Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Fireball

Utenti
  • Content count

    338
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Fireball last won the day on August 30 2011

Fireball had the most liked content!

Community Reputation

1,839 Guru

About Fireball

  • Rank
    Esordiente
  • Birthday 07/07/1990

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    Catania

Recent Profile Visitors

19,239 profile views
  1. Fireball

    Il bel gioco non esiste

    Se ci focalizziamo su questa stagione è evidente come non si può essere contenti da nessun punto di vista. Io che non nascondo di essere un estimatore di Allegri, sono molto critico e sono convintissimo che questa squadra possa fare molto di più. Marchisio ha detto che questa Juve somiglia a quella di Delneri. Forse nei risultati, ma nei giocatori le due rose sono lontane anni luce. Il punto è che il calcio individualista di Allegri, non si può applicare a questa rosa, dove le individualità di grande livello sono di meno rispetto a quelle che ha allenato in passato. In altre occasioni Allegri ha dimostrato di sapersi adattare, spero lo faccia anche in questa.
  2. Fireball

    Il bel gioco non esiste

    Guarda leggi anche il post mio che ho quotato. Vedrai che il mi periodo di riferimento sono le ultime 5 stagioni. Ovvero dal dopo Cardiff. E lo ribadisco, ci hanno letteralmente sputtanato perché per noi è solo per noi, contava vincere ma giocando bene. All’inter dell’anno scorso dicevano che se vinci in fondo è perché giochi bene… Poi sul declino tecnico sono d’accordo e di fatto con le occasioni non solo non abbiamo costruito nulla, ma abbiamo abbassato di molto la qualità tecnica e di conseguenza la qualità delle partite.
  3. Fireball

