Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Sign in to follow this  
Phyllis

Il miglior decennio musicale

Il miglior decennio musicale  

  1. 1. Miglior decennio in musica

    • Anni '40 (Swing, Jazz, Blues)
      0
    • Anni '50 (Rock 'n Roll, Country)
      0
    • Anni '60 (British Invasion, Rock)
      3
    • Anni '70 (Disco, R&B)
      3
    • Anni '80 (Glam Rock, New Wave)
      7
    • Anni '90 (Grunge, Rap, Elettronica)
      5
    • Anni '00 (Power ballad, R&B)
      0
    • Anni '10 (Hip-Hop, EDM)
      0


Recommended Posts

Come da titolo, qual è stato a vostro avviso il decennio migliore da un punto di vista squisitamente musicale?

 

PS: In parentesi ho inserito solamente i generi maggiormente "iconici" relativamente al dato periodo - come a dire, negli anni '70 la scena rock era certamente vibrante, ma è stato indubbiamente il decennio della disco music.

 

PPS: Il mio avatar è in palese conflitto d'interessi con l'obiettività della risposta .ghgh

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non mettere la musica elettronica come icona degli anni 90 è una bella svista. Può piacere oppure no, ma ha fatto sicuramente epoca.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anni 80, senza dubbio.

 

Quoto, traducendolo, un post che lessi riguardo agli anni '80:
"Michael Jackson e Prince hanno prodotto molteplici album che sono dei classici. La trilogia dei Metallica ha definito il thrash metal. I Guns'n'Roses pubblicano Appetite for Destruction, dall'inizio alla fine l'album hard-rock perfetto. I Jane's Addiction, i REM e i Pixies creano il rock alternativo. Gli U2 non erano quelli di oggi (Joshua Tree anyone?). I Run DMC e gli NWA esplosero. I Beastie Boys incendiarono la scena musicale mondiale. Gli Smiths, i Cure, i Devo hanno pubblicato i classici. Andando sulla musica outsider: gli Einsturzende Neubauten, Skinny Puppy e Ministry hanno dato vita all'industrial. I King Crimson hanno dato nuova vita al rock progressivo. Soundgarden, Nirvana e Alice in Chains si sono formati negli anni '80. Daydream Nation dei Sonic Youth per chiudere in bellezza."

 

E aggiungo, oltre ai nomi dati, che sono molto "americani", tutta la scena britannica che partì da Closer dei Joy Division fino ad arrivare all'album d'esordio degli Stone Roses (1989). Quindi buttaci di tutto, dai Bauhaus ai Duran Duran. Da Gary Numan agli Spandau Ballet. 

E in Australia? Nick Cave, Crowded House, Men at Work, Kylie Minogue.

 

E non iniziamo con il synth-pop o la italo-disco (genere che tra l'altro è stato ormai rivisitato e rivalutato in pieno, soprattutto negli States dove l'etichetta "Italians Do It Better" si focalizza su un synthwave con influenze italiche) o l'arena rock se no finisco domattina con i nomi sefz 

 

Purtroppo, per un genere a me molto caro, il jazz negli anni '80 è l'unica pecca sefz Kenny G alla ribalta... Però si potrebbe andare nell'underground cercando Henry Threadgill e simili che hanno invece un po' rimescolato le carte dell'avant-garde jazz.

 

Però nulla da dire, per quanto adori ogni epoca musicale e per quanto ascolti musica che parte dal delta blues fino ad arrivare al djent, per me gli anni 80 rimangono (ancora) insuperabili. Gli anni 70 sono vicini secondi eh, però nah... .ok 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gli anni '80 e subito dopo gli anni '70.

All'ultimo posto metterei sicuramente gli anni '10, decennio che non ha prodotto niente a livello dei decenni fino agli anni '90. Con pochissime eccezioni.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minuti fa, * Aragorn * ha scritto:

Non mettere la musica elettronica come icona degli anni 90 è una bella svista. Può piacere oppure no, ma ha fatto sicuramente epoca.

In effetti me l'ero persa, grazie per avermelo fatto notare .ok

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per i miei gusti (rock, metal, prog) direi anni 80. 

Anche se le maggiori influenze degli anni 80 hanno radici nella musica degli anni 70, senza gli eighties non avremmo Metallica e Iron Maiden giusto per dirne due di livello mondiale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente è una bella lotta tra anni '60, '70 e '80, ma propendo per i secondi.

 

Credo che nell'immaginario collettivo (almeno negli USA) la "rivoluzione" portata dalla Disco sia difficilmente paragonabile e quantificabile nella storia della musica, tanto breve e intensa fu - ai livelli del rock psichedelico e del folk rock dylaniano degli anni '60 nell'ambito della cultura hippie e del movimento pacifista.

Una sottocultura delle "minoranze" (gay, neri, Latinos, italo-americani) che diventa mainstream e introduce il concetto attuale di "discoteca" e musica dance.

A dieci anni dall'omicidio di Martin Luther King, una nera di Boston (Donna Summer) prodotta da un italiano (Moroder) incontrato a Monaco di Baviera, fa ballare l'America e i cinque continenti con un brano con orgasmi simulati.

Persino i censori sovietici ritennero opportuno non vietare i Boney M., per dirne una (la Disco ebbe anche un filone russo, tra l'altro).

 

L'archetipo di Tony Manero che conduce una vita anonima ma si trasforma in divo sulla pista da ballo come metafora della disco come musica di svago e del carpe diem in piena Guerra Fredda e con un'economia deprimente.

