Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Deborah J

Le parole di Agnelli sono arrivate in tempo reale in Italia, producendo reazioni. La Juve ha spiegato che non c’era volontà di denigrare l'Atalanta. Il chiarimento del presidente

Recommended Posts

26 minuti fa, SuperEagle ha scritto:

Chiudo dicendo che il mio “povero” Napoli ha lo stesso palmares europeo di Manchester City e P.S.G., e che quando al San Paolo evoluiva Maradona e si vincevano scudetti nel campionato più competitivo del mondo, queste ultime squadre galleggiavano nell’anonimato più totale in tornei mediocri ed obsoleti

Ma infatti i grandi club storici hanno fatto introdurre il FPF per limitare questo... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, actarus ha scritto:

ono perfettamente d'accordo con te.

Quello che agnelli vuole è la libertà per i grossi club di sbagliare

 

Quindi campare di "rendita" per la storia passata? 
Io non sono d'accordo. Dato che ci sono milioni in ballo, è d'obbligo ogni anno stare sempre sul pezzo.... se un annata la toppi, riparti dal basso e provi a risalire (noi s'è fatto pena per 2 anni..). Il Milan ha investito una marea sul mercato (quindi non è un problema di FFP), ma ha toppato gran parte degli acquisti. Perché il Milan, dopo anni di errori, dovrebbe di diritto superare quanto invece di buono fatta  dall'Atalanta? (e potrei citare anche la Lazio). L'Atalanta è una splendida squadra che se in questi anni è riuscita ad affermarsi anche in Europa, è merito di una pianificazione. Riuscissero a trattenere i giocatori chiave, ed ad investire i nuovi soldi in prospetti futuri, continuerebbero ad allungare la loro serie positive. Io mi auguro che ciò avvenga. 

Non sa di nulla che la Juve, per diritto "storico", debba competere sempre con i big club europei. E' giusto che queste sfide siano dovute alla conquista, precedente, sul territorio nazionale 

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, The pretender ha scritto:

 

Quindi campare di "rendita" per la storia passata? 
Io non sono d'accordo. Dato che ci sono milioni in ballo, è d'obbligo ogni anno stare sempre sul pezzo.... se un annata la toppi, riparti dal basso e provi a risalire (noi s'è fatto pena per 2 anni..). Il Milan ha investito una marea sul mercato (quindi non è un problema di FFP), ma ha toppato gran parte degli acquisti. Perché il Milan, dopo anni di errori, dovrebbe di diritto superare quanto invece di buono fatta  dall'Atalanta? (e potrei citare anche la Lazio). L'Atalanta è una splendida squadra che se in questi anni è riuscita ad affermarsi anche in Europa, è merito di una pianificazione. Riuscissero a trattenere i giocatori chiave, ed ad investire i nuovi soldi in prospetti futuri, continuerebbero ad allungare la loro serie positive. Io mi auguro che ciò avvenga. 

Non sa di nulla che la Juve, per diritto "storico", debba competere sempre con i big club europei. E' giusto che queste sfide siano dovute alla conquista, precedente, sul territorio nazionale 

Ma guarda che io sono perfettamente d'accordo con te: io non sono d'accordo su nessuna delle decisioni prese da agnelli negli ultimi tre anni.

La sua attività nell'ECA fin'ora ha solo permesso all'inter di emergere perchè negli ultimi 2 campionati è finita quarta e non sarebbe stato certo che avrebbe potuto partecipare a due champions consecutive.

 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, actarus ha scritto:

Ma guarda che io sono perfettamente d'accordo con te: io non sono d'accordo su nessuna delle decisioni prese da agnelli negli ultimi tre anni.

La sua attività nell'ECA fin'ora ha solo permesso all'inter di emergere percentuale negli ultimi 2 campionati è finita quarta e non sarebbe certo avrebbe potuto partecipare a due champions consecutive.

 

Sisi, la mia risposta era più una riflessione su quanto dichiarato dal nostro Presidente... non una risposta a te nello specifico .ok 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, SuperEagle ha scritto:

Vorrei ricordare la vicenda del Leicester, che ha avuto vastissima eco a livello mondiale, tutti seguivano le Foxes, in Italia ci aprivano i notiziari sportivi negli ultimi mesi, addirittura.

E comunque si sta parlando di una squadra che, dal lottare per la salvezza, ha poi proseguito un percorso di crescita e adesso viaggia tranquilla al terzo posto davanti a Tottenham, Man Utd, Chelsea e Arsenal. E ha anche ottimi mezzi finanziari.

A livello mondiale bisogna evitare i Real Madrid - Spal 6-0, non i Real Madrid - Atalanta con l’Atalanta che gliele va a suonare perché (per ipotesi) ha grandi giocatori.

Per fare ciò hai due strade: o allarghi la base di competitività, come accade in Premier e in Liga, distribuendo meglio le risorse e “aprendo” le porte a chi merita sul campo, o la restringi creando un nucleo di Superteam che, ogni anno, si scambiano sempre gli stessi calciatori a prezzi sempre crescenti per farli esibire nelle grandi e ricche città, tipo le tournée degli artisti.

