Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Vs News

(Gds): "Contatto tra Agnelli e Allegri: si va avanti insieme ma serve una scossa. Eventuali sostituti? Montero preferito dai tifosi, occhio ai big liberi"

Recommended Posts

Ci vogliono far credere che tra Montero, Zidane, Tuchel e tanti altri.... Noi tifosi preferiamo Montero. Io penso che sia la società a preferire una soluzione a costo zero come Montero!! 

  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 ore fa, Trezegol96 ha scritto:

Ma noi vogliamo costruire una rosa con giocatori pronti a vincere o con giocatori da plasmare e inculcare in un determinato sistema di gioco?

Io non sono dentro la Juve, ma si stava parlando di questa seconda ipotesi, credo. Ripercorrere un pò la strada del Milan, in altre parole. Prendere dei giocatori non ancora del tutto affermato ma con ottimo potenziale, plasmarli, aspettare qualche anno per vederli crescere (anni, ovviamente, di alti e bassi come accaduto al Milan) e poi raccogliere (si spera) i frutti.

 

17 ore fa, Trezegol96 ha scritto:

Quando è andato via Conte io me lo ricordo che cosa si diceva qui dentro. Che Conte era adatto ad allenare gente come Giaccherini, di medio valore ma con tanta voglia di inserirsi all'interno di un progetto che lo esalti. Che non era adatto all'Europa, dove ci vogliono i campioni che lui non sa allenare. Che nel famoso ristorante di 100 euro lui non ci poteva neanche entrare. Conte è il  numero uno degli allenatori per quanto riguarda il plasmare i giocatori e tutti abbiamo sottolineato i suoi limiti. 

Se vogliamo tornare un passo indietro e dire "ok, non ci sono i soldi per costruire una grande squadra, per cui puntiamo su un allenatore capace di plasmare i giocatori a sua immagine e somiglianza e farli rendere di più di quello che valgono" ci sta.

Ripeto: credo si stesse parlando proprio di questa ipotesi.

 

17 ore fa, Trezegol96 ha scritto:

Però a questo punto si è fatto un errore grossolano a prendere Allegri perché sapevamo tutti non era quel tipo di allenatore. Lui ha bisogno di campioni che in campo sanno quello che fare. Poi lui al massimo può preparare le partite in base all'avversario. E questo negli anni non gli si può negare perché la difesa a 3 con Emre Can braccetto contro l'Atletico è un'intuizione tattica che in pochi avrebbero avuto. Il problema è che quando ha dei giocatori mediocri in campo si vedono i limiti di una squadra che non gioca a memoria ma vive di estemporaneità.

Perché, qualcuno ha ancora dei dubbi sul fatto che negli ultimi 3 anni sono state fatte scelte sciagurate, incoerenti e contradditorie sul fronte allenatori? Ecco perché continuo a dire che le responsabilità principali sono della società, e, visto che anche nella dirigenza c'è stato un rimescolamento, alla fine le colpe ultime sono del vertice. 

 

17 ore fa, Trezegol96 ha scritto:

Ma l'errore è stato fatto in società a non prendere altre strade, non tanto in campo. I giocatori quelli sono e l'allenatore quello è, lo conoscevamo. Dovevamo essere bravi a fare un passo indietro e ammettere di non avere una rosa tale da potersi permettere un gestore come Allegri. Serve un allenatore stile Conte. 

La penso anche io così. Credevo che avremmo fatto comunque meglio, quindi le colpe le ha anche Allegri, ma le cose stanno proprio così, e mi fa ridere chi, alla ricerca di un facile capro espiatorio, possibilmente riassumibile in un breve hashtag, così non si devono nemmeno far lavorare troppo i neuroni, continua a prendersela con Allegri, mentre da tre anni facciamo ridere l'Italia intera con scelte sciagurate per quanto concerne gli allenatori e mercati lacunosi e incoerenti.

