Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Semper Fideles

Utenti
  • Content count

    1,388
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

851 Eccellente

About Semper Fideles

  • Rank
    L'intelligenza è démodé
  • Birthday June 11

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo

Recent Profile Visitors

5,979 profile views
  1. Esattamente. Per farsi un'altra idea basta guardare anche il docu-film sulla famiglia Agnelli. Con lo scoppio di calciopoli e la retrocessione in B , la loro disperazione riguardava il fatto che il percorso per la terza stella si complicava e che l'inter si poteva avvicinare alla seconda Alla nostra proprietà la Champions non gli è mai importata più di tanto, se la vinci bene, altrimenti chissenefrega. Ed è questo che contribuisce a forgiare il DNA di una squadra, che in molti reputano come una cosa astratta e inesistente. In presidenza abbiamo un Agnelli, come calciatori abbiamo i senatori che hanno fatto loro quel modo di pensare ( prima il campionato, il resto è un di più; il Real è troppo forte, ci sta perdere; col Barça abbiamo il 30% di possibilità; il nostro DNA è vincere 1-0 i 2-0; non siamo il Real ecc...). Si potrà pensare di costruire un qualcosa di diverso con un altra società, altri calciatori e un altro ambiente, ma non è affatto una cosa semplice.
  2. Ho provato anche ad abbozzare altre motivazioni: - L' orgoglio. Operare a gennaio significa ammettere, implicitamente, che in estate non si è lavorato bene. E per questo loro è inaccettabile; - Sono veramente convinti di aver fatto un mercato adeguato in estate ( e qua la gravità aumenta); - Non trovano ( o non sono in grado di trovare) profili adatti a loro ( leggasi calciatori gratis), quindi via con le (patetiche) scuse del " è difficile trovare profili da Juve" ( anche quando bisognerebbe trovare una riserva); " gennaio è il mercato di riparazione e non abbiamo niente da riparare"; ecc.... Le finestre 2016 ( ecatombe di infortuni e riserve mediocri a centrocampo) e 2017 (0 riserve per i 4 in attacco) gridano ancora vendetta.
  3. Secondo me quella partita fu un danno enorme perché instillo, nell'ambiente, l'errata convinzione che giocare propositivi in quel modo portasse a giocare "bene " a discapito della vittoria. Avrebbero dovuto lavorare, piuttosto, sull'essere più precisi e concreti sotto porta e sulle palle inattive ( dato che l'1-2 nasce da un pasticcio in quella situazione). Senza contare,poi, che la rimonta dello United iniziò proprio quando ci abbassammo con l'ingresso di Barzagli: gli eventuali insegnamenti che si potevano ricavare da quella partita, quindi, erano ben altri.
  4. Probabilmente il Bayern ci era superiore, ma nel doppio confronto ce la saremmo giocata alla grande secondo me. Anche per quanto riguarda lo stesso Real, se l'avessimo affrontato in doppia sfida avremmo potuto far di meglio. Di certo l'edizione dell'anno scorso è stata quella meno qualitativa degli ultimi anni ed era un'occasione decisamente ghiotta . Tuttavia, la squadra era in calo( fisico e mentale) vistoso già da Gennaio, credo che ,anche se fossimo passati contro l'Ajax, contro il Liverpool ( un'altra squadra che corre) non credo che avremmo avuto così tante chances. Vedevo la squadra proprio spenta, Allegri e molti uomini cardine in primis.
  5. No, a Berlino giocammo soltanto il quarto d'ora tra il goal di Morata e quello di Suarez + l'arrembaggio finale. Per il resto, nel primo tempo siamo stati presi a pallonate ( Buffon fa un miracolo senza senso su Alves). Dopo il 2-1 abbiamo provato a riacciuffarla ma tutto quello che siamo riusciti a fare è stato un tiro di Tevez in curva e un tiraccio di Pereyra. A Cardiff abbiamo fatto un gran primo tempo ( dove meritavamo di andare in vantaggio, Navas fa una gran parata su Pjanic), ma nel secondo siamo crollati fisicamente ( Allegri sbagliò a non levare Mandzukic e Pjanic infortunati) e mentalmente ( Chiellini non può dirlo, ma secondo me qualcosa nello spogliatoi accadde). Il Real era più fresco ( aveva 2 squadre in pratica, noi i 4 davanti spompatissimi e forte. Non vedo differenze così eclatanti. Su questo sfondi una porta aperta, non mi spiegherò mai questo atteggiamento da snobboni per quella finestra... soprattutto noi che in estate non facciamo proprio mercati completi e sensati :D
  6. Può essere, ma nel computo complessivo delle 2 partite non si può dire che abbiamo faticato Sicuramente al livello del Real no, ma su quello dell'Atletico e del Bayern direi di si, dai. Fortuna in champions e Juventus nella stessa frase? E' un ossimoro
