Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

provv

Utenti
  • Content count

    1,548
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

2,261 Guru

About provv

  • Rank
    Titolare

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Biglietti
    Nessuno

Recent Profile Visitors

4,781 profile views
  1. provv

    Occhio allo schermo!

    Dunque, mi son preso qualche giorno prima di parlarne, e in effetti non sarà un commento lungo, perché non ho troppo da dire. The Irishman, secondo me, è un gran film. È un testamento, tanto del cinema di Scorsese a tutto tondo, quanto, specificatamente, del genere gangster. Mi è piaciuto un sacco, ci ho pensato e ripensato almeno per i due giorni successivi alla visione, cosa che non mi capita quasi mai. Non è un film alla Goodfellas, non ha picchi altissimi. Non è un film alla Taxi Driver, dove traspare la gioventù di regista e attori. È un film che vive in se stesso, nella placida e sicura tranquillità di un uomo - più uomini, perché il cast è mostruoso - che fa cinema e vive di cinema da 50 anni. Non vuole sbalordire, non ci prova neanche. Vive in 3 ore e mezza di costante grandezza, va per la sua strada, non ammicca allo spettatore, esiste e basta. Lo immagino come il film che Scorsese ha sempre sognato di vedere al cinema da spettatore. Lo rivedrei anche ora, lo avrei rivisto il giorno dopo senza problemi, lo rivedrò sicuramente. Lo guarderò quando vorrò godermi tre ore e mezza di confidenza nei propri mezzi e quieta saggezza. È questo, secondo me, che traspare più di ogni altra cosa. Nessuno prova a strafare, nonostante siano 4 tra gli uomini di cinema più grandi di sempre (De Niro, Al Pacino, Joe Pesci e Scorsese). Hanno raggiunto un'età, una consapevolezza ed una sicurezza tali che ognuno di loro si presta a fare semplicemente il suo nel miglior modo possibile. O almeno, questo è ciò che ha lasciato a me. Dal punto di vista tecnico non dirò nulla, sarebbe più che superfluo. L'unica piccola menzione può esserci per una cgi - che io ho apprezzato e mai trovato fuori luogo - che in alcune sequenze dona a dei personaggi giovani la mobilità di uomini anziani. Nulla di insormontabile, sarebbe stato impossibile altrimenti. Penso che il mondo debba essere grato a Netflix per aver reso possibile The Irishman.
  2. provv

    Occhio allo schermo!

    Visto due giorni fa e non ho parole per descriverlo
  3. provv

    Best XI

    Koulibaly, se dobbiamo parlare di questa stagione, ha 50 difensori prima di lui
  4. Vado controcorrente. Chi ne è rimasto deluso è (anche) perché, complice la scelta probabilmente sbagliata di lanciarlo come "Il film di Breaking Bad", si aspettava altre due ore di Breaking Bad. Ma Breaking Bad è Walter White, prima, Heseinberg dopo. El Camino è Jesse Pinkman, come Better Call Saul è Jimmy McGill e Saul Goodman. Tre prodotti diversi, incentrati su tre personaggi diversi. Superfluo, evitabile, tutti aggettivi che, francamente, lasciano il tempo che trovano. Tutti i prodotti cinematografici sono evitabili, nessuno indispensabile. Per me Matrix si sarebbe potuto fermare al primo capitolo, eppure Reloaded e Revelations sono usciti lo stesso, e a molti son piaciuti, per dire. Ha alcune pecche, come d'altronde le hanno anche alcuni episodi di Breaking Bad, che certamente non mantiene gli stessi livelli di intensità e qualità per tutto l'arco della narrazione, ma accusa anch'esso qualche calo fisiologico. Certamente i cali durante una serie sono più comprensibili e giustificabili, visto che parliamo di un prodotto molto più lungo rispetto ad un film, ma quest'ultimo è evidentemente figlio di tempi di scrittura e lavorazione ristretti, come lo attesta la corporatura di Plemons. Un'idea del perché ce l'ho e riguarda la quinta e conclusiva stagione di BCS, vedremo se avrò ragione. In ogni caso trovo le critiche davvero esagerate, il film è perfettamente godibile, la regia e la fotografia sono ai livelli cui ci ha abituati Gilligan, le interpretazioni eccezionali come ci si aspettava. La storia non è ricca di colpi di scena, d'altronde come avrebbe potuto esserlo visto che un buon 80% dei personaggi principali sono morti o fuggiti? O qualcuno si aspettava che Jesse ricominciasse a cucinare con Skinny Pete e Badger? È la storia di un ragazzo che per anni si è lasciato trasportare dal corso degli eventi, che ne ha subite di ogni, che, una volta ottenuta la libertà, ha come unico scopo quello di fuggire e ricominciare, stavolta con un piglio diverso, la propria vita. Ci viene mostrato questo e ci viene anche concesso di salutare per l'ultima volta alcune colonne portanti della serie, non so cos'altro vi aspettavate francamente.
  5. provv

    Joker (2019)

    Film molto bello, seppur da parte mia non trovo moltissimi legami con Taxi Driver, come invece rilevato da tantissime voci in questi giorni. Comunque gran film e mi duole che pochissimi menzionino la colonna sonora che è straordinaria, al pari dell'interpretazione del protagonista
  6. provv

    Occhio allo schermo!

