Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Sign in to follow this  
agosjuve

VIDEO - Gentile parla della Juve e scoppia a piangere: "Io, nato juventino. A 7 anni, in Libia, avevo già la maglia"

Recommended Posts

È meraviglioso l'amore puro per la Juventus che si legge nei suoi occhi.

 

Come Bettega, quando pianse nel 2006.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non capisco come ad un simbolo juventino del passato non si sia riuscito a trovare ad oggi un ruolo nell'organigramma.

Se a maggior ragione aggiungiamo le ottime capacità lavorative come tecnico dimostrate con l'under e l'ostracismo vergognoso del sistema calcio in piena calciopoli.

Io della società continuerò a tessere lodi..

Ma questa è una falla grave, gravissima.

Share this post


Link to post
Share on other sites

oltre ad essere stato uno dei piu' grandi difensori bianconeri da questa intervista capisci cosa vuol dire nascere bianconero.... fiero di te Gent ....

.allah

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fossi in Agnelli lo porterei subito alla Juventus: in società abbiamo bisogno di uomini come lui.

 

Ad insegnare ai ragazzi a difendere (per la gioia di Giorgio P), ma soprattutto a cosa vuol dire essere Juventini o della fortuna di giocare nella Juventus.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quanti grandi uomini hanno indossato la nostra maglia.Quanti di questi non ho potuto vedere.Claudio Gentile e' bianconero nell'anima.Vorrei che Andrea Agnelli lo coinvolgesse in qualche incarico.Come tecnico mi ricorda Fabio Capello. @@

Share this post


Link to post
Share on other sites

grande uomo grande calciatore e grandissimo allenatore.

 

 

la vera vittima di un "sistema" calcio malato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grandissima leggenda bianconera ,al mondiale 82 Zico e Maradona stanno ancora cercando il pallone

 

e gentile sta ancora cercando le loro caviglie .ghgh

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grande uomo e grande legenda del calcio in generale e della Juventus.

Letteralmente "truffato" dalla FIGC di Guido Rossi.. (se non fosse stato bloccato dalla FIGC credo avrebbe potuto coronare il sogno quell'anno di Allenare la Juve..)

Share this post


Link to post
Share on other sites

( da Gazzetta.it - 24-Luglio-2007 ) -

 

 

 

 

Juve indistruttibile

Inizia l'era del Trap

 

Boniperti individua il tecnico che aprirà un ciclo. Arrivano scudetto in volata sul Torino e coppa Uefa. Lo scudetto-record del 1976-77 nacque dalla feroce voglia di rivalsa sul Torino campione d'Italia in rimonta l'anno precedente

 

2011411--346x212.jpg

La formazione della Juventus campione d'Italia '76-'77. Olympia

L'anno prima era successo qualcosa di assolutamente inconcepibile per Giampiero Boniperti. Non solo la Juventus aveva perso lo scudetto dopo aver dilapidato 5 punti di vantaggio ma a vincerlo erano stati i cugini del Torino. Così, quando si trattò di discutere con i giocatori gli ingaggi, il dirigente fece mettere nel suo ufficio una foto dello stadio di Perugia, dove i bianconeri avevano perso la partita decisiva all’ultima giornata.

RIVINCITA - La mostrava a chi osava discutere la cifra proposta dalla società per il rinnovo del contratto. Il bello è che Boniperti se la prese anche con Roberto Boninsegna che replicò. "Guardi che io l’anno scorso ero all’Inter". Lo scudetto-record del 1976-77 nacque da quella feroce voglia di rivalsa. E partì anche dall’ex attaccante nerazzurro, arrivato dopo il mercato, assieme a Romeo Benetti, nello scetticismo generale, al posto di Fabio Capello e Pietro Anastasi, scambiati con Milan e Inter. Perché puntare su un attaccante trentaduenne dato da molti per bollito? E come rinunciare a un regista? Se lo chiedevano, preoccupati, i tifosi durante quella lunghissima estate. A causa dell’Olimpiade di Montreal, il campionato cominciò solo ai primi di ottobre. Un’attesa ben ripagata, il torneo 1976-77 fu tra i più avvincenti del decennio, col duello fra la Juventus e il Torino conclusosi solo all’ultima partita.

SFIDA TRA TITANI - I granata andarono ancora meglio della stagione precedente, collezionando ben 50 punti su 60. Non furono sufficienti, la Juve arrivò a 51. Lo fece con una squadra di ferro, tutta grinta e muscoli. In difesa, Zoff era protetto da Cuccureddu, Gentile, Morini e Scirea, a centrocampo Benetti le giocò tutte, con Furino, Causio e Tardelli. Davanti, una coppia ben assortita con Boninsegna (10 gol) e Bettega (17). Una squadra indistruttibile che l’appena arrivato Trapattoni spingeva all’attacco su ogni campo, anche internazionale.