La prima soluzione intercetta i sogni, la dimensione popolare del calcio, la voglia di fare; la seconda, va nella direzione in cui si dirige il mondo di oggi, con pochissimi a spartirsi le maggiori ricchezze e moltissimi ad annaspare senza speranza di scalata sociale, economica, professionale.

Chiudo dicendo che il mio “povero” Napoli ha lo stesso palmares europeo di Manchester City e P.S.G., e che quando al San Paolo evoluiva Maradona e si vincevano scudetti nel campionato più competitivo del mondo, queste ultime squadre galleggiavano nell’anonimato più totale in tornei mediocri ed obsoleti.

Cosi, giusto per interrogarci su cosa è una “tradizione sportiva”.

Ma guarda, che non è affatto chiaro, perlomeno da parte mia, di quale dovrebbe essere il criterio di ammissione delle "supersquadre".

Roma e Napoli ci stanno dentro ? O ci stanno Inter e Milan con i loro stenti degli ultimi anni ?

La cosa sicura è che il mandato di Agnelli all' ECA è proprio di lavorare in tal senso, per cui non è da stupirsi che, davanti a loro, stesse parlando proprio di quell'argomento...

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, YUMA ha scritto:

mamma mia che terremoto hanno provocao le parole di A.A., oggi ho letto qualcuno che come al solito mette di mezzo sempre la FIAT, il male assoluto dell'ITALIA, va be'

passera' anche sta buriana.

 

P.S. ma il tanto decantato Percassi i dinee' come li ha fatti?profumi,belletti e magliette di BEN…..ON

Si il terremoto social....sui quotidiani e sui media di massa si parla già d'altro

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Street Spirit ha scritto:

Ho capito, ma adesso evidentemente, come presidente dell'ECA, si fa portavoce di altre "esigenze" che prima non avevano considerato e della quali stanno discutendo, non avendo fatto nessun tipo di prposta concreta all'UEFA.

Per quanto riguarda il cambiamento dei criteri, voglio dire, nel tempo sono cambiati più volte, quindi io francamente non ci vedrei nulla di strano a patto che, ovviamente, rimangano puramente in ambito meritocratico spostando solo l'orizzonte di osservazione e considerando meriti sportivi

È questo il punto. Vogliono togliere la meritocrazia almeno ai Top Club. Poi mi domando con quale passione i pochi favorevoli di questo forum seguirebbero questo sport.. Ok 6 sempre in Champions ogni anno per diritto divino...mah

Aa l avrei visto alla grande in Fiat non alla Juve. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 minuti fa, Jugovic83 ha scritto:

È questo il punto. Vogliono togliere la meritocrazia almeno ai Top Club. Poi mi domando con quale passione i pochi favorevoli di questo forum seguirebbero questo sport.. Ok 6 sempre in Champions ogni anno per diritto divino...mah

Aa l avrei visto alla grande in Fiat non alla Juve. 

Non credo. O meglio penso che il discorso sia su 2 piani diversi....cioè se facessero la cosiddetta "superlega" si, ma io non credo concretamente si possa fare o si farà, almeno nell'immediato.

Se parliamo invece di Champions League, il discorso è diverso. Non credo che le proposte dell'ECA possano essere di quel tenore li e, comunque, penso sarebbe poi l'UEFA a doverle accettare e non lo farebbe mai (la SUPELEGA sarebbe invece un circuito indipendente dove farebbero un pò come vogliono ma, ripeto, il discorso fatto AA riguardava la champions league)

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, Alieno Bianconero ha scritto:

Capire un'idea e il suo perché e poi condividerla non sono la stessa cosa.
Speravo tu ci arrivassi, ma ci rinuncio.
Fai sempre quello si atteggia e capisce tutto, e gli altri, no. Siccome tu l'appoggi, allora l'hai capita e gli altri no. Ma non è così.
Ti ho detto e ti ripeto per l'ultima volta che la guerra degli interessi e del business non mi interessa se il prezzo da pagare è quello di scegliersi gli avversati tra la stretta cerchia dei clubs ricchi.

Non devo solo capirlo, dovrei anche accettarlo. La seconda non si verifica. Mi dispiace.
L'aspetto sportivo c'entra se decidi gli avversari da affrontare in base al bacino di utenza e dai soldi che porterebbe dentro al sistema.
Se l'organizzazione decide questo, allora tocca l'aspetto sportivo sopra il giudizio insindacabile del campo. Non ci sono azzi che tengano.

Soprattutto se capita che ti asfaltano sul terreno di gioco nonostante si reputi che quella squadra non abbia i requisiti per entrare a far parte del sistema.

Posso capire che non interessa ad Agnelli, ma a me sì.

 

Ti vorrei ricordare che il mondo non è fatto solo di gente ricca e piena di soldi.
Esistono ancora paesi sottosviluppati e perciò la favoletta che tu sviluppi il calcio globalmente nel mentre fai gli interessi tuoi la racconti a un tuo parente, a me no.
Sei sciocco! Rendi il calcio godibile soltanto a chi è disposto a pagare una barcata di soldi... non solo... diventa inaccessibile (anche come addetto ai lavori) ad alti livelli se non hai il grano.

