Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

ArthurLee

Il ricordo dell'Heysel del fotografo Nick Didlick: "Capisco adesso, col senno di poi, che far giocare quella partita fu la decisione migliore in quel momento"

Recommended Posts

Quoto

 

Nick Didlick, che fu candidato al premio Pulitzer per le foto della tragedia dell'Heysel, racconta il dramma vissuto in prima persona nello stadio di Bruxelles per la finale di Coppa dei Campioni del 1985 tra Juventus e Liverpool


"Quel che è successo quel giorno non potrò mai dimenticarlo. Io ero in un punto centrale dello stadio e ricordo una scena che non avevo mai visto in vita mia: due settori pieni di gente allargati così completamente aperti. Poco dopo capii che quel buco tra tifosi inglesi e i tifosi della Juventus c'era perché stava accadendo qualcosa  nello stadio che li spingeva. Ed era qualcosa che spingeva gli italiani in uno stretto, piccolo, angolo fino a pressarli contro la recinzione. Quindi ho iniziato a guardare in quella direzione perché era davvero insolito quando vedi una separazione di quel tipo (sugli spalti). E mi avvicinai, da dentro il campo da gioco, fino a quando il muretto collassò. Era un muretto non particolarmente alto: 3 o 4 metri di altezza, se ricordo bene. Ma quel muretto cadde improvvisamente, schiacciando i tifosi uno sopra l'altro. Ricordo di aver pensato: "Non possono credere che facciano giocare la partita. La gente non sa quello che è successo qui?"
Capisco adesso , col senno di poi, che lo fecero perché non volevano che gli inglesi potessero mischiarsi col resto del pubblico. E probabilmente fu la decisione migliore in quel momento, perché ha consentito a più polizia di entrare nello stadio ed essere preparata per la fine della partita. E questo almeno ha permesso di concludere l'evento abbastanza bene alla fine, proprio per merito di quella decisione di giocare la partita"

 

gazzetta.it

 

 

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tanti, su questa questione, danno aria alla bocca da trentatré anni.
Almeno qualcuno lo fa dopo averci pensato, riflettuto, ponderato, probabilmente senza nessuna bandiera o cappello.

La penso come lui e come lui la pensarono - a buoi scappati - i belgi. E forse anche per questo il conto arriva solo a 39.

Share this post


Link to post
Share on other sites

credo sia un opinione seria e rispettabile, non mi pronuncio sull'accaduto perchè conosco ben poco. Dico solo che su questa tragedia tanti tifosi antijuventini se ne servono vigliaccamente a scopi di tifo, scrivendo le peggiori cose e infangando la memoria di quelle persone che hanno perso la vita e tutti i loro familiari e amici che hanno sofferto e che soffrono ancora oggi per la perdita dei loro cari... che gente vigliacca. Ogni volta che discuto della Juve europea con altri tifosi mi tirano fuori quasi sempre l'Haysel, sempre in termini negativi, si servono di quella tragedia in maniera vergognosa, senza un minimo di rispetto per le vittime.

  • Mi Piace 2
  • Triste 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Roland Deschain ha scritto:

Avrei tante cose da dire sulla polizia belga al tempo, ma taccio per decenza e carità.

erano bellissimi a cavallo sulla pista di atletica. Belli proprio. Dopo mezz'ora dall'accaduto, si bullavano.

Tralascio quello che successe nel parco dell'Atomium.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 minuti fa, axpart ha scritto:

erano bellissimi a cavallo sulla pista di atletica. Belli proprio. Dopo mezz'ora dall'accaduto, si bullavano.

Tralascio quello che successe nel parco dell'Atomium.

 

ma ste cose non succedevano solo in ItaGlia???uum

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il maggiore responsabile di questa assurda tragedia è l’uefa uno stadio vecchio e fatiscente non può essere reso idoneo per una finale di coppa dei campioni, poi la gestione assurda dei biglietti che ha fatto si che una parte dei tifosi italiani sia stata sistemata al fianco del settore riservato agli  inglesi .

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
38 minuti fa, axpart ha scritto:

erano bellissimi a cavallo sulla pista di atletica. Belli proprio. Dopo mezz'ora dall'accaduto, si bullavano.

Tralascio quello che successe nel parco dell'Atomium.