 

17 ore fa, Trezegol96 ha scritto:

Se invece il nostro obiettivo è quello di costruire una rosa fatta da minimo 7/8 giocatori veramente forti allora è un altro conto. Lì a quel punto a me andrebbe anche bene tenersi Allegri e vedere, con una rosa del genere, quali sono i suoi risultati. Perché è chiaro che con McKennie e compagnia Allegri soffre un livello tecnico basso che non gli permette di fare il lavoro come lo fa lui. Già sarei curioso di vedere per lo meno con il solo Chiesa davanti come cambia la nostra squadra. 

Non credo che a questo punto sarà questo l'obiettivo societario. 

Credo che l'idea di fondo sarà tornare a cercare qualche colpo alla Vidal (giocatore bravo ma non ancora top, preso a condizioni molto convenienti) e di far crescere qualche giovane, sia del vivaio sia acquistato altrove. Chiaramente ogni tanto innesto di qualche giocatore affermato e maturo, che possa fare da leader e da chioccia allo stesso tempo, come del resto ha fatto lo stesso Milan con i vari Ibra, Giroud, etc

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 ore fa, Giuseppe35 ha scritto:

Ma dai, si vedeva chiaramente che domenica volevano perdere la partita , contro una squadretta come il Monza, una squadra con le palle avrebbe vinto anche giocando in 9....indipendentemente dalle colpe di Allegri, ma loro vogliono farlo fuori....per me non c'è altra spiegazione....

sarebbe bello fosse così... ma penso proprio di no

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, zebra67 ha scritto:

Io non sono dentro la Juve, ma si stava parlando di questa seconda ipotesi, credo. Ripercorrere un pò la strada del Milan, in altre parole. Prendere dei giocatori non ancora del tutto affermato ma con ottimo potenziale, plasmarli, aspettare qualche anno per vederli crescere (anni, ovviamente, di alti e bassi come accaduto al Milan) e poi raccogliere (si spera) i frutti.

 

Ripeto: credo si stesse parlando proprio di questa ipotesi.

 

Perché, qualcuno ha ancora dei dubbi sul fatto che negli ultimi 3 anni sono state fatte scelte sciagurate, incoerenti e contradditorie sul fronte allenatori? Ecco perché continuo a dire che le responsabilità principali sono della società, e, visto che anche nella dirigenza c'è stato un rimescolamento, alla fine le colpe ultime sono del vertice. 

 

La penso anche io così. Credevo che avremmo fatto comunque meglio, quindi le colpe le ha anche Allegri, ma le cose stanno proprio così, e mi fa ridere chi, alla ricerca di un facile capro espiatorio, possibilmente riassumibile in un breve hashtag, così non si devono nemmeno far lavorare troppo i neuroni, continua a prendersela con Allegri, mentre da tre anni facciamo ridere l'Italia intera con scelte sciagurate per quanto concerne gli allenatori e mercati lacunosi e incoerenti.

 

Non credo che a questo punto sarà questo l'obiettivo societario. 

Credo che l'idea di fondo sarà tornare a cercare qualche colpo alla Vidal (giocatore bravo ma non ancora top, preso a condizioni molto convenienti) e di far crescere qualche giovane, sia del vivaio sia acquistato altrove. Chiaramente ogni tanto innesto di qualche giocatore affermato e maturo, che possa fare da leader e da chioccia allo stesso tempo, come del resto ha fatto lo stesso Milan con i vari Ibra, Giroud, etc

Vabè tralasciamo i vari hastag e quello che si scrive sui social perché ho un pensiero pessimo di questo mondo e di come viene usata la libertà di parola al suo interno (lavorandoci anche). 

 

Il fatto è che quando ti ricapita più di beccare a distanza di poco tempo un Vidal e un Pogba a 15 milioni di spesa ed affiancarli ad un Pirlo e fare un centrocampo del genere? Penso che una serie di eventi del genere difficilmente si ripeteranno nell'arco dei prossimi 20 anni. Ci abbiamo provato, ad esempio, con Zakaria. Ma non è andata così bene perché non dimostrato grosse cose (e non credo le dimostrerà neanche al Chelsea purtroppo). Ci abbiamo provato con McKennie e anche lì non sta andando proprio benissimo. 