 

Se la Spal te la ritrovassi in champions mi sembra logico che non potrebbe essere questa Spal.
Pensi di essere intelligente facendo esempi stupidi?
Aziona il cervello, santa miseria.
Certo che mi piacerebbe affrontare le squadre forti... il problema è che per te l'Atalanta di adesso, vale come l'Atalanta di sempre, in fondo la tratti così... .ghgh
Stesso discorso per una Spal qualsiasi. Non durano nel tempo? E quindi? Il Milan è durato? L'Inter?

Niente dura per sempre.
Non capisci che un Juve-Milan, a livello di contenuti tecnici e sportivi, adesso vale meno di un Juve-Atalanta nonostante la prima offra il bacino di utenza complessivo superiore?

Agnelli può considerare solo l'aspetto che gli conviene, ma anch'io posso farlo.

Se, diversamente, intendevi la Serie A, il campionato italiano offre questo. Non possiamo avere 18/20 squadre tutte blasonate e ricchissime; nessuno le ha.

Interessa molto il grano e si pensa di migliorare il servizio? Ci mancherebbe pure che non lo si migliorasse, nel caso.

Più che migliorare il servizio, è palese che si stia trovando un modo per diventare più ricchi ed alcune squadre non sanno come altro fare.

Ma io te lo ripeto, i soldi aiutano... ma non fanno la felicità... non sono sufficienti a diventare più bravi.

Si trovi un altro sistema che non ricada sulle squadre che non c'entrano niente.

La lega privata ad invito non mi interessa.


Un'ultima cosa... non ti prodigare a rispondere, non ci pensare neppure, perché non conosco l'aramaico antico e quindi non saprei come altro spiegartelo.

Sarebbe di nuovo la stessa zuppa.

Quindi bevi questa, perché non c'è altro.

Ti dico che non hai nemmeno capito nulla, non perché non condividi il mio pensiero, ma perché, appunto , non hai capito 

 

 

NON C'ENTRA NIENTE L'ASPETTO SPORTIVO!!! 

 

Come te lo devo dire? 😂

Esci da questa visione !!!! Cerca di leggere e di capire cosa ti sto dicendo, usa il cervello di0 santo!!! 😂😂

Riesci a capire che il rendimento sportivo e la politica societaria non c'entrano nulla? Vuoi uscire da questa visione? È il motivo per il quale tutte le dichiarazioni sul "progetto Champions" della juve o qualunque progetto "risultato sportivo che vuoi tu" di qualsiasi squadra è demenziale!!! Tu puoi progettare una crescita strutturale!!! Non puoi progettare l'ottenimento di un risultato sportivo!!! 

Non c'entra nulla come finisce una partita sul campo. Ti faccio un esempio.... Se la Juventus la fai giocare con delle squadre di B ti assicuro che non le vincerebbe tutte!!!! E anzi, ti dico ne perderebbe sicuramente almeno 1, ma anche più di una . E quindi? Facciamo giocare le squadre di B contro la juve? Vuoi usare il cervello per favore? Quindi ha senso un formato che faccia giocare la Juventus con squadre di B? 

 

Devi slegare l'aspetto sportivo!!!! 

 

Per questo ti dico che continui a non aver capito NULLA, non ce l'ho con te, sto cercando di farti usare la testa!!! Sto cercando di dirti come funzionano certe competizioni con modelli simili, cosa devi andare a valutare nella formazione di un modello per uja competizione sportiva... Ci sono competizioni che vanno avanti così in Europa GIÀ DA 20 ANNI!!! Cioè è così!!! Non è un mio parere o una mia opinione, basta che guardi certe realtà 

 

Sulla parte in corsivo dimostri tutto il tuo pressapochismo e la tua disinformazione TOTALE sull'effetto che certi modelli di competizione hanno in certi tipi di paesi.... Potresti tranquillamente informarti e andarteli a vedere anzi che parlare senza conoscere ciò che dici. Tutte queste cose di cui parlo, in altri sport, sono state già fatte!!! E ripeto, vengono fatte da 20 anni eh.... Poi che noi viviamo e ci crogioliamo nelle nostre frasi nazionalnostalgiche, questo, è un problema nostro.... Continuiamo pure con queste boiate!!!! 

La segmentazione porta vantaggi a ogni categoria. È così fine!!! 😂, ti farà schifo l'idea, ci sono dati che lo dimostrano c, reare leghe segmentate porta infiniti benefici a TUTTI!!! Sotto molteplici punti di vista!!! 

1)Decisionali : più si è simili più c'è unità di intenti più è facile portare avanti progetti di crescita.... Eh si, ti farà schifo l'idea, ma vale anche per i paesi sottosviluppati o in via di sviluppo 

2) a livello di interesse e bellezza della competizione ed equilibrio di forze tra le squadre 

3)a livello di fruibilità e bellezza del prodotto offerto.... Sei svincolato da federazioni, sei più libero e decidi TU LEGA, cosa fare. Decidi tu come e a chi vendere, decidi tu qualunque cosa. 