Gli eccessi dello Studio 54, la libera sessualità (etero ed omosessuale, almeno in alcuni ambienti) con la pillola anticoncezionale, lo sdoganamento delle droghe ricreative.

 

Penso che sia calzante la similitudine di quegli anni con un musicista che muore in giovane età: mitizzati in quanto durati relativamente poco (meno di un decennio, prima che iniziasse l'era dell'AIDS e dopo la Disco Demolition Night), intensamente ("sesso, droga e disco"), e quindi con quel sapore agrodolce che ti consegna alla storia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Relegare un genere musicale SOLO ad un decennio è sbagliato .

Ci sono "canzoni " che sono state scritte subito dopo  la seconda guerra mondiale  ma  sono apprezzate e sentite ancora oggi .

Caso mai , bisognerebbe  dividere  la Storia della musica leggera  considerando la tecnologia degli strumenti che hanno accompagnato la musica leggera   dagli anni '20 ad oggi , per dire .

Es. : dalla chitarra classica degli inizi del '900 & la chitarra elettrica degli anni '40/'50/'60  che ha stravolto completamente la musica leggera per i giovani ,

per non parlare dell'organo Hammond , all'inizio destinato solo alle chiese , fino alle pianole/tastiere  elettroniche  che può emettere qualsiasi tipo di suoni ,

fino alla "musica elettronica "    completamente prodotta  " artificialmente "  , per dire .

Io , per es. , posso realizzare/produrre ( anche  negli anni 2.020 ... ) un disco Country o Blues & avere più successo di una canzone  " Hip Hop " , per dire . 

Le "canzoni " scritte & accompagnate musicalmente in modo impeccabile , fatte bene ,  non hanno età

nè si possono ghettizzare in un periodo storico preciso , da ... a ... . 

Io faccio sempre l'esempio di un brano scritto  nel  1848 , ... !! , ed è ancora tra le più ascoltate & apprezzate , ... perche ? ... Perchè le canzoni belle non hanno "età " 

nè si possono rinchiudere  per un solo periodo di tempo , ES. ::: 

 

 

 

 

 

Io sono sempre convinto che la musica/canzoni  NON  si dividono   in :  "canzoni alla moda " & "canzoni fuori moda/obsolete " MA 

in " canzoni belle "  che i giornalisti/critici che si danno arie da sapientoni chiamano  -  ... commerciali - ,  & canzoni brutte ( "cacofoniche ")  che i giornalisti/critici 

che si danno aria di espertoni chiamano - ... per intenditori/amatori - , ... !! 

Poi , ( premetto che la mia esperienza finisce nei primi anni 2.000 , quindi non posso giudicare dal 2.000 in poi )

 SE proprio devo dare un voto  , per la parte di esperienza che mi rimane , dico che negli anni '70 , + o - , sono stati gli anni dove  i giovani ascoltavano Tutti i generi   musicali ( ... che erano stati inventati  ) & tutti i generi musicali avevano grandissimi interpreti  ;

Es. : dal Rock ( Led Zeppelin ) , al Country ( C.C.R. ) , al DiscoMusic  , al R&B , al Progressive /Jazz  ( Crim Crimson , Jethro Tull , Genesis , Gentle Giant , ecc. ) .ok

Per non parlare delle Canzoni Italiane che venivano cantate in inglese in tutto il Mondo ( questo avveniva già dagli anni '60 ) ,

è proprio vero : L' Austerità Economica di una Nazione si riflette non  solo sui  "calciatori " , per dire ,  ma anche sugli artisti : non nascono più fuoriclasse ,... bah

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per i miei gusti e i generi che ascolto (rock e metal) è molto difficile scegliere tra 80 e 90.

Diciamo che sono legato all'heavy e al thrash anni 80 e complessivamente credo sia il decennio con la qualità migliore ma ho ascoltato e ascolto molta più musica degli anni 90.

Difficilissimo scegliere ma alla fine propendo per gli 80 per una questione di qualità complessiva.

 

P.S. Ricordiamoci dell'esistenza del metal 😁

Iron Maiden, Metallica, Megadeth, Slayer, Anthrax, Judas Priest eccetera credo abbiano influenzato abbastanza il panorama musicale.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adoro il periodo tra il 1965 e il 1975, se proprio devo scegliere un decennio dico anni '90 perché li ho vissuti in piena consapevolezza  !!

Share this post


Link to post
Share on other sites

sono troppo di parte vista l'età, anni 90 per me il massimo, l'italodance imperversava veramente, forse nessun genere proveniente dall'Italia ha mai spadroneggiato così in Europa e nel mondo come in quel periodo

 

poi musicalmente come qualità ci sono sicuramente periodi superiori, direi anni 60 e 70

Share this post


Link to post
Share on other sites

90s all the way baby.

Ma mi sento di specificare, per evitare fraintendimenti: 

 

Tool

My Bloody Valentine

Nine Inch Nails

Kyuss

Radiohead

Neutral Milk Hotel

Pumpkins

 

Grunge, industrial, tutta la scena alternativa, il lo-fi da garage bello immediato e scanzonato e scazzato, aver ucciso quel brutto metal e tagliato quei brutti capelli, gli assoli di chitarra uccisi, e ahimè la robaccia e relativa immediatezza da consumo nevrotico e plastico che iPod e generazione da "iconic" ha portato. Ma ne è valsa la pena

 

MAI INDOSSATA LA FLANELLA

Viva  Bjork

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.