Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

Recommended Posts

23vn4le.jpg

 

 

 

 

Questo topic è dedicato alle giacchette nere.

Qui possiamo discutere e conoscere regolamenti e modalità di decisione.

Possiamo analizzare le varie designazioni come i vari episodi arbitrali, gli aspetti della vita arbitrale, i loro metodi di valutazione e le loro carriere.

Il tutto privilegiando il lato tecnico ed in toni pacifici, al fine di conoscere e far conoscere i compiti, le difficoltà, gli aspetti meno noti di una figura indispensabile per lo svolgimento di un incontro calcistico.

 

 

PER LE LAMENTELE, I PIAGNISTEI GLI INSULTI E QUANT'ALTRO ESISTE IL BAR SPORT!

 

 

 

Chicca:

 

Ripropongo questo documentario girato durante Euro 2008. Molti l'avranno già visto ma vale sempre la pena, anche solo per capire certe dinamiche all'interno del mondo arbitrale, attraverso l'operato di quattro terne (Svizzeri con Busacca, Spagnoli con Mejuto Gonzalez, Italiani con Rosetti, Svedesi con Frojdfelt).

E' peraltro l'unica testimonianza che abbiamo finora su cosa si dicano gli arbitri durante le partite

 

https://www.youtube.com/watch?v=89hOEkPDdy8

Share this post


Link to post
Share on other sites

Topic favoloso, ringrazio l'utente per averlo ideato e i Mod per averlo deliberato.

Spero di poter contribuire con la mia (breve ma intensa) esperienza e con la mia passione verso questo difficilissimo mestiere.

 

Parto col dire che non interessa giudicare chi o cosa si è avvantaggiato da episodi ne alimentare dietrologie o piaggeria. È e sarà un topic "tecnico" in cui si cercherà con obiettività di commentare le varie designazioni, prestazioni, carriere arbitrali.

 

Parto con un commento alla designazione della Uefa per la semifinale di ritorno di Mercoledì 13 Maggio. Appurato come per esclusione l'unica alternativa plausibile fosse Clattemburg (su cui magari approfondiremo), la scelta è ricaduta su Eriksson. Arbitro svedese (milionario e agente di commercio) di adeguata e comprovata esperienza. Ha arbitrato anche lo scorso anno una semifinale di Champions League, fornendo una buona prestazione (aveva comunque arbitrato diligentemente anche la finale di Supercoppa europea tra Bayern e Chelsea del 2013).

 

È un arbitro molto molto fiscale in area di rigore (credo a ragione), sufficientemente coerente e di buona personalità. Tecnicamente non lo trovo eccezionale, ma rispetto ad altri non perde di lucidità nel corso della gara.

 

Designazione che ha dei precedenti. 2 con la Juventus:

 

_ nella gara contro gli ucraini di Lucescu ci si ricorda di un rigore non fischiato a favore della stessa Juventus e di un gol viziato da una posizione di fuorigioco di Giovinco, errore comunque dell'assistente di gara);

_ contro il Copenaghen non ricordo episodi contestati, i due rigori concessi alla Juventus mi pare fossero netti.

 

Episodio curioso: ha "arbitrato" la sfida Roma-Bayern finita 1-7.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'immagine contiene tre dei migliori arbitri degli ultimi anni.

Busacca, Cakir e Webb. Non me voglia lo svizzero (che a ragione è stato ritenuto tra i migliori e non solo della sua generazione), ma verso l'inglese ho una vera e propria venerazione sportiva. Non commento la personalità perché gli inglesi mediamente da questo punto di vista sono irreprensibili, quanto l'intelligenza nell'applicazione del regolamento e la capacità di far accettare la sua decisione con dialogo e fermezza, dosando benissimo queste due qualità. Tecnica esagerata per un arbitro solo.

 

Da quando ho memoria non ho ricordi ne conoscenza di un arbitro applaudito in Italia, bene Webb in occasione di Fiorentina-Juventus venne accolto da una standing ovation strameritata (sebbene figlia anche di altre motivazioni) e molto emozionante. Che dire, fornì quella sera l'ennesima prestazione superba e in fin dei conti decisiva "contro" una tifoseria che accettò serenamente le decisioni, consapevole di aver speso un giusto applauso preventivo.