  7. Se ti riferisci al Morata 2014-2015 sono d'accordo. Ma per il Morata 2015-2016 assolutamente no, disputò una stagione mediocre, in cui è stato all'asciutto di goal da Ottobre a Gennaio , disputando partite veramente sottotono, una su tutte la nefasta notte di Siviglia, dove si divorerà 2 goal a porta vuota ( che ci condannarono a pescare il Bayern già agli ottavi). Higuain, in ogni caso, in Champions nel 2016-2017 e nel 2017-2018 si fece valere, con 5 reti per entrambe le stagioni, decidendo la semifinale col Monaco, le importantissime reti contro Olympiacos e Sporting Lisbona ( il primo sbloccò una gara chiusissima, il secondo ci evitò l'Europa League in pratica), oltre al grande apporto agli ottavi contro il Tottenham, con 3 reti e 1 assist. In ogni caso, questo dei paragoni l'ho sempre un giochino un po' stupido , perché non tiene conto di vari fattori, quali i rendimenti nelle varie stagioni, il valore complessivo, le diverse caratteristiche dei calciatori ecc...
  8. Beh a Siviglia faticammo anche perchè avevamo mezza squadra fuori, specie in attacco ( Barzagli, Dybala, Pjaca, Higuain, Benatia), ma, dopo un inizio difficoltoso, vincemmo comunque 1-3 di carattere. Contro il Porto, all'andata, giocammo soltanto noi, visto che i portoghesi hanno catenacciato in maniera invereconda sin da inizio partita ( con l'espulsione di Telles ancora di più), vincendo 0-2. Il ritorno, dopo il goal di Dybala su rigore sul finire del primo tempo, fu quasi una una formalità. Per Monaco ti confondi. I due match del 2014-2015 furono molto tirati. Nell'1-0 a Torino Buffon fu costretto a qualche miracolo e vincemmo grazie ad un rigore generoso ( anche se Raggi andava espulso per fallo da ultimo uomo). Il ritorno lo giocammo col 3-5-2 ( con Licht ed Evra tornanti) e fu un partita indecente. I due match del 2016-2017 furono, invece, vinti agevolmente. 0-2 a Monaco ( l'azione del primo goal è bellissima, il secondo fu una pennellata di Alves) e 2-1 a Torino ( nel primo tempo li massacrammo, meritavamo di stare almeno 3 o 4 a zero. Nel secondo, con la qualificazione in tasca, ci siamo rilassati e abbiamo subito il goal di Mbappè nel finale).
  9. Un po' di revisionismo storico qui? Ti ricordo che, nel percorso ad eliminazione diretta del 2016-2017, abbiamo battuto il Porto senza faticare; arato il Barcellona all'andata e strappato uno 0-0 al Camp Nou subendo poco e niente; battuto agevolmente il Monaco di Mbappè e Bernardo Silva che nel turno precedente aveva eliminato il Manchester City. Seguendo il tuo ragionamento, mi sembra che la finale più " casuale" e col percorso più semplice sia stata quella di Berlino, invece. Il Borussia era in zona retrocessione; il Monaco era più scarso di quello che affrontato nel 2017 ( era passato agli ottavi ai danni dell'Arsenal in maniera rocambolesca) e faticammo veramente da matti per passare ; la semifinale contro il Real fu soffertissima ( l'arrembaggio finale dei madrileni al Bernabeu fu al cardiopalma). Solo il centrocampo. Per il resto: Dani Alves > Lichtsteiner Alex Sandro > Evra Higuain > Morata Gli altri o sono gli stessi ( Buffon, Bonucci, Chiellini) oppure non ci sono i pari ruolo per fare un paragone ( Cuadrado, Mandzukic) Sfatiamo anche il mito delle " riserve migliori"di una stagione rispetto all'altra. La Juventus 2016-2017 aveva riserve migliori in difesa; quella 2014-2015 a centrocampo e in attacco. RISERVE IN DIFESA 2014-2015 Cacerès- Ogbonna-Barzagli- Padoin- De Ceglie 2016-2017 Benatia- Barzagli- Lichtsteiner- Rugani- Evra Non c'è proprio paragone. RISERVE IN ATTACCO 2014-2015 Coman- Llorente- Matri 2016-2017 Pjaca- Kean 14-15 migliore Il fatto è che la rosa 2016-2017 ha gli stessi problemi di quelle successive: assemblata male, inadatta a qualsiasi modulo e con un togli e metti dei titolari. Ma di certo non era scarsa, non raccontiamo fesserie. Inoltre, se a gennaio, avessimo preso delle riserve in attacco ( c'erano ancora 2 settimane di tempo, ma se ne strafregarono), anche le riserve di quel reparto non avrebbero avuto nulla da invidiare a quelle di 2 anni fa. Purtroppo erano troppo impegnati ad anticipare la concorrenza per prendere Rincon già a Gennaio.
