Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Gamarra

Game of Thrones: discussione sulla serie

Recommended Posts

Che la messa in scena sia in più punti fallace siamo un po' tutti d'accordo, ma dire che la serie è finita male perché sul trono ci va uno invece che un altro secondo me significa non avere capito niente e fare i fan. Ci sta eh, basta ammetterlo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Manhattan ha scritto:

Sono basito, vi dico cosa avrei fatto io

 

  Mostra contenuto nascosto

JON SNOW

 

Non me lo puoi distruggere così. Un personaggio leggendario che nell'ottava stagione è stato volutamente regredito al ruolo di "senzapalle" dei 7 regni. Non ha fatto nulla di epico. 

- Fagli fare uno scontro con il Re della Notte, poi fai arrivare Arya se proprio vuoi. Ci sta.

- Fagli uccidere Daenerys, va bene. Poi arriva il drago, gli vomita addosso fuoco e Jon rimane vivo in quanto Targaryen. Poi sviluppa la cosa.

- Vuoi farlo "sparire" ? Fallo volare via sul dorso del drago, non me lo fai finire prigioniero e poi lo spedisci al Nord letteralmente per fare contento un soldato castrato di nome Verme Grigio

- Ha già perso Daenerys, dolore immenso. Per mano sua. No ma agli autori non basta. Deve finire prima prigioniero, poi spedito in esilio al Nord. E' uno scherzo? E a tutti sta bene questa cosa?


Cioè questi hanno trattato il legittimo erede al Trono di Spade come un pezzente qualsiasi.

 

Hanno fatto fuori Daenerys in quattro e quatrotto e spedito Jon al Nord. Non è accettabile

 

Non sono d'accordo, per un motivo molto semplice (almeno per come interpreto io questa serie dopo 8 stagioni)

Nascondi Contenuto

 

Proprio perché Jon Snow è il legittimo erede la sua fine deve essere quella

Tutta la serie ci dice che a Westeros è finito il tempo della "legittimità" e deve iniziare una storia diversa: a regnare su KL sono dei figli illegittimi di un incesto, matti come cavalli, poi la regina incestuosa che nulla ha a che vedere con il precedente legittimo re. A Nord arriva una donna, cosa che per 8 stagioni meno 2 minuti era del tutto impossibile e che per farsi riconoscere deve farsi il mazzo e dimostrare faticosamente di essere degna del ruolo.

Gli altri "legittimi" sono delle barzellette, rappresentati come tali nel concilio, incapaci sia di asserire di avere una legittimità ("siediti, zio"), sia di avere autonomia decisionale (aye, aye, senza dire una parola). Gli unici non "legittimi", ossia Davos e Sam, sono quelli che lo ammettono e che fanno una proposta, gli altri sono lì seduti, molli e inerti. Il "potere" ce l'hanno i soldati di un esercito e lo riconoscono unicamente al frutto di una scelta diversa da quella della legittimità. Scelta che, tra l'altro, non potrà produrre nessun erede.

Altra riprova: il "consiglio" di re Bran è composto da Tyrion, Sam, Davos, Bronn e Brienne: tre cavalieri "nominati", provenienti dal nulla, e uno studioso, più il "mostro". Nessun "legittimo" possessore di un titolo familiare.

Quindi Jon Snow, ultimo dei Targaryen, non è nessuno e, anzi, va tenuto il più lontano possibile.

 

Tutta questa serie, secondo me, si fonda sul concetto di cosa sia la legge e la legittimità e tutto ciò che ruota intorno ad esso. Leggi e legittimità promanano dal sangue? Dalle azioni? Dall'intelletto? Dalla scaltrezza? Su cosa bisogna porre fiducia e a cosa bisogna prestare giuramento? Nemmeno l'ambiguità vince (vedi Baelish o Varys), così come non vince la forza bruta o la purezza d'animo.

 

Molto ben fatto, secondo me. Anche il finale.

 

Peccato solo aver perso storie laterali che sarebbe stato bello approfondire: Yara appare, le è morto il fratello (e abbiamo avuto ore e ore e ore di visione del loro rapporto) per aver custodito Bran e l'unica cosa che lei dice è che lei ha prestato giuramento alla regina. Un po' poco...