Chiaro che le colpe del mercato e del gioco sono da dividere tra società, allenatore e giocatori in campo. Puntare il dito solo contro qualcuno e chiudere gli occhi sugli altri problemi non è il modo per ritrovare la retta via.

 

Il fatto è che il Milan ci ha messo 10 anni per ricreare una rosa capace di tornare a competere. Noi siamo disposti a soffrire per i prossimi 6/7 anni ancora?

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 minuti fa, Trezegol96 ha scritto:

Il fatto è che quando ti ricapita più di beccare a distanza di poco tempo un Vidal e un Pogba a 15 milioni di spesa ed affiancarli ad un Pirlo e fare un centrocampo del genere? Penso che una serie di eventi del genere difficilmente si ripeteranno nell'arco dei prossimi 20 anni.

Non chiedo tanto, hai citato tre giocatori che hanno fatto parte della nostra storia, però penso che qualcuno dei nomi che si sono accaparrati Napoli o Milan, potremmo accaparrarcelo anche noi con una buona opera di scouting.

 

43 minuti fa, Trezegol96 ha scritto:

Puntare il dito solo contro qualcuno e chiudere gli occhi sugli altri problemi non è il modo per ritrovare la retta via.

Sostenere certe cose in un momento in cui c'è la caccia alla strega livornese può essere considerato eretico, rischi il rogo!

 

 

44 minuti fa, Trezegol96 ha scritto:

Il fatto è che il Milan ci ha messo 10 anni per ricreare una rosa capace di tornare a competere. Noi siamo disposti a soffrire per i prossimi 6/7 anni ancora?

Penso che disponendo di mezzi superiori, la strada potrebbe essere più breve e che potremmo far nostra solo una parte della strategia del Milan.
Mi spiego meglio: il Milan ha detto "Via libera a giovani e giocatori affermati ma non ancora celebrati, con 3 giocatori-simbolo, anche ultratrentenni, che facciano da chioccia".

Noi potremmo modificare le percentuali, le proporzioni di tale strategia (anche perché non possiamo disfarci di tutta la rosa attuale), magari portando i giocatori già consacrati che possano fare da leader a 6-7 elementi. In tal modo il ritorno alla competitività potrebbe essere più veloce.

Share this post


Link to post
Share on other sites
59 minuti fa, zebra67 ha scritto:

Non chiedo tanto, hai citato tre giocatori che hanno fatto parte della nostra storia, però penso che qualcuno dei nomi che si sono accaparrati Napoli o Milan, potremmo accaparrarcelo anche noi con una buona opera di scouting.

Sostenere certe cose in un momento in cui c'è la caccia alla strega livornese può essere considerato eretico, rischi il rogo!
Penso che disponendo di mezzi superiori, la strada potrebbe essere più breve e che potremmo far nostra solo una parte della strategia del Milan.
Mi spiego meglio: il Milan ha detto "Via libera a giovani e giocatori affermati ma non ancora celebrati, con 3 giocatori-simbolo, anche ultratrentenni, che facciano da chioccia".
Noi potremmo modificare le percentuali, le proporzioni di tale strategia (anche perché non possiamo disfarci di tutta la rosa attuale), magari portando i giocatori già consacrati che possano fare da leader a 6-7 elementi. In tal modo il ritorno alla competitività potrebbe essere più veloce.

Diciamo che questa strategia in qualche modo la stiamo anche mettendo in atto. Se ci pensi i vari Di Maria, Pogba, Bonucci, Danilo, Cuadrado, Szczesny dovrebbero fare da guida ai vari Chiesa, Locatelli, McKennie, Miretti, Vlahovic, Bremer, Rabiot e compagnia che dovrebbero essere appunti quelli affamati e vogliosi di vincere e convincere. Il problema è che poi noi abbiamo preso Locatelli (che per me, fino ad adesso, ha deluso le aspettative) quando il Milan comprava Tonali a metà del prezzo. E, per adesso, Tonali ha dimostrato di valere più di Locatelli.

