Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Leevancleef

Coordinatori
  • Content count

    6,034
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    90

Leevancleef last won the day on October 22 2019

Leevancleef had the most liked content!

Community Reputation

18,189 Guru

About Leevancleef

  • Rank
    Capitano

Contatti

  • Twitter
    La Maglia Bianconera (@La_Bianconera)

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Biglietti
    Nessuno

Recent Profile Visitors

23,640 profile views
  1. Tu devi avere pazienza albyvecio, Se non posto va da sé che non ci sono novità ancora certificabili. Non ci sono tempi sicuri, a volte posso essere più preciso altre meno. In questo momento per esempio sono arrivati nuovi dettagli che devo integrare con altri del mese scorso, e capire quanto siano attendibili. Se ne vale la pena si passa ai modelli per nuove proiezioni, e così via. Diciamo che potrebbero anche arrivare entro breve, se attendibili. Vediamo
  2. Hai già ricevuto una prima risposta poco sopra. Diciamo che si va ad ampio raggio, dipende dalla maglia che si ha difronte. Per la maggiorparte (come quelle indicate nelle img di qualche post fa) basta valutarne la qualità. Innanzitutto se la maglia è letteralmente identica ad un'anticipazione, specie se è un'anticipazione autunnale, allora giá ti deve far venire il sospetto che sia falsa. Poi ovviamente il prezzo. Anche dopo qualche mese dall'uscita, se una maglia è venduta a 40€ (o addirittura meno), è un falso (spesso mettono cmq una foto ufficiale per confondere le idee). Figuriamoci se trovi prezzi del genere appena uscita o (ovviamente) prima che esca. Quindi l'analisi dei dettagli. Quantomeno in quelle più posticce sono facilmente sgamabili (lo sponsor, i loghi, le cuciture, l'interno del colletto, ecc). È chiaro che ci sono anche casi in cui la maglia è fatta talmente bene che serve un occhio esperto, o cmq allenato. Il consiglio, innanzitutto, è di diffidare dai venditori asiatici. Ma è pur vero che ormai è pieno di italiani che comprano e rivendono... ma solitamente non vanno mai sopra i 40€, e a quel punto invece che comprare un falso meglio aspettare qualche offerta in sconto dallo store ufficiale nel corso dell'anno, o proprio fine stagione, quando vengono vendute in saldo. Se invece si ha a che fare con un venditore privato che vende un usato, allora oltre alla valutazione dei dettagli è sempre bene scegliere una piattaforma sicura per potersi eventualmente rivalere (eBay solo con protezione PayPal o amazon), e cmq sempre chiedere ulteriori foto al venditore. Nel frattempo... allenare l'occhio è la cosa migliore: guardare, studiarsi le maglie originali, e compararle con quelle che si trovano sul web
  3. Leevancleef

    Juventus - Roma 3-1, commenti post partita

    Speriamo! Io per natura ci vado cauto sempre, perché non appena penso che la partita sia facile mi arriva lo Juve-Sassuolo di turno Tatticamente Gattuso ha cambiato qualcosa, e se capiti nella serata sbagliata il ritmo si può anche soffrire. Ma sono perlopiù gli aspetti mentali e motivazionali che possono giocare un ruolo importante: il ritorno di Sarri, di Higuain, il fatto che vincendo avranno almeno un bel periodo di calma, o che potrebbe essere una svolta per la stagione, il tutto condito da questa rivalità su cui costruiscono di tutto... Insomma, meglio tenere gli occhi aperti!
  4. Leevancleef

    Juventus - Roma 3-1, commenti post partita

    TROOOPPO gentile! Grazieeee! Leggere questi attestati di stima fa davvero piacere. Però... magari non tutti sarebbero soddisfatti della cosa... ahah, anche se ammetto che mi era già stato chiesto. Cmq tecnicamente non si può spostare di pagina se non quotandolo all'interno di altri post, e l'unico "neutro" sarebbe il primo, la copertina. Altrimenti bisognerebbe lasciare "vuoto" il secondo. Mah, sarebbe come l'editoriale di un utente che prevale su altri... Potrebbe sembrare un atto forzato? Non saprei sinceramente. Grazie a te!
  5. Leevancleef