    Il bel gioco non esiste

    Riporto qui la mia risposta al post che ha generato questo topic. Aggiungo solo una cosa. Non capisco come una mia considerazione generale sul fatto che questi anni di nostro dominio sono stati sputtanati perché gli addetti ai lavori hanno puntato tutto sul fatto che “giocavamo male”, si è trasformato in un delirio sui “lavaggi del cervello”. Dalla difesa delle nostre vittorie ai trattati su bel gioco il passo è stato brevissimo. Che poi sto bel gioco fateci capire esiste o no? “Eh no non esiste importa l’organizzazione, anche se forse l’atteggiamento è più importante, però un pizzico di cuore non sarebbe male, fermi tutti conta la voglia di vincere…” boh. Voi cultori del bel gioco o meglio scusate adesso si chiama organizzazione, non avete subito nessun lavaggio del cervello, non ti preoccupare. Siete solo convinti che il calcio è uno solo e solo quello vale la pena guardare.
  4. Il tuo discorso vale solo perché hai fatto riferimento a questa stagione. Le falle spuntano quando si allarga alle altre di stagioni, perché sai benissimo che sono almeno 5 (questa compresa) in cui si chiacchiera di bel gioco, compresa quella di Sarri in cui lui stesso ha ammesso che ha dovuto cambiare il suo stile, segno evidente che non esiste un calcio e basta. In una Juve così in difficoltà non potrei mai aspettarmi nulla di bello da vedere, ma ci hanno letteralmente imposto dei parametri di giudizio al nostro ciclo durato 9 anni: il bel gioco e le vittorie europee. Sarri con lo scudetto del bel gioco e la vittoria in Europa League, ha vinto più di Allegri con 5 scudetti, 4 coppe Italia, 2 supercoppe e che ha giocato 2 finali di Champions contro le migliori squadre degli ultimi 25 anni. È questo che ci ha raccontato la narrativa sportiva italiana. Che tu ora mi dica che la squadra quest’anno è penosa nel gioco e nei risultati, io non ho strumenti per dirti che hai torto. Ma quando i campionati li vincevamo a ottobre, l’unico mantra era “salvo solo il risultato”. Il calcio è cambiato, sarò io che sono antico, ma ripeto il calcio non è solo uno e non è solo quello bello che vale la pena guardare. Ho visto che c’hai aperto pure un topic col tuo post. Mi fa piacere, ma se mi ritieni un difensore ad oltranza di Allegri ponendo la mia discussione sul piano della lotta tra “integralisti”, non mi sarò ben spiegato, considerando che io ho parlato delle ultime 5 stagioni dove di allenatori ce ne sono stati ben 3.
  5. Il discorso a me pare chiarissimo da ormai 3 anni. O si fa un calcio spumeggiante, spettacolare votato all'attacco, sia esso tiki taka, gegenpress o chissà cosa, oppure non è calcio che vale la pena guardare. Ormai i giornali ce l'hanno inculcato (con la complicità dei social) talmente tante volte che pure noi ormai crediamo a questa boiata, gli stessi giornali che per anni hanno mitizzato Mourinho, un allenatore senz'altro vincente ma che di certo non faceva del bel gioco il suo pezzo forte. Si sono inventati addirittura lo scudetto del bel gioco e noi ahimè ci siamo cascati come delle pere cotte, sia come tifosi che come società che ha cacciato un allenatore che stava facendo la storia come Allegri, per sostituirlo con Sarri il vincitore dello scudetto del bel gioco. Che per carità si fosse costruito qualcosa attorno a lui poteva anche andare bene, ma è stato cacciato dopo un anno. Ci siamo fatti infinocchiare da questa ridicola retorica di chi ha deciso, non si sa da quale pulpito, che il calcio bello è solo ed esclusivamente quello che dicono loro, quello delle goleade, degli infiniti passaggi, della sola tecnica. Mentre il calcio spartano, la tattica difensiva, la difesa del risultato, cose che tra l'altro hanno da sempre caratterizzato la Juve, è un calcio di serie B. Hanno deciso così. Non mi riferisco a te personalmente, ma a tutti noi juventini che non facciamo altro che parlare del bel gioco che non c'è, del horto muso e non abbiamo neanche piacere di vincere 4-2 in una serata Champions, perché l'avversario è scarso o perché abbiamo subito 2 gol.
  6. Io sono fermamente convinto che il nostro declino sia cominciato da quando si iniziò a parlare di bel gioco. Ovviamente i primi a parlarne furono i media e i tifosi rivali, poi ci convincemmo anche noi juventini, fino ad arrivare in società. Adesso siamo al punto che o vinciamo gli scudetti o non li vinciamo, il giudizio è sempre quello… meglio un Napoli o un Atalanta… accomodatevi pure…
  7. Il bello della Juventus è che è impossibile fare solo una formazione di migliori, ce ne sono almeno 3 o 4.
  8. Questi sono i soliti luoghi comuni, spero dettate da un momento di sconforto (che vivo insieme a te). Ho letto tante volte questa storia che ai tifosi della Juve non piacciono i fuoriclasse e detta con sincerità mi inizia a stizzire. Vorrei conoscere un fuoriclasse, solo uno tra quelli che abbiamo avuto nella nostra squadra, che è stato maltrattato o insultato dai tifosi della Juve che invece gli preferiva il compagno tutto cuore e passione. Una tifoseria che ha incensato e incensa Baggio, grandissimo fuoriclasse, nonostante raccoglieva e baciava una sciarpa della Fiorentina e probabilmente ci amasse pure meno di Cristiano Ronaldo. Questo additare ai tifosi limiti maggiori addirittura rispetto alla società non riesco a capirlo. Noi tifosi, sicuramente tu compreso, che praticamente subiamo gli umori di tutti, calciatori, procuratori, dirigenti ecc... e in questo caso subiamo il fatto che il nostro giocatore migliore va via a 4 giorni dalla fine del mercato e che addirittura aveva svuotato l'armadietto prima di sapere dove si sarebbe accasato. Poi parliamoci chiaramente, io ormai non mi aspetto niente dai giocatori. Ormai il rapporto giocatori-tifoseria è diventato tipo quello del Re Sole con i suoi sudditi, prima l'attaccamento c'era perché c'era pure un rapporto più vivo e più vero, ora i calciatori sono talmente ricchi che non può non esserci una differenza tra classi sociali diverse. Però mi sembra quasi che un fuoriclasse che firma un contratto di 4 anni, se ne va al terzo a 4 giorni dalla fine del mercato e i limiti ce li ha una tifoseria che preferisce gli operai ai fuoriclasse. Poi il calcio è anche passione. Preferire Nedved a Zidane non mi sembra un'assurdità. Parliamo di Nedved, un pallone d'oro.