Oppure, perché a Castle Black ci sono i Bruti e perché stavano (almeno così sembra) aspettando Jon per tornare al di là della Barriera? Sarebbe stato interessante sentire qualche parola in più (e secondo me se Jon avesse detto a Tormund che Brienne era lì, addetta ad aggiornare le pagine Wikipedia dei cavalieri, avremmo visto il roscio cavalcare a perdifiato verso Sud).

 

 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, Vegliardo ha scritto:

Che la messa in scena sia in più punti fallace siamo un po' tutti d'accordo, ma dire che la serie è finita male perché sul trono ci va uno invece che un altro secondo me significa non avere capito niente e fare i fan. Ci sta eh, basta ammetterlo.

Fa tutto parte della scrittura e sulla coerenza narrativa.

Sia alcune scelte artistiche o come si arriva a determinate scelte sono poco ispirate, forzate e incoerenti. In alcuni casi entrambi gli aspetti.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 minuti fa, Domingo En Fuego ha scritto:

Fa tutto parte della scrittura e sulla coerenza narrativa.

Sia alcune scelte artistiche o come si arriva a determinate scelte sono poco ispirate, forzate e incoerenti. In alcuni casi entrambi gli aspetti.

 

Bisogna capire quali sono queste incoerenze. Come diceva Masula qualche post fa una delle assurdità più grosse riguarda i "teletrasporti": l'aspetto temporale degli eventi che accadono durante la serie è completamente inaffidabile ma questo da sempre, quindi non è ascrivibile alla fuoriuscita di Martin. Poi, ripeto, personalmente trovo si possa criticare il "come" e non il "cosa", non si può dire che il finale sia sbagliato ma che il modo in cui ci si è arrivati è in più punti raffazzonato, anche (ma non solo, chiaro) perché hanno dovuto chiudere tutto in pochi episodi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
condivido tutto, anche io di solito non sono troppo critico, ma c'è un limite a tutto santo iddio! mi devi far vedere qualcosa che non mi metta sull'allerta kazzata ogni 2 secondi...altrimenti non vengo coinvolto a dovere nella visione perchè ogni 3x2 mi domando che senso abbia questa o quella cosa, e d'un tratto mi dico - ah già , sto guardando un telefilm buttato li alla meglio...
in ogni caso fino alla quinta puntata non è stato un dramma per me, nel senso che sono rimasto abbastanza coinvolto , ma quest'ultima puntata mi ha lasciato letteralmente di stucco , ma in negativo.....di solito quando arrivo alla fine delle grandi serie tv, ci rimango male e mi ci vuole dei giorni a volte per metabolizzare l'addio a quella serie tv....con questa ultima puntata sono riusciti a farmi metabolizzare la fine dopo 1 secondo che era finito, o quasi...
Nascondi Contenuto  
io l'ho guardata subbata ita questa ultima puntata, sansa quando reclama il nord dice qualcosa tipo '' il nord resterà libero e indipendente  come lo è stato per migliaia di anni'' e siccome molti commenti che ho letto a riguardo, in negativo perchè il nord non era libero, mi è sorto il dubbio che invece forse lo era anche prima libero?????? o mi sbaglio io? era libero il nord, o era sotto il controllo del re o regina dei 7 regni seduto/a sul trono di spade?
è una curiosità la mia, magari hanno tradotto male quelli dei sottotitoli...
 
 

Il nord è stato libero per migliaia (sotto il dominio Stark) di anni fini a che Aegon Targaryen non lo conquistò.

Il nord è stato libero fino a quando Torren Stark, detto il re in ginocchio, non si inchinò a Aegon Targaryen.

Quella frase non ha senso perché prima di Aegon c'erano 7 regni indipendenti.

E non ha senso perché Dorne, mai conquistata dai Targaryen, ha invece assistito zitta alla cosa...

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me il finale é piacuto. Non mi é piacuta l'ultima stagione, troppo frettolosa.

