Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Skizzo91

Sentenza tribunale di Madrid (PDF)

Recommended Posts

8 minuti fa, SickNick85 ha scritto:

Riassunto? sono in ufficio e non ho tempo di leggere 15 pagine in spagnolo

Adesso non riesco a riassumerti tutto, ma il succo é che sono * amari per UEFA, FIFA, FIGC... 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tradotto con google e convertito in testo:


 

Quoto

 

TRIBUNALE DI LOMERCANTIL n. 17 DI MADRID 


C / Gran Vía, 52, 5 ° piano - 28013 
Telefono: 917201073 
Fax: 


42020573 


NIG: 28.079.00.2-2021 / 0091553 


Procedura: Misure precauzionali Pezzo 150/2021 - 0001 (Misure precauzionali 
precedenti LEC 727) 


Oggetto: Altre questioni di parte generale 


Richiedente:SOCIETA 'SUPER LEGA EUROPEA SL 
AVVOCATO Sig./Ms. MANUEL SANCHEZ-PUELLES GONZALEZ-CARVAJAL 
Imputato:FIFA 
UEFA 


NUMERO VETTURA 14/2021 


IL / IL GIUDICE / MAGISTRATO-GIUDICE CHE LO RILASCIA:MANUEL RUIZ DE LARA. 
Posto:Madrid. 
Data:20 aprile 2021. 


SFONDO FATTUALE 


Unico.-Dall'avvocato dei tribunali, il signor Manuel Sánchez Puelles Carvajal, che agisce per 
conto della European Superleague Company SL, è stata presentata una rivendicazione scritta 
e una richiesta di misure cautelari senza precedenti contro UEFA e FIFA. 


FONDAMENTI GIURIDICI 


Primo.- Misure precauzionali. 


L'articolo 728 del codice di procedura civile stabilisce che: 


"1. Le misure cautelari possono essere concordate solo se la persona che le richiede giustifica che, 
nel caso in questione, potrebbero verificarsi durante il processo pendente, se le misure richieste 
non sono adottate, situazioni che ostacolano o ostacolano l'efficacia della tutela che può essere 
concessa in un eventuale giudizio di stima. 


Non saranno concordate misure precauzionali quando intendono modificare situazioni di fatto a cui il 
richiedente ha acconsentito per lungo tempo, a meno che il richiedente non giustifichi pienamente le 
ragioni per le quali tali misure non sono state richieste fino a quel momento. 


2.Il richiedente misure cautelari deve anche presentare con la sua richiesta i dati, gli argomenti 
e le giustificazioni documentali che hanno portato alla costituzione della Corte, senza 
L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
1 di 15 



pregiudicare il merito della questione, un giudizio provvisorio e favorevole alla base della tua 
domanda. In mancanza di giustificazione documentale, il richiedente può offrirla con altri mezzi di 
prova, che devono essere proposti nella stessa scrittura. 


3.Salvo espressa disposizione contraria, il richiedente il provvedimento cautelare deve fornire 
garanzie sufficienti per rispondere, tempestivamente ed efficacemente, dei danni che l'adozione del 
provvedimento cautelare potrebbe arrecare al patrimonio dell'imputato. 
Il giudice determinerà la fideiussione sulla base della natura e del contenuto del reclamo e della 
valutazione effettuata, secondo la sezione precedente, sulla base della richiesta del provvedimento. 
La fideiussione di cui al comma precedente può essere concessa in una delle forme previste dal 
secondo comma della sezione 3 dell'articolo 529. " 


Per quanto riguarda il primo dei budget o fabbisogni, si segnala che il periculum in mora, come è 
noto anche questo budget, è concepito come il rischio di pregiudizio all'efficacia della tutela 
giudiziaria ricercata nel processo principale, rischio che può sorgono in occasione del necessario 
ritardo temporaneo per pervenire, dopo il completamento del processo di dichiarazione, alla 
sentenza che conferisce tale tutela. Dal classico contributo di Calamandrei, la distinzione tra pericolo 
di infruttuosità - consistente nel fatto che l'esecuzione è possibile o difficoltosa nel momento in cui si 
procede - e pericolo di ritardo - danno immediato ed irreparabile che viene prodotto dal semplice 
ritardo nel ottenere il provvedimento-. I rischi per l'efficacia della tutela prevista nel processo di 
dichiarazione possono presentare una grande varietà, ma si può tentare una enumerazione 
approssimativa più completa della precedente: 1 °) rischi che incidono sulla possibilità pratica di 
esecuzione considerata affatto; e 2 °) rischi che minacciano la possibilità pratica di una specifica 
esecuzione o la possibilità che la specifica esecuzione venga eseguita con piena utilità. 


Per quanto riguarda la seconda delle ipotesi, che è quella relativa al fumus boni iuris, si precisa che la previsione legislativa delle misure cautelari è 
spiegabile considerando un possibile esito procedurale favorevole all'attore. Quando inizia un processo, questa eventualità è, ovviamente, sempre 
possibile. Tuttavia, come sarebbe iniquo condizionare l'accesso al processo a una certa dimostrazione preliminare della realtà del diritto che si 
afferma, in quanto significherebbe troncare la stessa possibilità di riconoscimento del diritto, lo è, al contrario, , accettabile che per la concessione 
di una misura cautelare, che implica un'ingerenza nella sfera giuridica dell'imputato, si richiede che si possa formulare un giudizio positivo su un 
risultato favorevole all'attore. Tuttavia, Questo requisito non può essere portato all'estremo che il materiale (accuse, prove) che il giudice deve 
prendere in considerazione per concedere la misura, deve essere uguale a quello necessario per decidere sull'oggetto del processo principale e 
deve essere fornito e trattato allo stesso modo di quest'ultimo è stabilito. Se così fosse si avrebbe una duplicazione dell'indagine, ma soprattutto il 
provvedimento cautelare non potrebbe adempiere alla funzione che gli è affidata, poiché si riprodurrebbe nei suoi confronti la difficoltà che è 
destinata a superare; Da cui si deve concludere che è sufficiente dimostrare la probabilità del diritto o altra situazione giuridica la cui protezione è 
richiesta nel processo principale. In questo senso il Deve essere uguale a quello necessario per deliberare sull'oggetto del processo principale e 
deve essere fornito e trattato allo stesso modo in cui è stabilito per quest'ultimo. Se così fosse si avrebbe una duplicazione dell'indagine, ma 
soprattutto il provvedimento cautelare non potrebbe adempiere alla funzione che gli è affidata, poiché si riprodurrebbe nei suoi confronti la 
difficoltà che è destinata a superare; Da cui si deve concludere che è sufficiente dimostrare la probabilità del diritto o altra situazione giuridica la 
cui protezione è richiesta nel processo principale. In questo senso il Deve essere uguale a quello necessario per deliberare sull'oggetto del 
processo principale e deve essere fornito e trattato allo stesso modo in cui è stabilito per quest'ultimo. Se così fosse si verrebbe a duplicare 
l'indagine, ma soprattutto il provvedimento cautelare non potrebbe svolgere la funzione che gli è affidata, poiché si riprodurrebbe nei suoi 
confronti la difficoltà che è destinata a superare; Da cui si deve concludere che è sufficiente dimostrare la probabilità del diritto o altra situazione 
giuridica la cui protezione è richiesta nel processo principale. In questo senso il la misura cautelare non potrebbe adempiere alla funzione che le è 
affidata, poiché si riprodurrebbe nei suoi confronti la difficoltà che è destinata a superare; Da cui si deve concludere che è sufficiente dimostrare la probabilità del diritto 

Secondo.- Parte di misure precauzionali senza precedenti. 