    Ehi, da quanto! Passo per chiedere se qualcuno ha visto Joker e lo consiglia come un po' tutti. Devo decidere se andare a vederlo o meno
  7. provv

    [VIDEO] Gol di Dybala con l'Argentina vs Cile

    Grande!! Primo gol ufficiale in Nazionale a 25 anni dopo 13 presenze ufficiali e 11 amichevoli!! Predestinato.
  8. Sia chiaro che non è certo il tuo fratellino che decide di andar via dalla Juve. Semmai è la Juve che decide di ridare la dignità perduta alla maglia magica che indossa il caro Paulino. Ma robe da matti, è arrivato il Del Piero argentino, il nuovo Messi
  9. Mi aspettavo il consueto panegirico sul povero Dybaluccio, giocatore di talento mondiale che deve sottostare quotidianamente alle torture di Allegri ed oramai a causa sua è talmente sfiduciato che non azzecca un aggancio neanche a pagarlo. O su Alex Sandro, anch'egli vittima dei soprusi del livornese, che però nei primi due anni ci andava d'amore e d'accordo e giocava alla grande, negli ultimi due invece il Mister chissà che stregoneria redditizia e speculativa gli ha fatto e lo ha imbrocchito di colpo, dal nulla, dalla sera alla mattina, rendendolo il cadavere ambulante che abbiamo osservato nelle ultime due stagioni.
  10. Non sono d'accordo, ma rispetto l'opinione. Per me la precedenza ce l'ha sempre il campo e quindi il mercato dei giocatori. L'allenatore in seconda battuta, specialmente perché non si tratta di un incapace, anzi. La domanda che ti poni è giusta, ma io trovo una risposta opposta alla tua. Ciò che depotenzia la nostra resa offensiva sta proprio nella rosa assemblata in maniera scriteriata, l'incidenza del tecnico è relativa. E non parlo solo del reparto offensivo, ma di tutta la rosa, perché le lacune di ogni settore vanno ad inficiare la buona riuscita e l'efficienza degli altri. Già partendo dall'enorme voragine a destra, quando giocano contemporaneamente Bonucci e Cancelo su quel lato. È evidente che avendo un telepass in quella zona, poi ne risente tutta la squadra. Infatti la prestazione degna di nota è uscita quando si sono presi accorgimenti in tal senso, nella partita più bella della stagione. È facile parlare di volata di entusiasmo che ci ha accompagnato in quella serata, di non avere nulla da perdere, ma anche la preparazione tattica è stata totalmente nuova e fondamentale. Allora o ripartiamo da quella e impostiamo il mercato in tal senso (e quindi Bonucci torna a fare il libero, con Chiellini - non Rugani, per carità, NON Rugani - e qualcun altro ai suoi lati a fargli da chioccia), oppure togliamo uno dei due dal campo e impostiamo il mercato in un'altra direzione. Poi passiamo al centrocampo. Non abbiamo un reparto in grado di gestire il pallone e dominare il possesso, né con le qualità tecniche per trovare l'imbucata per l'attacco, né con quelle fisiche per portare il pallone in conduzione. Allora il reparto offensivo è costretto a collassare indietro, andandosi a prendere il pallone con il Dybala o il Bernardeschi di turno, con il primo che non ha assolutamente la visione di gioco per giocare tra le linee ed il secondo che è un giocatore ancora acerbo, che alterna grandi prestazioni a partite sottotono. Le spiegazioni al perché quest'anno abbiamo giocato così stanno tutte nella rosa, sono evidenti. Guarda caso le nostre migliori prestazioni sono coincise, fa brutto dirlo, con il periodo di gran forma di Bentancur, l'unico giocatore in grado di cambiare le sorti e la resa di questa rosa, perché unico giocatore in grado di aiutare Pjanic nella gestione. Poi lui, che ha 21 anni, si è comprensibilmente preso sei mesi di pausa, Emre Can ha avuto grossi problemi fisici, ed ecco che siamo tornati a giocare "male". Il calcio è semplice, so che questa frase ormai dà l'orticaria, ma è vera. Quando hai i giocatori giusti in forma vai bene, quando non li hai vai male. Quella di quest'anno, complici stati di forma altalenanti, infortuni infiniti e giocatori chiave che si son presi un anno sabbatico, non era nella maniera più assoluta all'altezza di vincere la Champions League. Né con Allegri né con Ferguson né con Lippi.
  11. E sono d'accordo, ma tu pensi in giro non ci siano giocatori in grado di fare quel lavoro E anche di rendere globalmente molto meglio? Cos'ha Dybala, in potenza, più di loro?
  12. Qual è stata l'utilità di Dybala quest'anno?
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.