Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

The Italian Giants

Moderatori
  • Numero contenuti

    3.397
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni con più "mi piace"

    14

L'ultima giornata che The Italian Giants ha vinto risale al 20 Novembre 2017

The Italian Giants ha ottenuto più mi piace in un giorno nei suoi contenuti!

Reputazione Comunità

16.144 Guru

Su The Italian Giants

  • Titolo utente
    Titolare

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Biglietti
    Nessuno
  • Provenienza
    Bari

Visite recenti

36.671 visite nel profilo
  1. The Italian Giants

    [Topic Unico] L'Angolo del Guru

    Se fanno Isco, viste le voci di rinnovo di Mandzukic, mi sa proprio che Dybala saluta.
  2. Ma avevano una quantità spropositata di fantasisti dietro. In ogni caso il calcio già dagli anni 2000 si è evoluto e le big hanno avuto centravanti sempre seconde punte.
  3. Vincendo di tutto e di più in Europa.
  4. Parliamo di tre cannibalizzatori d'area di rigore, fai un po' tu. Se Dybala in qualche modo stai riuscendo ad adattarlo a trequartista, Icardi non credo proprio che puoi metterlo in fascia al servizio di Ronaldo come fa Mandžukić che si scambia continuamente di posizione col portoghese.
  5. Non riuscirebbero a giocare insieme manco tra due vite.
  6. Giocare incosciente contro il Barcellona due anni fa? Sei sicuro di quello che dici? La quantità di uomini offensivi in campo è superflua, conta il modo in cui li metti a giocare. E io ricordo che Cuadrado e Mandžukić facevano praticamente i terzini, Dybala e Higuaín venivano a prendersi palloni dentro la loro metà campo. Dopo il 2-0 facemmo una partita di solo contenimento, al ritorno 90' di difesa e basta. Quella Juve attaccava ma lo faceva con grande equilibrio, tutti stavano dietro la linea della palla e poi si pungeva quando si poteva. Altro che incoscienza. L'approccio tra quelle partite e la finale fu assolutamente identico, con la differenza che col Real non riuscisti ad indirizzare la partita già nel 1T, perché una caratteristica di quella Juve "a 5 stelle" vista da gennaio in poi è che partiva a tutta birra i primi 20-25', riusciva ad andare subito in vantaggio (spesso anche doppio) e poi gestiva solamente fino alla fine. È stato così contro il Barcellona, col Monaco, con la Lazio in finale di C.I, anche a Cardiff la squadra partì in modo molto propositivo ed esercitando forte pressione, ma purtroppo il piano fallì perché spendemmo tutto già nel primo tempo senza essere avanti. La questione Barzagli/Alves è superflua, per certi versi quel cambiamento tattico ci portò anche vantaggi perché il brasiliano avanzato da ala pura riusciva ad essere ancora più devastante e incisivo dello stesso Cuadrado (i due assist al Monaco in semifinale d'andata, il super-gol al ritorno, la rete in finale di C.Italia, all'Atalanta in campionato, tutte giocate decisive effettuate nella nuova posizione, ma questo nessuno lo ricorda mai). Anche a Monaco e Madrid non si è certo vista una Juve offensiva, a Monaco addirittura partimmo con un 4-5-1 e Sandro spostato esterno d'attacco, per dire. Ma fummo sempre corti e compatti, difendevamo in 11 e attaccavamo con criterio. E così pure a Madrid dove è un luogo comune che la Juve dominò, nel 1T era tutto a favore del Real: possesso palla, occasioni, tiri. Ma risultato 0-2. Tutto il contrario dell'andata dove invece fummo quasi solo noi a giocare per un'ora abbondante, ma loro segnavano. A dimostrazione che si guarda troppo il risultato e mai la prestazione, a Torino la Juve sul piano della fluidità di gioco e delle occasioni fu molto più brillante, al ritorno al contrario ha vissuto solo di break.