    Juventus - Roma 3-1, commenti post partita

    1, 2, 3, SEMIFINALE! Una Juve tatticamente perfetta nel 1°t chiude il discorso qualificazione con 3 gol! Nel 2°t, dopo un inizio tenero, traghettiamo la partita a casa, sfiorando il poker con Higuain e scaldando i guanti ad un sempre grande Buffon. Ma a pieni giri, fino a quando c'è stata partita, tante cose importanti e belle! Salta agli occhi ormai come da inizio 2020 la squadra abbia interiorizzato ulteriormente i princìpi visti a tratti nei primi mesi. "Concettualmente" stiamo replicando quasi sempre la stessa partita, con continuità, con stilemi ben precisi. Ovvio che il lavoro nella pausa invernale abbia giovato. Naturale anche che più passa tempo più migliorano i meccanismi. E migliorano gli interpreti. Già, perchè quello di stasera, per esempio, è il centrocampo che credo Sarri ritenga titolare, molto probabilmente. E un centrocampo così appena due mesi fa non sarebbe stato schierabile, dato il contributo nullo di Rabiot fino a metà dicembre. Questa partita ne conferma la continua crescita (e devo dire che iniziavo a perdere le speranze). Sarri sceglie il 433 con Ronaldo dentro (che aveva riposato agli ottavi) e Dybala fuori. Quindi Douglas largo, e qui la seconda conferma: questa squadra sta ormai imparando a giocare bene con entrambi i moduli! Poi ci possono essere situazioni più o meno contingenti, avversari contro cui schierare il rombo, il tridente classico, o quello con i tre tenori (quest'ultimo è da puntellare, costituisce al momento una sorta di "NOS", per chi è pratico di auto potenziate), ma i concetti vengono recitati sempre meglio. La Roma è una squadra che esalta tutto questo, sa farti giocare "bene" perchè gioca in modo aperto, lasciando la difesa anche uomo contro uomo come poche altre squadre in Europa. E difatti siamo riusciti molto più spesso a trovare la profondità, cosa ovviamente ben più difficile da ottenere quando giochi contro i pullman. Ma anche qui... sia che si giochi contro difese chiuse (vedi Udinese) che contro difese aperte (Roma), continuiamo ad applicare correttamente il pressing alto, il recupero palla nella metà campo avversaria (soprattutto una volta perso il possesso), la linea difensiva a metà campo, il fraseggio associativo, ecc. Il resto dipende dall'assetto che scegli (quindi i giocatori e i relativi ruoli... se scegli Higuain riempi di più l'area e hai profondità, se scegli Costa trovi ampiezza, ecc) e quanto spazio l'avversario ti lascia dietro la linea difensiva. La sblocca ancora Cristiano, stavolta con una rasoiata chirurgica di sinistro bella, bellissima, perchè è uno di quei gol che non tutti si aspettano al momento del tiro (con quell'angolo così chiuso), ma che lui riesce a fare, regalandoti il vantaggio come se nulla fosse. E a ogni gol riservo un minuto di silenzio non solo per chi ne aveva decretato la fine, ma anche per chi, da tifoso, ne ha svilito il valore, con alcuni dei quali mi è toccato quasi dover litigare qua dentro. I meandri del tifo juventino sono imperscrutabili! Fino a quel momento la partita aveva vissuto su un equilibrio "precario", nel senso che nonostante ci si fronteggiasse faccia a faccia si aveva netta la sensazione che noi stessimo difendendo alla perfezione, a differenza della Roma, e che sarebbe stata solo questione di momenti passare in vantaggio. Si distingueva tutta la linea difensiva, dove, accanto ad un Bonucci che si sta adattando benissimo a sinistra, brillava Rugani, che quest'anno ha giocato poco, ma che nelle volte in cui ha giocato non ha mai sbagliato un pallone, almeno a memoria. Molto in partita anche i laterali, sia Alex Sandro, che speriamo abbia superato il periodo di appannamento, sia Danilo, che purtroppo si è nuovamente infortunato proprio nel momento in cui stava rendendo meglio, nuovamente ai livelli delle