L'articolo 733.2 della legge di procedura civile stabilisce che: 


L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
2 di 15 



"1. Come regola generale, il tribunale provvede alla richiesta di misure cautelari dopo aver sentito 
l'imputato. 


2.Nonostante le disposizioni della sezione precedente, quando il richiedente lo richiede e dimostra che esistono 
ragioni urgenti o che l'udienza preliminare può compromettere il successo della misura cautelare, il tribunale 
può acconsentire senza ulteriori formalità mediante un'ordinanza , nel termine di cinque giorni, in cui ragionerà 
separatamente sulla concomitanza delle esigenze del provvedimento cautelare e sui motivi che hanno 
consigliato di concordarlo senza sentire il convenuto. 
Contro l'ordinanza che concorda misure cautelari senza previa audizione del convenuto, non si potrà 
ricorrere e si seguiranno le disposizioni del capitolo III di questo titolo. L'ordine sarà notificato alle parti 
senza indugio e, se non possibile prima, immediatamente dopo l'esecuzione dei provvedimenti ". 


Pertanto, è possibile adottare misure precauzionali "inaudite" solo quando sono presenti i suddetti 
motivi di urgenza o la possibilità di frustrazione della loro efficacia, poiché in questi casi si tratta di 
impedire che lo scopo della protezione cautelare venga frustrato per mezzo dei necessari ritardi 
nell'audizione della controparte. Ciò implica che la richiesta iniziale, unitamente ai requisiti 
legalmente stabiliti -esaminati nella precedente Base Giuridica-, deve fare espressa menzione delle 
ragioni che giustificano l'esclusione dell'audizione preventiva del convenuto, con specifica 
motivazione e giustificazione, e deve altresì essere effettuato nell'Ordine che decide in merito (arte. 
733.2, primo paragrafo, ultimo paragrafo, LECivil) una ponderazione e una valutazione giudiziaria di tale 
giustificazione. 


Sono invece concetti giuridici indeterminati che devono essere valutati in ogni caso specifico 
tenendo conto delle circostanze concorrenti. Resta inteso che sussistono motivi di urgenza se la 
condotta costituente il pericolo dovuto al ritardo procedurale fosse stata preparata o fosse 
stata avviata con il rischio di consumare il danno qualora fosse necessario attendere lo 
svolgimento dell'udienza. 


È giurisprudenza costante che le ragioni di "urgenza" delarte. 733 LECivilNon sono identificabili 
né con il "periculum in mora" che giustifica l'adozione di misure cautelari, né con i "motivi di 
urgenza o necessità" di cui allaarticolo 730.2 LECe che sono quelli che giustificano la 
presentazione della richiesta di misure cautelari prima del giudizio. 


In questo senso, ilOrdinanza del tribunale provinciale di Madrid, sezione 28, del 9.3.2012] [ROJ: AAP 
M 4807/2012] che "... Questo requisito temporaneo, richiesto dal suddettoArticolo 730.2 della legge 
di procedura civile("motivi di urgenza o necessità"), non può essere confuso o identificato con il 
pericolo nel ritardo di tutte le misure cautelari, previste dalarte. 728.1 della legge di procedura civile, 
consistente nel giustificare che, nella fattispecie, si potrebbero verificare, nel corso del procedimento 
pendente, situazioni che impediscono o ostacolano l'efficacia della tutela che potrebbe essere 
accordata in un'eventuale sentenza, in caso di mancata adozione dei provvedimenti richiesti. Se si 
verifica questa confusione o identificazione, la richiesta anticipata di misure cautelari sarebbe priva 
di singolarità e il requisito aggiuntivo delArticolo 730.2 della legge di procedura civilesarebbe 
svuotato di significato ... ". 


Nello stesso senso, ilOrdinanza del tribunale provinciale delle Asturie, sezione 7, del 13 giugno 
dal 2002capisce che si verifica quando c'è un "quanto" di pericolo maggiore di quello che di per 
sé sarebbe sufficiente per l'adozione di una precauzione, cioè quella che viene a configurare il 
budget del "periculum in mora". 


L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
3 di 15 



Da tale dottrina risulta che quando il richiedente la protezione cautelare sollecita l'adozione di 
misure senza precedenti, non deve solo provare l '"urgenza"; anzi, deve aggiungere una 
richiesta, una motivazione e una giustificazione che detti provvedimenti devono essere adottati 
senza sentire il soggetto che deve sostenerli, sia per motivi di "urgenza" o per motivi che 
possono compromettere "il buon fine" del provvedimento. 


La specifica "urgenza" che giustifica la limitazione e il rinvio [-al momento dell'opposizione del 
arte. 739 LECivil-] del diritto fondamentale di asserzione, udienza e difesa, è riferito -secondo la 
giurisprudenza ribadita ad un rischio qualificato e grave, accreditato e vero, che porta il giudice ad 
apprezzare che la mera adozione di detti provvedimenti tutelerà i diritti soggettivi invocati , in 
quanto la mancata adozione degli stessi produrrà danno o insoddisfazione definitiva delle azioni del 
richiedente. 


In questo senso ilOrdinanza del Tribunale provinciale delle Isole Baleari, Sezione 3, del 9 luglio 2001, 
afferma che "... insomma, se l'urgenza è motivata dalla necessità imperativa di tutelare 
determinati diritti, in quei casi in cui, se non sono immediatamente tutelati, potrebbe 
esserci insoddisfazione definitiva, anche se la tutela giudiziaria è stata successivamente 
concessa in la sentenza, non è prevedibile rispetto al presunto scioglimento di una società 
vivente nel formulare l'istanza basata sul semplice sospetto che fosse costituita 
esclusivamente per la promozione dell'edificio, che consiglia di adottare l'inedito 
provvedimento parte ... " 


Aggiungi ilOrdinanza del tribunale provinciale di Gerona, sezione 1, del 26/07/2011 [ROJ: AAP GI 639/2011] 
che "... È pertanto necessario che la parte sostenga e dimostri il concorso di tali motivi di specifica urgenza 
o, se del caso, che lo svolgimento dell'udienza possa compromettere la buona conclusione del 
provvedimento, nonché che il motivazioni risolutive sul loro concorso o assenza separatamente al fine di 
decidere se l'adozione del provvedimento inedito in parte o al contrario, non condividendo tali ragioni, lo 
svolgimento dell'udienza prevista dall'articolo 734. Il ricorrente deve sostenere, motivare e dimostrare la 
concomitanza di un rischio qualificato nel ritardo processuale e solo quando ciò si verifica il giudice deve 
analizzare la concomitanza dei requisiti della misura cautelare richiesta… ”. 