  10. Bonucci si appropriò, già dalla primissima giornata, il posto di titolare grazie ai " gradi" nello spogliatoio, non certo per meriti sul campo. Non è che sono stati provati in rotazione nelle prime partite e, in base a ciò, è stata fatta una scelta tecnica. Benatia avrebbe potuto fare anche partite alla Beckenbauer, sempre Bonucci avrebbe giocato ( se disponibile). Mi dispiace dirlo, ma se sono vere le sue dichiarazioni ( con il ritorno di Bonucci avrebbe voluto andarsene, ma fu rassicurato sul fatto che il viterbese avrebbe dovuto conquistarsi il posto) Allegri e la società non ci fanno una bella figura, nonostante sia risaputo che Benatia abbia il carattere " fumantino". Detto questo, trovo comunque ingenerose e un po' superficiali le critiche nei suoi confronti. -Contro il Real Madrid ha giocato una partita sontuosa in marcatura su Ronaldo, con l'unica "pecca" di commettere un intervento ( necessario, se non l'avesse fatto lo spagnolo avrebbe segnato) su Vazquez molto dubbio ( ancora oggi non sappiamo se fosse rigore o meno). Ci sono da considerare, poi, molti fattori, da Alex Sandro che tiene in gioco Ronaldo ( che fa la sponda) a Buffon che sta piantato in area, oltre agli ultimi minuti in cui la squadra era in apnea; - Contro il Napoli è vero, si è perso malamente Koulibaly , ma ,anche in questo caso, non si considera tutto il contorno: prima dell'angolo è stato nettamente il migliore in campo; il corner è causato da una smanacciata di Buffon su un tiro debolissimo di Insigne; giocammo una partita indecente, con 0 tiri in porta : l'intento di strappare un pari fu lampante già dalle prime battute... Ergo,in entrambi i casi, additare lui come un responsabile della mancata rimonta e del quasi sorpasso del Napoli mi sembra veramente eccessivo. Benatia non è certo un difensore costante e qualche cappellata la combina ( ma gli svarioni che ha combinato Bonucci del girone d'andata dell'anno scorso li fa in mezza carriera eh), ma è abile in marcatura, sa giocare con la linea alta e fisicamente si fa sentire. Sono convinto che Allegri avrebbe preferito schierare lui rispetto a Bonucci. E' una mia opinione, so che non saremo d'accordo su questo, ma ci sta, nel calcio tutto è opinabile
  11. Si nel primo anno meritò sicuramente il reinserimento ( però c'è da dire che, se fossimo rimasti col 3-5-2, non sarebbe rientrato comunque); il secondo mica tanto, fu inserito soltanto perché Howedes stette tutta la stagione fuori e De Sciglio era disponibile una partita si e 5 no. Fu provato anche Sturaro come terzino destro per sostituirlo, con risultati disastrosi. Difatti, la stagione 2017-18 di Lichsteiner fu molto mediocre ( basti vedere le frittate che combinò vs Spal, Sassuolo, Atalanta, unite ad altre partitacce), salvata dalle due partite di Champions da te citate ( difatto, il suo canto del cigno). Si questo è anche uno dei motivi della disfatta, ma è di natura prettamente tattica... invece non togliere 2 calciatori infortunati è un errore, oggettivo, di natura gestionale, ben più grave. Al primo, in teoria, puoi trovare contromisure tattiche anche con la stessa disposizione e con gli stessi uomini in campo; al secondo non c'è rimedio. Credo che la scelta di Khedira esuli dall'influenza dei senatori ( al contrario dell'inserimento di Barzagli), perché, se vogliamo, Marchisio era "più senatore " ( passami il termine) rispetto a Sami. Credo semplicemente che Allegri ritenesse il tedesco imprescindibile in quel sistema di gioco perché uno dei pochissimi in rosa a saper giocare nella mediana a 2. A mio parere ,Allegri provò a disgregare la cricca dei senatori, ma alla fine ha dovuto arrendersi anche lui ( Bonucci, appena tornato, si riprende tranquillamente il posto fisso di titolare già dalla prima giornata ai danni di Benatia, conservandolo anche nonostante le cappellate che combinerà per un girone di andata intero e oltre).
  12. Allegri, dal terzo anno in poi, non vedeva proprio di buon occhio Lichtsteiner. I motivi non si conoscono. Per me, probabilmente, ciò fu dovuto al fatto che, nell'estate 2016, lo svizzero spinse pesantemente per andare all'inter, andando in sede con l'agente a fare proposte a mò di ricatto per liberarsi a 0. Fatto sta che fu escluso dalla lista Champions dei gironi sia in quell'annata ( 2016-2017) che in quella successiva ( 2017-2018). Nel 2016-2017 fu ripescato nella lista per la fase ad eliminazione diretta a causa della cessione di Evra e il cambio di modulo ( difatti, con il 3-5-2 iniziale era tagliato fuori, visto che su quella fascia vi erano già Dani Alves e Cuadrado) ; Nella stagione seguente fu inserito, sempre in quella della fase ad eliminazione, al posto di Howedes a causa degli infortuni del tedesco ( e anche quelli di De Sciglio). Detto questo, a mio parere, non fu la scelta del 3-4-1-2 e Barzagli a condannarci, ma altri fattori. -La partita sottotono di quelli che dovevano essere gli uomini chiave : Dybala, Higuain, Bonucci e soprattutto Chiellini. Quest'ultimo penso sia stato il peggiore dei nostri, sul primo goal di Ronaldo è imbarazzante. Barzagli, invece, credo