  7. No, non ha fatto quello che ci si aspettava. Io mi aspetto che se una squadra è la prima forza arriva prima, se è la seconda arriva seconda, se è la terza arriva terza ecc. In campionato lo ha fatto, anche se vincere sempre non è mai scontato anche se hai la squadra più forte, il PSG un anno è inciampato contro il Monaco, il Bayern quest'anno rischia di finire dietro al Dortmund. In Europa ha portato due volte in quattro anni tra le prime due una squadra costruita col nono fatturato europeo. Questo significa fare molto più di quello che ci si aspettava. Perché a lui quando gli hanno preso i Dybala e i Mandzukic gli hanno tolto i Vidal, Tévez e Pirlo; quando gli hanno dato Higuaín e Pjanić gli hanno tolto Pogba; quando gli hanno dato Douglas e Matuidi gli hanno tolto Bonucci e Alves. Il primo vero mercato da Champions, comprando e non vendendo, è stato fatto questa estate. Il primo. E ovviamente pronti a dargli l'ultimatum. Guai se non vince al primo anno in cui ha davvero la squadra per farcela e che comunque non è la sola pretendente ma è assieme ad altre 3-4 squadre. Mi pare giusto. Prendere Ronaldo, se non fosse chiaro, non dà garanzia di nulla in quel senso. La garanzia l'avrebbe data, al massimo, prendere il pacchetto completo del Real.
  8. Eppure ho ancora scolpite le frasi qui dentro dopo un Cesena-Juve 2-2 e un Palermo-Juve 0-1 con eurogol di Morata nel finale, "il Borussia Dortmund ce ne fa mille se giochiamo così". "Contro Klopp non so come possiamo uscirne vivi giocando così" Per non parlare dei vituperi contro Allegri dopo certe sconfitte col Parma ultimo in classifica, pareggi casalinghi contro Sampdoria e Inter, ko nel derby. Oggi si scopre che quella Juve giocava bene.
  9. Col Valencia in difficoltà? Beh sì, tutti vorrebbero andare in difficoltà vincendo due partite (una interamente in 10), facendo tre gol e prendendone zero. Il Tottenham è un tipo di squadra che mette in difficoltà chiunque, lo scorso anno al girone pareggiarono al Bernabeu e rullarono il Madrid a Wembley. Di cosa si parla? Col Real Madrid sotto la gestione-Allegri, a parte la finale dove storicamente abbiamo preso scoppole da chiunque e contro avversari inferiori, mi risulta che in due eliminatorie una volta siamo passati e una volta siamo usciti al 93° con un aggregate di 3-4. Contro la squadra che ha vinto 4 delle ultime 5 Champions. Il Bayern di Ancelotti prima e di Heynckes poi, che aveva un giuoco che forse vi aggrada di più, se ne è uscito due volte su due. Quello di Guardiola, altro vostro idolo, con lo stesso Real andò fuori con un aggregate di 0-5. Zero-cinque. Questi sono fatti. Comunque sulla parte in grassetto, no. Non con un Napoli che fa 90 punti all'anno. Per farne di più, devi essere solido.
  10. Il motivo non lo conosco, so solo però che da anni a questa parte la vince chi ha i valori tecnici migliori, non chi gioca meglio. La Juventus, col suo gioco tanto brutto, se ha fatto due finali evidentemente non è così castrata dalla filosofia dell'allenatore come qualcuno crede. E dirò di più, le finali le ha fatte proprio perché ha mantenuto il suo dna italiano, altrimenti una semifinale come quella col Real nel 2015 o il quarto col Barca nel 2017 non le passavi mai giocando in maniera, per così dire, più "incosciente". L'unico modo per colmare il gap tecnico era metterla su un piano a te più congeniale. A Berlino quando dopo l'1-1 ci siamo montati la testa e abbiamo avuto la presunzione di pensare di poter schiacciare il Barcellona, ci siamo beccati la sonora inc*lata. Pensa te, noi italiani, che in una finale di Coppa Campioni vengono infilati in