Terzo. Analisi del caso di specie. 


L'articolo 101 del TFUE prevede che: 


"1. Saranno incompatibili con il mercato interno e saranno vietati tutti gli accordi tra 
imprese, decisioni di associazioni di imprese e pratiche concordate che possono incidere 
sugli scambi tra Stati membri e che hanno per oggetto o per effetto di impedire, 
restringere o falsare il gioco della concorrenza all'interno del mercato interno e, in 
particolare, quelli costituiti da: 


a)fissare direttamente o indirettamente i prezzi di acquisto o di vendita o altre condizioni di 
transazione; 
b)limitare o controllare la produzione, il mercato, lo sviluppo tecnico o gli investimenti; 
L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
4 di 15 



c)condividere mercati o fonti di approvvigionamento; 
d)applicare condizioni diseguali a terzi per prestazioni equivalenti, che causano 
loro uno svantaggio competitivo; 
e)subordinare la conclusione dei contratti all'accettazione, da parte delle altre parti 
contraenti, di servizi integrativi che, per loro natura o in base all'utilizzo commerciale, non 
siano attinenti all'oggetto dei contratti stessi. 
2.Gli accordi o le decisioni vietati dal presente articolo saranno nulli. 
3.Tuttavia, le disposizioni del paragrafo 1 possono essere dichiarate inapplicabili: 
_ qualsiasi accordo o categoria di accordi tra aziende, 


_ qualsiasi decisione o categoria di decisioni di associazioni di imprese, 


_ qualsiasi pratica concordata o categoria di pratiche concordate, 
che contribuiscono a migliorare la produzione o la distribuzione dei prodotti oa 
promuovere il progresso tecnico o economico, riservando allo stesso tempo una 
congrua parte dell'utile che ne deriva agli utenti, e senza: 


a)imporre alle società interessate restrizioni non essenziali per il raggiungimento 
di tali obiettivi; 
b)offrire a dette società la possibilità di eliminare la concorrenza per una parte 
sostanziale dei prodotti in questione ". 
L'articolo 102 del TFUE stabilisce che: 


"È incompatibile con il mercato interno e, nella misura in cui può pregiudicare il commercio tra 
Stati membri, lo sfruttamento abusivo, da parte di una o più società, di una posizione 
dominante nel mercato interno o in una parte sostanziale è vietato. stesso. 


Tali pratiche abusive possono consistere, in particolare, in: 


a)imporre direttamente o indirettamente prezzi di acquisto, prezzi di vendita o altre condizioni di transazione 
sleali; 
b)limitare la produzione, il mercato o lo sviluppo tecnico a scapito dei consumatori; 
L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
5 di 15 



c)applicare condizioni diseguali a terzi per servizi equivalenti, che causano loro uno 
svantaggio competitivo; 
d)subordinare la conclusione dei contratti all'accettazione, da parte delle altre parti contraenti, di 
servizi integrativi che, per loro natura o in base all'utilizzo commerciale, non siano attinenti 
all'oggetto dei contratti stessi. " 
Secondo costante giurisprudenza della Corte di giustizia, in relazione al contenuto della presente 
Articolo 102 TFUE, il concetto di sfruttamento abusivo è un concetto oggettivo che fa 
riferimento alle attività di un'azienda in posizione dominante che può influenzare la 
struttura di un mercato in cui, proprio per la presenza dell'azienda in questione, 
l'intensità della concorrenza è già indebolimento e, ricorrendo a mezzi diversi da 
quelli che regolano la normale concorrenza di prodotti o servizi basata sui benefici 
di agenti economici, il mantenimento del grado di concorrenza ancora esistente nel 
mercato o lo sviluppo di detta competenza (sentenze della Corte di giustizia del 13 
febbraio 1979, Hoffmann-La Roche / Commissione, 85/76, Rec. p. 461, paragrafo 
91; del 9 novembre 1983, Michelín / Commissione, 322/81, 
Rec. P. 3461, punto 70;del 3 luglio 1991, AKZO / Commissione, C-62/86, Rec. P. I-3359, 
paragrafo 69; e del 30 settembre 2003, Manufacture française des pneumatiques 
Michelin / Commissione,T-203/2001, punto 54;sentenza del Tribunale di primo grado del 7 
ottobre 1999, Irish Sugar / Commissione, T-228/97, Rec. P. II-296, 9, punto 111) ... "; 
aggiungendo la Sentenza della stessa Camera e Sezione, del 15.2.2019 [ROJ: SAP M 11931/2019] che 
"... Affinché il comportamento di una società in posizione dominante sia classificato come abusivo è 
necessario che manchi di obiettivo giustificazione e ragionevolesentenza della 3a Sezione 
della Corte Suprema dell'11 novembre 2009 e del 1 giugno 2010, tra l'altro)...". 


La premessa da cui parte il nostro ordinamento giuridico, che disciplina una doppia 
regolamentazione giuridica che tutela l'economia di mercato e, quindi, la libera concorrenza (le 
normative della Comunità Europea, direttamente applicabili nel nostro Paese, e la legislazione 
spagnola), è il divieto di abuso di posizione dominante nel mercato da parte di un'azienda. 
Questo è fermamente stabilito nelArticolo 102 del Trattato UE(vecchioArticolo 82, 
prima della riforma operata dal trattato di Lisbonadel 13 dicembre 2007, entrato in 
vigore il 1 ° dicembre 2009) e inArticolo 2 Legge 16/1989 del 17 luglio sulla Difesa 
del Concorso. La norma che vieta l'abuso di posizione dominante è rigorosa e, a 
differenza del divieto di collusione tra imprese, non sono ammesse eccezioni. Si 
possono stabilire tre requisiti, il cui concorso comporterebbe l'applicazione del 
divieto. I primi due sono comuni al diritto interno spagnolo e al diritto comunitario. 
Il terzo si riferisce esclusivamente a quest'ultimo. Questi sono i seguenti: 


a)l'esistenza di una posizione dominante; 
b)lo sfruttamento abusivo della posizione dominante; Y 
c)l'impatto sul commercio tra gli Stati membri. 
In questo procedimento, l'attore intraprende le seguenti azioni: 


L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
6 di 15 



_ In relazione all'articolo 102 del TFUE, varie azioni di dichiarazione riguardavano l'abuso di 
posizione dominante esercitato dalla FIFA e dall'UEFA nel mercato interno del calcio. 


