Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

  • Annunci

    • VS Info

      Nuova versione VecchiaSignora.com: nuovo login e nuove funzioni   10/01/2018

      Benvenuti nella nuova versione di VecchiaSignora.com. L'aggiornamento all'ultima versione disponibile vi permetterà un'esperienza d'uso moderna e velocizzata dei contenuti del forum. Abbiamo così deciso di raccogliere alcune delle nuove funzioni a vostra disposizione.   Nuovo login In questa nuova versione del forum non esistono più gli username ma soltanto i nomi visualizzati. Questo significa che per effettuare l'accesso al forum il nome utente che dovete utilizzare è quello che vedete accanto ai vostri post! Ovviamente resta invariata la vostra password d'accesso           Nuova modalità provvedimenti Modalità provvedimenti completamente rivoluzionata. È presente una lista di infrazioni standard alla quale corrisponderà un punteggio di provvedimento. Raggiunti i 10 punti di provvedimento il ban è automatico e irreversibile. Ogni punto di provvedimento può avere una sua scadenza. Indipendentemente dall'entità del provvedimento, l'utente sanzionato sarà obbligato ad accettare il provvedimento ricevuto prima di poter di nuovo interagire nel forum     Per uniformare le vecchie sanzioni alle nuove abbiamo deciso di resettare tutte le barre dei provvedimenti. Si riparte tutti da zero qui, ferme restando le sospensioni e i ban già assegnati.     Citazioni parziali Tra le nuove funzioni di questa versione del forum una della più utili sarà sicuramente quella che permette di citare soltanto una parte selezionata di un post. Basta soltanto selezionare il testo al quale si vuole rispondere e poi cliccare su "cita questa parte"         Menzioni dirette Altra utilissima funzione del nuovo forum sarà sicuramente la menzione diretta; all'interno di un post è sufficiente digitare la @ e poi il nome dell'utente, scegliendo dal menu a cascata, per far apparire una menzione diretta. L'utente menzionato riceverà una notifica.       Emoticon istantanee L'istantaneità di utilizzo di questa nuova versione del forum è palese anche nell'inserimento delle emoticon nei messaggi: basta digitare il codice relativo e verrà immediatamente visualizzata la relativa emoticon durante la composizione del messaggio
          Inserimento media   L'inserimento di un media non è mai stato così istantaneo. Basterà solo incollare il relativo link nell'editor per veder comparire immediatamente il contenuto che si vuole inserire nel post. Questa funzione permette così la visualizzazione istantanea di foto, video, tweet, post di Facebook, altri topic del forum e molto altro!
            Queste e molte altre sono le nuove funzioni del forum. Non vi resta che provarle e iniziare a postare! Usate questa discussione per commentare la nuova versione del forum!

perfX

Utenti
  • Numero contenuti

    1.090
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Comunità

2.023 Guru

5 follower

Su perfX

  • Titolo utente
    Titolare

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    Riccione

Visite recenti

5.768 visite nel profilo
  1. Occhio allo schermo!