 

Ti ripeto dovrei citare tutto il messaggio perché non ja proprio capito NULLA!!! Anche quando parli di fattore economico... NO!!! Non è quello il problema!!! 😂😂😂😂

O quantomeno, non è solo quello!!! La differenza a livello di fattore economico è una CONSEGUENZA di alcune molto più ampie, che riguardano molti altri fattori, che esistono e che sono intrinseche a certe società. Continui a non capire il punto, ma non lo dico per deriderti, è proprio che non riesci/vuoi capire. 

Milan e Inter potranno fare schifo quanto vuoi ma manterranno potenzialità strutturali che l'atalanta non avrà mai... Sarà più coerente e sensato fare una lega con loro. Cosa c'entrano i risultati sportivi? Pure lo utd fa schifo, ma non è quello il punto!!! Il punto è che è più sensato fare una lega con loro piuttosto che con l'atalanta!!!! Può pure vincere la Champions, non è quello il discorso. 

 

Devi metterti in testa che ciò che accade nel rettangolo di gioco c'entra 0!!! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, actarus ha scritto:

No il punto è differente.

Oggi chi arriva in semifinale come la Roma è vero che riceve una vagonata di soldi ma il problema è che poi ci si comporta come se quella cifra fosse disponibile tutti gli anni.

Come fa l'atalanta a competere se la Roma anche se sbaglia annata comunque ha dei benefici in virtù di quella semifinale?

Le domande che fa agnelli sono domande a cui lui ha già risposto: diamo ingaggi da 7 milioni di media ma nel bilancio una parte importante sono gli introiti della champions: nel caso di uscita ai gironi per noi sarebbe un disastro.

Ecco che lui vorrebbe cristallizzare certe situazioni

In realtà quello che agnelli vorrebbe è una situazione tipo Manchester United, che più fa schifo e più fa soldi.

 

Sono perfettamente d'accordo con te.

Quello che agnelli vuole è la libertà per i grossi club di sbagliare

Pensala come vuoi, ma io continuo a credere che così restando le cose il sistema sia troppo ballerino per le squadre non top, e non permetta a nuove realtà di affermarsi in Europa. E non è che una squadra dovrebbe trarre benefici da una semifinale dell'anno prima, ma trarre benefici da un percorso dell'ultimo periodo, come ho già specificato. Ma tutto questo non esclude un exploit di un outsider, anzi sono forse proprio le outsider (tipo L'Ajax) che potrebbero beneficiare di un cambiamento in tal senso. Non so quale sia il modo migliore per rendere tutto più equo, ma sicuro se le cose restano come sono ora continueranno a crescere e vincere sempre le inglesi e le solite note. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, andy_gobbo ha scritto:

Non si parla di squadre FORTI in questo caso. Si parla di squadre che abbiano un appeal e un seguito di pubblico a livello europeo e planetario, per creare una forma di spettacolo diverso. Che non sia basata su poche partite, ma un vero campionato.

Poi si può essere d'accordo o meno, ma il concetto è chiaro 

Se anche la Spal dovesse vincere un anno il campionato italiano, un match Real Madrid - Spal probabilmente non raccoglierebbe il necessario interesse a livello mondiale.

Sìsì, infatti per questo sottolineavo la situazione del Milan... il Milan non lo è attualmente.

Per creare la congrega dei raccomandati dove ti porti il pallone, te la suoni e te la canti.

Dove se ti vanno male gli investimenti e ti asfaltano sul campo, non fa niente... sei un privilegiato, non ci saranno conseguenze sportive... ripartirai l'anno prossimo come se nulla fosse perché tanto hai il bacino di utenza.

Chiamalo come vuoi, ma questo non è sport, non è competizione, specialmente se decidi a priori con chi ti devi confrontare.

E' il necessario a incassare di più... questo si rende necessario... .ghgh

Perché è inutile girarci intorno, il pubblico importa perché deve foraggiare il sistema... più ne hai meglio è.

Come se oggi, facendo calcio si morisse di fame. sefz

Share this post


Link to post
Share on other sites
16 ore fa, Alieno Bianconero ha scritto:

Capire un'idea e il suo perché e poi condividerla non sono la stessa cosa.
Speravo tu ci arrivassi, ma ci rinuncio.
Fai sempre quello si atteggia e capisce tutto, e gli altri, no. Siccome tu l'appoggi, allora l'hai capita e gli altri no. Ma non è così.
Ti ho detto e ti ripeto per l'ultima volta che la guerra degli interessi e del business non mi interessa se il prezzo da pagare è quello di scegliersi gli avversati tra la stretta cerchia dei clubs ricchi.

Non devo solo capirlo, dovrei anche accettarlo. La seconda non si verifica. Mi dispiace.
L'aspetto sportivo c'entra se decidi gli avversari da affrontare in base al bacino di utenza e dai soldi che porterebbe dentro al sistema.
Se l'organizzazione decide questo, allora tocca l'aspetto sportivo sopra il giudizio insindacabile del campo. Non ci sono azzi che tengano.

Soprattutto se capita che ti asfaltano sul terreno di gioco nonostante si reputi che quella squadra non abbia i requisiti per entrare a far parte del sistema.