_ Ai sensi dell'articolo 101 TFUE, varie azioni dichiarative relative alla violazione 
della libera concorrenza nel mercato interno del calcio che UEFA e FIFA stanno 
portando avanti mediante l'imposizione di restrizioni ingiustificate e 
sproporzionate. 


_ Azioni varie per la cessazione di comportamenti anticoncorrenziali, il divieto di ripetizione 
futura e la rimozione degli effetti di qualsivoglia provvedimento o azione che gli imputati 
possano aver compiuto direttamente o indirettamente. 


La Federation Internationales de Football Association (FIFA) è un ente di diritto privato il cui 
statuto stabilisce, tra gli altri, i seguenti obiettivi: "organizzare le proprie competizioni 
internazionali" e "controllare tutte le forme di calcio, adottando le misure appropriate per 
evitare la violazione di lo statuto, i regolamenti e le decisioni della FIFA, nonché le regole del 
gioco ". 


Le federazioni nazionali e le confederazioni regionali (AFC; CAF, CONCACAF, CONMEBOL, 
UEFA e OFC) sono affiliate alla FIFA. Organizzare FIFA varie competizioni internazionali per 
club e nazionali. 


Dai documenti 7-9 del ricorso si può dedurre che le società calcistiche professionistiche sono membri 
indiretti della FIFA e che tale organo può adottare sanzioni disciplinari. Le federazioni calcistiche, le 
confederazioni e i club sono vincolati dai loro statuti e regolamenti e devono conformarsi ai 
regolamenti e alle decisioni della FIFA. 


L'Union des Associations Européennes de Football (UEFA) è un ente privato che ha, tra gli altri, i 
seguenti obiettivi: 1 Essere a conoscenza di tutte le questioni relative al calcio a livello europeo 2 
Supervisionare e controllare lo sviluppo del calcio europeo in tutte le sue forme 3 Organizzare e 
sviluppare competizioni e tornei internazionali di calcio in tutte le sue modalità a livello europeo. 


Le leghe e i club nazionali sono membri indiretti della UEFA. Le federazioni calcistiche, le 
confederazioni e i club sono vincolati dai loro statuti e regolamenti e devono conformarsi ai 
regolamenti e alle decisioni della FIFA. Organizzazione di varie competizioni internazionali per 
club e nazionali UEFA. 


La FIFA e la UEFA, enti privati, hanno il monopolio dell'autorizzazione e dell'organizzazione 
delle competizioni internazionali di calcio professionistico. Così che: 


_ L'articolo 22 dello statuto FIFA obbliga le confederazioni regionali a garantire che le leghe 
internazionali o altre organizzazioni di club o leghe analoghe non siano costituite senza il loro 
consenso o senza l'approvazione della FIFA. 


_ L'articolo 71 dello statuto FIFA conferisce alla FIFA, alle confederazioni e alle federazioni 
nazionali aderenti, la competenza esclusiva di concedere l'autorizzazione preventiva per 
organizzare competizioni internazionali e vieta espressamente la possibilità di organizzare 
partite e competizioni non preventivamente autorizzate dalla FIFA, federazioni nazionali affiliate 

oda confederazioni. 
L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
7 di 15 



_ L'articolo 72 dello statuto FIFA vieta ai giocatori e alle squadre affiliate alle federazioni affiliate 
di giocare partite o mantenere rapporti sportivi con giocatori, squadre non affiliate a membri 
FIFA o che non sono membri provvisori delle confederazioni. 


_ L'articolo 67 dello statuto FIFA conferisce la proprietà esclusiva di tutti i diritti (di proprietà, 
commerciali e di marketing o intangibili) sulle competizioni internazionali senza alcuna 
restrizione alla FIFA, alle sue federazioni nazionali membri e alle confederazioni. Attribuendo 
loro l'articolo 68 l'esclusiva responsabilità per l'autorizzazione alla distribuzione delle immagini, 
dei suoni e dei dati dei fiammiferi. 


_ Queste disposizioni sono ribadite negli articoli da 49 a 51 dello Statuto UEFA, che conferiscono alla 
UEFA il monopolio per quanto riguarda l'organizzazione di competizioni internazionali in Europa e 
vietano le competizioni internazionali in Europa che non sono state precedentemente autorizzate 
dalla UEFA. 


_ Monopolio in materia di organizzazione e autorizzazione di competizioni internazionali 
ratificato da FIFA e UEFA con dichiarazione del 21 gennaio 2021. 


Da quanto precede, si può dedurre un'apparenza di buona legge che la FIFA e la UEFA 
detengono il 100% della quota di mercato in termini di organizzazione di competizioni 
calcistiche internazionali, detenendo così una situazione di monopolio nel mercato 
dell'organizzazione rilevante delle competizioni calcistiche. Lo Statuto FIFA e UEFA e 
l'applicazione delle sanzioni e dei divieti derivati dai suddetti articoli rappresentano un 
ostacolo insormontabile all'ingresso di nuovi concorrenti nel mercato rilevante per 
l'organizzazione di competizioni calcistiche internazionali in Europa. 


L'effettiva applicazione dei divieti e delle sanzioni derivanti dai citati articoli dello Statuto 
FIFA e UEFA rappresenta un effetto dissuasivo sull'organizzazione di competizioni 
calcistiche al di fuori dei predetti enti privati, limitando per natura e gravità i danni che 
deriverebbero da l'imposizione di sanzioni, la concorrenza nel mercato rilevante per 
l'organizzazione di competizioni di calcio. 


The European Superleague Company SL è una società a responsabilità limitata i cui 
partner sono i club fondatori: 


_ Real Madrid Football Club. 


_ Associazione Calcio Milan. 


_ Barcelona Soccer Club. 


_ Club Atlético de Madrid. 


_ Manchester United Football Club. 


_ Football Club Internazionale de Milano SPA 


_ Juventus Football club. 


L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
8 di 15 



_ Il Liverpool Football Club e Athletic Grounds Limited. 


_ Tottenham Hostpur Football Club. 


_ Arsenal Football Club. 


_ Manchester City Football Club. 


_ Chelsea FC Plc. 


Dal documento 10 della causa si può dedurre che European Superleague Company SL è l'unico 
proprietario della Super League e sarà la società madre di: 


_ SL Sports Co SL, la società incaricata di supervisionare e gestire lo svolgimento 
quotidiano della Super League Europea dal punto di vista della sostenibilità sportiva, 
disciplinare e finanziaria. 


_ SL MediaCo1 sarà la società responsabile della supervisione e della gestione del funzionamento 
ordinario della Super League esclusivamente per quanto riguarda la commercializzazione e la vendita a 
livello mondiale dei diritti audiovisivi della Super League. 