 

Fenomeno .allah

Share this post


Link to post
Share on other sites

verso l'inglese ho una vera e propria venerazione sportiva

 

Tre fenomeni. Ma Webb..mamma mia

Tu non sai quante partite io abbia visto non perché si affrontasse una determinata squadra contro un'altra, bensì perché ad arbitrare c'era lui.

Esagerato? Forse. Ma la sua non era una seconda occupazione. La sua era arte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Tre fenomeni. Ma Webb..mamma mia

Tu non sai quante partite io abbia visto non perché si affrontasse una determinata squadra contro un'altra, bensì perché ad arbitrare c'era lui.

Esagerato? Forse. Ma la sua non era una seconda occupazione. La sua era arte.

 

Hai detto tutto tu. Un arbitro favoloso, veramente eccezionale.

Il più grande arbitro dotato di non protagonismo che ricordi (immagino comprenderai a chi è rivolta la frecciatina :d).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai detto tutto tu. Un arbitro favoloso, veramente eccezionale.

Il più grande arbitro dotato di non protagonismo che ricordi (immagino comprenderai a chi è rivolta la frecciatina :d).

 

 

Eh credo di aver colto, sì :d

Share this post


Link to post
Share on other sites

è corretto il gol su punizione del parma ?

 

la palla viene toccata dal compagno di jorquera ma non fa il classico giro

 

dovrebbe essere una regola vecchia o mi sbaglio ?

 

Non vorrei sbagliare ma a memoria ricordo che con l'attuale regolamento la palla è in gioco se viene calciata e si muove (citazione testuale).

Sono abbastanza giovane da non ricordare se prima fosse indispensabile un giro completo, quindi su questo non riesco a risponderti.

Attualmente nelle punizione indirette chi "batte" la punizione può decidere anche di alzare il pallone (con uno o due piedi), probabilmente la richiesta del giro completo andava a complicare eccessivamente la valutazione dell'arbitro in questa situazione.

Dovrei rivedere il gol del Parma con attenzione, credo però sia regolare in quanto il pallone era appunto in uno stato di non quiete (usando una terminologia scientifica).

Share this post


Link to post
Share on other sites

interessante topic e discussione a cui vorrei aggiungere, se possibile(non so se off topic) un paio di riflessioni "filosofiche" diciamo e perchè mi interessa il vostro parere..

 

1)quando è importante l'errore dell'arbitro nell'economia di una partita, o di una stagione?

 

2)è utile "protestare" e star dietro all'arbitro? Perchè in prima persona a livello dilettanti se ne vedono di ogni tipo tra cui la "leggenda" che il capitano della squadra ha il dovere di protestare su ogni cosa.

 

3)il giudizio dell'arbitro è influenzabile sotto questo punto di vista?

 

No perchè io ai miei giocatori dico sempre che è inutile protestare, l'arbitro non torna mai indietro giusta o sbagliata che sia la decisione, e secondo me protestando continuamente la situazione diventa anche peggiore perchè magari l'abitro ti fischia contro giusto per dispetto.

 

parlo ovviamente a livello di categorie Dilettantistiche, il calcio dell'esperienza che ho io.

 

fermo restando che io son del parere che l'arbitro e l'arbitraggio in termini di partita nel senso di decisione sbagliata sull'episodio, incide poco, o pochissimo o meglio può dipendere dal tipo di episodio/errore.

 

quanto può valere un rigore negato/non fischiato al quinto minuto di gioco se ne ho altri 85 per far gol?

 

se invece mi regali un rigore inesistente e espelli pure il portiere/difensore allora la partita diventa tendenzialmente decisa dall'episodio arbitrale fermo restando che una squadra può anche ribaltare il risultato in 10 e molte volte è successo.