DOPPIETTA - Oltre allo scudetto, infatti, arrivò la coppa Uefa e quel trionfo fu salutare per tutto il calcio italiano, uscito con le ossa rotte dai Mondiali ’74 e neppure qualificatosi per la fase finale degli Europei ’76. Da quella Juve nacque, solo un anno dopo, la nazionale di Bearzot quarta ad Argentina ’78 prima dell’apoteosi di Spagna ’82. Rileggetevi la formazione della Juve ’76-77 e scoprirete che vi giocavano ben cinque futuri campioni del mondo. Ne allevavano un sesto, Antonio Cabrini, che debuttò in A proprio quell’anno.

 

 

NON C'E'ALTRO DA AGGIUNGERE CHE ALZARSI IN PIEDI- RINGRAZIARE graziemille - TOGLIERSI IL .salve e :bravo :bravo :bravo ALL'INFINITO ! AL DI LA' DELLE QUALITA' BALISTICHE DEI SINGOLI INTERPRETI , UNA DELLE PIU' GRANDI , SE NON LA PIU' GRANDE , FORMAZIONE DELLA JUVENTUS !

 

- ZOFF-CUCCUREDDU-GENTILE/CABRINI-FURINO-MORINI-SCIREA-CAUSIO-TARDELLI-BONINSEGNA-BENETTI-BETTEGA :

12 ITALIANI DOTATI DI ATTRIBUTI E CONTROATTRIBUTI ... INEGUAGLIATI ED INEGUAGLIABILI ! .juve .sciarpa1.juve

 

 

 

-( da -Tutto Juve - 27/9/2013 - ) -

 

 

Gentile arrivò alla Juventus nell’estate del 1973 dopo una militanza, poco più che anonima, ad Arona (serie D) e Varese (serie B). Per trovar posto in prima squadra non incontrò grosse difficoltà, i problemi vennero in seguito.

«Inizialmente, ero l’alternativa a Furino, mi toccò fare il mediano, giocare cioè in un ruolo abbastanza atipico per me. D’altronde la concorrenza come difensore di fascia era terribile: c’erano Marchetti, Spinosi e Longobucco. Giocatori validi e senz’altro più esperti di me. Esordii in bianconero il 2 dicembre 1973 e fu una bella vittoria, 5-1 con il Verona. Giocai mediano e, almeno a quanto mi disse l’allenatore ed quanto lessi sui giornali, me la cavai benino e venni confermato. I veri guai iniziarono qualche mese più tardi, quando ormai venivo considerato più di una promessa. La forma incominciò a scadere, rischiai di uscire di squadra. Furono giorni bruttissimi. Mi dissi: è ora che dimostri di essere uomo oltre che giocatore. Fu la molla per risalire».

Una molla alla quale Gentile ricorse spesso,rendendosi conto che quella era l’interpretazione professionale giusta per continuare a vestire la maglia juventina:

«Giocare nella Juventus, non è né facile né difficile, come vorrebbe qualcuno. Però se non sei uomo, vai sicuramente a fondo. Perché si è condannati a vincere sempre e non ci si può mai permettere di sbagliare. Non è vero che alla Juventus ti vengono chiesti maggiori sacrifici sul piano fisico: l’unico vero guaio è se non riesci a farti la mentalità vincente. Ho visto tanti, più bravi di me, naufragare per non aver retto lo stress psicologico. Io, posso dire di non dover niente a nessuno. A Varese, ad esempio, né Sandro Vitali, né l’allenatore Maroso si accorsero mai di me. Le loro attenzioni erano piuttosto rivolte a Manueli, Calloni e Gorin. Per loro, io ero uno che aveva soltanto tanta volontà».

L’emozione del primo derby.

«Mi toccò marcare Claudio Sala, l’elemento più difficile da controllare, perché non sapevi mai dove ti poteva scappare via. Me la cavai benino».

Facendo leva sulla propria grinta e determinazione, Gentile ha dunque costruito la sua carriera juventina vincendo tutto eccetto la Coppa dei Campioni: al suo attivo sono 6 scudetti, 2 Coppe Italia, un Mundialito, una Coppa Uefa, una Coppa delle Coppe. Tanti, naturalmente, i ricordi.

«La mia stagione magica fu quella 1976/77. Trapattoni era convinto delle mie qualità, al punto da farmi giocare a sinistra nonostante io non sia mancino e anzi con quel piede ci sappia fare piuttosto poco. Invece di spaventarmi, feci leva anche quella volta sulla grinta. E tutto andò benissimo, dando ragione a Trapattoni. Vincemmo campionato e Coppa Uefa ed io disputai la mia miglior stagione in bianconero».

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

12 ITALIANI DOTATI DI ATTRIBUTI E CONTROATTRIBUTI : INEGUAGLIATI ED INEGUAGLIABILI ! .juve .sciarpa1.juve

 

L'unica squadra tutta italiana a vincere una coppa europea.

 

La Juve dovrebbe trovare un posto in societa' a Gentile, fare un'offerta, anche perche' sono sicuro che lui e' troppo orgoglioso per venire a chiedere.