Posso capire che non interessa ad Agnelli, ma a me sì.

 

Ti vorrei ricordare che il mondo non è fatto solo di gente ricca e piena di soldi.
Esistono ancora paesi sottosviluppati e perciò la favoletta che tu sviluppi il calcio globalmente nel mentre fai gli interessi tuoi la racconti a un tuo parente, a me no.
Sei sciocco! Rendi il calcio godibile soltanto a chi è disposto a pagare una barcata di soldi... non solo... diventa inaccessibile (anche come addetto ai lavori) ad alti livelli se non hai il grano.

 

Se la Spal te la ritrovassi in champions mi sembra logico che non potrebbe essere questa Spal.
Pensi di essere intelligente facendo esempi stupidi?
Aziona il cervello, santa miseria.
Certo che mi piacerebbe affrontare le squadre forti... il problema è che per te l'Atalanta di adesso, vale come l'Atalanta di sempre, in fondo la tratti così... .ghgh
Stesso discorso per una Spal qualsiasi. Non durano nel tempo? E quindi? Il Milan è durato? L'Inter?

Niente dura per sempre.
Non capisci che un Juve-Milan, a livello di contenuti tecnici e sportivi, adesso vale meno di un Juve-Atalanta nonostante la prima offra il bacino di utenza complessivo superiore?

Agnelli può considerare solo l'aspetto che gli conviene, ma anch'io posso farlo.

Se, diversamente, intendevi la Serie A, il campionato italiano offre questo. Non possiamo avere 18/20 squadre tutte blasonate e ricchissime; nessuno le ha.

Interessa molto il grano e si pensa di migliorare il servizio? Ci mancherebbe pure che non lo si migliorasse, nel caso.

Più che migliorare il servizio, è palese che si stia trovando un modo per diventare più ricchi ed alcune squadre non sanno come altro fare.

Ma io te lo ripeto, i soldi aiutano... ma non fanno la felicità... non sono sufficienti a diventare più bravi.

Si trovi un altro sistema che non ricada sulle squadre che non c'entrano niente.

La lega privata ad invito non mi interessa.


Un'ultima cosa... non ti prodigare a rispondere, non ci pensare neppure, perché non conosco l'aramaico antico e quindi non saprei come altro spiegartelo.

Sarebbe di nuovo la stessa zuppa.

Quindi bevi questa, perché non c'è altro.

lascia stare, sa tutto lui, è inutile. io nella mia ignoranza condivido tutto quello che hai scritto 

  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, The pretender ha scritto:

 

Quindi campare di "rendita" per la storia passata? 
Io non sono d'accordo. Dato che ci sono milioni in ballo, è d'obbligo ogni anno stare sempre sul pezzo.... se un annata la toppi, riparti dal basso e provi a risalire (noi s'è fatto pena per 2 anni..). Il Milan ha investito una marea sul mercato (quindi non è un problema di FFP), ma ha toppato gran parte degli acquisti. Perché il Milan, dopo anni di errori, dovrebbe di diritto superare quanto invece di buono fatta  dall'Atalanta? (e potrei citare anche la Lazio). L'Atalanta è una splendida squadra che se in questi anni è riuscita ad affermarsi anche in Europa, è merito di una pianificazione. Riuscissero a trattenere i giocatori chiave, ed ad investire i nuovi soldi in prospetti futuri, continuerebbero ad allungare la loro serie positive. Io mi auguro che ciò avvenga. 

Non sa di nulla che la Juve, per diritto "storico", debba competere sempre con i big club europei. E' giusto che queste sfide siano dovute alla conquista, precedente, sul territorio nazionale 

esatto ! bravissimo! ma quale paracadute, da un lato c'è una big con una "storia" che prende giocatori sbagliati, da un altro c'è una piccola che costruisce una squadra con un progetto ma meno soldi, che però porta a un sogno..  il campo deve decidere, sempre, punto e basta. 

non capisco proprio sta cosa che se una big poverina "sbaglia" un anno perchè sbaglia tutte le scelte deve essere recuperata alle spese di una che magari ha molti meriti.. dove è finita la meritocrazia !?!?!? 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 ore fa, Mark92 ha scritto:

Fondamentale si.... 

 

Ma bada bene che i criteri delle "big" non sono solo storici, sono anche strutturali.... Io avevo letto tipo che alcuni criteri erano, ad esempio, la presenza, nella città, di un certo numero di alberghi a 4 o 5 stelle.... Per dire 

 

 

Cioè non è che c'è cattiveria alla base, o voglia di fare soldi per flexare , ci sono anche discorsi di tipo logistico ed organizzativo 

 

In più, cone dici te, ci sono meriti sportivi, per mantenere comunque un minimo di apertura nel sistema, il tutto sempre adeguandosi a determinati standard 

che schifo.. dove siamo arrivati. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
31 minuti fa, Sentenza ( il Cattivo) ha scritto:

che schifo.. dove siamo arrivati. 

Si chiama mondo degli adulti.... È quella visione del mondo che si inizia ad avere finita la pubertà... Si attraversa una fase di ribellione in pubertà,  ci si deve affermare, si dicono cose un po' sconsiderate, spesso si lotta o si manifesta senza sapere nemmeno per ottenere cosa.... 