Poi se ci metti anche il fatto che quelli che dovrebbero essere i leader fanno figure barbine come Di Maria, che viene espulso e se ne fugge in Argentina il prima possibile. Oppure come Bonucci o come Pogba che non si opera per la Francia e poi si opera un mese dopo lasciando la squadra senza il suo numero 10 per 4 mesi e la frittata è fatta. Tutti sfiduciati, tutti col morale sotto i piedi e ci facciamo mettere mentalmente i piedi in testa dal Mazzocchi di turno...

Share this post


Link to post
Share on other sites
31 minuti fa, Trezegol96 ha scritto:

Diciamo che questa strategia in qualche modo la stiamo anche mettendo in atto. Se ci pensi i vari Di Maria, Pogba, Bonucci, Danilo, Cuadrado, Szczesny dovrebbero fare da guida ai vari Chiesa, Locatelli, McKennie, Miretti, Vlahovic, Bremer, Rabiot e compagnia che dovrebbero essere appunti quelli affamati e vogliosi di vincere e convincere.

Esatto. Io infatti dicevo di continuare a sostituire, anche grazie all'aiuto delle carte di identità ingiallite, la quota di giocatori-guida e di aumentare quella delle "scommesse" (che poi potrebbero non esserlo tanto, in quanto mi riferisco anche a giocatori già conosciuti ma non del tutto esplosi).

 

32 minuti fa, Trezegol96 ha scritto:

Il problema è che poi noi abbiamo preso Locatelli (che per me, fino ad adesso, ha deluso le aspettative) quando il Milan comprava Tonali a metà del prezzo. E, per adesso, Tonali ha dimostrato di valere più di Locatelli.

Potrei ricordare anche Barella, che molti qua dentro schifavano e irridevano, e invece è stato uno dei migliori acquisti dell'Inter.

 

33 minuti fa, Trezegol96 ha scritto:

Poi se ci metti anche il fatto che quelli che dovrebbero essere i leader fanno figure barbine come Di Maria, che viene espulso e se ne fugge in Argentina il prima possibile. Oppure come Bonucci o come Pogba che non si opera per la Francia e poi si opera un mese dopo lasciando la squadra senza il suo numero 10 per 4 mesi e la frittata è fatta.

Comunque gente come Pogba, Kostic etc. io li considero come giocatori che dovremo tenere anche in questo processo di rinnovamento. Non sono troppo vecchi, possono dare un valido contributo. Il ricambio inizialmente dovrà essere assicurato da Bonucci, Cuadrado, Alex Sandro, Di Maria.

Share this post


Link to post
Share on other sites
59 minuti fa, agosjuve ha scritto:

no a Conte.... basta con le minestre riscaldate.... basta!!! 

In un certo senso hai ragione. Questa squadra ha bisogno di aria fresca. Proverei con Sottil, Juric o un profilo simile. Però ci vorrebbe un intenditore di calcio che sappia indicare quale è quello giusto. E non lo abbiamo .... da qui le minestre ribollite.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho trovato un'intervista a Nicola di pochi giorni fa. Ne incollo alcune parti:

 

Sei arrivato alla Salernitana a febbraio. Cosa cambia per un allenatore quando arriva da subentrato rispetto a quando comincia la stagione dall’inizio?

 

Cambiano le priorità. Quando subentri, erediti una squadra che non hai avuto tempo di conoscere. Nella prima settimana di full immersion bisogna capire le caratteristiche della squadra, la metodologia di allenamento a cui era abituata. Un’idea dell’impostazione tecnico-tattica che tu avresti dato, guardando da fuori quel tipo di squadra, ce l’hai; poi, allenandola, ti rendi conto di quanto tempo ci vuole per cambiare dalla vecchia impostazione. Bisogna conoscere le caratteristiche di tutti i giocatori, classificare le problematiche nelle varie aree, riconoscere i propri punti di forza, con un’analisi il più dettagliata possibile servendosi anche dei big data. E a quel punto: iniziare ad allenare, scegliere i principi di gioco che sono inderogabili, capire se c’è qualcosa da adattare in base alle caratteristiche dei giocatori a disposizione.

 

 

Fammi degli esempi concreti: anche quando le caratteristiche della squadra sono molto lontane della tua idea di calcio quali sono i principi a cui non puoi rinunciare?

