Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Rhyme

Moderatori
  • Numero contenuti

    3.835
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni con più "mi piace"

    6

L'ultima giornata che Rhyme ha vinto risale al 24 Luglio

Rhyme ha ottenuto più mi piace in un giorno nei suoi contenuti!

Reputazione Comunità

14.317 Guru

Su Rhyme

  • Titolo utente
    Sangue Bianconero
  • Compleanno 17/10/1992

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Biglietti
    Nessuno

Visite recenti

31.713 visite nel profilo
  1. Lo spero ampiamente. Avremmo già la soluzione in casa, non dovremmo affannarci e non dovremmo spendere nulla. E chiaramente lo spero anche per lui. Per me però Rugani è quello che vediamo, un buon difensore, una buona riserva di una grande squadra. Perché servono anche quelle, non è che tutti i giovani possano diventare titolari nelle grandi squadre e possano diventare fenomeni...sono pochi quelli che arrivano ad esserlo. E secondo me nel caso di Rugani ci sono pochissime (quasi nulle) possibilità che avvenga. Ma spero con forza che invece lo diventi...lo speriamo tutti ed in primis Paratici, così se ne sta tranquillo
  2. Non lo so se ci sono grandi profili da prendere o no...non sono un osservatore e nemmeno un dirigente. Ma secondo me ci sono molti più nomi di grandi centrocampisti, così come di attaccanti, rispetto ai difensori centrali...sia giocatori affermati che nomi di giocatori più giovani. E in quei reparti secondo me abbiamo già grandi scelte. In sostanza, se prendiamo Pogba bene, altrimenti secondo me non va a cambiare poi tanto...con i giocatori che abbiamo e con altri che potremmo trovare le cose non cambierebbero di tanto, sempre secondo me chiaro. E inoltre ritengo attualmente Chiellini il giocatore più influente da noi, più di Ronaldo. Unendo queste considerazioni è ovvio che io ritenga la ricerca di un difensore di maggior importanza rispetto a quella di Pogba. Chiaramente le operazioni possono tranquillamente essere slegate, inoltre per Pogba si parla di gennaio (anche se non sono convinto), per un centrale ne parleremmo a giugno. Ho voluto semplicemente sottolineare l'importanza di cercare un difensore e la delicatezza del sostituire Chiellini nei prossimi 1/2 anni, che per me sono le vere priorità...più di quelle create dalle nostre menti. Poi chiaramente l'ho già detto...magari prendessimo Pogba, un suo ritorno è ben accetto sicuramente. Anche perché mi sta simpatico, mi dispiace vederlo ad un livello inferiore a quello di Sturaro, spero che venga da noi e possa tornare ai livelli che gli competono
  3. Beh, da questo punto di vista sicuramente. Io parlavo del punto di vista sportivo e generico, non associavo il concetto di priorità al piano temporale, ma hai ovviamente ragione...se c'è la possibilità di prenderlo a gennaio bisogna tentare assolutamente. Il discorso del centrale sarà per giugno.
  4. E' proprio per quello che secondo me è più urgente pensare bene a quel ruolo...proprio perché è un ruolo delicato che offre sempre meno specialisti di gran livello. Negli altri ruoli è più semplice. Per me è importante pensarci bene, anche a costo di non badare a spese. Poi chiaramente sono benvoluti anche altri grandi giocatori in altri ruoli.
  5. La penso come ho scritto sopra. A centrocampo ci sono tanti ottimi nomi, così come in attacco e abbiamo già ottimi elementi. Chiellini ci fa giocare semplicemente in 12 ormai da anni e si sta avviando a fine carriera, urge pensare già al futuro ma anche al presente. Quando manca lui si perde tantissimo e già dal prossimo anno non si può rischiare di compromettere una stagione nelle partite in cui manca e in possibili momenti di infortunio. Pogba è un ottimo giocatore e lo riprenderei molto volentieri, ma non la vedo una priorità...ma nemmeno lontanamente e nel modo più assoluto. Poi ci sta avere idee differenti, indubbiamente.
  6. Non ha alcun senso che Pogba rimanga allo United, ne sportivamente ne finanziariamente. Poi che venga da noi o no è un altro discorso. Ma non ha nessun senso che rimanga lì, anche a gennaio. Comunque chiaramente sarebbe il benvenuto, ma la priorità assoluta è un difensore centrale che possa prendere nel tempo il posto di Chiellini e che già dal prossimo anno possa affiancarsi a lui quando viene preservato. Giorgio è di gran lunga l'uomo più determinante di questa squadra.
  7. Rhyme