 

Poi si cresce e si diventa adulti 

 

È un po il motivo per cui le olimpiadi le fanno (in teoria vista la situazione) a Tokyo e non..... A Campobasso o a Isernia.... Eh lo so che i molisani sono gente dal cuore d'oro e che meritano il sogno di ospitare un'olimpiade, so anche che si mangia benissimo (hanno un caciocavallo da sturbo) ma il mondo degli adulti non funziona così, ma non perché ci siano dei cattivoni dietro vhe teramano... Cioè non è che c'è la lobby dei lanciatori del giavellotto giapponesi che ha interesse a svolgerla in Giappone, è semplicemente che ci sono motivi tali che, città come Tokyo sono più indicate di città cone campobasso o termoli. Ti farà schifo l'idea ma è così che funziona il mondo. 

 

È bello il mondo del "vogliamoci bene", il mondo del "siamo tutti uguali" il mondo del "viviamo di emozioni"..... Poi però bisogna organizzare un evento. Hai nai sentito parlare del mega evento del Fyre festival? Ci hanno fatto anche un film su Netflix per quanto è stata assurda come storia. Ecco, senza offesa, ma il vostro approccio delle cose alla "volemose bene" (approccio che io preferisco definire alla caz-o di cane, e molto in voga in Italia) porta esattamente a situazioni tipo il Fyre festival 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, SuperEagle ha scritto:

Vorrei ricordare la vicenda del Leicester, che ha avuto vastissima eco a livello mondiale, tutti seguivano le Foxes, in Italia ci aprivano i notiziari sportivi negli ultimi mesi, addirittura.

E comunque si sta parlando di una squadra che, dal lottare per la salvezza, ha poi proseguito un percorso di crescita e adesso viaggia tranquilla al terzo posto davanti a Tottenham, Man Utd, Chelsea e Arsenal. E ha anche ottimi mezzi finanziari.

A livello mondiale bisogna evitare i Real Madrid - Spal 6-0, non i Real Madrid - Atalanta con l’Atalanta che gliele va a suonare perché (per ipotesi) ha grandi giocatori.

Per fare ciò hai due strade: o allarghi la base di competitività, come accade in Premier e in Liga, distribuendo meglio le risorse e “aprendo” le porte a chi merita sul campo, o la restringi creando un nucleo di Superteam che, ogni anno, si scambiano sempre gli stessi calciatori a prezzi sempre crescenti per farli esibire nelle grandi e ricche città, tipo le tournée degli artisti.

La prima soluzione intercetta i sogni, la dimensione popolare del calcio, la voglia di fare; la seconda, va nella direzione in cui si dirige il mondo di oggi, con pochissimi a spartirsi le maggiori ricchezze e moltissimi ad annaspare senza speranza di scalata sociale, economica, professionale.

Chiudo dicendo che il mio “povero” Napoli ha lo stesso palmares europeo di Manchester City e P.S.G., e che quando al San Paolo evoluiva Maradona e si vincevano scudetti nel campionato più competitivo del mondo, queste ultime squadre galleggiavano nell’anonimato più totale in tornei mediocri ed obsoleti.

Cosi, giusto per interrogarci su cosa è una “tradizione sportiva”.

Imho ti sei perso un passaggio: la Roma dell'esempio, l'anno prossimo probabilmente sarete voi. Agnelli lo ha detto in radio pochi giorni fa: rivedere i criteri di accesso non cambia quasi nulla alle grandissime squadre. Prova a pensarci: Bayern in crisi con cambio di allenatore, è primo; Barcellona in crisi con cambio di allenatore, è secondo ad 1 punto pur avendo perso lo scontro diretto; Juve in crisi, almeno mediaticamente, sta 15 punti sopra la quinta.

 

Rivedere i criteri di accesso è un'esigenza soprattutto delle medio-alte squadre dei campionati principali e delle migliori squadre dei campionati secondari (Ajax, Celtic, Roma, Napoli, etc.) perché sono queste che rischiano di vedere penalizzato un processo di crescita pluriennale a causa di una mancata partecipazione alla CL. E infatti anche di questo si discuteva in quel convegno. E tra l'altro sarebbe proprio tutelando queste squadre che si alzerebbe la competitività media.

 

Questa è la questione ad oggi, la Superlega non ci entra nemmeno. Poi si può avere qualsiasi opinione a riguardo, ma è assurdo considerarsi in accordo o in disaccordo con Agnelli visto che lui ha posto delle domande, non ha fornito alcuna risposta.

 

Io comunque consiglio sempre di rileggersi questo (imho di gran lunga il miglior post della discussione)

e non buttare nel calderone cose che esulano dall'intervento di Agnelli. 

 

  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
22 minuti fa, Mark92 ha scritto:

Si chiama mondo degli adulti.... È quella visione del mondo che si inizia ad avere finita la pubertà... Si attraversa una fase di ribellione in pubertà,  ci si deve affermare, si dicono cose un po' sconsiderate, spesso si lotta o si manifesta senza sapere nemmeno per ottenere cosa.... 

