Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Juventus1977

Utenti
  • Content count

    3,489
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

3,811 Guru

2 Followers

About Juventus1977

  • Rank
    Titolare

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo

Recent Profile Visitors

6,685 profile views
  1. Juventus1977

    [Topic Unico] L'Angolo del Guru

    Se resta, è per fare il liquidatore della Juventus, risanarla e poi venderla. Se viene Nasi, vuol dire che hanno intenzione di continuare a investire sulla Juve. Ma se è vero che non darà le dimissioni, altro non puó essere che la cessione perché ormai hanno fatto il massimo e non ci sono prospettive di crescita ulteriori. Continuare lui investendo, è impossibile: lo hanno ammazzato, ha dato le dimissioni da ECA e esecutivo UEFA. Quindi, se vediamo che resta anche all’inizio del prossimo campionato, è perché nel giro di un paio di anni vendono tutto
  2. Juventus1977

    [Topic Unico] L'Angolo del Guru

    Certo che lo sapevano ma non hai le potenzialità per raggiungere il Real Madrid, non puoi nel nostro paese, con queste regole, l’unico sistema era la SL per raggiungere quei competitors. Lo stadio di proprietà lo hai già; anche museo, albergo, centro sportivo, centro medico; già gestisci le vendite di magliette e merchandising; hai trovato lo sponsor per lo stadio; hai trovato molti altri sponsor in ogni parte del mondo; hai vinto tutto nel tuo paese per ben 9 anni di fila, sfiorando la Champions League in almeno 3 occasioni; ho comprato Ronaldo, non solo e non tanto per le sue prestazioni sportive (fantastiche, peraltro), ma anche per darmi popolarità mondiale; ho già fatto tutto il massimo è in questo paese è con queste regole non posso migliorare. Solo con la SL potevo migliorare, il resto è ormai massimizzato. Sfumata la SL, non resta che risanare la società, ridimensionandone aspirazioni e spese, e vendere tutto
  3. Juventus1977

    [Topic Unico] L'Angolo del Guru

    Ha ragione chi, come Ico, ha detto che soprattutto a tutto il calcio italiano sarebbe convenuta la Superlega: la Juventus ha dimostrato che in Italia, con queste regole, con questo mercato, con questa nazione, il massimo è stato fatto ed è stato fatto da lei e questo è il metro di paragone anche per tutte le altre squadre italiane, una ulteriore crescita è impossibile e se le altre saranno brave potranno solo uguagliare e non migliorare : hanno fatto due aumenti di capitale; vinto tutto a livello nazionale per ben 9 anni di fila; hanno la stadio di proprietà, l’albergo, il centro sportivo, il centro medico; hanno anche sfiorato 2 o 3 volte la Champions League; hanno gestito in proprio la vendita delle magliette e del merchandising; hanno ingaggiato Ronaldo per salire nella popolarità mondiale; hanno implementato gli sponsor, di ogni nazione, nulla è stato lasciato al caso, in ogni settore hanno raggiunto il massimo, il massimo, si intende, per avere sede in Italia, per essere italiano, di più non si puó. Nonostante tutti questi sforzi, ormai massimizzati, non sono riusciti a raggiungere le big d’Europa, né a livello finanziario-commerciale, né a livello di risultati. L’unico altro sistema per raggiungere quei livelli, era la Superlega. Le altre squadre italiane non hanno capito: tre di loro comunque partecipavano; probabilmente ne avrebbero aggiunta una quarta; ci sarebbero poi state 5 squadre invitate ogni anno e chi sarebbero mai state? Ovviamente sarebbero state invitate le vincitrici, o le migliori piazzate, dei 5 migliori campionati; in ogni caso, su quello si poteva imbastire una trattativa. E comunque, in ogni caso, la Superlega non era ovviamente in competizione con i vari campionati italiani, basta vedere la formula: partite infrasettimanali, 2 gironi da 10 squadre, quindi solo 18 partite, più i vari playoff, peraltro solo eventuali; al massimo, 23 partite se arrivi in finale. Ora, quale squadra e quale calciatore big giocherebbe solo 23 partite? Nessuno, tutti ne giocano almeno 50 all’anno, per cui la prima squadra avrebbe giocato anche il campionato e sarebbero stati salvi anche i diritti televisivi nazionali. La Superlega era in competizione solo con le competizioni UEFA ma alla lunga si sarebbe trovato un accordo: anche le squadre minori avrebbero avuto accesso alla Champions League dell’Uefa, un accordo si sarebbe trovato. Quello che le squadre italiane è che loro avevano tutto da guadagnarci e niente da perderci. Diverso il caso per gli inglesi: sono convinto che anche il loro campionato non avrebbe avuto danni, ma la prospettiva c’era: la loro serie A vale il triplo del nostro e non potevano rischiare; ma questo vale per loro e infatti sono venuti da loro; i nostri ci avrebbero guadagnato tutti, loro no è da lì sono venute pressioni che hanno fatto saltare il banco. Diverso ancora è il caso del Bayern, che interesse ne aveva? Lui ha un enorme paese, ricchissimo, la Germania, che tira tutto e solo per lui; ma noi abbiamo l’Italia, oltretutto sempre divisa; il Bayer ha un paese fantastico alle spalle, a sua completa disposizione, ormai in regime di monopolio. Ancora una volta, gli unici che avevamo interesse eravamo noi: unico modo restante per migliorare e raggiungere gli altri, visto che tutto il resto, il resto possibile da fare nella nostra nazione e con queste regole, è stato fatto. Parliamo quindi calciomercato, visto che di questo si deve parlare. Il calciomercato dipende dagli assetti societari. Chiaro che in questa situazione Andrea Agnelli è un po’ bruciato: per lui la partita si gioca anche con i suoi soci-familiari. Due sono le ipotesi: lui e i suoi soci prendono atto del fallimento della Superlega, di conseguenza prendono atto di quello che ho scritto sopra, cioè dell’impossibilità di migliorare ulteriormente e di raggiungere il livello economico-sportivo dei migliori, e allora, in tal caso, non si pone il problema della sostituzione di Andrea Agnelli alla Presidenza ma, ovviamente, lui resterà e cederanno la società: cercheranno qualcuno serio, hanno mille relazioni internazionali e qualcuno, sicuramente straniero, quasi sicuramente americano, troveranno; magari resteranno con una quota di minoranza, magari con una prelazione in caso di successiva vendita, ma si sganceranno, perché capiranno che ulteriori investimenti e ulteriori aumenti di capitale, onerosi e necessari, saranno inutili. Unica altra alternativa: Agnelli non puó restare, per motivi veramente ovvi a tutti e, per motivi familiari loro, intendono dare visibilità a un altro componente della famiglia (si parla di Alessandro Nasi); in questo caso, con uno di loro a capo della società, investirebbero di nuovo. Francamente, non credo alla seconda ipotesi: se non ci sono margini di crescita, è senza Superlega non ci sono, l’azienda si cede e non è questione di persone alla presidenza. Torniamo al calciomercato: con la prima ipotesi, Agnelli resterà fino alla cessione della società; nel frattempo, la risanerà, come sempre si fa quando si vuole vendere; quindi benissimo Pirlo, che non ha pretese e costa poco; Ronaldo resta fino alla fine del contratto e poi via; cessione di Dybala, che è un bel asset e chiede troppi soldi; niente Donnarumma; qualche aggiustamento alla rosa; pensionamento dei vecchi; si punterà allo scudetto, così là gente è contenta. Grazie per avermi fatto sognare, anche se solo per due giorni, di essermi sottratto all’orribile calcio italiano, in mano a presidenti guitti e folcloristici, alle polemiche, ai giornalisti petulanti per un rigore, agli ultras, agli stadi fatiscenti, alle inchieste, alla giustizia (?) sportiva, ai debiti di bilancio per centinaia di milioni. È stato bellissimo, per due giorni
  4. Juventus1977

