, dal come e dove si difende, al come e dove si pressa, all'interpretazione diversa dei singoli ruoli, al modo di far uscire la squadra dalla difesa, ecc ecc ecc. Altro che "la risposta è la stessa". Ogni allenatore ha un modo diverso di approcciarsi al calcio. Agli stessi 11 giocatori uno Zeman chiederà determinate cose, un Trapattoni ne chiederà altre, un Guardiola altre ancora, un Mourinho altre ancora, Sarri, Conte, Di Francesco, Allegri, Klopp e così via. E quegli 11 giocatori faranno cose diverse in campo. Qui si parla, appunto, dello spartito di Sarri. Inoltre ti è sfuggito chi siano gli strumenti citati nel titolo e nel pezzo: i giocatori! Sono i giocatori che devono interiorizzare i concetti di ogni singola guida tecnica, e quelli di quest'anno sono concetti totalmente diversi rispetto allo scorso anno per bocca dei nostri stessi giocatori, che lo hanno dichiarato in ogni intervista. Questo non significa che siano migliori o peggiori, io ho amato Allegri e ritengo che sia un ottimo allenatore, così come ritengo valido Sarri, perchè mi piace "il calcio" nella sua interezza, ovvero nella sua diversità, nelle sue mille declinazioni. Solo che ogni spartito deve essere interiorizzato per bene affinchè diventi "efficace", e la cosa non è mai scontata, senò basterebbe schioccare le dita. Poi la frase "sono i singoli che devono suonare gli strumenti, non lo spartito", è quasi un salto mortale linguistico. Uno spartito non "suona", uno spartito è "ciò che si deve suonare". Un copione non recita, recitano gli attori seguendo il copione. Altrimenti sarebbe come dire che in un'orchestra ognuno suona per fatti suoi senza seguire uno spartito comune. Premesso che gli strumenti in questione sono appunto i giocatori... i giocatori "suonano" in base a dei nuovi dettami tattici, ovvero suonano seguendo un nuovo spartito rispetto a quello vecchio. Poi... Gli schemi servono "SOLO" per arrivare alla trequarti? "SOLO"? Cioè una banalità? "Na cosetta"? Arrivare sulla trequarti è una cosa importantissima, non è una banalità. Più volte arrivi sulla trequarti, più possibilità hai di comandare il gioco e di fare gol. Tu ripeti la parola "schemi" quando si parla di concetti, di attitudine in campo, di compiti. Quando gli avversari escono palla al piede cambia il mondo se vengono pressati alti o se vengono lasciati impostare. E questo te lo possono dire sia Guardiola che Sarri. Un allenatore, con tutti i suoi insegnamenti, crea le premesse, i presupposti affinché i singoli concludano l'azione, che quindi non si conclude con uno "schemino" . Ma i concetti guidano spesso anche i principi che permettono di andare a concludere l'azione. Guardiola infatti non chiede ai suoi di fare cross alti per un ipotetico Icardi, ma allena la squadra su principi di palla a terra. Così come Sarri chiede altre cose. Chi ha visto l'ora di video dell'allenamento a porte aperte alla Continassa di un paio di settimane fa ha potuto vedere come il gol di Higuain a San Siro nasca da concetti studiati e ripetuti mille volte. Definire "tutta improvvisazione" il calcio di Sarri è francamente imbarazzante. E se non si esce dal fazionismo che attanaglia il tifo non si vedrà mai più lontano della propria siepe.
  9. In quei momenti vorrei essere in campo tanto mi fa salire la rabbia
  10. Grazie! Con Cuadrado titolare a destra, De Sciglio e Danilo possono alternarsi sulle due fasce. Danilo al City giocò prevalentemente a sinistra (da dove arrivava meglio al tiro tra l'altro). Potremmo considerarli uno un terzo titolare (Danilo) e l'altro una riserva (sebbene Sarri lo apprezzi molto).
  11. Grazie Tutto corretto quello che hai scritto... dico solo che io non bramavo dalla voglia di cambiare allenatore (tu, se ho capito bene, sì), Allegri è stato troppo maltrattato da alcuni tifosi che lo ritenevano un incapace (così come Sarri è stato ritenuto altrettanto incapace da altrettanti tifosi). Ma è pur vero che dopo 5 anni gli stimoli vengano a mancare, e se devi cambiare meglio scegliere chi riesce a introdurre qualcosa di diverso. L'importante è che si continui su questa strada.
  12. Ci sei riuscito benissimo allora. Io non avrei cambiato Allegri quando dici tu, sebbene fossi consapevole dei possibili rischi che potevano sorgere dopo quella finale. Credo che il "minus" che si è visto negli ultimi due (vittoriosi) anni fosse dovuto dapprima allo sconquasso del mercato estivo post-Cardiff (addii traumatici di Bonucci e Dani Alves con conseguente perdita di "peso" a livello di costruzione dal basso) e poi alla caterva di infortuni dello scorso anno, che, dopo i primi mesi convincenti (ottimo girone di CL, forse il migliore di Allegri), hanno debilitato la continuità in una squadra che già dipendeva molto dalle qualità dei singoli e cambiava spesso formazione. Ma ciò nonostante, come fu importantissimo Allegri nel post-Conte, allentando le briglie di una squadra tirata all'eccesso e talvolta poco "rilassata", credo che altrettanto lo sia una figura come Sarri nel post Allegri, iniettando in una rosa vincente stimoli e princìpi nuovi e forse più adeguati alle caratteristiche tecniche complessive della squadra, come giustamente hai detto tu. Giustissime le note sull'orientamento posizionale di alcuni giocatori (ci aggiungo anche quelli, forse persino sorprendenti, di Cuadrado in fase difensiva, a cui già accennavo nel pezzo). Così come è pertinente il discorso sulla valutazione della società relativamente alle caratteristiche della squadra. Per ora sta andando bene... ma se continua così qualcuno dovrà chiedere scusa anche a Paratici e Nedved, verso i quali è stato detto di tutto e di più per questa scelta. Non che a me Sarri stesse umanamente simpatico né ne apprezzavo lo stile extra-campo (anche se molto faceva l'ambiente), ma come tecnico non l'ho mai considerato quell'incapace di cui parlavano in tanti (quando partimmo male in campionato dissi, prima ancora del suo exploit, che lo s udetto lo avrebbe vinto il Napoli se non lo avessimo vinto noi... Poi ci pensò Zaza ), ma all'epoca andava di moda la Fiorentina di Paulo Sousa... Avevo solo timore di alcuni difetti (difesa sulle palle da fermo, poco turnover, poca alternativa allo spartito "unico"... Ma sembra che tutti questi limiti li stia correggendo, anche se è ancora presto per dirlo con certezza (e un piccolo tarlo mi rimane...).
  13. Tutto giusto, ma credo che senza trequartista (e con loro tre) Paulo scenderebbe troppo a prendersi palla per mantenere costantemente fede a quel lavoro che dici. Già con DC trequartista sarebbe diverso. Sarei ben felice di essere smentito ovviamente.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.