 

Poi si cresce e si diventa adulti 

 

È un po il motivo per cui le olimpiadi le fanno (in teoria vista la situazione) a Tokyo e non..... A Campobasso o a Isernia.... Eh lo so che i molisani sono gente dal cuore d'oro e che meritano il sogno di ospitare un'olimpiade, so anche che si mangia benissimo (hanno un caciocavallo da sturbo) ma il mondo degli adulti non funziona così, ma non perché ci siano dei cattivoni dietro vhe teramano... Cioè non è che c'è la lobby dei lanciatori del giavellotto giapponesi che ha interesse a svolgerla in Giappone, è semplicemente che ci sono motivi tali che, città come Tokyo sono più indicate di città cone campobasso o termoli. Ti farà schifo l'idea ma è così che funziona il mondo. 

 

È bello il mondo del "vogliamoci bene", il mondo del "siamo tutti uguali" il mondo del "viviamo di emozioni"..... Poi però bisogna organizzare un evento. Hai nai sentito parlare del mega evento del Fyre festival? Ci hanno fatto anche un film su Netflix per quanto è stata assurda come storia. Ecco, senza offesa, ma il vostro approccio delle cose alla "volemose bene" (approccio che io preferisco definire alla caz-o di cane, e molto in voga in Italia) porta esattamente a situazioni tipo il Fyre festival 

non c'entra niente quello che hai scritto e pure l'esempio.    tutta retorica.

 

la verità è che i soldi sono l'obiettivo unico e principale, e bisogna pure farselo andare bene perchè " è il mondo degli adulti" 

 

perchè bisogna organizzare un evento. 

 

guarda che una partita di calcio riesci a organizzarla anche in una città con pochi alberghi a cinque stelle. e spesso viene fuori una partita di livello molto superiore a quelle stabilite col criterio di chi c'è lo ha più lungo. 

 

il calcio non è obbligato a diventare uno sport d'elite basato interamente sui soldi come vuoi farci credere tu e il presidente agnelli anzi ha sempre vissuto benissimo anche in periferia. 

ma continua pure a dire che sia il nostro approccio ad essere sbagliato. 

 

il calcio è prima di tutto emozione e passione. sei tu che, evidentemente, ne capisci poco quando parli di "eventi". ripeto: tutta retorica di sto gran casso. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

 

ribadisco perchè è proprio una cosa talmente fuori dal mondo che mi fa ridere chi fa il belloccio parlando di partite di calcio basate sul numero di alberghi a 5 stelle in una città.

è una cosa tristissima che col calcio non c'entra niente. 

 

andate a seguire l'andamento delle borse internazionali e fate il tifo per chi a fine giornata porta a casa l'aumento migliore. 

  • Mi Piace 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
29 minuti fa, Sentenza ( il Cattivo) ha scritto:

 

 

 

ribadisco perchè è proprio una cosa talmente fuori dal mondo che mi fa ridere chi fa il belloccio parlando di partite di calcio basate sul numero di alberghi a 5 stelle in una città.

è una cosa tristissima che col calcio non c'entra niente. 

 

andate a seguire l'andamento delle borse internazionali e fate il tifo per chi a fine giornata porta a casa l'aumento migliore. 

La morale delle persone non si compra con i soldi.

Diglielo a chi si sente grande ma ha il cervello piccolo come quello di una gallina e parla di ribellione alla pubertà, senza sapere cosa significa.

E' un po' come continuare a fare il prepotente, nonostante ti abbiano pestato bene. Non capisce bene il motivo e ci riprova commettendo il medesimo errore.

Questa gente fa ridere.

  • Mi Piace 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io penso invece che,aldilà del pedigree,una squadra come l'Atalanta che senza Cr7 fa 22(diconsi ventidue)gol più della Juve,si presenti all'Europa con ottime credenziali per un calcio più che godibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bisogna separare aspetti diversi.

 

AA ha commesso un errore di comunicazione: non doveva citare l'Atalanta, non ce n'era bisogno per spiegarsi. Se per caso loro passano gli ottavi e noi no, prepariamoci a una tempesta di sterco gigantesca.

 

Ma questo è irrilevante. Il discorso serio riguarda la Champions e il destino dei campionati nazionali. Vogliamo che che l'Ajax entri di diritto ai gironi nonostante il suo campionato sia modesto? Le soluzioni si trovano, mantenendo la sportività.

 

Una cosa ancora diversa sarebbe una Superlega europea, con tutte le maggiori squadre che abbandonerebbero i campionati nazionali. E' questo il vero progetto che ha in mente AA, assieme al Real e qualcun altro (ma non gli inglesi). Questo sarebbe la fine del tifo come lo conosciamo. Non più tifosi, ma clienti. Un  miliardo di cinesi, indiani, indonesiani, australiani, americani, eccetera che guardano la Superlega come noi guardiamo la NBA: solo spettacolo, senza radici e senza storia. Boniperti? Bettega? Platini? perfetti sconosciuti. Zidane? Chi era? ah, quello che allena il Real. Heysel? In che squadra gioca?