Ma come si fa a dire che é la miglior serie di sempre? .boh

Share this post


Link to post
Share on other sites

non ho visto Breaking Bad ma GOT non si avvicina nemmeno per sbaglio a quel capolavoro che è LOST

opinione personale eh

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Pavelum ha scritto:

A me il finale é piacuto. Non mi é piacuta l'ultima stagione, troppo frettolosa.

Ma come si fa a dire che é la miglior serie di sempre? .boh

Perché (secondo me) è diventata fenomeno di culto come lo fu probabilmente solo Happy Days........e poi perché ne parla mezzo mondo.

 

Di solito se una cosa piace a milioni e milioni di persone (un cibo, un attore, una città, un paesaggio, un monumento) è difficile che tutti siano "matti" e non capiscano niente.

La qualità toccata in alcuni episodi rimarrà ineguagliata per molto, non è un finale moscio a rovinare un "viaggio di anni".

 

E poi io la vedo come allegoria della vita, le cose non vanno mai come ci si aspetta, non del tutto per lo meno.........e GOT, serie imprevedibile per eccellenza, non poteva fare eccezione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Pavelum ha scritto:

A me il finale é piacuto. Non mi é piacuta l'ultima stagione, troppo frettolosa.

Ma come si fa a dire che é la miglior serie di sempre? .boh

Perché io è l'unica che ho visto  .ghgh

 

Non ho molto tempo per stare a casa e guardare la TV per cui cerco di non seguire serie o cose che siano fatte a puntate perché poi magari dimentico pure di guardarle. Si lo so che ci sono gli abbonamenti ma non mi va. Got l'ho iniziata perché 11 anni fa in quel periodo ero a casa e poi ho continuato 

Ecco perché per me è la migliore di sempre sefz

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dunque, praticamente mi son sparato 3 episodi + 3 di questa ultima stagione..se son rimasto soddisfatto?? NI..

Nascondi Contenuto

E' che prima che cominciasse la stagione mi aspettavo un plot ben diverso...
Insomma con GoT siam sempre stati abituati a vedere lotte e complotti politici tutto per il trono e sullo sfondo la parte degli estranei, non morti e Il re della notte. Pensavo proprio che questa stagione fosse incentrata fortemente su costui e su questi esseri, si ovviamente anche sulla lotta per il trono di spade..ma credevo riuscissero a fare un mix generale bestiale da panico e che magari arrivasse pure ad Approdo del re. E invece no lo fanno crepare, abbastanza facilmente per quanto Arya sia cazzuta, alla terza puntata (la migliore nonchè spettacolare dal punto di vista cinematografico, il certo senso mi ha ricordato la battaglia del fosso di Helm di ISDA)...mah
Inoltre hanno accelerato troppo, era evidente, solo 6 episodi che cavolo, perchè non farne 10??
Le cose viste nelle ultime due puntate ci possono stare come anche non convincere del tutto, da Daenerys che impazzisce come suo padre a Bran che diventa re, il discorso che fa Tyrion è leggittimo e convincente ma io ero legato all'idea del legittimo erede "eletto" con doppio sangue Stark/Targaryen ecc. ecc. che avrebbe dovuto fare le cose per bene finalmente, quindi si speravo anche in un Jon Snow seduto lì sul trono e invece sul finale capiamo addirittura che una volta uscito dalla barriera forse non ritornerà più...
In ultimo mi chiedo perchè Bran fosse così interessato a Drogon visto che domanda se ci fosse notizie sul drago.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, Vegliardo ha scritto:

Bisogna capire quali sono queste incoerenze. Come diceva Masula qualche post fa una delle assurdità più grosse riguarda i "teletrasporti": l'aspetto temporale degli eventi che accadono durante la serie è completamente inaffidabile ma questo da sempre, quindi non è ascrivibile alla fuoriuscita di Martin. Poi, ripeto, personalmente trovo si possa criticare il "come" e non il "cosa", non si può dire che il finale sia sbagliato ma che il modo in cui ci si è arrivati è in più punti raffazzonato, anche (ma non solo, chiaro) perché hanno dovuto chiudere tutto in pochi episodi.