 

4)se un arbitro si rende conto di uno sbaglio clamoroso, è giusto che da quel momento in poi cerchi di bilanciare la situazione regalando qualcosa alla squadra severamente danneggiata, oppure no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Designazioni arbitrali Europa League

 

Dnipro Dnipropetrovsk - SSC Napoli

Referee: Milorad Mažić (SRB)

Assistant Referee 1: Milovan Ristić (SRB)

Assistant Referee 2: Dalibor Djurdjević (SRB)

Additional Assistant Referee 1: Danilo Grujić (SRB)

Additional Assistant Referee 2: Dejan Filipović (SRB)

Fourth Official: Dejan Petrović (SRB)

UEFA Referee Observer: Jean Lemmer (LUX)

UEFA Delegate: Panagiotis Chatzialexiou (CYP)

 

 

ACF Fiorentina - Sevilla FC

Referee: Damir Skomina (SVN)

Assistant Referee 1: Jure Praprotnik (SVN)

Assistant Referee 2: Robert Vukan (SVN)

Additional Assistant Referee 1: Matej Jug (SVN)

Additional Assistant Referee 2: Slavko Vinčić (SVN)

Fourth Official: Andraž Kovačič (SVN)

UEFA Referee Observer: Michel Vautrot (FRA)

UEFA Delegate: Jean Paul Mievis (BEL)

 

 

A questo punto dopo aver bruciato Clattenburg per la finale di EL, Collina brucia anche Mazic. O Collina contraddice l'ennesima regola in questa stagione di designazioni, oppure ci troveremo una finale di EL con Collum o Kralovec.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

1)quando è importante l'errore dell'arbitro nell'economia di una partita, o di una stagione?

 

2)è utile "protestare" e star dietro all'arbitro? Perchè in prima persona a livello dilettanti se ne vedono di ogni tipo tra cui la "leggenda" che il capitano della squadra ha il dovere di protestare su ogni cosa.

 

3)il giudizio dell'arbitro è influenzabile sotto questo punto di vistaita nel senso di decisione sbagliata sull'episodio, incide poco, o pochissimo o meglio può dipendere dal tipo di episodio/errore.

 

quanto può valere un rigore negato/non fischiato al quinto minuto di gioco se ne ho altri 85 per far gol?

 

se invece mi regali un rigore inesistente e espelli pure il portiere/difensore allora la partita diventa tendenzialmente decisa dall'episodio arbitrale fermo restando che una squadra può anche ribaltare il risultato in 10 e molte volte è successo.

 

4)se un arbitro si rende conto di uno sbaglio clamoroso, è giusto che da quel momento in poi cerchi di bilanciare la situazione regalando qualcosa alla squadra severamente danneggiata, oppure no?

 

Nell'economia di una partita dipende da molti fattori. Coefficiente di difficoltà dell'episodio valutato erroneamente, risultati finale della partita, corresponsabilità di assistenti ed addizionali (seppur ricordando che la responsabilità finale di una decisione è sempre e solo dell'arbitro centrale).

 

Capitolo proteste: non c'è una regola che specifichi una soglia oltre la quale non si possa andare. E tutto questo perché "la decisione del giudice di gara è inappellabile".

Ora, ci sono arbitri e arbitri. Ci sono arbitri come Rocchi che appena ti avvicini e dici "a", scatta il giallo. Arbitri come Rizzoli che prima tollerano un po', poi se vedono che uno non vuole saperne di smettere scatta il giallo. Arbitri come Massa che puoi dir loro di tutto e non succede nulla. Io preferisco la gestione di Rocchi, ma è anche vero che la sua non tolleranza molte volte gli complica la vita nella gestione della partita perché i calciatori cominciano a non accettarlo. Quindi probabilmente in medio stat virtus.

 

 

La terza domanda non capisco se intendi un giudizio di autovalutazione, un giudizio da parte di tecnici (osservatori arbitrali, presidenti di sezione ecc.) o esterni (moviolisti, giornalisti).

Qua forse può aiutarti meglio Robert.

 

Ultima domanda: no, no e poi no. Sbagliare per compensare vuol dire sbagliare apposta per un errore fatto involontariamente. Ora, un arbitro intelligente oltre a non farlo per principio sa benissimo che così più di 8.20 non prende. E si chiama insufficienza grave, con una graduatoria che non sorride più poi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

è corretto il gol su punizione del parma ?