primissime giornate. Speriamo davvero non sia nulla di grave. Ma, come detto, è il centrocampo che (... diciamolo in silenzio: "finalmente") sta interpretando le partite sempre più secondo i canoni sarriani. Il "ritorno" di Bentancur è stato strepitoso, sta crescendo sempre di più dando sfogo a quelle qualità che personalmente da tempo alcuni di noi vedevano in nuce (ma che a tanti forse non erano chiare, se avevano coniato il soprannome "Pippancur"). Ormai è la mezzala destra titolare. E con Pjanic e Rabiot non solo favorisce una maggiore fluidità in fase di possesso, senza perdere tempi di gioco, ecc, ma offre un triplo sbocco per la palle in uscita dalla difesa! E' questa la "vera" ricchezza di questa soluzione! Capita spesso, infatti, che sia Rodrigo che Adrien si abbassino a ricevere palla, specie quando Pjanic (da cui ci si aspetta di più) è seguito a uomo da un avversario per tutti i 90 minuti. In questo modo non facciamo fatica a far salire la squadra ed a costruire dal basso, cosa ben più difficile se si gioca con Matuidi e Khedira come mezzali (nulla contro di loro, ANZI! E' questione di caratteristiche e adattabilità ad un certo tipo di calcio. Poi entrambi sono e saranno utilissimi per la squadra, rimangono dei titolari aggiunti). Ma l'ulteriore passo in avanti è stato il numero di inserimenti delle stesse mezzali, molto più alto. E grazie ad uno di questi Benta trova il raddoppio. Certo, bisognerà cercare di farli anche contro squadre chiuse, è quello il prossimo step. Perchè inserirsi è una dote naturale, ma che si può imparare. Il 3-0 di Bonucci chiudeva, sostanzialmente, la partita. Nel 2°t l'inizio un po' molle offriva il gol della speranza alla Roma, ma tempo dieci minuti e ci siamo risistemati, sfiorando la quarta rete in due occasioni con un Higuain strepitoso: gli negano il gol il palo e Pau Lopez, ma che partita Gonzalo! Torna, contrasta, lotta, scatta, tira, duetta, smista... come fai a non amarlo uno come il Pipita! Intanto anche Cuadrado regalava numeri, mentre l'ingresso successivo di Ramsey stavolta sembrava meno convincente di quanto non si fosse visto nelle ultime uscite. In compenso Buffon, incolpevole sul gol di Under, zittiva per l'ennesima vota chi lo vorrebbe vedere a casa coi figli, confermandosi come il miglior secondo portiere attualmente in Italia, e uno dei migliori secondi in Europa. Tre interventi a chiudere la saracinesca, di cui uno da far invidia a tanti ventenni. Però tra le mille fazioni che ormai attanagliano il tifo juventino, c'è anche la fronda anti-Buffon. Peccato che dia ancora una pista a tanti primi portieri, (quindi non parliamo dei secondi, Perin in testa). Semifinale raggiunta, in attesa di capire se sarà contro Milan o Torino. Ora a Napoli, dove ci aspetta il solito clima, ma non il solito Napoli di quest'anno, bensì una squadra che ha ritrovato fiducia e voglia di lottare. Praticamente saremo gli unici, in questa stagione tribolata dei partenopei, ad averli incontrati in due momenti positivi, dopo due vittorie importanti. Quindi attenzione, umiltà, concentrazione, testa! E calcio!
  6. Buffon 7 Danilo 6,5 Bonucci 7 Rugani 7 Alex Sandro 6,5 Bentancur 8 Pjanic 6 Rabiot 6,5 Douglas Costa 7 Higuain 7,5 Ronaldo 7,5 Cuadrado 7 Ramsey 5,5 Matuidi 6,5 All Sarri 7,5 Il Migliore Bentancur
  7. Tranquillo, sono stato un po' perentorio, ma è che negli ultimi gg l'avrò ripetuto mille volte sui vari canali. Pensa che ci sono account che quella maglia la mettono in "palio" spacciandola per vera solo per guadagnare like e followers. Tristezza immonda Alcune sono effettivamente le versioni da bancarella autorizzate dalla Juventus (sono cmq orribili, peraltro non c'entrano nulla con il design originale). Altre sono cinesate, e purtroppo, nonostante i migliori intenti, si fa ben poco, per mille motivi.
  8. Leevancleef