_ SL CommercialCo sarà la società responsabile della supervisione e della gestione 
ordinaria della commercializzazione dei beni commerciali della Superliga che non sono 
diritti audiovisivi. 


La Superliga mira a diventare la prima competizione europea al di fuori della UEFA, 
che si tiene ogni anno e con l'obiettivo di massimizzare le possibilità di competere 
per giocatori e club di altissimo livello sportivo. Tale competizione non impedirebbe 
ai club partecipanti di partecipare alle rispettive competizioni nazionali e 
campionati nazionali. 


Il patto parasociale e di investimento dei club fondatori della Super League Europea 
articola il seguente modello di business: 


_ Il regolamento dettagliato di come si articolerà la partecipazione dei club fondatori e dei 
club classificati alla Super League sarà attuato attraverso contratti di partecipazione che 
ogni club partecipante alla Super League firmerà con le società della Super League. Detti 
accordi di partecipazione regoleranno: 


1 Come sarà il trasferimento dei diritti dei club partecipanti alla Superliga a SL 
MediaCO1 e 


2)Quale sarà la remunerazione che riceveranno i club partecipanti alla Super League. 
_ SL SportsCo e SL MediaCO 1 e SL CommercialCo firmeranno un contratto di fornitura 
di servizi in virtù del quale SL SportsCo sarà incaricato di gestire gli aspetti di 
sostenibilità sportiva, disciplinare e finanziaria della Super League. 


L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
9 di 15 



_ Attraverso Infrastructure Gran Agreement verranno regolamentati i termini e le 
condizioni in cui i club fondatori riceveranno gli importi a cui SL MediaCO ha accesso. 


_ SL MediaCo 1 gestirà la commercializzazione e la distribuzione dei diritti audiovisivi della 
Super League attraverso “Accordi sui media” e “Accordi di distribuzione”. 


Le seguenti condizioni sospensive per l'attuazione del progetto European Football Super 
League sono state incluse in detto Patto di Partecipazione e Investimento: 


_ Riconoscimento della Super League da parte della FIFA e / o della Uefa come nuova 
competizione compatibile con lo statuto FIFA e / o lo statuto UEFA; o in alternativa 


_ Ottenere la tutela legale da parte di tribunali e / o organi amministrativi che 
consenta la partecipazione dei club fondatori alla Super League in modo da 
mantenere la partecipazione ai rispettivi campionati, competizioni e tornei 
nazionali. 


I club fondatori della European Football Super League hanno realizzato le seguenti 
azioni per la realizzazione del progetto economico sportivo: 


_ 17 aprile 2021, JP Morgan AG e Tivalino Investment SL hanno firmato un accordo di 
degustazione in virtù del quale JP Morgan si impegna a concedere un prestito fino a 


3.983.000.000di euro. 
_ Interim AgentCo ha firmato una lettera di impegno con ESLC in virtù della quale garantirà 
il sostegno finanziario dei club fondatori per l'organizzazione della Super League e 
l'attuazione del progetto attraverso la concessione del Infrastructure Grant. 


_ JP Morgan AG e Interim AgentCo hanno firmato una lettera di accettazione dell'incarico in 
virtù della quale JP Morgan AG si impegna, rispettivamente, a sottoscrivere e organizzare 
l'emissione di obbligazioni che Interim AgentCo intende effettuare al fine di sostituire il prestito 
concesso da JP Morgan per un emissione obbligazionaria sui mercati dei capitali al fine di 
consentire agli investitori istituzionali di partecipare al finanziamento della Super League. 
(Documento 26 del ricorso). 


_ I club fondatori hanno firmato l'Accordo di partecipazione e investimento al fine di 
avviare la Super League, svolgere le azioni necessarie per la sua creazione e 
organizzazione, partecipare alla Super League e agire in buona fede e dedicare i loro 
migliori sforzi per contribuire al successo dell'attuazione del progetto. 


In correlazione con quanto sopra, il Patto Parasociale e di Investimento prevede che nel breve 
periodo: 


_ L'annuncio per l'implementazione della Super League verrà inviato alla FIFA e alla UEFA. (documento 1 della 
domanda). 


L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
10 di 15 



_ Verranno firmati accordi di partecipazione tra i club fondatori e le società della Super 
League. 


_ Si terrà una riunione dei partner ESLC in cui verrà concordata la trasformazione di ESLC in una 
società per azioni. 


_ Verranno istituite le altre società della Super League. 


Dal documento 1 della richiesta di misure cautelari si può dedurre che diverse società di calcio 
professionistiche hanno istituito una nuova competizione di calcio professionistico denominata “Super 
League”. Avendo comunicato la nascita di tale competizione alla FIFA e alla UEFA, organizzazioni che fino 
ad ora organizzavano esclusivamente competizioni internazionali di calcio professionistico. 


Dal documento 2 della richiesta di misure cautelari si evince che FIFA e UEFA, a seguito di detta 
comunicazione, hanno rilasciato una dichiarazione in cui: 


_ Hanno espresso il rifiuto di riconoscere la creazione di una "Super League" europea riservata ad alcuni 
club del continente. 


_ Hanno avvertito che qualsiasi giocatore o club che partecipa a detta competizione sarà espulso dalle 
competizioni organizzate dalla FIFA e dalle confederazioni. 


_ Hanno affermato che tutte le competizioni devono essere organizzate o riconosciute dall'ente 
corrispondente. 


Detta dichiarazione è stata ratificata mediante una nuova dichiarazione del 18 aprile 2021 rilasciata 
dalla UEFA, dalla Federcalcio inglese e Premier League, dalla Federcalcio spagnola reale, LaLiga, dalla 
Federcalcio italiana e dalla Lega Serie A. Detta dichiarazione rilascia un nuovo monito sull'adozione 
di provvedimenti disciplinari nei confronti di quei club e calciatori che partecipano alla creazione 
della Super League Europea. 


Dal documento 5 della richiesta di misure cautelari si può dedurre che l'associazione europea dei 
campionati di calcio professionistico ha pubblicato una dichiarazione di unanime sostegno alla 
dichiarazione di FIFA e UEFA al fine di coordinare le misure necessarie per impedire l'entrata in funzione 
del nuovo Competizione "Super League" e / o per adottare le misure disciplinari annunciate dalla FIFA e 
dalla UEFA nei confronti di quei club e / o calciatori che partecipano alla nuova competizione. 