  9. Non ce l’ho con te nello specifico. Però siamo passati dalle critiche a Ronaldo perché in un suo post non ha mai nominato la Juve, alle critiche a Locatelli perché dice di essere cresciuto in una famiglia Juventina.
  10. Se quello che conta è l'albo d'oro della Champions Psg, City e Chelsea insieme hanno le Champions della Juve e in totale meno coppe europee, sarebbero molto più Udinese di noi. Ripeto a dire che la Juventus è una delle squadre che hanno fatto grande il calcio europeo con 11 trofei internazionali e la continuità di partecipazione dalla vecchia Coppa Campioni alla Champions League che credo sia dietro solo al Real Madrid o forse pochissime altre squadre. Quindi Udinese un corno (con tutto il rispetto per l'Udinese). Benissimo, io sono d'accordo con te, tetto di spesa e salary cap, mettiamolo. Come? L'Uefa non ne vuole sapere? E quindi aspettiamo che tutti i migliori calciatori del mondo vadano in Premier e nel Psg prima di intervenire? Il calcio romantico è finito, la vicenda Messi ne è l'evidenza. Un giocatore andato via (e lasciato andare via) perché non riesce a trovare un accordo economico con la squadra in cui ha giocato per più di 20 anni. Facciamola finita con la retorica e il romanticismo dei "bei vecchi tempi". Oggi come allora, l'equilibrio lo danno le grandi squadre che con gli sponsor e gli introiti che meritano possono permettersi i Locatelli a 40 milioni, di conseguenza il Sassuolo può spenderne 20 dandoli ad una squadra di serie B e così via come un effetto domino. Quindi se l'Uefa vuole livellare la competitività (soprattutto economica, perché poi è sempre il campo a parlare), lo faccia adesso sennò è giusto che delle aziende private, i club, tutelino i propri interessi.
  11. Mi spieghi perché a banchettare sarebbero gli sceicchi, se proprio loro hanno ostacolato la superlega? Io non sogno affatto un calcio stile NBA, non capisco perché intuisci questo dalle mie parole, cerco solo di giustificare la logica della superlega. Tanto Locatelli a 60 milioni ci arriverà, forse sembra impossibile come sembrava impossibile arrivasse a costare 40 milioni, ma sarà così e lo sarà grazie a quelle squadre che o per diritti tv o per proprietà molto facoltose, spendono una vagonata di soldi. La proposta che fai tu, stabilire un tetto salariale, è proprio una cosa che succede nella NBA, che hanno probabilmente capito il rischio della formazione di squadre ingiocabili che avrebbero reso nullo lo spettacolo. Mi trovi d’accordissimo di stabilire dei limiti alle spese e questo doveva essere la natura del FPF, ma pare non stia funzionato e quindi? Che si fa? Se la Uefa non è capace di regolamentare la situazione, lo facciano i club coinvolti che sono anche il motivo principale per il quale i tifosi da tutto il mondo guardano il calcio europeo. Specifico che non mi piace un calcio così, anzi, ma non mi pare che ci siano altre scelte alternative a quelle di reperire il più possibile soldi. Poi non so se è tafazzismo o altro, ma non capisco secondo quale logica la Juventus nella superlega equivarrebbe all’Udinese nella Serie A, sarà che a noi Juventini da sempre ci piace sottovalutarci o commiserarci.
  12. La superlega punterebbe a livellare la competitività economica tra le squadre che tirano il carretto del calcio europeo. Perché la Champions è Champions grazie a squadre come Real, Barcellona, Juventus (tanto per citare le tre irriducibili) ed è troppo facile che un plurimiliardario prenda una squadretta qualunque, spenda tutti i suoi miliardi e faccia una grande squadra usufruendo della competizione messa in piedi da altri. Poi è ovvio che puntano a aumentare i guadagni in modo da rendere sostenibile questa enormità di denaro che circola, ma questo ormai in tutti gli sport commerciali è così.
  13. Non so cosa hanno detto, ma senza dubbio non saranno state le cose peggiori che hanno detto su di noi.
  14. Nel calcio le regole sono saltate e sta iniziando a crearsi un solco incolmabile non tra le squadre piccole e le grandi, quello è pure normale, ma tra le stesse grandi. Io non ero convintissimo della super league nei termini sportivi, lo ero di più in quelli economici inteso come mezzo per livellare la competitività. Adesso ne sono molto più convito. Queste proprietà hanno mezzi economici illimitati ed è ovvio che cannibalizzano letteralmente il calcio. Cioè questi hanno preso a parametro zero Ramos dal Real e Messi, ripeto Messi, dal Barcellona. Due giocatori simbolo delle due squadre migliori degli ultimi 15 anni. E chi paragona una normale transizione come quella di Ronaldo alla Juve, fatta dopo anni di lacrime e sangue e che ancora stiamo pagando in termini economici (ne vale ogni centesimo), non ha ben capito l’enorme differenza.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.