    Juventus - Parma 2-1, commenti post partita

    Lassù, in cima, a +4, con un Super Ronaldo! Questo contava, alla fine di questa giornata delicatissima! Questa è la cosa più importante di un turno che ci vede allungare, anche se tanti, più che godere, sembrano ormai tifare più per le proprie idee che per la Juve, quasi al punto da restarci male. Ma a questo andazzo, personalmente, sono abituato da anni, purtroppo. Otteniamo il massimo vantaggio stagionale contro un Parma sempre ostico (che la scorsa stagione venne a fare 3-3 allo Stadium, che quest'anno ha pareggiato a San Siro da quelli là), ma tenuto vivo, in realtà, da una nostra distrazione su corner che ha un po' corretto quello che era stato il monologo della partita. 2-1, due pali, e squadra un po' più lunga nel finale, ma che difende coi denti il vantaggio, come tante volte in passato. Ed era un vantaggio vitale, un vantaggio da +4! Il primo tempo è stato molto simile a quello vissuto contro l'Udinese in campionato: squadra che pressa alto, fraseggia in modo veloce, recupera tantissimi palloni (impedendo al contempo le ripartenze avversarie) e ha alcune occasioni per passare in vantaggio. In realtà un po' meno di quelle che servirebbero per il fatto che l'area fosse poco "riempita" da Dybala e Ronaldo. Fino a quando è quest'ultimo che la sblocca, e già si va più sul velluto, sfiorando il 2-0 col palo di Ramsey a fine primo tempo (un gol mangiato in realtà, quasi un rigore in movimento). Nella ripresa iniziamo a spron battuto, ma nel nostro momento migliore, dopo il secondo palo, stavolta ad opera di Danilo (bellissimo tiro su cui Sepe si supera) arriva la doccia fredda. Peccato, perchè eravamo anche piazzati benissimo, ma siamo stati singolarmente poco reattivi. Chiaramente non c'entra il marcare a zona o a uomo, dato che lo scorso anno (e gli scorsi anni) prendevamo esattamente gli stessi gol, se non peggiori (con cappelle di Bonucci su tutti) per negligenze dei singoli. Oltretutto erano due o tre mesi che non subivamo una rete su situazioni del genere, e non è che nel frattempo si fosse difeso diversamente. E' che se fai la statuina in area (e trovi anche uno che stacca bene) il gol lo prendi in qualsiasi modo. Questo gol ha avuto l'effetto di spezzare quello che era un po' un copione ormai strutturato della partita, ma non perchè il risultato sia rimasto chissà quanto tempo sul pareggio, bensì per la maggiore fiducia presa dal Parma. Dopo pochissimo, infatti, trovavamo nuovamente il raddoppio con Cristiano da Madeira, imbeccato benissimo da Dybala. Ma il rischio corso ci faceva forse venire la voglia di chiuderla definitivamente (giustamente) per non soffrire sul finale. Si provava quindi la mossa tridente (che fino ad oggi aveva sempre dato buoni frutti) mandando un segnale chiaro alla squadra: andiamo a fare il terzo. L'effetto sul campo però era quello di una squadra più "sporca" rispetto a prima, meno precisa nel possesso, più lunga nei reparti, che senza Ramsey non trovava l'uomo in appoggio una volta superata la metà campo, e con l'aggiunta di un po' di acido lattico in corpo si esprimeva in modo più confuso. Non era certo il momento per provare Ramsey mezzala, non si fanno esperimenti in situazioni tanto delicate di partita e di campionato, col minimo vantaggio e con il +4 da tenere a tutti i costi, ma diciamo che si capisce sempre meglio, ormai, il perchè Sarri dica che il tridente sia sostenibile solo in determinati frangenti. Difatti con l'ingresso di Douglas Costa si provava a riequilibrare un minimo la distanza tra i reparti, nonostante un Dybala ancora una volta ottimo (ma a 10 minuti dalla fine ci sta di essere sostituiti, specie se devi fare una corsa in più per stare dietro all'esterno di parte che galoppa per cercare il pareggio). Un po' di cappelle sul finale, con qualche atteggiamento approssimativo di troppo (ancora Bonucci che in un'azione è riuscito a compiere tre errori in serie) permettevano al Parma di impensierirci un minimo. Ma a parte una bella parata di Szczesny (che altrimenti si è prodotto quasi sempre in interventi da spiaggia, con scamorze dai 20 metri da bloccare con la sigaretta in bocca).. non correvamo grossi rischi, il loro restava più un affacciarsi minacciosi dalle nostre parti, provando a sfruttare qualche palla da fermo, e nulla più. In questi anni siamo stati abituati a finali di questo tipo, se non ben peggiori, quando sono serviti interventi molto più seri dei nostri portieri o dei nostri difensori per mantenere il vantaggio. La sensazione, quindi, è che in bocca rimanga più il sapore di una partita (ri)equilibrata per effetto di