L'efficacia di dette misure annunciate impedirebbe ai club e / o ai giocatori che partecipano 
alla Super League di partecipare a: 


1)La prossima Eurocup di calcio di giugno 2021, 
2)I prossimi Giochi Olimpici di luglio 2021, 
3)La prossima Coppa del Mondo nel 2022. 
Dai dati esposti si evince una parvenza di buona legalità che il monopolio esercitato da FIFA 
e UEFA sull'organizzazione e gestione di competizioni calcistiche nazionali ed internazionali 
nonché l'esclusività nella gestione dei ritorni economici derivanti da dette competizioni, 
unitamente al misure annunciate da detti enti privati, impediscono l'esistenza della libera 
concorrenza nel mercato della concorrenza 


L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
11 di 15 



del calcio professionistico a livello europeo. L'adozione delle misure annunciate dalla FIFA e dalla UEFA 
porterebbe a: 


_ Il fallimento del progetto della Super League Europea per l'impossibilità di soddisfare la 
suddetta condizione di compatibilità. 


_ La conseguente perdita di impegni di investimento e finanziamento da parte di JP Morgan. 


Le misure disciplinari annunciate dalla FIFA e dalla UEFA, se attuate in modo efficace, 
provocherebbero anche una violazione delle libertà comunitarie, con ripercussioni sul 
commercio tra Stati membri e in particolare: 


_ La libertà di fornire servizi disciplinata dall'articolo 56 del TFUE impedendo la fornitura di servizi da 
parte dell'ESLC. 


_ La libera circolazione dei lavoratori di cui all'articolo 45 del TFUE, che impedisce ai giocatori di 
fornire i propri servizi attraverso la partecipazione alla Super League Europea. 


_ La libertà di stabilimento dell'articolo 49 del TFUE, impedendo la creazione delle tre società che 
sarebbero incaricate della gestione e della supervisione dell'ELSC. 


_ La libertà di circolazione dei capitali e dei pagamenti disciplinata dall'articolo 63 del TFUE, che impedisce 
la realizzazione di movimenti intracomunitari di pagamenti e capitali legati al progetto della Super League 
Europea. 


Dai fatti trascritti si evince un'apparenza di buona legge che la FIFA e la UEFA, attraverso il 
potere regolamentare delle competizioni calcistiche internazionali e la possibilità di 
adottare provvedimenti disciplinari, hanno abusato di una posizione dominante nel 
mercato rilevante (organizzazione di competizioni calciatori professionisti) la loro posizione 
dominante. Tale abuso si concretizza nell'applicazione degli statuti FIFA e UEFA che 
autorizzano la creazione di competizioni sportive alternative all'organizzazione di detti enti 
privati, potendo adottare misure sanzionatorie nei confronti di quelle società calcistiche 
che non si sottomettono a detta autorizzazione e violano la normativa precetti a cui si fa 
riferimento. 


Tali azioni di fatto implicano l'imposizione di restrizioni ingiustificate e sproporzionate che 
hanno l'effetto di restringere la concorrenza nel mercato interno. Le norme statutarie della FIFA 
e della UEFA non contengono disposizioni per garantire obiettivi di interesse generale nella 
concessione di autorizzazioni preventive per l'organizzazione di competizioni calcistiche. Né 
contengono criteri oggettivi e trasparenti che evitino l'esistenza di effetti discriminatori o 
conflitti di interesse con FIFA e UEFA nel diniego di autorizzazione all'organizzazione di 
competizioni sportive alternative da parte dei club integrati nelle federazioni affiliate a detti enti 
privati. 


L'articolo 67 dello statuto FIFA stabilisce che la FIFA, le sue associazioni membri e le 
confederazioni sono i proprietari originali dei diritti sulle competizioni. Compresi i diritti di 
proprietà, i diritti audiovisivi, multimediali, promozionali e di trasmissione. 


L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
12 di 15 



marketing e marketing, nonché marchi intangibili e diritti d'autore. Inoltre, l'articolo 68 dello 
statuto FIFA conferisce alla FIFA, alle federazioni e alle confederazioni la responsabilità esclusiva 
per l'autorizzazione alla distribuzione di detti diritti di sfruttamento. 


Attraverso questi articoli si desume l'esistenza di un abuso di posizione dominante, 
cosicché la FIFA obbliga i club a cedere i diritti commerciali delle competizioni sportive a cui 
partecipano. 


Vi è quindi un'apparenza di buona legge intorno alle azioni intraprese dall'attore ai sensi degli 
articoli 101 TFUE, per violazione della libera concorrenza a causa delle azioni svolte dalla UEFA e 
dalla FIFA e in relazione all'articolo 102 TFUE per l'abuso di una posizione dominante posizione 
esercitata dalla FIFA e dall'UEFA nel mercato interno dell'organizzazione delle competizioni 
calcistiche. 


Allo stesso modo, sussiste il pericolo di ritardi procedurali, poiché durante l'attesa del processo 
attraverso l'applicazione degli articoli statutari trascritti FIFA e UEFA potrebbero adottare misure 
disciplinari annunciate nella Dichiarazione FIFA e UEFA, precedentemente esposte, che causerebbero 
la Super League Europea del calcio non poteva partire, provocando danni irreparabili alle società e ai 
giocatori chiamati a partecipare alla Super League e vanificando la tutela che poteva essere concessa 
in un eventuale giudizio di stima. L'irrogazione di alcune delle sanzioni disciplinari annunciate da 
FIFA e UEFA comprometterebbe gravemente il finanziamento della Super League, tenendo conto 
anche delle condizioni stabilite negli Azionisti e Accordo di Investimento dei club fondatori 
dell'European Football Super League. 


Le misure cautelari richieste sono proporzionate e idonee a garantire la tutela richiesta nel 
procedimento principale, evitando le azioni della FIFA e dell'UEFA che impedirebbero la tutela che 
potrebbe essere concessa in un'eventuale sentenza. Le misure richieste sono volte a tutelare la 
libera concorrenza nel mercato di riferimento, evitando l'adozione di azioni da parte di FIFA e UEFA, 
come quelle già annunciate, che, per quanto precede, impedirebbero definitivamente la 
realizzazione del progetto European Football Super League. 


Le misure cautelari richieste devono essere adottate senza precedenti, tenuto conto del fatto 
che sussistono ragioni urgenti, avendo pubblicamente annunciato gli imputati dell'imminente 
adozione di misure sanzionatorie e restrittive di libera concorrenza. Il fatto che la FIFA e la UEFA 
abbiano domicilio all'estero e la necessità di ricorrere all'assistenza giudiziaria internazionale 
per notificare tale procedura, con il conseguente maggior ritardo nel convocare le parti in 
udienza in un breve periodo di tempo, prove ancor più se c'è un necessità di adottare le misure 
cautelari in questione parte senza precedenti. 