 

Un gioco organizzato nella valutazione e nella comprensione degli spazi, nelle relazioni tra giocatori. Un movimento deve obbligare un altro movimento. Ti faccio un esempio: in qualsiasi zona del campo, di solito i giocatori che partecipano alla costruzione di un’azione non sono mai più di quattro. Per me è importante che capiscano quale relazione devono avere tra di loro, quali sono i compiti che hanno l’uno rispetto all’altro.

 

 

Altri elementi sono: i tempi di smarcamento, la conoscenza dei movimenti di reparto, una forte aggressività con e senza palla. Io mi annoio a vedere squadre troppo lente, che ragionano troppo. Anch’io voglio giocatori pensanti, ma è qualcosa che devi costruire negli allenamenti. In partita deve andare la parte inconscia della mente. Un giocatore in campo porta il suo bagaglio di conoscenze e di abitudini, e per costruirlo ci vuole tanto lavoro.

 

Queste cose sono inderogabili, tutto il resto è adattabile. Per situazioni, momenti, caratteristiche dei giocatori, esigenze della piazza, storia del club. Io e il mio staff ci mettiamo sempre in discussione, ma siamo convinti che il nostro approccio metodologico ci abbia portato benefici sia subentrando che iniziando una stagione.

 

........

 

 

Io ho mantenuto sempre la mia idea: il gioco inizia nel primo terzo di campo, ma io devo arrivare nell’ultimo terzo e ho cento minuti a disposizione per arrivarci il più alto numero di volte possibile. La costruzione dal basso è una lettura sistematica rispetto a come si posizionano gli altri, in funzione di cosa fanno. Se l’avversario mi aspetta, non mi pressa, io non costruisco dal basso, inizio velocemente e vado. Non ho bisogno di posizionare uomini, non ho nessuna linea di pressione da saltare, perché costruire? Inizio. Ma se l’avversario mi porta pressione è perché ha una strategia, e il mio scopo sarà creare due-tre situazioni perché non sappia mai quando proverò l’una o l’altra. Ma il mio obiettivo è sempre arrivare lì [nell’ultimo terzo, ndr] per creare più occasioni possibili per fare gol.

 

E quindi: abituare i giocatori a contare la parità numerica o a capire che se c’è superiorità numerica si può uscire velocemente. Battere linee avversarie, conquistare spazi: meno tempo ci metto, meno passaggi ci metto e meglio è. Perché vuol dire che arriverò di là più volte nel tempo che ho a disposizione.

**************

 

Lui parla di big data, movimento che deve obbligare un altro movimento, forte aggressività con e senza palla, verticalità per creare più occasioni possibili...altro che Halma

Tanti concetti che mi piacerebbe sentire da un nostro allenatore, e che sono agli antipodi di quello che predica macs.

Tra l'altro, vedendo come si comporta a bordo campo, mi sembra che abbia una grinta simile a Conte.

 

Ecco, Nicola è uno che mi piacerebbe vedere sulla nostra panchina al più presto

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 21/9/2022 Alle 21:07, ryan90 ha scritto:

Conte ancora non rinnova col tottenham.Può significare qualcosa ?

Significa che lui più di 2 stagioni in una società, non ci sta.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 22/9/2022 Alle 13:39, Moeller73 ha scritto:

In un certo senso hai ragione. Questa squadra ha bisogno di aria fresca. Proverei con Sottil, Juric o un profilo simile. Però ci vorrebbe un intenditore di calcio che sappia indicare quale è quello giusto. E non lo abbiamo .... da qui le minestre ribollite.

Juric potrebbe essere un buon profilo.

Esperienza del campionato italiano, predilezione per una squadra aggressiva, caratterino per nulla accomodante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma chi glielo ha detto a questi che Montero sia il preferito dai tifosi???

I media già ci stanno boicottando sostenendo la causa di Allegri, contenti che continuiamo a fare pena, adesso vorrebbero pure scegliere il futuro allenatore sperando che la situazione non migliori? Vadano a farsi un giro insieme agli incompetenti che abbiamo in società 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.