Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Vs News

(TS) "Juventus: in Curva tornano bandiere, tamburi e megafoni. Ieri la svolta con l'ok della questura di Torino che aveva bandito il materiale negli scorsi anni"

Recommended Posts

Questo e clamoroso! Perche se non sbaglio significa che le ultras ritornano per sempre? (perche volevano usare tamburi, bandiere e megafoni e non potevano mentre le tifoseria aversario si)

  • Mi Piace 4

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, Tricarico10 ha scritto:

Questo e clamoroso! Perche se non sbaglio significa che le ultras ritornano per sempre? (perche volevano usare tamburi, bandiere e megafoni e non potevano mentre le tifoseria aversario si)

Speriamo soprattutto che ritornino per TIFARE e nn per altro.

 

 

SEMPRE FORZA JUVENTUS 

  • Mi Piace 9
  • Grazie 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Minor threat ha scritto:

Non ho capito... quindi la questura vietava alcune cose alla nostra curva e invece le permetteva al settore ospiti? 

E non sia mai che ci scappi un coro di sfottò ai pulcinella.Mi raccomando ,altrimenti si richiude per altri 18 anni.

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 minuti fa, Pinocrx ha scritto:

Speriamo soprattutto che ritornino per TIFARE e nn per altro.

 

 

SEMPRE FORZA JUVENTUS 

BASTA... Per chi sarà presente domani, FUORI LA VOCE! Forza Juve sempre 🏁

8 minuti fa, Minor threat ha scritto:

Non ho capito... quindi la questura vietava alcune cose alla nostra curva e invece le permetteva al settore ospiti? 

Era così da anni ragazzi...

  • Mi Piace 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quindi non era la Società che lo vietava ma la Questura. Mi chiedo se le direttive le abbia date la Prefettura perché nell'ordine pubblico, funziona così. Poi magari mi sbaglio ma 40 anni di Polizia mi fanno pensare a questo. Quindi la Juventus non voleva uno stadio teatro. Bene così. Non sono tamburi e bandiere a portare pericoli negli stadi. 

  • Mi Piace 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alla fine abbiamo parlato per anni di Juve qui e Juve lá e la colpa era della polizia. Ma * 

6 minuti fa, emmepi54 ha scritto:

Quindi non era la Società che lo vietava ma la Questura. Mi chiedo se le direttive le abbia date la Prefettura perché nell'ordine pubblico, funziona così. Poi magari mi sbaglio ma 40 anni di Polizia mi fanno pensare a questo. Quindi la Juventus non voleva uno stadio teatro. Bene così. Non sono tamburi e bandiere a portare pericoli negli stadi. 

Questo è clamoroso. Ma la Juve non poteva dirlo? Capacità comunicativa zero. Licenziate i social media manager 

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 minuti fa, unfightersjuve77 ha scritto:

Era così da anni ragazzi...

Io avevo sempre capito, e da quello che leggo anche altri utenti, che fosse la società a vietare. 

  • Mi Piace 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quoto

Articolo del 26.12.22

 

Le immagini di uno Stadium diviso a metà, con il settore ospiti (come nel caso della sfida di Champions League contro il PSG) decisamente più libero di tifare e introdurre materiale di qualsiasi genere a differenze di ciò che è permesso nel resto dello stadio, ci hanno spinto a cercare di vederci chiaro. Siamo riusciti a contattare uno steward (che ha scelto l'anonimato) per capire come realmente funzionano i controlli al momento dell’ingresso. 

 

I tifosi della Juventus si chiedono come mai nel settore ospiti non ci siano le stesse limitazioni presenti nel resto della struttura... 

 

“Il servizio d'ordine e sicurezza pubblica è organizzato dalla Juventus, sotto direttive date dalla DIGOS di Torino che analizza, controlla e decide cosa deve entrare all’interno dello stadio. Per quanto riguarda il settore ospiti, invece, la DIGOS collabora con i colleghi territoriali della squadra in trasferta: se non ci sono segnalazioni i tifosi avversari possono entrare e con loro anche il materiale proibito nel resto dello stadio. 

 

Perché agli ospiti è permesso introdurre bandiere, striscioni e sciarpe offensive? 

 

“I tifosi in trasferta vengono controllati lontano dall’impianto e in maniera superficiale. Una volta entrati nel loro settore, non ci sono più controlli. Se la DIGOS territoriale non invia alcuna limitazione ai colleghi di Torino, il materiale entra senza alcun problema”. 

 

Parliamo della Curva Sud: perché non vediamo più il tifo organizzato nel settore? 

 

“Purtroppo ci sono state inchieste e processi che rendono la DIGOS di Torino assolutamente intransigente con i gruppi organizzati: sono vietati all’interno simboli e materiale che possano ricordare alcuni tifosi. Striscioni, bandiere, sciarpe e felpe sono tutte vietate: inoltre non possono entrare materiale acustico come tamburi e megafoni”. 

 

Ci spieghi come funziona il vostro lavoro di filtraggio? 

