Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

*36allori*

Sommario, piacere so francesco: le nostre letture a confronto

Post in rilievo

Finita la trilogia di ken Follet con "I giorni dell'eternità". Ho capito molte cose sulla storia dal dopoguerra alla caduta del muro di Berlino, passando dalla finta democrazia americana al crollo del comunismo.

 

Ora passo a Donato Carrisi con "Il cacciatore dle buio".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Finita la trilogia di ken Follet con "I giorni dell'eternità". Ho capito molte cose sulla storia dal dopoguerra alla caduta del muro di Berlino, passando dalla finta democrazia americana al crollo del comunismo.

 

Ora passo a Donato Carrisi con "Il cacciatore dle buio".

 

Sulla trilogia di Ken Follett, io mi sono fermato alla Caduta dei giganti.... :d Ai tempi dei Pilastri della Terra trovavo Follett più appassionante e piacevole da leggere. O sono invecchiato io o è invecchiato lui ma adesso faccio fatica a leggerlo.

 

Quanto a Carrisi, sto leggendo il "Tribunale delle anime". Inquietante assai....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ovvero?

 

Io trovo quella produzione letteraria molto ampollosa e autocompiacente, poi sono gusti.

Madame bovary, per dire, l'ho abbandonato dopo neanche 50 pagine, mi era assolutamente insopportabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Appena finito un giallo piuttosto incolore o comunque troppo localistico. Le commesse di treviso di fulvio ervas. Consigli?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Appena finito un giallo piuttosto incolore o comunque troppo localistico. Le commesse di treviso di fulvio ervas. Consigli?

 

Lo conosco di persona, mia moglie l'ha pure intervistato .sisi

Cosa cerchi? uum

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io trovo quella produzione letteraria molto ampollosa e autocompiacente, poi sono gusti.

Madame bovary, per dire, l'ho abbandonato dopo neanche 50 pagine, mi era assolutamente insopportabile.

 

oddio non so se ho capito bene ciò che intendi, intendi un romanzo lento e ridondante/ripetitivo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho finito La realtà non è come ci appare di Carlo Rovelli, è un saggio di divulgazione scientifica.

 

Il libro è un lungo viaggio che comincia dal filosofo greco Democrito (oltre duemila anni fà)

passando per Copernico, Keplero, Galileo, Newton, Einstein , Faraday e Maxwelll..fino alla meccanica quantistica con Dirac, giungendo alla teoria della gravita quantistica..fino ai conifini della nostra attuale conoscenza, fino a raggiungere il confine estremo fra ciò che sappiamo e l'ignoto.

 

Io non ho particolari conoscenze di fisica,solo vaghi ricordi scolastici e sono riuscito a seguirlo bene fino ad Einstein, quando si è arrivati alla meccanica quantistica ho cominciato a vacillare un pò, alla fine tra gravità quantistica, teoria dello spin e concetto di Informazione mi sono un pò perso.

Ma qui mi consola ciò che ha scritto l'autore :

"..quindi,aro lettore, se hai trovato il viaggio fin qui un po’ accidentato, ora tieniti forte, perché si vola fra grandi vuoti d’aria. Se

questo capitolo suona particolarmente oscuro, non è perché hai tu le idee confuse, caro lettore; è perché le idee confuse le ho io."

 

A indicare che quando si arriva al confine ultimo tra il noto e l'ignoto, le idee chiare non le hanno piu nemmeno gli scienziati,

si discute, si dibatte..si propongono teorie, esperimenti... e si cerca di spostare questo confine sempre un pò piu in là.

  • Mi Piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao. Abitando a treviso l'ho intravisto. Sono indeciso se proseguire la serie o tornare su un altro investigatore che avevo lasciato dopo il primo caso, bacci pagano scritto da Morchio. Per adesso ho preso un romanzo a caso su istanbul (nero istanbul, di de propris) visto che fra un po' vado lì in vacanza (sperando che non nevica e maledicendo la loro squadra!)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Lo conosco di persona, mia moglie l'ha pure intervistato .sisi

Cosa cerchi? uum

Scusa. Non sono pratico del forum su telefono. Io cercherei qualcosa tipo Ammaniti. Un libro che ti sorprenda sia nella trama che nel racconto.