    Il topic dell'NBA

    Non sono ancora in grado di poter capire queste cose, ma mi fido
  8. Certe volte ho dei momenti di lucidità in cui non mi capacito come possano esistere persone adulte, pagate, vestite di tutto punto, tutte serie e composte che stiano in televisione a parlare e dare opinioni sul calcio. Mi sembra proprio roba fuori dal mondo, di un'assurdità pazzesca. Un po' come quando da piccolo mi intervistavo da solo quando allenavo una squadra a fifa e mi facevo domande sulla mia squadra...ma senza essere pagato, senza essere in tv e senza pretendere di essere serio
  9. Rhyme

    Il topic dell'NBA

    Più che decisione è stato spontaneo. Qualche giorno fa, dal 24 novembre al 2 dicembre, ero a New York e siamo andati a vedere una partita dei Nets (la prima partita NBA che ho visto, tra l'altro). E qualche giorno dopo c'è stato l'evento con la Juventus. E diciamo che mi ci sono affezionato
  10. Rhyme

    Il topic dell'NBA

    La serie positiva dei Nets continua. E intanto mi sto appassionando per la prima volta a questo sport
  11. Rhyme

    Occhio allo schermo!

    "Facile" nel senso che chiaramente è un progetto avvantaggiato. Mentre ero al cinema e partivano le canzoni pensavo "Potrebbero esserci anche due ore di un vecchio in costume con l'hula hoop, queste canzoni con questo sonoro mi farebbero venire le lacrime e i brividi ugualmente". Mica tutti i "materiali di base" per film hanno questi vantaggi Perché chiaramente va a toccarti le emozioni e ti coinvolge maggiormente a prescindere, tendendo a farti focalizzare meno sui lati cinematografici e farti notare meno gli eventuali difetti. Nei 20 minuti finali sono stato continuamente a lottare contro le lacrime, perdendo regolarmente, e quando esci dal cinema così rischia di cambiare del tutto il giudizio sul film. Io invece non ho visto ne il film di Oliver Stone ne il documentario su Morrison, cercherò di recuperare. Però comunque per comunicare del tutto la personalità di un personaggio o per conoscerne appieno la vita o il lavoro, un documentario è l'unica strada, secondo me...quello vale sempre. Vale anche nel caso di un capolavoro, perché il cinema ha altri mezzi e altri obiettivi, principalmente. Subentra il laro romanzato, subentra il lato visivo. Il cinema prende spunto dalla realtà per rendere più credibile il mondo del fantastico, ma non la riproduce. Quindi anche nel caso di un capolavoro, noi potremmo conoscere il Freddie Mercury, il Jim Morrison, il Mozart fantastici dello schermo inseriti nel mondo fantastico, non quelli reali e la loro vera essenza...come se fossero personaggi immaginari, insomma. Ecco perché secondo me bisogna sempre scindere quello che vediamo sullo schermo dal corrispettivo reale.
  12. Rhyme

    Occhio allo schermo!

    Su questo sono d'accordissimo. Per quanto riguarda un personaggio, dipende da tanti fattori. Una sceneggiatura può affrontare e descrivere un personaggio in tanti modi diversi e può farlo anche su molti livelli differenti...può entrare molto nel profondo, mediamente o rimanere più a galla. E ognuno di questi modi può produrre un risultato più buono o meno buono. Per quanto riguarda il personaggio di Freddie Mercury, onestamente lo ritengo un personaggio cinematograficamente mediamente normale...proprio perché sono stati rappresentati milioni e milioni di personaggi nella storia del cinema e molti anche immaginari, quindi teoricamente più complessi da ideare. Credo che sia impossibile riprodurre la sua voce, credo che sia impossibile per qualsiasi cantante della storia interpretare quei pezzi come lui, è impossibile che un altro gruppo abbia tale impatto nella musica e nella società mondiale...ma questi sono lati extracinematografici. Ma non è così difficile fare un buon film che sui Queen o Freddie, anzi...perché è un tipo di comunicazione ed espressione da un punto di vista differente rispetto a quello con la quale si sono espressi loro. Ci sono tanti temi più complessi da raccontare che si vedono annualmente in molti film e tanti personaggi più complessi da rendere cinematograficamente. Non serve per forza un capolavoro. Torno ancora sugli esempi di "Love & Mercy" e "Control" perché sono davvero dei film "sovrapponibili" anche a questo. Love and Mercy vede al centro i Beach Boys con sguardo principale su Brian Wilson, Control vede al centro i Joy Division con sguardo principale su Ian Curtis e Bohemian Rhapsody vede al centro i Queen con sguardo principale su Freddie Mercury. Tutti e 3 i film mostrano l'evoluzione dei 3 gruppi dal loro inizio, raccontano qualcosa di loro, come lavoravano, la produzione dei brani, i concerti live, gli incontri con produttori, amici e pubblico e anche i lati più in ombra che siano problemi di droga, problemi fisici, problemi psicologici, problemi legati ad un ambiente corrosivo e le situazioni anche molto drammatiche che hanno vissuto i 3 membri. Il copione è molto simile e Love and Mercy e Control non sono film memorabili, non passeranno alla storia...Control è già tanto se l'hanno visto più di 10 mila persone. Però in 2 casi c'è un lavoro per me ottimo e in 1 caso c'è un lavoro decisamente meno buono. Secondo me diversi film biografici risultano opere minori o non eccellenti perché spesso gli autori si accontentano di raccontare il personaggio...e questo tipo di approccio può portare al massimo ad un buon film. Ma il cinema è molto di più, il cinema deve raccontare tramite la potenza delle immagini, non tramite due o tre dati biografici rappresentati in serie...anche se bene. Se voglio conoscere la biografia di un personaggio mi leggo un libro o guardo un documentario, appunto (e questo vale anche per i film storici o di guerra)...il cinema deve andare oltre. Secondo me è lì il maggior problema...anche se credo che sia comunque un "problema" sovrastimato, perché se poi uno va a pensarci emergono una marea di grandi film di questo tipo e anche tanti ottimi film. Quindi poi la percentuale va a finire che torna in equilibrio. Comunque se già uno si limita a organizzare il racconto in modo qualitativo, il film risulta buono...è qui, per me, il problema di Bohemian Rhapsody, perché non lo fa. Altrimenti avrebbe spiccato molto di più, perché a differenza di altri casi, questo film ha dalla sua dei personaggi molto amati e delle canzoni così spettacolari che anche 3 note bastano a far venire i brividi coinvolgendo anche le sensazioni derivate dalla vista...già così infatti molti lo hanno apprezzato e sta facendo incassi record. Quindi, a dire il vero, è un materiale da film molto più "facile" di altri.
  13. Rhyme