 

la palla viene toccata dal compagno di jorquera ma non fa il classico giro

 

dovrebbe essere una regola vecchia o mi sbaglio ?

 

Il pallone è in gioco quando "è calciato e si è mosso".

Ora, non si parla più di giro completo ma si dice solo questo.

Calciato, è stato calciato. Mosso, si è mosso.

Un arbitro più insicuro avrebbe fatto - erroneamente - ribattere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Felice di poterti rispondere (anche se credo che le risposte alle tue domande siano fortemente soggettive).Premetto che a causa di problemi fisici non sono andato oltre la prima categoria e qualche torneo giovanile di discreta qualità, anche se ho sempre alimentato questa mia passione tenendomi aggiornato ed informato.

 

Per rispondere alla prima domanda bisogna premettere che l'errore di un arbitro è assolutamente figlio di una decisione istantanea e guardate nel giro di quei 2-3 secondi non pensi certo alla stagione delle due squadre, sei concentrato a rielaborare quanto visto (molto velocemente), in modo da prendere la decisione più giusta. Questo credo vada specificato senza remore.Chiaramente ci sono decisioni che pesano più di altre, ma tutto dipende dalla decisione, dal momento, dal tipo di torneo... In una partita secca ci sono decisioni che possono orientarne il risultato (penso ad un espulsione inesistente) o comunque decisioni sbagliate verso la fine della partita (in cui poi diventa molto complesso per una delle due squadre "rimediare"). Difficile quindi dare una risposta, in quanto le variabili da considerare sarebbero infinite. Anche il livello delle due squadre ha un certo peso, se sono alla pari una decisione può spostare la bilancia a favore di una delle due...Mi sono però fatto l'idea (sul campo) che analizzare l'episodio sia meno utile che non rielaborare l'intera prestazione: la capacità di tenere la partita e di farsi rispettare, il metro di giudizio identico per entrambe le squadre, l'essere lucido in tutte le varie situazione di gioco...se mostri sicurezza i giocatori solitamente ti rispettano e iniziano a comportarsi in maniera differente e talvolta accettano di buon grado decisione veramente al limite.Nell'economia di un campionato un errore arbitrale non pesa nulla, in una partita secca può pesare anche se meno di una direzione di gara unidirezionale (e poco coerente, aggiungerei).

 

No, protestare non è utile e non è buona norma. E' una forma di pressione sull'arbitro, che complica molto spesso il lavoro dei più giovani e dei ragazzi con meno personalità. La figura del capitano è importante, neppure lui però può eccedere in proteste. Può certamente avere un dialogo nel corso della gara, spesso condito da spiegazioni sulle decisioni prese nella partita. Anche qui la reazione è soggettiva, io di base ammonivo alla seconda protesta (dopo un avviso alla prima reazione eccessiva). Altri magari ammoniscono subito oppure si lasciano trascinare e condizionare da queste lamentele, a livello dilettantistico (ma anche professionistico) non tutti hanno la stessa personalità.Inoltre queste situazioni fomentano il pubblico, riscaldano l'ambiente e questo è davvero sgradevole. Aiutiamo gli arbitri e promuoviamo la cultura sportiva e l'accettazione dell'errore arbitrale. In Italia i giovanissimi arbitri vengono anche malmenati o pesantemente aggrediti per futili situazioni di gioco, tutto questo è INACCETTABILE!

 

Purtroppo si, non sempre nella direzione voluta. L'arbitro ha bisogno di mantenere la lucidità per prendere le decisioni più giuste e questa a seguito di lamentele e proteste potrebbe diminuire...lasciando spazio a insicurezza e preoccupazione. E' un vero e proprio mestiere che richiedere grande concentrazione e lucidità, richiede grande tecnica (in primis capacità di lettura della situazione...). Un arbitro meno sicuro è capace di qualsiasi cosa, non sempre a favore di chi platealmente protesta. Inoltre non credo che a livello dilettantistico o giovanile si abbia la necessità di influenzare l'arbitro...ripeto: cultura sportiva.