La questione è questa: GOT ci ha abituato ad archi narrativi conclusi all'improvviso e tragicamente. Pensa a Ned, a Robb, a Catelyn.

La loro fine è segnata da tanti episodi in cui i personaggi compiono delle scelte, arrivano nel momento finale dopo azioni che possiamo chiamare errori.

Ned lascia il Nord e diventa primo cavaliere, rivela a Cercei di aver scoperto il suo segreto, non lascia Approdo del Re rifiutando di seguire Ranly Baratheon per sostenere la legittimità del trono del fratello maggiore Stannis, si fida di Ditocorto; Robb rompe la promessa di matrimonio con i Fray per amore, decapita i capofamiglia degli Umber e i Karstark perdendo un terzo del suo esercito per una questione di onore, lascia partire Theon per una improbabile alleanza con i Greyjoy e si fida ciecamente della madre, la quale per amore libera Jamie, l'asset più importante dell'intera guerra, per Sansa e Arya.

Negli ultimi istanti dei loro archi narrativi tu telespettatore sei furibondo, triste e tradito ma non con gli sceneggiatori, non con la scrittura. La tua rabbia è rivolta a Tywin, a Cercei, a Joffrey, a Ditorcorto, ai Frey. Ce l'hai perfino con Cat, Robb e Ned per la loro stupida ingenuità. Sei ancora nella storia, claudicante e abbacchiato ma è tutto coerente, tutto ha un senso.

 

Ora pensa a Daenerys e come è arrivata al suono delle campane di Approdo del Re. 

 

Nascondi Contenuto

 

Per anni ci hanno detto più o meno chiaramente che la minaccia più importante sono i White Walkers, chi siede sul trono è irrilevante se non viene vinta la grande guerra.

Quando arriva a Westeros e deve scegliere tra il fare la cosa giusta e combattere per l'umanità o seguire la brama di potere e prendere prima il trono, non abbiamo dubbi nell'affermare che fa ciò che deve essere fatto. Lo fa due episodi prima di commettere un genocidio e lo fa perdendo gran parte di quello che conquista nelle sette stagioni precedenti. Gli sceneggiatori continuano a dirci che deve mantenere la sua moralità sotto esame ma non si tratta più di scelte e conseguenze. Non c'è progressione, c'è solo uno scenario in cui deve finire il personaggio al di là delle scelte che fa.

Tyrion e Varys ne sono la prova.

Lei si circonda di due dei personaggi più intelligenti di Westeros, ciò che a noi telespettatori viene fatto intuire è che Dany dovrebbe farsi guidare da loro, no?

Ciò che succede pero' è che ogni volta che segue i loro consigli, perde qualcosa. Sbarcata a Roccia del Drago non attacca direttamente Approdo del Re sotto consiglio di Tyrion, perdendo flotta e Dorne. Sempre sotto consiglio di Tyrion si fida della parola di Cercei, puntualmente tradita.

Allora ti chiedi: dovrebbe inseguire i suoi istinti senza dar retta a nessuno? No, sarebbe follia.

Non c'è un messaggio, la narrativa non è chiara ed è tutto indirizzato a metterla in posizioni di sconfitta con l'unica ragione da utilizzare quelle posizioni come catalizzatori della trasformazione finale.

Quando pero' le viene data la possibilità di scelta, quando può mostrare pietà, ci è già stato detto che è cambiata. Non è la vecchia Daenerys a cui viene data quella scelta, è già folle.

Le hanno semplicemente portato via le cose più importanti con scene senza logica, l'ignorante carica Dothraki (esercito), l'abbattimento di Rhaegal (figlio) e rapimento di Missandei (migliore amica), e tutto il resto incolpando i geni della famiglia.

 

 

Volevo aggiungere altro su altri archi narrativi ma mi sono accorto di aver scritto anche troppo.

La questione Daenerys è solo la punta dell'iceberg della mediocrità nella quale galleggia quest'ultima stagione ma in parte sono contento che qualcuno sia riuscita ad apprezzarla comunque.

Io nel mio piccolo aspetterò i libri, incrociando le dita. 

  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.