    Occhio allo schermo!

    Ma secondo me no. Semplicemente perché, come dicevo nella risposta a Juve stile di vita nella pagina precedente, non esistono generi, tipi di film, argomenti, soggetti o storie che non possano tramutarsi in film di grande qualità. Il fatto che Bohemian Rhapsody parli dei Queen è una cosa a parte, non influisce sul prodotto cinematografico in sè o sui suoi difetti. Ad esempio ci sono film come "Love and Mercy" o come il semi-sconosciuto "Control" che sono strutturati in maniera praticamente identica...eppure sono ottimi film. I problemi di Bohemian Rhapsody, a mio avviso, sono problemi in primis di sceneggiatura, nel collegare le varie scene, nel descrivere i personaggi, nel presentare la loro personalità....e sono problemi comuni a tutti i generi. Roma uscirà su Netflix mi sembra il 14 dicembre, tra pochi giorni.
  14. Rhyme

    Occhio allo schermo!

    Ho visto anche io Bohemian Rhapsody. Ovviamente mi sono emozionato, ovviamente mi sono commosso, ovviamente mi sono venuti i brividi. Ma stiamo parlando dei Queen...le loro canzoni, a maggior ragione in un sistema audio come quello di un buon cinema, emozionano a prescindere, anche con lo schermo vuoto. Per me poi Bohemian Rhapsody è probabilmente la più bella canzone esistente, figuriamoci. Se commento il film però devo scindere questo aspetto e valutare il film nella sua struttura. E l'ho trovato un film mediocre. Ha grossi problemi di scrittura, è un film che scorre male e in modo eccessivamente frenetico e scollegato...mi ha dato l'impressione di un mega trailer. Non approfondito nei momenti in cui invece dovrebbe esserlo, personaggi che rimangono sagome e non sono scritti e descritti bene, risvolti psicologici dei personaggi e del protagonista in particolare affrontati in modo superficiale. Insomma, film parecchio debole...ma era anche pronosticabile perché è un film che ha avuto una produzione difficile sin da subito. Ma è ovvio che sia emozionante e che vengano i brividi...mi veniva la pelle d'oca ad ogni prima nota di ogni canzone accennata e quando puntualmente si interrompevano dopo pochi secondi era una tortura. Chiaramente molto belli i 20 minuti finali, dove hanno lasciato l'esplosione totale delle loro canzoni. Avrei apprezzato di più se avessero messo le vere immagini del concerto...avrei strutturato il film come un grande crescendo fino all'esplosione reale degli ultimi 20 minuti. O almeno per una parte. Ma va bene anche così...è emersa maggiormente la bravura di Malek che è stato comunque bravo.
  15. Rhyme

    VIDEO Lo spettacolo della Juventus Night a Broklyn

    Guardate che la preferenza sportiva degli americani non c'entra niente con questa iniziativa e con i nostri intenti sul mercato. Non vogliamo mica che gli americani si appassionino e seguano il calcio eh. L'obiettivo è quello di aumentare visibilità, di diffondere il nostro marchio e la nostra immagine in tutto il mondo ed è diverso dal far appassionare le persone al calcio. Moooolto diverso.
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.