un gol su palla da fermo, il quale, spezzando un copione recitato discretamente bene, e facendoci così trascinare fino all'ultimo un risultato precario, ci ha trasmesso un po' di nervosismo finale, nella consapevolezza generale che non potevamo non cogliere l'opportunità di andare a +4. In realtà se nel momento in cui loro hanno pareggiato fossimo stati 2 o 3-0 non ci sarebbe stato nulla da dire. Non concordo con chi ha dato un brutto voto a Ramsey, che per me sta crescendo nelle ultime partite. Posso capire la delusione per il gol sbagliato, ma una prestazione non la si giudica solo da quello, e Aaron è sempre più nei meccanismi di squadra. Ma soprattutto sta ritrovando sempre più la sua condizione, sebbene ancora non la si veda nell'ultimo passaggio o nel gol, che ha nel suo bagaglio. A riprova di questo il fatto che fino a quando è rimasto in campo la squadra è rimasta "pulita", corta, e sostanzialmente dominante sulla partita, per quanto avesse davanti il solito pullman super organizzato di D'Aversa. Ovviamente non è ancora sui suoi standard, può fare molto di più, ma se fino a due mesi fa lui e Rabiot giocavano da 4, oggi possiamo dire che stiamo incominciando a "servirci" della loro ampia sufficienza. Rabiot stesso prosegue nel suo percorso di crescita, testimoniato dai voti mediamente positivi anche dei tifosi, oltre che della critica. Il primo tempo è addirittura da 7, nei primi venti minuti è persino il migliore dei nostri, e forse è la prima volta che gli succede di esserlo per una porzione di gara. Cala nella ripresa, quando è anche uno dei suoi pochi errori (soprattutto se paragonati a quelli di Pjanic e Bonucci) a dare vita al corner da cui nascerà il loro gol. Stavolta entra bene anche Danilo al posto di Alex Sandro. Ma se c'è un giocatore la cui prestazione (ennesima! Ennesima!) si staglia sulle altre è il biondone olandese! De Ligt non ha sbagliato praticamente nulla, gli sono sempre rimbalzati addosso. Mi sono espresso più volte nei suoi confronti, per me sbagliò davvero solo quei 20 minuti contro il Napoli e poco altro, ma ora che gioca da centrale di destra (e non a sinistra come fino a Natale) sta facendo ancora meglio! Ancora poche luci e troppi grigi da Pjanic, mentre Matuidi, pur sbagliando un po' troppo tecnicamente, è stato il centrocampista che più di tutti andava senza palla, correndo per tre, e producendosi in recuperi importanti. CR7 si conferma in gran forma, e ricordare cosa diceva di lui qualche "esperto di balere" fa tenerezza. Lo abbiamo trovato spesso pure in difesa a spazzare e a recuperare (tranne che sul corner in cui si è fatto un po' mangiare in testa da Corneliusson, ma ovviamente non è il suo ruolo specifico). Ha numeri superiori a quelli dello scorso anno, in linea con gli ultimi anni di Real, e ulteriormente in progressione. 29 gol su 30 partite stagionali... di cosa stiamo parlando... Su Paulino, cresciuto nel secondo tempo, va sottolineato come per diverse porzioni di partita stia facendo molto bene anche giocando largo, cosa che era diventata quasi un tabù. Senza accorgercene stiamo assistendo ad un'ulteriore evoluzione di Dybala, che si sta adattando anche a giocare esterno di destra se serve, e a riuscirci benissimo (è da lì che arriva l'assist per Cristiano). Certo, facendolo con le sue caratteristiche (quindi non come un esterno puro), ma facendolo bene. Detto ciò qualcuno sottovaluta quanto una giornata del genere possa essere importante, soprattutto dopo che quello là è andato ad impattare a casa sua (ammesso che ancora lo considerino un loro cittadino). Peccato per quel rigore inventato (in modo ufficiale, cioè per voce di Rizzoli, quindi una cosa rara, non equivalente a mille altri episodi) su de Ligt, che tolse due punti anche a noi nel Salento. Due punti "ufficialmente" sottrattici, altrimenti saremmo potuti essere a +6. Ma almeno un minimo di giustizia è fatta: Lecce toglie, e Lecce dà! Prosegue nel miglior modo possibile questo ottimo inizio di 2020.
  9. Szczesny 6,5 Cuadrado 6,5 Bonucci 5,5 De Ligt 7,5 Alex Sandro s.v Rabiot 6,5 Pjanic 6 Matuidi 6 Ramsey 6 Dybala 7 Ronaldo 8 Danilo 6,5 Higuain 6 Douglas Costa s.v All Sarri 6,5 Il Migliore Ronaldo
  10. BASTA POSTARE FAKE! Lo spiego per l'ennesima volta, sperando di non dover passare il tempo a cancellare i post con ste cinesate! Quando pubblichiamo proiezioni di maglie future (con molto anticipo e quindi soggette a variazioni, da limare col tempo), dopo pochi giorni il mercato asiatico del fake le produce (le nostre come altre, realizzano di tutto...) e le mette in vendita. Diffonderle fa solo il loro gioco.
  11. Leevancleef