 

Innanzitutto l'arbitro migliore è quello che dimentica subito, sia la decisione sia giusta sia che sia stata ampiamente discussa (per altro dove non c'è supporto del mezzo televisivo difficilmente si ha un riscontro oggettivo e dunque comprendere l'errore è spesso un'impresa). Gli osservatori arbitrali possono fornire utili suggerimento nel dopo gara, sul singolo episodio anche loro spesso risultano in difficoltà (non sono dotati di replay, ma con l'esperienza possono chiaramente dare una lettura più lucida dell'episodio, di base valutano, con voti, la prestazione generale...l'errore sull'episodio solo se veramente grave)

La risposta ovviamente è no, l'arbitro deve seguire un regolamento dal primo al novantesimo minuto e soprattutto deve analizzare un episodio asetticamente e allo stesso modo deve conservare un metro di giudizio simile tra le due squadre. Pensare di compensare, significa dimenticarsi del regolamento, significa falsare l'evento molto più di quanto fatto prendendo una decisione sbagliata ritenuta giusta.Se mi dici che possa essere portato anche inconsciamente a compensare allora ti posso rispondere che sia purtroppo possibile, cercare di bilanciare è da ritiro immediato di patente e patentino :d

Share this post


Link to post
Share on other sites

Designazioni arbitrale Europa League

 

 

 

 

A questo punto dopo aver bruciato Clattenburg per la finale di EL, Collina brucia anche Mazic. O Collina contraddice l'ennesima regola in questa stagione di designazioni, oppure ci troveremo una finale di EL con Collum o Kralovec.

 

Il pianto (in realtà un'accusa gravemente infamante) di De Laurentiis ha dato i risultati voluti, il miglior arbitro stagionale (imho) designato per la semifinale di ritorno di EL.

Parlavamo proprio ieri di Skomina, arbitro per me dal futuro ridente. Se posso permettermi, gli arbitri designati per le due semifinali di ritorno di EL sono migliori rispetto a quelli designati per le semifinali di Champions :)

Curioso ora di vedere chi sarà designato per la finalissima...

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Il pianto (in realtà un'accusa gravemente infamante) di De Laurentiis ha dato i risultati voluti, il miglior arbitro stagionale (imho) designato per la semifinale di ritorno di EL.

Parlavamo proprio ieri di Skomina, arbitro per me dal futuro ridente. Se posso permettermi, gli arbitri designati per le due semifinali di ritorno di EL sono migliori rispetto a quelli designati per le semifinali di Champions :)

Curioso ora di vedere chi sarà designato per la finalissima...

 

Tra l'altro, per Skomina, non capisco perché dargli una partita pressoché ininfluente. Boh

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra l'altro, per Skomina, non capisco perché dargli una partita pressoché ininfluente. Boh

 

Perchè anche la Fiorentina si è molto lamentata dell'arbitraggio dell'andata (del tedesco Felix Brych) e quindi gli è stato designato un arbitro molto bravo per il ritorno (nonostante l'impresa sia impossibile...)

Arbitraggio dell'andata veramente pessimo comunque, l'arbitro tedesco è davvero inadeguato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho una domanda un pò al di fuori forse di questo topic

 

cosa spinge un amante del calcio a fare l'arbitro ?

 

e, se tra di voi c'è qualcheduno che pratica questo mestiere, svolgendo questo ruolo (tipo, state arbitrando la juve) riuscireste ad "esternalizzarvi" e a giudicare con oggettività anche situazioni in cui gioca la squadra che tifate ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

uno cosa che mi sto chiedendo da qualche giorno,allora un retropassaggio fatto con la coscia può essere preso con le mani dal proprio portiere,la stessa cosa è consentita se il retropassaggio avviene toccandola col ginocchio? .uhm

Share this post


Link to post
Share on other sites

uno cosa che mi sto chiedendo da qualche giorno,allora un retropassaggio fatto con la coscia può essere preso con le mani dal proprio portiere,la stessa cosa è consentita se il retropassaggio avviene toccandola col ginocchio? .uhm

 

Da quanto ne so, non conta la parte del corpo ma la volontarietà o meno del retropassaggio.