Non so se si accontenterebbe di allenare la Primavera od avere un altro incarico magari come osservatore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate se rispondo così a 29 maggio 1985 e Torquemada, non riesco a citare i vostri post. Quella squadra 1976/77 l'ho appesa con orgoglio in ufficio, e la ricordo ogni volta con grande affetto. La Juve tutta italiana con giocatori forgiati nell'acciaio ma anche dotati di classe sopraffina. Tra i secondi come non citare Causio, Bettega e Cabrini, ma tra i primi, con Benetti, Furino e Boninsegna, c'era il grande Gheddafi ! Che Juve grandiosa ! Ricordo ancora la prima di quel campionato, qui a Roma contro la Lazio di Giordano, Wilson e Rececconi. Pensate che nel pre partita dei disadattati fecero un giro di campo con una bandiera del Toro.......maledetti ! Beh finì 3 a 2 per noi, Bettega e doppio Bonimba ! Che campioni assoluti ! Gentile merita davvero di allenare in bianconero, quanto meno un incarico in società. Anche io mi sono molto commosso: è una vergogna che un tecnico ed un uomo del suo spessore sia stato emarginato da quello schifo che è stato calciopoli, e che noi si sia visti sulla nostra panchina i Del Neri e gli Zaccheroni. Qualcuno dovrà pagare tutto il male fatto al Mondo Juventus, e Gentile ne è un esempio. Forza Claudio, tu sei la Juve !

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'unica squadra tutta italiana a vincere una coppa europea.

 

La Juve dovrebbe trovare un posto in societa' a Gentile, fare un'offerta, anche perche' sono sicuro che lui e' troppo orgoglioso per venire a chiedere.

Non so se si accontenterebbe di allenare la Primavera od avere un altro incarico magari come osservatore.

Incredibile ed inaccettabile che nessuno dei componenti di quella " IRRIPETIBILE SQUADRA " , qualunque avrebbe potuto e dovuto essere la

mansione , non faccia parte dell'Organigramma del Nostro Club !

 

Ma , ahimè , è notorio , il Pragmatismo Sabaudo , inutile negarlo , poco incline a sentimenti da " Libro Cuore , salvo rare eccezioni , ha sempre lasciato poco spazio a , più o meno pubbliche manifestazioni , di Ringraziamento e Riconoscenza !

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate se rispondo così a 29 maggio 1985 e Torquemada, non riesco a citare i vostri post. Quella squadra 1976/77 l'ho appesa con orgoglio in ufficio, e la ricordo ogni volta con grande affetto. La Juve tutta italiana con giocatori forgiati nell'acciaio ma anche dotati di classe sopraffina. Tra i secondi come non citare Causio, Bettega e Cabrini, ma tra i primi, con Benetti, Furino e Boninsegna, c'era il grande Gheddafi ! Che Juve grandiosa ! Ricordo ancora la prima di quel campionato, qui a Roma contro la Lazio di Giordano, Wilson e Rececconi. Pensate che nel pre partita dei disadattati fecero un giro di campo con una bandiera del Toro.......maledetti ! Beh finì 3 a 2 per noi, Bettega e doppio Bonimba ! Che campioni assoluti ! Gentile merita davvero di allenare in bianconero, quanto meno un incarico in società. Anche io mi sono molto commosso: è una vergogna che un tecnico ed un uomo del suo spessore sia stato emarginato da quello schifo che è stato calciopoli, e che noi si sia visti sulla nostra panchina i Del Neri e gli Zaccheroni. Qualcuno dovrà pagare tutto il male fatto al Mondo Juventus, e Gentile ne è un esempio. Forza Claudio, tu sei la Juve !

Caro Amico, io , invece riesco a citarti ! Ho letto con piacere ciò che hai scritto e condivido appieno il tuo messaggio ! Non lo nego , sebbene , proprio a Roma , in compagnia di Mio Padre , nel lontano 1958 , ebbi l'immensa fortuna di iniziare la Mia Avventura Bianconera con un : LAZIO-JUVE 1-4 ( con 3 gol di Charles ed 1 di Sivori ) , la Squadra che più ha rubato il Cuore è proprio quella del 1976/77 ! Oltre ad essere la Formazione della JUVE , in pratica era la NAZIONALE ITALIANA ( QUARTA IN ARGENTINA, nel 1978 , DOPO UNO SFORTUNATO E MERAVIGLIOSO CAMPIONATO DEL MONDO, CON ADDIRITTURA BEN 9 NOSTRI GIOCATORI IN CAMPO CONTRO I PADRONI DI CASA -Vittoria per 1-0 gol di Bettega ------- PRIMA IN SPAGNA QUATTRO ANNI DOPO ) -

Al solo citare quella formazione , lo giuro , ancora mi emoziono ! ;) Stefano !

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando una squadra, una società, un'entità riesce a farti commuovere allora c'è qualcosa in più che va aldilà della solita frase fatta di chi cambia squadra una volta l'anno nascondendosi dietro il fantomatico "professionismo". Questo è amore per una squadra. E non lo pagano per piangere. Grande uomo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.