    CDS Agnelli, intervista esclusiva: "Costretti a cambiare"

    Aspettiamo il colpo d’ala!
  5. Indietro non si torna! Avanti tutta!
  6. Ma che peccato. Grazie, comunque, per avermi fatto sognare per due giorni di fuggire da questo orribile calcio italiano. È stato un bellissimo sogno
  7. Temo che la notizia sia vera perché ormai la riportano tutti. Incredibile, giornata molto movimentata e indimenticabile
  8. È stato bello! Mi sono divertito molto! Solo per un giorno, purtroppo
  9. Ma nemmeno. La UISP, come tutti gli enti di promozione sportiva, è affiliata al CONI e quindi al CIÓ. Tante guerre ha comunque subito la UISP dalle varie federazioni sportive. Ma io dico, ma perché? Chi l’ha detto? Chi l’ha concessa questa esclusiva assoluta sullo sport al CIÓ, CONI, federazioni mondiali, continentali, nazionali (scendendo nella gerarchia)? E soprattutto: ma deve essere sempre così? Non si può cambiare mai? Sempre a loro l’esclusiva assoluta?
  10. Quindi per evitare l’oligopolio, io devo essere costretto a restare per sempre in una associazione. Strana teoria. Andare via non è consentito. Ma in quale altra attività umana c’è una cosa del genere? Nella sanità (molto più importante), c’è? Nei trasporti, c’è? Nella raccolta del risparmio, c’è? Nell’istruzione, c’è?
  11. Eh. Esco totalmente se non mi vuoi. Io vorrei giocare la serie A come prima, perché a vedere bene non cambierebbe nulla, gioco la domenica per te e il mercoledì in Europa, esattamente come prima. L’unica che ci rimette è l’Uefa, gli altri che vogliono? Se mi butti fuori tu, pazienza. Lo hai voluto tu, io la serie a la giocavo
  12. Si questo discorso non l’ho mai capito bene. Quindi, se non ho capito male, fino alla fine del mondo (prevista tra 5 miliardi di anni, quando le terra verrà inghiottita dal sole che diventerà una gigante rossa), io, per giocare devo per forza aderire a CIÒ, FIFA, UEFA e FIGC nell’ordine, sempre e per sempre e sempre solo loro e non altri. Io chiedo: ma perché questa cosa? Chi l’ha detto? Perché è così? Da dove deriva questa esclusiva assoluta? Deriva dal fatto, come dicono molti, che è sempre stato così? Per tradizione? Io non me ne posso andare? Non posso andarmene con un’altra associazione, con altri che la pensano come me, se trovo soldi e sponsor? Ci sarà un sistema per andarsene o no? Fino alla fine dei tempi, quando tornerà l’Altissimo, a giudicare i vivi e i morti, io devo restare con loro? Chiedo eh
  13. Della rinuncia a “almeno una “squadra inglese alla Superlega
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.