Oltre all'imminenza delle sanzioni e delle misure restrittive per la libera concorrenza annunciate da 
FIFA e UEFA, c'è anche l'anticipazione delle prossime semifinali della competizione organizzata dalla 
UEFA, la “UEFA Champions League”. Essere pubblico e noto che fino a tre dei club fondatori della 
European Football Super League partecipano a queste semifinali. L'adozione delle misure 
sanzionatorie annunciate dalla FIFA e dalla UEFA potrebbe compromettere la partecipazione di dette 
società calcistiche (Real Madrid Club de Fútbol, Manchester City e Chelsea) alla suddetta 
competizione, manifestando così l'effetto dissuasivo della libera concorrenza articolata attraverso le 
disposizioni degli statuti FIFA e UEFA trascritti, e arrecando danni irreparabili di natura economica e 
sportiva ai club e ai giocatori interessati. 
Infine, la costituzione di una fidejussione bancaria dell'importo di 1.000.000 di euro è considerata 
sufficiente quale garanzia sufficiente ai sensi dell'articolo 728.3, secondo comma, LEC per rispondere dei 
danni che possono essere causati. 


L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
13 di 15 



In considerazione di quanto precede, 


LATO POSITIVO 


Considero la richiesta di una misura cautelare senza precedenti presentata dall'avvocato 
dei tribunali, il signor Manuel Sánchez Puelles Carvajal, che agisce per conto della 
European Superleague Company SL, concordando: 


1 condannare la FIFA e l'UEFA, nel procedimento principale, ad astenersi dall'adottare 
qualsiasi provvedimento o azione; e per rilasciare qualsiasi dichiarazione o comunicazione 
che impedisca o ostacoli, direttamente o indirettamente, la preparazione della European 
Football Super League. 


2 Ordinare alla FIFA e alla UEFA, durante l'esame del procedimento principale, di adottare, 
quando devono farlo, qualsiasi misura o azione, e di emanare, quando necessario, 
qualsiasi misura o azione, e di emanare, quando hanno a, qualsiasi dichiarazione o 
dichiarazione che, direttamente o indirettamente, non impedisce o ostacola la 
preparazione della Super League europea di calcio. 


3 condannare la FIFA e l'UEFA ad astenersi dal prendere qualsiasi misura o azione durante il procedimento 
principale; e di rilasciare qualsiasi dichiarazione o comunicazione che impedisca o ostacoli, direttamente o 
indirettamente, il lancio e lo sviluppo della European Football Super League e la partecipazione di club e 
giocatori ad essa. 


4 Ordinare alla FIFA e all'UEFA, durante l'esame del procedimento principale, di adottare, 
quando necessario, qualsiasi provvedimento o azione e di emettere, quando necessario, 
qualsiasi dichiarazione o comunicazione che, direttamente o indirettamente, non impedire o 
non ostacolare l'avvio e lo sviluppo della European Football Super League. 


5 Vietare alla FIFA e alla UEFA, durante l'elaborazione del procedimento principale, 
direttamente o indirettamente (tramite i loro membri associati, confederazioni, club licenziatari 

oleghe nazionali o nazionali) di annunciare, minacciare, preparare, avviare e / o adottare 
qualsivoglia azione disciplinare o sanzionatoria provvedimenti (o, direttamente o 
indirettamente, incitare o promuovere detti provvedimenti disciplinari o sanzionatori affinché 
siano annunciati, minacciati, preparati, avviati e / o adottati da terzi) di fronte alle società, ai 
dirigenti e alle persone delle società e / o ai calciatori che partecipare alla preparazione della 
European Football Super League. 
6 Ordinare alla FIFA e alla UEFA di astenersi, direttamente o indirettamente (tramite i 
loro membri associati, confederazioni, club che concedono licenze o leghe nazionali o 
nazionali), dall'escludere club e / o giocatori che partecipano alla preparazione della 
Super League europea di calcio di qualsiasi competizioni per club nazionali a cui hanno 
partecipato regolarmente o che soddisfano i requisiti necessari per farlo. 


7 Ordinare alla FIFA e alla UEFA che, durante l'elaborazione del procedimento 
principale, attraverso o tramite i propri strumenti normativi, guide, decisioni e direttive 

-ai sensi dell'articolo 52 dello Statuto UEFA - e, se del caso, il requisito del vostro 
L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
14 di 15 



conformità se non sono stati rispettati o osservati, istruire i loro membri associati 
(comprese le federazioni nazionali), le confederazioni, i club di licenza e le leghe 
nazionali o nazionali, a rispettare gli ordini e i divieti contenuti nelle sezioni 
precedenti e, in particolare, avvertire che no la violazione dello statuto o delle 
regole FIFA, UEFA, i loro membri associati (comprese le federazioni nazionali), le 
confederazioni o le leghe nazionali o nazionali, la cui origine è la preparazione, il 
lancio o la partecipazione alla European Football Super League possono essere 
asserite dai membri associati di FIFA o UEFA, confederazioni, club che concedono 
licenze o leghe nazionali o nazionali, come causa di sanzione, esclusione, reclamo o 
qualsiasi altra misura analoga nei confronti dei club,dirigenti e staff di club o 
giocatori in competizioni internazionali o nazionali. 


8 Ordinare alla FIFA e alla UEFA che, nel caso in cui, prima della risoluzione della 
presente richiesta di misure cautelari, sia stato eseguito uno dei comportamenti 
descritti nelle sezioni precedenti, intraprendono le azioni necessarie per rimuoverli e 
lasciarli immediatamente senza effetto . 


L'attore è tenuto a prestare fideiussione mediante fideiussione bancaria di 1.000.000 di 
euro. 


Avvisare le parti di questa risoluzione. 


Non c'è ricorso contro questa risoluzione. 


Questo viene concordato, inviato e firmato da Manuel Ruiz de Lara, magistrato del tribunale commerciale 
numero 17 di Madrid. Attestare. 


Il magistrato 


La diffusione del testo della presente delibera a soggetti non interessati al trattamento in cui è stato rilasciato 
potrà essere effettuata solo previa dissociazione dei dati personali in essi contenuti e nel pieno rispetto del 
diritto alla riservatezza, diritti dei soggetti che lo richiedono uno speciale dovere di tutela o di garantire 
l'anonimato delle vittime o delle parti lese, se del caso. 


I dati personali inseriti nella presente delibera non potranno essere trasferiti o comunicati per finalità contrarie alla 
legge. 


L'autenticità di questo documento può essere verificata su www.madrid.org/coveutilizzando il seguente codice di verifica sicuro:1019633311026735084362 


Tribunale commerciale n. 17 di Madrid - Parte delle misure precauzionali 150/2021 - 0001 
15 di 15 

 

 

  • Mi Piace 10
  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Leggendo in modo rapido alcune righe della sentenza, credo di aver capito il senso della Superlega.

 

La Superlega (European Super Legaue Company) è una società regolarmente registrata i cui soci fondatori sono i 12 club che conosciamo tutti e che ha proposto un loro "prodotto" all' interno di un mercato europeo.

Nella Sentenza, la FIFA e la UEFA vengono diffidate da compiere azioni o rilasciare dichiarazioni lesive al "prodotto" Superlega.

 

Con questa Sentenza, la società Superlega può citare per danni la UEFA e la FIFA per aver boicottato un suo prodotto e creato una perdita economica ad una società regolarmente registrata.