    È morto Pietro Anastasi, leggenda bianconera

    Un simbolo, un capitano, un uomo straordinario. La Juve con lui, e con altri calciatori meridionali, riunificò l'Italia una seconda volta, ma stavolta sotto la bandiera bianconera. Lui era un tifoso juventino dalla nascita. Quando faceva il raccattapalle a Catania chiese a Charles il permesso di fare una foto con lui, foto che conservò nel portafoglio per sempre. Realizzò un sogno vestendo la maglia che amava, e per quella maglia diede ogni stilla di sudore. "Di me il tifoso bianconero ha sempre apprezzato la generosità e l'impegno. Non ho mai giocato al risparmio: per la maglia della Juve ho dato il massimo". Un immenso GRAZIE Pietruzzo. Ti sia lieve la terra.
  12. Immobile (Lazio) Ronaldo (Juventus) Lukaku (Inter) Ibrahimovic (Milan) Belotti (Torino)
  13. Leevancleef

    Juventus - Udinese 4-0, commenti post partita

    SPETTACOLO IN HD! 😍 Quattro gol, due pali, una rete annullata per "fuorigioco di tacchetti"... Una Juve perfetta guadagna i quarti di Coppa Italia difronte ad uno Stadium pieno, coinvolto e divertito, al pari dei giocatori in campo. Primo gol DA ANTOLOGIA confezionato da Dybala ed Higuain! E poi un manifesto del recupero palla nella metà campo avversaria. Da soppesare il giusto, data la serata e l'avversario, ma che serve per continuare a costruire la giusta mentalità. La prima cosa positiva è che i tanti cambi non hanno minato le abitudini recenti e lo spartito tattico. A parte i primi 5 minuti di studio, ad un certo punto è sembrata chiara l'accelerata della squadra e da quel momento in poi è stato monologo. Vero che dall'altra parte anche l'Udinese faceva turnover, ma vero anche che noi giocavamo con un centrocampo inedito, da cui era lecito potersi attendere qualche tentennamento, visto che Bentancur non giocava da prima di Natale, Bernardeschi è reduce da un inizio di stagione infelice e debuttava (quest'anno) nel ruolo di mezzala, e Rabiot... è Rabiot, cioè un giocatore in crescita evidente, ma che ancora da troppo poco tempo sta viaggiando su livelli discreti per poter garantire certezze assolute. In più davanti schieravamo un terzetto di valore indiscutibile, ma nelle insolite vesti di tridente puro (almeno in partenza), e sappiamo quanto per Dybala questa abbia sempre costituito un'incognita. Ma i giocatori non sono birilli, e se impartisci loro i tuoi concetti rispettandone le caratteristiche (come ormai Sarri va ripetendo ad ogni conferenza, il che lo rende mooolto meno integralista di quanto pensino molti suoi detrattori) riesci a trarne vantaggio. Tant'è che sia Dybala sia Douglas si sono spesso accentrati, ovviamente, non sono rimasti "larghi" come potrebbero fare degli esterni classici. Infatti se vogliamo più che di 433 si potrebbe parlare di 4321. Ma siamo lì. Di certo c'è che se questa squadra comprende sempre di più che può difendersi recuperando palla in avanti, facendo "gegenpressing", e con una linea difensiva alta (magistralmente guidata stasera da de Ligt), i miglioramenti saranno sempre più evidenti. La delizia purissima a cui hanno dato vita Dybala e Higuain nasce proprio da questo, da un recupero palla alto. Un gol meraviglioso, per il quale mi spiace solo di non aver gioito da subito fino in fondo per attendere il var, visto che a me sembrava fuorigioco netto. Bene bene Bernardeschi nel ruolo di mezzala, sia nel fraseggio che nel pressing e in qualche inserimento (da uno di questi nasce il rigore del 2-0), quasi che partendo qualche metro più indietro (rispetto al ruolo di trequartista) abbia spazio per liberare la sua sgroppata. Ancora bene