 

Hai voglia di raccontare cosa successe al parco? Ho letto qualcosa su forum non juventini ma non so se sono cahate oppure no 

Share this post


Link to post
Share on other sites

E c'è ancora chi sostiene che quella coppa non la meritassimo, carne da macello ci hanno considerati tutti, dalla polizia belga, alla Uefa, chi doveva coordinare i soccorsi, i media italiani perfino qualcuno che ha giocato quella finale maledetta. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, axpart said:

erano bellissimi a cavallo sulla pista di atletica. Belli proprio. Dopo mezz'ora dall'accaduto, si bullavano.

Tralascio quello che successe nel parco dell'Atomium.

Mi accodo alla richiesta di @Elemento chiedendoti gentilmente se puoi approfondire.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che la partita volesse giocata lo credo e mi fido di quanto ha dichiarato Mariella Scirea per bocca di Gaetano come testimonia Buffa in quelle due splendide puntate dedicate al Nostro Capitano, i tifosi dovevano stare dentro lo stadio, se fossero usciti impreparate come erano le forze di polizia belghe sarebbe successo ben di peggio. Quella coppa è dei nostri tifosi che purtroppo non ci sono più.

Share this post


Link to post
Share on other sites

No ma da 34 anni l'unica cosa che interessa discutere in Italia è che "la coppa va restituita"oppure "vergogna per l'esultanza di Platini e soci" sia mai che venga in mente a qualcuno di capire che la partita andasse giocata per forza, che fu partita vera (ripetuto da quelli del a liverpool più volte), che gli hooligans erano degli assassini e che la Uefa e la polizia belga sbagliarono tutto.

Spesso sento dire anche da diversi juventini che quella partita fu solo una farsa, vuol dire che i media hanno ottenuto quello che volevano......

  • Mi Piace 6

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, axpart ha scritto:

erano bellissimi a cavallo sulla pista di atletica. Belli proprio. Dopo mezz'ora dall'accaduto, si bullavano.

Tralascio quello che successe nel parco dell'Atomium.

 

mi piacerebbe sentire invece cosa accadde lassù in quel parco, se ti va ti leggerei molto volentieri. un saluto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sventolare indegnamente questa tragedia nazionale solo per poter affermare divertiti che in realtà la Juve ha vinto una sola Coppa dei Campioni è l'emblema di quanto sia diventato pateticamente squallido l'essere umano...

  • Mi Piace 1
  • Grazie 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 minuti fa, undici ha scritto:

 

Pazzesche queste riprese.

I primi fotogrammi fanno venire una rabbia atroce...quei pagliacci a cavallo inviati sul campo a tragedia già consumata. 

Autorità di polizia e UEFA furono responsabili di 39 morti. 

Più tardi o domani guarderò il video per intero. 

Con tristezza e rabbia, ma lo guarderò. 

Ne avevo visti tanti, questo mai. 

Grazie per averlo condiviso. 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ormai lo sanno anche i muri che in questi casi le partite vanno fatte giocare , lo hanno detto decine di questori etc etc etc ma solo con noi i vigliacchi vengono a fare la "morale".

E quando qualcuno prova a dire una scemenza tipo " restituite la coppa" " e' stata una farsa" etc. Io rispondo che devono solo tacere perché quella coppa E' DEI nostri 39 angeli e non gliela toglie nessuno! 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ancor oggi penso che se non si fosse giocata la gara i morti sarebbero stati 390 e non 39.

Come ho detto in altre occasioni, io ero lì in mezzo agli ultras juventini nella curva opposta al settore Z.  Per tutta la durata della partita, anzi per tutto il tempo che rimanemmo all’interno di quella fogna a cielo aperto (circa sei ore),  le autorità di PS ci nascosero la gravità dell’accaduto e dai settori  M e N, dove eravamo, le immagini arrivavano confuse. Durante il gioco si sparse la voce che era morto un ragazzo, e soltanto una volta fuori lo stadio conoscemmo la portata della tragedia. In quel momento un senso di rabbia e impotenza si impadronì delle nostre azioni. Non vi fu la caccia all’inglese soltanto perché eravamo sfiniti, distrutti, annientati dal dolore. Fu tutto un delirio che avrebbe avuto conseguenze ben più gravi se la partita non si fosse giocata e, sebbene le immagini siano ormai sfocate dal tempo, il solo pensiero di quanto vissuto mi annebbia la vista e mi toglie il respiro.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.