Ciao. Abitando a treviso l'ho intravisto. Sono indeciso se proseguire la serie o tornare su un altro investigatore che avevo lasciato dopo il primo caso, bacci pagano scritto da Morchio. Per adesso ho preso un romanzo a caso su istanbul (nero istanbul, di de propris) visto che fra un po' vado lì in vacanza (sperando che non nevica e maledicendo la loro squadra!)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sto leggendo "Teresa Raquin" di Zola, qualcuno l'ha letto?

 

L'ho letto, mi è piaciuto. É un romanzo psicologico con venature noir ben riuscito, ovviamente lo stile è da XIX secolo (d'altronde quella è l'epoca in cui visse Zola).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Appena terminato "Lo Zen e l'arte della manutenzione della motocicletta" di Pirsig.

 

Beh, mica male. Lo consiglierei a chi ha un po' di dimestichezza con la filosofia, sono molto frequenti pagine e pagine su dicotomie soggetto-oggetto e Uno-tutto, per dire..

 

Comunque adoro il mondo orientale, e questo libro fa proprio da tramite tra Occidente e Oriente, a bordo di una motocicletta per una sorta di "On the Road" più riflessivo e introspettivo..

 

 

 

Ora devo buttarmi su Effi Briest di Theodor Fontane, devo portarlo a un esame tra qualche mese .sisi

Per dire, è il terzo romanzo dell'Ottocento che parla della condizione femminile, dopo Madame Bovary (di cui si parlava qui sopra) e Anna Karenina. Mi mancava solo Effi Briest, gli altri due li ho già letti :d

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Appena terminato "Lo Zen e l'arte della manutenzione della motocicletta" di Pirsig.

 

Beh, mica male. Lo consiglierei a chi ha un po' di dimestichezza con la filosofia, sono molto frequenti pagine e pagine su dicotomie soggetto-oggetto e Uno-tutto, per dire..

 

Comunque adoro il mondo orientale, e questo libro fa proprio da tramite tra Occidente e Oriente, a bordo di una motocicletta per una sorta di "On the Road" più riflessivo e introspettivo..

 

Io mi sono appena comprato " lo zen e l'arte di correre" e " lo zen e l'arte di sco.pare". Direi che siamo sulla stessa onda :d

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io invece alla fine ho deciso di affrontare una lettura complessa come "L'ultima tentazione", il romanzo "blasfemo" di Nikos Kazantzakis dal quale Scorsese trasse il film che causò mille polemiche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io mi sono appena comprato " lo zen e l'arte di correre" e " lo zen e l'arte di sco.pare". Direi che siamo sulla stessa onda :d

Zen @@

 

Ho letto in questi giorni Il Disprezzo di Moravia, e La Lentezza di Kundera, ora mi sa inizierò un libro dal nome impronunciabile: Le Memorie di Schnabelewopski, di Heinrich Heine .sisi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ho finito il libro quarto de "le cronache del ghiaccio e del fuoco", giusto in tempo per l'uscita del quinto libro in versione unificata (maledetta mondadori che ha ben pensato di dividere tutti i libri in due o tre parti) che ho prontamente acquistato oggi :d

 

ho preso anche "per chi suona la campana" dello zio ernesto, è il prossimo in coda :d

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ho finito il libro quarto de "le cronache del ghiaccio e del fuoco", giusto in tempo per l'uscita del quinto libro in versione unificata (maledetta mondadori che ha ben pensato di dividere tutti i libri in due o tre parti) che ho prontamente acquistato oggi :d

L'ho preso anch'io oggi sefz

 

EDIT: ah no, il tuo oggi era ieri .asd

  • Mi Piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi Subito

Sei già registrato? Accedi da qui.

Accedi Adesso

×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.