contropiede da una spagnola. Mondo alla rovescia. Probabilmente allora, in quel frangente delicato di partita, il tanto contestato difensivismo di Allegri sarebbe stato ben più opportuno a trascinarla ai supplementari (già un miracolo per la differenza di valori in campo) e poi si vedeva. Quindi in definitiva in Champions, banalmente, conta avere calciatori forti. Tanti e in ogni reparto. E metterli in campo in modo funzionale anche rispetto alle caratteristiche di chi hai difronte. Poi ci va anche fortuna: se il tuo avversario è più forte probabilmente vincerà in qualunque modo giochi, se invece qualche episodio ti aiuta e tatticamente non fai stupidate, qualche volta magari ti va anche bene come ci è successo.
  11. Tanto il futuro è quello, possiamo rassegnarci. Le maglie da calcio tra dieci anni e forse anche meno saranno come la carrozzeria delle macchine da F1. Mi aspetto oltre alle maniche, doppi e tripli sponsor sia davanti che dietro. E poi anche sui pantaloncini.
  12. Il modo in cui Allegri ha gestito il post Samp-Juve invece è stato esattamente il suo capolavoro e il motivo per cui abbiamo vinto il campionato. La Juventus dello scorso anno i primi mesi era una squadra profondamente instabile, sbilanciata e sfilacciata, vinceva ma prendeva regolarmente 1/2 gol a partita, in Premier avrebbe potuto continuare a giocare in quel modo e vincere, non certo in Serie A dove la mancanza di equilibrio viene punita sempre e a maggior ragione con un avversario come il Napoli dello scorso anno che ti imponeva di non lasciare per strada neanche mezzo punto. E perseverando su quella strada stai pur certo che di Genova ne sarebbero arrivate altre. In quel frangente fu assolutamente fondamentale capire che dovevamo tornare ad essere il prima possibile una squadra sporca, corta, compatta. Il cambio di direzione avvenne proprio alla vigilia di Napoli-Juve che fu la vera partita-svolta per lo scudetto, eravamo a -4 e andando a -7 il Napoli, col ritmo e l'entusiasmo che avevano, non l'avremmo più ripreso. Vincere quella partita fu di una pesantezza inaudita, molto più di Roma e Milano, proprio per il momento della stagione in cui cadeva che sapeva tanto di spartiacque. E fu possibile vincerla solo tornando ad essere la Juve brutta, arcigna, sporca e cattiva di un tempo, la Juve dei primi tre mesi avrebbe perso 3-0. E addio scudetto. Dovete mettervi in testa che c'è un motivo se la Serie A la vince sempre e sistematicamente la squadra con la miglior difesa. Qui non siamo in Inghilterra e nemmeno in Spagna e Francia. Qui i campionati li porti a casa solo con le vittorie sporche, stop. Questo chiaramente se hai una seconda che ti fa 85-90 punti, e da ormai anni Napoli/Roma raggiungono questi punteggi. Se poi la seconda fa 65 punti come in Francia e Germania, amen, allora puoi anche permetterti di trascurare la fase difensiva e dilapidare punti senza correre rischio di perdere il campionato.
  13. Ma veramente si discute un manager top a livello mondiale solo perché alla Ferrari è stato messo in un ruolo in cui non c'entrava beatamente una fava? Per non parlare di chi pensa che avrebbe le stesse mansioni di Marotta, in realtà ormai totalmente inglobate nella figura di Paratici. Agnelli, il vincente, si è praticamente formato sotto Arrivabene, il perdente. Come potenziamento della macchina commerciale sarebbe un grosso colpo, altroché.
  14. The Italian Giants

    Clamoroso Freccero (direttore Rai 2): "La Juve vince perché controlla il Var'"

    Sarà un caso che Freccero fa tanto rima con Ferrero? Si vede che i casi umani hanno tutti uguale desinenza
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.