sia stato il meno peggio dei 3 dietro; -il "mistero" di quando successo negli spogliatoi; - una condizione fisica pietosa. Con il passaggio al 4-2-3-1 i ricambi in attacco erano letteralmente inesistenti ( specie dopo l'infortunio di Pjaca), ma in dirigenza, nonostante avessero 2 settimane di tempo a Gennaio per prendere qualche riserva,( magari pure in prestito eh) se ne infischiarono. Di conseguenza, i titolari arrivarono spompatissimi all'evento clou. Il Real, invece, aveva due squadre e stava fisicamente al top, avendo potuto fare tranquillamente turnover; - Real più forte. Questa è una giustificazione in parte, ci sta perdere perché l'avversario era più forte, ma in quella maniera proprio no; - Mentalità negativa e timorosa dei senatori in Champions, specie quando si gioca contro avversari sulla carta più forti ( citofonare Buffon per info); -Infine citerei l'errore più grave che fece davvero Allegri: quello di non togliere gli infortunati Mandzukic e Pjanic già dall'intervallo. La scusa , da lui tirata fuori, del :" non posso già bruciare 2 cambi in una finale all'intervallo" non regge, e fa strano sentirla da un allenatore come lui, di certo non uno sprovveduto. Dentro Cuadrado e Marchisio e 3-4-3 : Buffon Barzagli Bonucci Chiellini Alves Marchisio Khedira Sandro Cuadrado Higuain Dybala cosi, con gli uomini in campo sani, non dico che vinci o te la giochi in automatico, ma perlomeno credo che avremmo potuto seriamente evitare la figuraccia del secondo tempo.
  13. Per come la vedo io, la "mentalità" applicata al calcio è quel modo di concepire, intendere e preparare le partite. Entrando nello specifico nell'ambito champion's, una mentalità vincente aiuta ad approcciarti mentalmente meglio alle partite, ti permette di avere fiducia nei tuoi mezzi e ,tendenzialmente, ti evita paranoie mentali. Una mentalità negativa, invece, provoca paranoie inutili, complessi di inferiorità, maniavantismo e disfattismo nel post-partita: ciò provoca conseguenze negative nel morale della squadra e nell'approccio nella partita. Conte e Buffon sono due maestri di quest'ultima mentalità. Per il primo parlano i fatti, le interviste e i risultati in campo, non c'è bisogno di stare qui a rimarcarlo. Per il secondo avevo già snocciolato in un post alcune suoi disastrosi interventi davanti ai microfoni : - Dopo la debacle di Torino contro il Real nell'andata dei quarti di Champions 2017-2018, il post partita di Buffon è tutto un elogiare Ronaldo, tutto un " mamma quanto è forte il Real " , con tanto di chiusa : "Ora c’è grande rammarico, grande dispiacere: probabilmente non si riuscirà ad andare avanti, ma è anche vero che quando incontri certi avversari è giusto riconoscere che sono semplicemente e oggettivamente più forti”. Queste sono dichiarazioni da perdente e da persona con il complesso di inferiorità. Per fare un esempio, Suarez, dopo il 4-0 subito dal PSG nel 2015-2016 , invece di piangersi addosso, ha caricato la squadra a molla, dicendo che se loro hanno fatto 4 reti le possiamo fare anche noi, il Camp Nou ci darà la spinta,ecc.... La palla è rotonda e può succedere di tutto, non esiste arrendersi mentalmente " perché sono più forti " [cit.]. Non dico di fare gli spacconi, ma nemmeno di fare dichiarazioni così arrendevoli. Il nostro motto non dovrebbe essere " fino alla fine"?; -Nel pre-partita della finale di Berlino del 2015, Buffon si è esibito con un temerario " abbiamo il 30% di possibilità di farcela". Cosa che, ovviamente, ha contribuito a diffondere la tremarella alla squadra ( è il capitano che parla, mica il terzo portiere) , concausa del pavido e difficoltoso primo tempo della finale, in cui il Barcellona ha dominato. Come non citare anche la conferenza pre- Juventus-Bayern del 2015-2016. Cito questo pezzo : " Il nostro obiettivo è andarci a giocare la partita di ritorno con delle possibilità di passare il turno, sarebbe già un qualcosa di gratificante". Insomma, la squadra vice-campione d'Europa in carica ,a detta sua, va in campo per elemosinare un risultato ribaltabile per il ritorno. E, difatti, il primo tempo di quella partita fu un qualcosa di imbarazzante: partimmo paralizzati dalla paura, tutti dietro a difendere, riuscendo ad alzare la testa solo dopo lo 0-2, ossia quando ormai non avevamo più nulla da perdere. Ora, non sto qua a dire che la mentalità , da sola fa vincere le partite, ma scendere in campo senza la tremarella, senza paranoie mentali e con la consapevolezza dei propri mezzi aiuta un sacco.
  14. Ma figurati, a quanto pare è stato proprio Chiellini a spingere maggiormente per il suo ritorno
  15. Semper Fideles