Ovviamente questa Superlega avrebbe enormi introiti economici, e capisco che nel calcio di oggi i costi sono sempre più alti (Maradona venne comprato dal Napoli per 13 miliardi di lire, che rivalutandoli a oggi sarebbero 20 milioni: una gamba di Kulusevski).

Ma i clienti non sono i tifosi: vanno dove li porta la moda del momento. Se mi disgustassi con la squadra e la società potrei non comprare più l'abbonamento, ma certo non comprerei quello dell'Inter. Un "tifoso" di Shangai dopo il secondo anno di fila che andassimo male in Superlega si direbbe: basta con 'sta Juve, non male quelli con la maglia rossa e nera, com'è che si chiamano?

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Alieno Bianconero ha scritto:

La morale delle persone non si compra con i soldi.

Diglielo a chi si sente grande ma ha il cervello piccolo come quello di una gallina e parla di ribellione alla pubertà, senza sapere cosa significa.

E' un po' come continuare a fare il prepotente, nonostante ti abbiano pestato bene. Non capisce bene il motivo e ci riprova commettendo il medesimo errore.

Questa gente fa ridere.

ma si fanno ridere per quello che dicono. "il calcio deve evolversi". cit. 

 

"facciamo come l' nba" 

si tra un pò sarà "  ue figa perchè non giochiamo anche noi con le mani?"

 

poi si passerà al campo 10 metri x 10 e chi non sa fare un trick alla ronaldihno non gioca. 

senza contare le strutture: chi non avrà la spa da fighetti in campo non potrà partecipare.

e che dire del bar per l'apertivo?

 

questi parlano andando dietro a persone che vogliono palesemente guadagnarci soldi, parlando di sopravvivenza. 

 

ci sta eh, buon per loro. ma non dite che il calcio deve diventare un evento per sopravvivere. 

 

ha vissuto alla grande per cento anni senza contare il numero di alberghi a 5 stelle in una città. 

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, todienomore ha scritto:

Bisogna separare aspetti diversi.

 

AA ha commesso un errore di comunicazione: non doveva citare l'Atalanta, non ce n'era bisogno per spiegarsi. Se per caso loro passano gli ottavi e noi no, prepariamoci a una tempesta di sterco gigantesca.

 

Ma questo è irrilevante. Il discorso serio riguarda la Champions e il destino dei campionati nazionali. Vogliamo che che l'Ajax entri di diritto ai gironi nonostante il suo campionato sia modesto? Le soluzioni si trovano, mantenendo la sportività.

 

Una cosa ancora diversa sarebbe una Superlega europea, con tutte le maggiori squadre che abbandonerebbero i campionati nazionali. E' questo il vero progetto che ha in mente AA, assieme al Real e qualcun altro (ma non gli inglesi). Questo sarebbe la fine del tifo come lo conosciamo. Non più tifosi, ma clienti. Un  miliardo di cinesi, indiani, indonesiani, australiani, americani, eccetera che guardano la Superlega come noi guardiamo la NBA: solo spettacolo, senza radici e senza storia. Boniperti? Bettega? Platini? perfetti sconosciuti. Zidane? Chi era? ah, quello che allena il Real. Heysel? In che squadra gioca?

Ovviamente questa Superlega avrebbe enormi introiti economici, e capisco che nel calcio di oggi i costi sono sempre più alti (Maradona venne comprato dal Napoli per 13 miliardi di lire, che rivalutandoli a oggi sarebbero 20 milioni: una gamba di Kulusevski).

Ma i clienti non sono i tifosi: vanno dove li porta la moda del momento. Se mi disgustassi con la squadra e la società potrei non comprare più l'abbonamento, ma certo non comprerei quello dell'Inter. Un "tifoso" di Shangai dopo il secondo anno di fila che andassimo male in Superlega si direbbe: basta con 'sta Juve, non male quelli con la maglia rossa e nera, com'è che si chiamano?

.allah perfetto, ti amo, tutto perfetto quello che hai scritto. 

 

clienti che vanno all'evento per farsi il selfie, e non sanno neanche cosa sia il fuorigioco, e che guardano la partita il tempo di capire quale sia la squadra che "supportano". 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 6/3/2020 Alle 17:10, JUVENTINO10DOC ha scritto:

In italia la Juventus è penalizzata... non riusciremo mai a raggiungere club come Real...Barça...i club inglesi ... il Bayern...la serie A è morta nel 2006...non ha appeal....la prima classificata in Italia prende quanto l'ultima classificata in Premier...ecco perchè gli investimenti di Agnelli sono un vuoto a perdere se restiamo nell'ambito della serie A...mentre se si fa la Super Lega prenderemo molti più soldi...

e secondo te se facciamo la superlega cosa succederà? 

 

noi prendiamo più soldi, ma squadre come Real e Liverpool ne prenderanno ancora di più.

senza contare che in una lega privata le squadre possono fare quello che vogliono, quindi anche spendere quanto vogliono. 

quindi il psg potrà spendere 300 milioni per un giocatore se vogliono. 

 

noi no, non lo faremo mai. 

 

quindi in una super lega siamo destinati a diventare la fiorentina. 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.