Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Rhyme

Moderatori
  • Content count

    5,772
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    6

Rhyme last won the day on July 24 2018

Rhyme had the most liked content!

Community Reputation

16,410 Guru

About Rhyme

  • Rank
    Capitano
  • Birthday 10/17/1992

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Biglietti
    Nessuno

Recent Profile Visitors

35,987 profile views
  1. Ceeeerto, il cane mi racconta le partite e mi suggerisce le battute, ovvio. Qualche volta mi prepara pure la cena. Io mi tengo stretto lui, te tieniti stretto qualche assistente o qualche infermiere perché ne hai evidente bisogno.
  2. Ha lo stesso nome del tuo assistente sociale
  3. Rhyme

    Tenet (2020)

    Sì. Anche se quello che è essenziale da capire è meno di quanto si creda e si capisce.
  4. Rhyme

    Occhio allo schermo!

    Ciò che è importante da capire è molto più semplice e poco di quanto si immagini. E, come sempre, con il cinema di Nolan lo spettatore sbaglia l'approccio alla visione.
  5. Rhyme

    Occhio allo schermo!

    Oltre all'atmosfera, a me è piaciuto poco
  6. Certo che sono soggettivi. Ma è proprio un termine che, per il suo utilizzo e il suo significato, è fuori luogo. Non ha senso. Esistono altre parole per esprimerlo. E' proprio un utilizzo sbagliato. Dietro al "è brutta" riferito a questo caso, si nascondono motivazioni disparate e totalmente differenti dal significato della parola. Ma capisco che in un forum calcistico è già tanto che si mettano insieme due parole scritte correttamente
  7. Ma qual'è il canone per dire che invece sarebbe brutta? Due righe invece di quattro perché dovrebbero renderla brutta? Una riga intera o una con effetto dipinto perché dovrebbero renderla brutta? E' questo che non ha senso, per me. Si può dire che si preferisce una all'altra, si può apprezzare di meno o di più, si può preferire classica o innovativa, certo. Ma definire brutta (o peggio) una maglietta... E' una parola semplicemente inadeguata al contesto.
  8. Mai capito chi arriva a definirle brutte. E' 'na maglia bianca e nera Almeno le variazioni portano novità...
  9. Magari quando hai 2 secondi di tempo mi spieghi la sospensione casuale che ho ricevuto... Non so forse hai tirato una moneta o cose simili.  Perchè "Sospensione di 30 ore per notizie cambiate per creare flame" è chiaramente una supercazzola.

  10. Comunque si riferiva ai giocatori offensivi di talento e ha citato Ronaldo, Costa e Dybala...praticamente tutti. Chi mancava? Bernardeschi? E' ovvio fosse una generalizzazione...come ha detto, non aveva la lista della rosa davanti. Bernardeschi, tra l'altro, di cui parlò già molto bene in passato.
  11. comunque vorrei farti notare che da qualche giorno c'è un tuo collega mod, di cui non faccio il nome, che si diverte a fare flame ed a provocare... non mi pare un bell'esempio soprattuto quando chiedete a noi di restare calmi

  12. Rhyme

    Occhio allo schermo!

    Torniamo a parlare di qualcosa di attuale va, che in questo mese sono uscite un po' di cose interessanti. Stanlio e Ollio, di J. Baird. Bel film, delicato, sentito, emozionante, sugli ultimi anni di collaborazione tra i due famosi comici...in particolare l'ultima tournée nei teatri della Gran Bretagna. Bravissimi i due attori e non era semplice. Un giusto omaggio, ricordo, approfondimento sulla coppia. I fratelli Sisters, di Jacques Audiard. In questo caso siamo nel campo del western, genere che non è scomparso del tutto e che continua a proporre film interessanti. Mi è piaciuto molto anche questo...un film in parte folle, pieno di cambi di rotta anche bruschi. Ogni volta che sembra prendere una strada precisa ecco che avviene un rovesciamento. I protagonisti sono, come da titolo, i fratelli Sisters, interpretati da Joaquin Phoenix e John C. Reilly (che interpreta anche Ollio in "Stanlio e Ollio"). E' una narrazione non comune; oltre ai cambi di rotta c'è grande violenza e anche grande dramma, ma questi aspetti vengono fusi in modo particolare con toni più leggeri e da commedia e il risultato è un film che sorprende e anche di non facilissima lettura. E il recente Dolor y gloria di Almodovar che è uscito due giorni fa a Cannes e in contemporanea anche in Italia...si parla già di possibile favorito per la Palma, tra l'altro. Senza dubbio è un bel film, con un Banderas veramente veramente bravo. Si nota che è un film molto personale per Almodovar, un film in cui ha parlato molto anche di sè stesso; c'è la memoria, il ricordo dell'infanzia ma anche il tormento del presente e il "blocco" fisico e mentale del protagonista che è non a caso un regista, quindi c'è anche un forte collegamento con il cinema, anche in forma diretta. Però non è un film che mi ha entusiasmato...ero convinto sicuramente di apprezzarlo molto di più. C'è da dire che è il primo film che vedo di Almodovar e vedere uno tra i film più personali di un autore senza conoscerlo minimamente sicuramente non è il massimo e può aver influito nelle mie sensazioni. Adesso si aspetta Bellocchio che esce in settimana. Continuo anche i recuperi del passato, ma non mi dilungo eccessivamente. Nelle ultime settimane mi sono diviso tra Cassavetes e Bertolucci, mentre adesso mi sto innamorando di Nanni Moretti.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.