Rabiot, che se dovesse crescere ulteriormente (ma deve farlo) potrebbe rubare il posto a Matuidi in un ipotetico nuovo centrocampo titolare (sebbene non sia facile, in troppi sottovalutano il lavoro che Blaise fa per coprire anche la zona di Cristiano). E bene Bentancur, del quale Pjanic, che ha una marea di talento in più, dovrebbe iniziare a leggere i movimenti, per la capacità di rendere fraseggio e costruzione più fluidi e di dare libero sfogo alla manovra. Bello anche aver rivisto Pjaca in campo. Higuain conferma la sua ottima stagione timbrando il cartellino anche in Coppa Italia, e lo avrebbe fatto con una doppietta se stasera non avessimo scoperto il "fuorigioco per tacchetti". C'ha pensato la Joya con un altra perla a rimettere le cose a posto. Già, perchè se c'è una certezza che questa partita ci lascia è che per l'ennesima volta in questa stagione si sia rimasti con gli occhi a cuoricino difronte alla prestazione di Dybala, e per l'ennesima volta tocca confermare che è tornato quello dei primi due anni alla Juve. Perchè il punto non sono i gol o gli assist, ma le giocate, la qualità delle giocate che fa a tutto campo, quelle che a qualcuno fecero fare subito paragoni improponibili per chiunque e che non gli fecero bene. Quelle giocate che aveva perso, non le faceva più, pur smazzandosi in un lavoro da tuttocampista. Beh, dopo la tremarella di quest'estate, che forse gli è servita per capire che la Juve ti può aspettare un po', ma poi deve fare delle scelte (e da qui anche troppe ironie su Paratici, visto che Paulo sembrava ormai un fantasma)... ha ritirato fuori il carattere e si è ripreso la Signora! Si diceva che soffrisse Ronaldo, che da quando era arrivato Ronaldo non era più lui, ecc. Ormai da mesi non lo si dice più. E a questo punto... benedetta sia quella trattativa andata a vuoto, se è servita a farci riacquistare un campione! Perchè uno che gioca così è semplicemente il calcio! E infine che bello risentire lo Stadium (pieno, quindi con un numero di spettatori superiore a tutte le altre partite di questo turno di Coppa Italia) andare di pari passo con la squadra, aumentare il tifo a seconda delle giocate, per lasciar partire un ENORME "chi non salta è nerazzurro" verso la metà del secondo tempo come non si sentiva da parecchio. Spero davvero che, difronte alla crisi che ha colpito il nostro tifo organizzato, il gioco della squadra possa coinvolgere sempre di più i tifosi sugli spalti, e che si sia meno snob e critici e più caldi e passionali. Questa squadra lo merita! D'altronde Sarri lo ripete da un pezzo: "i ragazzia in allenamento iniziano a provare piacere, a divertirsi sempre di più". Il che non comporta giocare partite come il suo vecchio Napoli, perchè, appunto, non è la playstation, è calci! Anche se stasera sembrava molto di più la prima. Insomma... che bello! P.S.: A qualcuno di nostra conoscenza, dopo la lista di partite giocate in stagione contro squadre prive del loro uomo migliore (non di Tizio e Caio, del loro uomo migliore, e la lista è incredibile)... persino in Coppa Italia è riuscita ad entrare la Fiorentina invece dell'Atalanta come prossima avversaria nei quarti. Il che certifica che quest'anno dobbiamo lottare anche contro la cabala, contro tutto e tutti, e che quindi serve unità e compattezza. Quindi tifare per la squadra, non per le proprie idee.
  14. Buffon s.v. Danilo 6 De Ligt 7 Rugani 7 Alex Sandro 6,5 Bernardeschi 6,5 Bentancur 6,5 Rabiot 6,5 Douglas Costa 6,5 Dybala 8 Higuain 7,5 Cuadrado 6 Ramsey 6 Pjaca 6 All Sarri 7,5 Il Migliore Dybala
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.