    Prosegue la scoperta di Michalkov. Oci ciorne, 1987: Siamo ai primi del '900, un uomo, Mastroianni, incontra su di una nave un viaggiatore russo. Il fatto che il viaggiatore sia russo porta il protagonista a raccontare la sua vita, che si vedrà è molto legata con la russia. Come i due nella scena iniziale, la produzione è italo-russa. Dagli attori, con un Mastroianni che recita sé stesso ma efficacemente, ai tecnici c'è questo felice connubio tra due paesi dove è nato molto del cinema più alto. Il film è una riuscita commedia romantica, come i precedenti film di cui ho parlato la sceneggiatura si basa su racconti di autori russi, in questo caso Cechov. Sempre classico di Michalkov è l'ambientazione tra XIX e inizio XX secolo. La regia, per certi versi più dosata e matura, regala scene molto belle visivamente. Se il tono da commedia regge per l'intero film, è però nel finale che il registro muta per giungere a un finale di alto livello sul piano sentimentale e, volendo, pedagogico. Inoltre ho iniziato a vedere le Elegie di Sokurov. E' un genere che per farla breve sta a metà tra il documentario e il mediometraggio. Ogni Elegia ha un tema e ne ha fatte parecchie. Dico solo che è molto affascinante il modo in cui Sokurov riesce a passare dal piano lirico, personale, a quello epico, universale. Poi lo scorso lunedì ho visto al cinema il documentario La lucida follia di Marco Ferreri. Il documentario ripercorre i tratti salienti di questo autore così inafferrabile e di difficile inquadramento e sopratutto dimenticato come sottolinea la regista del documentario Anselma Dell'Olio, che era in sala. A parte il documentario, ricco di testimonianze e mai noioso, che prima o poi dovrebbe passare su Sky arte vi riporto un paio di cose dette dalla regista-critica. Un questione interessante che ha sollevato è di come i film migliori nascano nei luoghi dove la società è in qualche forma fervente, in cambiamento o tensione. Ecco perché, a prescindere dal singolo regista, consiglia oggi di non perdersi un film israeliano o rumeno. Ed ecco perché il cinema italiano di ieri era così vivace e ricco di nomi interessanti e diversi, mentre oggi è piatto come la cultura italiana in generale. Però ci sono le eccezioni, e ne trova una in Gatta cenerentola che consiglia vivamente, tra l'altro era accompagnata quella sera da una delle produttrici del cartone. Sopratutto una cosa mi piace sottolineare: in sala, durante il documentario, che avrà visto non so quante volte, si è fermata a vederlo, e non è banale. E per il fatto che era seduta nella fila dietro la mia era un piacere sentirla ridere per gli spezzoni di film o dichiarazioni, o come ci teneva a dare alla sua accompagnatrice, quella di Gatta cenerentola, piccole delucidazioni su quanto veniva trasmesso. Insomma si sentiva l'amore per quanto fatto, per il cinema e per Ferreri. Ultima cosa: The party, di Sally Potter, 2017. Una donna, che riceve un incarico di prestigio nel suo partito, decide di dare una piccola festicciola, the party, in casa propria. Si tratta di un classico kammerspiel, un'ora abbondante in cui nessun minuto è sprecato. Bianconero luminosissimo che dà quasi colore, camera a mano ben dosata. Il film lo aspettavo dalla berlinale dello scorso anno, meglio di quanto mi aspettassi. Gioiello che non può non ricordare Carnage di Polanski, le battute si susseguono l'una dopo l'altra come pop corn e tu non vedi l'ora della prossima stilettata o colpo di scena. Bravissimi gli attori e bravissima la regista sceneggiatrice. Da non perdere. E da non perdere sono moltissimi film da qui alle prossime settimane: Del Toro, The Florida project, il mio P.T. Anderson, The disaster artist, Lady bird, il nuovo di Polanski... Chiedo tregua.
  2. Per me, a vederla da fuori, è più lui che per x ragioni vuole andarsene. Altrimenti non avrebbe mai fatto scrivere una cosa del genere alla moglie, non è stupido e sa come funziona la Juventus. Ricordarsi di Bonucci.
  3. Ma ti pare, scherzavo non pensavo la prendessi sul serio.
  4. [Live] Torino - Juventus 0-1

    Più facile che tolga Alex, ma il tridente farebbe godere un bel po'.
  5. [Live] Torino - Juventus 0-1

    Partita che poteva risultare maledetta, ma sono stati bravi a farla svoltare. La squadra ha carattere, ora non dobbiamo mollare la presa.
  6. [Live] Torino - Juventus 0-1

    Mettiamo ordine in città. Forza ragazzi e forza Juve!
  7. @Anastasi65 verrà citato per violazione del diritto d'autore, gli altri tutti bravi.
  8. Occhio allo schermo!

    Esatto, molto sognatore... E sottoscrivo Alassandro29, cosa importa di Wes, che ha comunque dei bei capelli, dopo aver visto Elle?
  9. Occhio allo schermo!

    Rischiavamo di incontrarci, ma alla fine ho deciso di aspettarla in albergo.
  10. La competitiva formazione, al netto di tutti gli assenti, è prova dell'ottima rosa costruita.
  11. Occhio allo schermo!