    Le nostre serie tv preferite

    Guarda, nel mio post, per ritmo intendevo lo stile di narrazione e di regia, che non si riferisce propriamente agli eventi messi in scena. Voglio porgere ad esempio (che, in questo caso, calza a pennello) l'ultima serie che ho visto: Twin Peaks. Le prime due stagioni mi sono piaciute tantissimo ( la seconda fino alla 2x09, i motivi sono quelli noti a tutti) , nonostante non sia affatto una serie da sparatorie e azione a tutto spiano. Tuttavia, ritengo la terza ( quella fatta di recente, nel 2017) una delle stagioni più noiose che abbia mai visto e sono stato costretto ad abbandonarla in corsa (in genere, se una serie non mi piace, perlomeno finisco la stagione). Faccio un altro esempio, sebbene si tratti di un anime: Death Note. Non c'è azione a tutto spiano (anzi, direi che è quasi inesistente, puntate finali a parte), ma mi è piaciuto comunque tanto, è uno dei miei anime preferiti. Insomma, per me la serie deve essere, prima di tutto intrattenimento. I virtuosismi registici fini a se stessi ( tipo quelli di Gilligan in Breakin Bad) non mi interessano, nel senso che non guardo un prodotto cinematografico o televisivo per quello. Se la serie ha un significato o un simbolismo di fondo ben venga; ma se si regge soltanto su quello, con la trama che non va a parare da nessuna parte , con scene vuote e con gente che sta muta a guardare il soffitto, me ne sto alla larga ( esempi: la 3x10 di Breaking Bad e, per citare un film, la " Grande Bellezza" di Sorrentino, uno dei film più brutti, pallosi e vuoti che mi sia capitato di vedere).
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.