 

“Quando arriva in curva uno striscione, lo apriamo e lo consegniamo al responsabile della DIGOS: a quel punto la decisione spetta solo ai funzionari di pubblica sicurezza. Per le sciarpe e felpe sono vietati, al momento, simboli diversi da quelli ufficiali e anche dove ci sono parole offensive verso determinati avversari (questa già in atto da molti anni)”. 

 

Come si posiziona la Juventus in questa situazione? 

 

“Durante le riunioni pre-gara la Società deve sottostare ad ogni decisione della Digos di Torino che gestisce l’ordine e la sicurezza pubblica: non ci sono deroghe alle loro decisioni. Ovviamente, anche in virtù dei processi in atto, il club non cerca di forzare la mano per aiutare i gruppi”. 

 

Qual è l’umore del tifo organizzato tu che li vivi da vicino? 

 

“I ragazzi della curva, in questo momento, sono molto tranquilli e ci creano pochi problemi: vorrebbero entrare con i loro materiali e sostenere la loro squadra come tutti i tifosi. Noi steward, purtroppo, dobbiamo rispettare le direttive che ci vengono assegnati: dico che ad oggi non siamo sereni e svolgiamo il nostro lavoro con molta ansia e preoccupazione”. 

 

Da queste parole possiamo pensare che anche il nuovo Cda difficilmente potrà invertire totalmente questa rotta: più plausibile pensare che si riuscirà a far rientrare il materiale acustico, ma è improbabile il ritorno di bandiere e striscioni di alcuni gruppi, fino alla fine del processo che vede imputati alcuni dei loro rappresentanti. La speranza è quella di tornare a vedere e sentire una curva che possa trascinare la squadra, soprattutto in questo momento difficile e particolare per i colori bianconeri.

 

Fonte: Bianconeranews

 

  • Mi Piace 2
  • Grazie 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, lopio ha scritto:

Alla fine abbiamo parlato per anni di Juve qui e Juve lá e la colpa era della polizia. Ma * 

Questo è clamoroso. Ma la Juve non poteva dirlo? Capacità comunicativa zero. Licenziate i social media manager 

La Prefettura, in una Città, specialmente se capoluogo, rappresenta il Governo. Quando dà direttive su Ordine Pubblico o altro, convoca il Questore, il comandante dei Carabinieri, il comandante della Polizia Municipale. A questi dice  che risultato vuole ottenere ed il Questure mette in pratica, sul territorio, le direttive ricevute. Se le strategie saranno sbagliate, si trombano il Questore che, in  futuro, sarà destinato a sedi di Provincia. La maggior parte dei Prefetti  provengono dalla Campania poi, se è cambiato qualcosa, non lo so. Sono in pensione da 10 anni. Comunque, il divieto di portare tamburi e bandiere allo Stadium, è stata un' ingiustizia clamorosa, visto che il divieto non vigeva per gli ospiti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
32 minuti fa, emmepi54 ha scritto:

Quindi non era la Società che lo vietava ma la Questura. Mi chiedo se le direttive le abbia date la Prefettura perché nell'ordine pubblico, funziona così. Poi magari mi sbaglio ma 40 anni di Polizia mi fanno pensare a questo. Quindi la Juventus non voleva uno stadio teatro. Bene così. Non sono tamburi e bandiere a portare pericoli negli stadi. 

Questa vicenda non l'ho seguita da vicino e quindi le mie sono solo supposizioni, ma questa vicenda mi pare inserirsi nel più ampio piano d'attacco alla Juve che si è messo in moto da anni, una volta che eravamo tornati a vincere. Questo paese è inquietante. Poi invece le baby gang extracomunitarie solo libere di aggredire e rapinare chiunque. 

2 minuti fa, Jugovic83 ha scritto:

Il toro faceva quello che voleva in Curva. Era la società a volere il cimitero. Fine 

Non credo. Erano secondo me i diversamente torinesi di Questura, Prefettura, Procura ecc, ad aver orchestrato questa cosa. Andrea nel 2017 avrebbe dovuto nominare un presidente alla Ferrero e agire più nell'ombra. Forse ora sarebbe salvo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
33 minuti fa, lopio ha scritto:

Alla fine abbiamo parlato per anni di Juve qui e Juve lá e la colpa era della polizia. Ma * 

Questo è clamoroso. Ma la Juve non poteva dirlo? Capacità comunicativa zero. Licenziate i social media manager 

Non sarebbe giusto licenziare chi fa esattamente quello che il datore di lavoro richiede.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah ecco, questa cosa non era stata detta da nessun giornalista e anche dentro il forum tutti eravamo convinti che fosse la società a non volere striscioni, tamburi, megafoni. In pratica in questi anni siamo stati sotto ricatto della digos.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quindi la società non centrava una mazza quei provvedimenti demenziali sono tutta farina del sacco della questura e prefettura 

Comunque bella notizia,finalmente ritornerà il vero tifo allo stadium 

Share this post


Link to post
Share on other sites

io spero sia stata riportata male la notizia..

tutti o quasi tutti pensavamo che fosse la società a vietare. altrimenti perchè i cori contro agnelli ecc.

Share this post


Link to post
Share on other sites

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.