    Un po' di cose sparse: Di Tarkovskij: Gli assassini, 1956: Un corto basato su un racconto di Hemingway, cosa non banale nell'urss dell'epoca, è una sorta di thriller ambientato in due ambienti. La regia è condivisa con i compagni di corso all'VGIK Bejku e Gordon. Per completisti. Non cadranno foglie questa sera, 1959: Film girato assieme al compagno di studi Gordon, è un thriller che racconta in meno di un'ora il ritrovamento in una città di residuati bellici e il problema di disinnescarli. Parla di come la vita sia appesa ad un filo. Sembra più che altro un esercizio sulla tensione e la suspense. Forse, ragionando a posteriori, si può ritrovare qualche immagine che poi diventerà classica di Tarkovskij. Di Nikita Michalkov: Ho iniziato a conoscere questo importante regista russo, più avanti guarderò anche le opere più famose. Partitura incompleta per pianola meccanica, 1977: Il film è basato su un racconto di Cechov ma non posso dire quanto sia fedele. Nella russia della belle epoque una famiglia nella propria dacia è occupata in un dolce far niente. Con l'andare del pomeriggio verranno raggiunti da altri amici e parenti. Così, completato il quadro, si va a formare una sorta di kammerspiel morale su vizi e sentimenti degli uomini. La sceneggiatura regge bene la durata e la regia è decisamente affascinante grazie a scelte per nulla banali nella luce e per movimenti inaspettati. Alcuni giorni di vita di I.I. Oblomov, 1980: basato sull'omonimo romanzo di Goncarov racconta la situazione di Oblomov. Il protagonista è un piccolo benestante grazie ai possedimenti ereditati in campagna, ma la sua fortuna sta via via esaurendosi al pari della sua voglia di compiere qualsiasi azione. E' un uomo ormai chiuso nella sua noia e che lascia che ogni cosa gli accada subendola. Il racconto è anche un grande affresco della Russia, con i tipi che la abitano e le piccole manie dell'alto ceto. Il film, nonostante dei buoni momenti, subisce troppo la sua origine letteraria diventando verboso e forse poteva tagliare qualche minuto. In ogni caso la regia esegue bene il suo compito andando a raccontare con sicurezza sia interni che esterni. Da notare una scena che per dinamica e ambientazione scelta è identica ad una presente in Partitura incompleta... Poi domenica scorsa ho partecipato a un Tutto Vigo: quindi L'atalante, Zero in condotta, A proposito di Nizza e Taris, o del nuoto. Dei primi due ho già detto, aggiungo solo che più li si vede più sono belli. L'atalante è un film che fa bene all'animo guardarlo. Gli altri due per me inediti. A proposito di Nizza, 1930: è un mediometraggio che racconta la vita della città mediterranea. Si fa vedere molto bene, è co-firmato alla regia da Boris Kaufaman, che è il direttore della fotografia dei lavori successivi di Vigo, e che lascia decisamente la sua impronta in questo mediometraggio. Infatti non può non saltare all'occhio la somiglianza con il celebre film L'uomo con la macchina da presa di Vertov. Ma Vertov è uno pseudonimo, il suo vero nome è Kaufam, David, fratello maggiore di Boris. Ecco che anche il cinema francese è debitore di quello d'avanguardia sovietico... Taris, o del nuoto, 1931: Un corto mezzo divulgativo sul nuoto mezzo celebrativo del campione Taris, una sorta di Pellegrini francese. Non sarebbe nulla di eccezionale se non ci fosse una scena straordinaria: Taris che nel fondo vasca si destreggia ed è inquadrato da Kaufman-Vigo, e questa scena non è altro che la prova generale per quella scena iconica della cinematografia mondiale che si trova ne L'atalante. In somma grazie a questo piccolissimo corto nato con poche pretese si ha un contributo fondamentale per un capolavoro come pochi. Una sorpresa.
  12. Fiorentina - Juventus 0-2, commenti post partita

    Abbiamo una squadra fortissima. Anche questa sera una goduria nonostante la faticaccia.
×