Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Stile&Stiletto

Utenti
  • Content count

    849
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

Stile&Stiletto last won the day on January 23 2017

Stile&Stiletto had the most liked content!

Community Reputation

4,471 Guru

About Stile&Stiletto

  • Rank
    la vittoria è del forte che ha fede

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Biglietti
    Nessuno

Recent Profile Visitors

7,741 profile views
  1. Stile&Stiletto

    Moggi: per non dimenticare mai

    Ci sono un paio di telefonate di "rimbalzo" dove Moggi sembra parlare con due arbitri. Uno è Paparesta (lo chiama l'arbitro per chiarirsi dopo la partita del "sequestro" fasullo) e un altro resta sconosciuto. Sono chiamate fatte sulle sim svizzere e intercettate perchè nel frattempo Moggi tiene aperto un altro telefono, quello sotto intercettazione. Questo non vuol dire niente, attenzione, tutti avevano i numeri di tutti e si vede come l'intero mondo del calcio avesse consuetudine di frequentarsi e chiamarsi vicendevolmente...ed è stato indagato il solo Moggi, tra l'altro...pero' certo quelle conversazioni (che non contengono illeciti) con gli arbitri su due sim svizzere non hanno giocato a suo favore, questo va detto...e lo affermo stando dalla parte di Moggi, sia chiaro, perchè una idea complessiva su calciopoli me la sono fatta da tempo e di sicuro, se la Juve era da B, c'era chi doveva andare in C...o altrimenti, un processo equo avrebbe dovuto prendere atto che il calcio funzionava così e quindi penalizzare tutti (nelle categorie di appartenenza) e cambiare le norme, se si fosse voluta fare vera "giustizia".
  2. L'analisi seria è stata fatta da Ultimo Uomo (postata anche qua nel forum), non questa spazzatura basata sulle "indiscrezioni" dei loro fegati in disfacimento.
  3. Ah beh, Marotta sicuro si prende Higuain quando Conte gli ha chiesto Lukaku. Ma i giornali, se non hanno niente da scrivere, perchè non risparmiano inchiostro e tempo ai lettori?
  4. Fonte? Non riesco a trovare una conferma.
  5. La gazzetta è sempre sul pezzo: il Chiringuito giusto ieri sera ha detto che Pogba passa al Real questa o la prossima settimana.
  6. Griezmann verso il Barcellona la settimana prossima, secondo L'Equipe...il like messo ieri dal giocatore al messaggio di Godin è stato un coito interrotto...niente paura pero': resta sempre aperta la pista Pogba.
  7. La gazzetta, in piena apertura dell'articolo, non elogia o descrive il calciatore ma ci tiene a sbatterci in faccia i suoi infortuni passati, insinuando scopertamente che abbiamo preso un calesse. Quel giornale ci vuole tanto bene.
  8. Ad ogni estate riciclano articoli delle estati precedenti. Basta sostituire il nome di de Ligt con quello di Ronaldo, e avremmo quanto scritto un anno fa...le reazioni a catena sono solo nei fegati dei presunti giornalisti.
  9. Ma in champions, in caso di infortunio di Chiellini, possiamo stare con de Ligt/Rugani o de Ligt/Demiral? Che garanzie danno, lì dove l'esperienza ha un peso centrale? Rugani è quello che è e Demiral non ha mai giocato in Europa. Senza Bonucci, e considerando la tenuta di Chiellini, avremmo un solo centrale titolare affidabile: de Ligt...per una stagione lunghissima.
  10. Mi auguro di no. Senza Bonucci si resterebbe con i soli titolari de Ligt e Chiellini, con quest'ultimo che ha le sue fragilità fisiche. Demiral e Rugani sono ad oggi destinati alla panchina. Ci servono 3 centrali affidabili: Bonucci, Chiellini e de Ligt. Ci siamo già passati lo scorso anno nella difficoltà dovuta alla penuria di centrali affidabili, quando si infortunarono Chiellini e Bonucci (con Benatia spedito). Se la storia insegna, non ripetiamo l'errore.
  11. Siamo una squadra mondiale che ormai ha logiche, strategie, visioni mondiali...con pero' sempre quel tratto unico, antico, di specificità di marchio e di stile che contraddistingue praticamente fin dalla Fondazione questo Club. Una commistione tra modernità e tradizione che rende la Juventus un unicum suggestivo ed affascinante.
  12. Delirio. Quel ripugnante giornale lancia sospetti ("qualcuno dovrà pagare") a vuoto alludendo che sia la Juventus a mettere in giro voci di Guardiola per speculare in Borsa: perchè altrimenti tirare in ballo "Figc e Coni"? Veleno allo stato puro con deliranti accostamenti ai Cragnotti ed altri falliti. Juve, sveglia! Usa gli avvocati.
  13. E' già una barzelletta, guardate le foto ufficiali per farsi una idea di come andrà a finire: Due personaggi comici in un circo: ne uscirà un teatrino dell'assurdo.
  14. Non è finito niente, perchè ancora esiste la carta dell'articolo 39. In presenza di fatti nuovi possono essere riaperti i processi sportivi: bisogna solo saperla usare bene perchè la si puo' giocare una volta sola. Inoltre, il tempo potrà lavorare a nostro favore. Ci sono squadre che a distanza di decenni richiedono scudetti (Torino, Genoa, Bologna, Lazio) al consiglio federale FIGC, che è l'unico organo veramente deputato a togliere e assegnare i titoli, è il "fons honorum" calcistico. Siccome calciopoli è pagina non chiusa ma che si arricchisce sempre di nuove interpretazioni, non è detto che fatti, eventi, persone nuove non possano rappresentare un rovesciamento della situazione presente. La storia ha emesso spesso giudizi che al momento sembravano chiusi.
  15. Sì davvero, è stata una conferenza che è un piccolo grande sunto magisteriale di chi e cosa è la Juventus. Questa appartenenza, questi legami immateriali che uniscono tutte le componenti (dalla dirigenza ai tecnici ai giocatori ai tifosi, che poi vediamo plasticamente riuniti, ad esempio, a Villar d'estate, tutti assieme), questo profondo essere radicati nella Storia, che respiri ovunque, come autentico Club dinastico, per cui vive, si sviluppa, cambia e allo stesso modo resta sempre se stesso negli anni, nei decenni, nei secoli, senza mai morire, nel succedersi delle generazioni - di dirigenti, calciatori, tifosi e anche di allenatori. L'identità juventina, la summa di tutto ciò che è e che ci indica sempre, come focolare che rassicura al di là e al di sopra di ogni possibile inquietudine, ciò che sarà. Innestati in queste certezze, siamo tifosi da invidiare: come tali, dovremmo sempre ricordarci di essere all'altezza del Club che amiamo. Ad Allegri un grazie enorme. Per l'ultimo suo atto ha scelto il terreno dei sentimenti, come si conviene in un addio tra cavalieri e gentiluomini, e così juventino, con un trionfo ancora da celebrare, domani...e per noi, lo sappiamo, domani ancora e ancora. Che la vittoria ci assista sempre!
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.