 

Ergo, lo scopo dei 12 fondatori era quello di far inca...re la FIFA e la UEFA tanto da fargli rilasciare dichiarazioni pesanti e così poterli citare per il risarcimento del danno subito dal mancato svolgimento della Superlega, ovvero il "prodotto" dell' azienda Superlega (European Super Legaue Company)

 

 

 

 

 

  • Mi Piace 10
  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le misure disciplinari annunciate dalla FIFA e dalla UEFA, se attuate in modo efficace, 
provocherebbero anche una violazione delle libertà comunitarie, con ripercussioni sul 
commercio tra Stati membri e in particolare: 


_ La libertà di fornire servizi disciplinata dall'articolo 56 del TFUE impedendo la fornitura di servizi da 
parte dell'ESLC. 


_ La libera circolazione dei lavoratori di cui all'articolo 45 del TFUE, che impedisce ai giocatori di 
fornire i propri servizi attraverso la partecipazione alla Super League Europea. 


_ La libertà di stabilimento dell'articolo 49 del TFUE, impedendo la creazione delle tre società che 
sarebbero incaricate della gestione e della supervisione dell'ELSC. 


_ La libertà di circolazione dei capitali e dei pagamenti disciplinata dall'articolo 63 del TFUE, che impedisce 
la realizzazione di movimenti intracomunitari di pagamenti e capitali legati al progetto della Super League 
Europea. 

 

 

roba grossa.

  • Mi Piace 6

Share this post


Link to post
Share on other sites

"5 Vietare alla FIFA e alla UEFA, durante l'elaborazione del procedimento principale, 
direttamente o indirettamente (tramite i loro membri associati, confederazioni, club licenziatari 

o leghe nazionali o nazionali) di annunciare, minacciare, preparare, avviare e / o adottare 
qualsivoglia azione disciplinare o sanzionatoria provvedimenti (o, direttamente o 
indirettamente, incitare o promuovere detti provvedimenti disciplinari o sanzionatori affinché 
siano annunciati, minacciati, preparati, avviati e / o adottati da terzi) di fronte alle società, ai 
dirigenti e alle persone delle società e / o ai calciatori che partecipare alla preparazione della 
European Football Super League. "

 

.ghgh.ghgh.ghgh.ghgh

11 minuti fa, CuorediZebra ha scritto:

Leggendo in modo rapido alcune righe della sentenza, credo di aver capito il senso della Superlega.

 

La Superlega (European Super Legaue Company) è una società regolarmente registrata i cui soci fondatori sono i 12 club che conosciamo tutti e che ha proposto un loro "prodotto" all' interno di un mercato europeo.

Nella Sentenza, la FIFA e la UEFA vengono diffidate da compiere azioni o rilasciare dichiarazioni lesive al "prodotto" Superlega.

 

Con questa Sentenza, la società Superlega può citare per danni la UEFA e la FIFA per aver boicottato un suo prodotto e creato una perdita economica ad una società regolarmente registrata.

 

Ergo, lo scopo dei 12 fondatori era quello di far inca...re la FIFA e la UEFA tanto da fargli rilasciare dichiarazioni pesanti e così poterli citare per il risarcimento del danno subito dal mancato svolgimento della Superlega, ovvero il "prodotto" dell' azienda Superlega (European Super Legaue Company)

 

 

 

 

 

Sarà per questo che Ceferin non si sente da due o tre giorni???.ghgh

  • Mi Piace 5
  • Grazie 1
  • Haha 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, stefano 74 ha scritto:

"5 Vietare alla FIFA e alla UEFA, durante l'elaborazione del procedimento principale, 
direttamente o indirettamente (tramite i loro membri associati, confederazioni, club licenziatari 

o leghe nazionali o nazionali) di annunciare, minacciare, preparare, avviare e / o adottare 
qualsivoglia azione disciplinare o sanzionatoria provvedimenti (o, direttamente o 
indirettamente, incitare o promuovere detti provvedimenti disciplinari o sanzionatori affinché 
siano annunciati, minacciati, preparati, avviati e / o adottati da terzi) di fronte alle società, ai 
dirigenti e alle persone delle società e / o ai calciatori che partecipare alla preparazione della 
European Football Super League. "

 

.ghgh.ghgh.ghgh.ghgh

potrebbe esserci guerra totale ... se solo avessero voglia di farla !!

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, nicolascage ha scritto:

potrebbe esserci guerra totale ... se solo avessero voglia di farla !!

Il bello è che i coglionazzi italiani si sono sbrigati a mettersi a zerbino e fare la nuova norma...

Che pochezza

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 minuti fa, CuorediZebra ha scritto:

Leggendo in modo rapido alcune righe della sentenza, credo di aver capito il senso della Superlega.

 

La Superlega (European Super Legaue Company) è una società regolarmente registrata i cui soci fondatori sono i 12 club che conosciamo tutti e che ha proposto un loro "prodotto" all' interno di un mercato europeo.

Nella Sentenza, la FIFA e la UEFA vengono diffidate da compiere azioni o rilasciare dichiarazioni lesive al "prodotto" Superlega.

 

Con questa Sentenza, la società Superlega può citare per danni la UEFA e la FIFA per aver boicottato un suo prodotto e creato una perdita economica ad una società regolarmente registrata.

 

Ergo, lo scopo dei 12 fondatori era quello di far inca...re la FIFA e la UEFA tanto da fargli rilasciare dichiarazioni pesanti e così poterli citare per il risarcimento del danno subito dal mancato svolgimento della Superlega, ovvero il "prodotto" dell' azienda Superlega (European Super Legaue Company)

 

 

 

 

 

Bingo!

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Lagavulin84 ha scritto:

La UEFA ha sede in svizzera. mi sfugge come sia connessa al diritto comunitario .ok 

La maggioranza delle squadre hanno sede in UE quindi non possono applicare le leggi svizzere per un squadra italina o spagnola. 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, Lagavulin84 ha scritto:

La UEFA ha sede in svizzera. mi sfugge come sia connessa al diritto comunitario .ok 

Diritto dell'uomo 

Altrimenti giochino solo in quello schifo di paese 

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quoto

Avvisare le parti di questa risoluzione. 


Non c'è ricorso contro questa risoluzione. 


Questo viene concordato, inviato e firmato da Manuel Ruiz de Lara, magistrato del tribunale commerciale 
numero 17 di Madrid. Attestare. 

Questo ci piace.

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, stefano 74 ha scritto:

Il bello è che i coglionazzi italiani si sono sbrigati a mettersi a zerbino e fare la nuova norma...

Che pochezza

Con questa sentenza i servi di Ceferin se  osano romperci le pelotas bascas finiscono messi alla pecorina. I tempi di zaccone sono finiti.

  • Mi Piace 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.