È anche vero che ormai purtroppo non si fischia nemmeno più, salvo rari ed eccezionali casi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da quanto ne so, non conta la parte del corpo ma la volontarietà o meno del retropassaggio.

È anche vero che ormai purtroppo non si fischia nemmeno più, salvo rari ed eccezionali casi.

 

se il retropassaggio avviene con un tocco della coscia anche se volontario è assolutamente consentito,viene considerato come un retropassaggio di petto o testa .ok

 

non dirlo ai tifosi dello schalke che ci hanno perso una bundes in questo modo :d

Share this post


Link to post
Share on other sites

se il retropassaggio avviene con un tocco della coscia anche se volontario è assolutamente consentito,viene considerato come un retropassaggio di petto o testa .ok

 

non dirlo ai tifosi dello schalke che ci hanno perso una bundes in questo modo :d

 

Sì, stavo andando a cercare conferme sul regolamento e in effetti ho detto una minchiata :d

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho una domanda un pò al di fuori forse di questo topic

 

cosa spinge un amante del calcio a fare l'arbitro ?

 

e, se tra di voi c'è qualcheduno che pratica questo mestiere, svolgendo questo ruolo (tipo, state arbitrando la juve) riuscireste ad "esternalizzarvi" e a giudicare con oggettività anche situazioni in cui gioca la squadra che tifate ?

 

Sarà che ho ricevuto un'educazione strenuamente severa ( bahsefz) e che sono cresciuto guardando calcio, per me è stato naturale affezionarmi a questo difficilissimo lavoro. Inoltre i miei piedi non offrivano garanzie e quindi per sognare dovevo ispirarmi ai grandi arbitri o alla PS1 :d

 

Ho svelato questa passione quando a 12 anni andai a vedere a Montecatini la squadra di mio fratello (difensore centrale discreto). Durante la gara l'arbitro fischiò un fallo al limite dell'area per gioco pericoloso di un compagno di mio fratello. La sua squadra dimenticò di chiedere la distanza, l'arbitro non fece in tempo ad alzare il braccio segnalando la punizione indiretta... il 10 avversario velocemente tirò in porta e segnò. L'arbitro assegno il gol tra le polemiche. Io piccolo adolescente iniziai ad urlare dalla tribuna e ben presto anche i più grandi si fecero portatori della mia argomentazione. Non era gol, da regolamento.

 

L'arbitro ammonì una valanga di giocatori prima di tornare sui suoi passi. Fece riprendere il gioco facendo ribattere la punizione, da cui il 10 riuscì a segnare nuovamente...anche questo non era gol...l'ho scoperto solo dopo anni però.

 

 

Sul secondo quesito non so risponderti, certamente a quel livello il tifo passa in decimo piano. Tra trasferte, vita personale e lavoro ti dimentichi pure di aver tifato in età adolescenziale...

Share this post


Link to post
Share on other sites

già che ci sei allora puoi risolvere il mio dubbio sefz

 

è consentito il retropassaggio col ginocchio? :d

 

Non si parla di parti del corpo. Ma si parla di pallone calciato. Vien da sé che il participio utilizzato implica l'uso dei piedi. E perciò tecnicamente si potrebbe.

 

Il problema è che poi troviamo:

 

Regola 12 - pag.128 ed.2009

 

 

AMMONIZIONI PER COMPORTAMENTO ANTISPORTIVO

Un calciatore dovrà essere ammonito per comportamento antisportivo se ad

esempio:

...

• usa deliberatamente un espediente, mentre il pallone è in gioco, per passarlo

al proprio portiere con la testa, il torace, il ginocchio ecc. con lo scopo di

aggirare il contenuto e lo spirito della Regola 12, indipendentemente dal fatto

che il portiere tocchi o meno il pallone con le mani. Il gioco verrà ripreso con un

calcio di punizione indiretto;

Share this post


Link to post
Share on other sites

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.