Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

stewie B e W

Utenti
  • Content count

    3,138
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

stewie B e W last won the day on February 26 2018

stewie B e W had the most liked content!

Community Reputation

4,000 Guru

About stewie B e W

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo

Contatti

  • Sito web
    http://

Recent Profile Visitors

14,321 profile views
  1. Ma vuoi andare pure tu fuori dallo stadio cel Chelsea? Non ho capito
  2. Era dei tifosi anche quando, per esempio, cambiavate le date delle partite per disputare la super coppa nel medio oriente? Chiedo.
  3. No no spiegamelo ti prego, sono sempre pronto ad imparare. Perché il mercato lo fa chi compra e non chi vende? E allora perché non vi siete lamentati quando hanno abolito la vecchia coppa campioni?
  4. Veramente il mercato lo fa sia chi compra che chi vende, credo da sempre Ammazza oh quante se ne leggono, si attenta anche alla legge della domanda e dell’offerta pur di farsi ragione
  5. Il sapientino con il ditino credo lo faccia chi definisce Agnelli un bimbominkia, insieme al gregge che gli va dietro. Perché quello che scrivo non sarebbe vero per la Juve? Per una società che è si piena di debiti ma che ha riqualificato l’area di un’intera città con stadio, hotel, sede, centro sportivo, medico, e chi più ne ha più ne metta il mio discorso non vale? Una società che non ha debiti è una società FERMA. E infatti in Italia chi è che non ne ha? Il Napoli, che non ha neanche una sede sociale e a settembre non aveva neanche un hotel per rispettare il protocollo covid. Tsk.
  6. No invece, perché lo scudetto non lo vinci comunque. A meno che la parola “vincente” non significhi altro.
  7. Lo dico e lo ripeto anche a te: non è detto che una società con dei debiti sia “non sana”, ed è altrettanto errato affermare il principio generale secondo il quale una società senza debiti sia “sana”. Stai smaniando da non so quanto per affermare di fatto il nulla. Il problema della Juve, che fa come il criceto sulla ruota dici tu, è stato proprio il fair play finanziario, che l’ha “costretta” a inventare plusvalenze farlocche anche solo banalmente per potersi iscrivere ai campionati. Le società che hanno creato la superlega erano destinate a fallire con le idee della uefa, dovendo sostenere costi sempre più alti cercando di seguire delle regole (vedi fair play finanziario) scritte da chi non aveva probabilmente la minima idea di che cosa si stesse parlando. Perché fidati che de quelle regole le avesse scritte una persona capace, non ci sarebbe mai stata la possibilità di aggirarle scambiando Pjanic con Arthur valutandoli 80 milioni.
  8. Dire che una società con debiti non sia sana è altrettanto errato. Non serve atteggiarsi se non si ha la minima idea di cosa si stia parlando.
  9. Partiamo da un presupposto. Quando ho letto di sei club inglesi coinvolti, sono rimasto basito, a dir poco. Pensa che io credevo che la superlega fosse una reazione degli altri club europei allo strapotere economico della premier, e mi ero fatta un’idea sulla faccenda, poi vengo a sapere delle 6 società inglesi coinvolte (il che vuol dire che il progetto è inglese in pratica, c’è poco da fare). La reazione così veemente dell’UEFA e delle istituzioni mi porta a concludere che non abbiano tutti i torti, se questi sono i soggetti con cui si devono confrontare quotidianamente. Non c’è chiaramente dialogo, l’Uefa vuole solo continuare a farla da padrona, minacciando fantomatiche squalifiche ed esclusioni. Quanto all’opinione pubblica inglese, credo che non potrebbero essere più incoerenti di così. Sono stati lungimiranti nel compiere riforme mirate e nell’introdurre un modo di fare calcio molto “spettacolare” (passami il termine, mi riferisco al contesto, stadi impeccabili, atmosfera fantastica ecc ecc). Conseguentemente, hanno attirato un numero enorme di investitori dall’estero che li hanno portati ad essere quello che sono ora, vale a dire il campionato più bello, ambito è competitivo. Il calcio romantico di cui parlano i tifosi della premier non esiste da un po’, non certo dall’istituzione di sta benedetta superlega. Chiudo con una piccola frase riguardo alle minacce di Johnson: se lo facesse, sarebbe una vergogna a cui non voglio neanche pensare.
  10. Un governo che si intromette con questa aggressività nelle scelte lecite di un’azienda è una cosa preoccupante. E qui devo leggere post di utenti tronfi perché Johnson minaccia di togliere il visto ai giocatori. Questa si che sarebbe una vergogna.
  11. Da far venire i brividi. Sarebbe una vergogna, altroché superlega. Stanno usando ogni mezzo, se addirittura scende in campo la politica con così tanta aggressività inizio a spaventarmi sul serio, e non di certo per un torneo tra una dozzina di squadre.
  12. Non esiste, nel mondo occidentale (purtroppo o per fortuna non sta a me dirlo), un governo con la possibilità di sanzionare qualcuno che desideri fare libera impresa. Quanto alla riunione dei capitani, staremo a vedere. Fino ad ora hanno minacciato sanzioni, esclusioni, dimissioni e hanno tenuto non so quante riunioni: non hanno dato seguito a nessuna minaccia. Sarei accorto a dire che “si va verso il nulla di fatto”, anche considerato il fatto che fino ad ora le uniche decisioni ufficiali sono arrivate dagli scissionisti e l’unica risposta della UEFA è stata quella di annunciare una Champions League (dal 2024) che di sportivo e meritocratico ha ben poco.
  13. Organizziamo un torneo del Piemonte allora, così lo vinciamo ogni anno.
  14. Si parla di un premio di solidarietà dalla superlega che sarà addirittura superiore. Chi è contrario a quest’idea a priori non sta difendendo il calcio, sta difendendo l’Uefa.
  15. Lascia perdere le società di inizio anni 2000, con i crac di Cirio e Parmalat che hanno rovinato non so quanto risparmiatori. Quella è un’altra roba.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.