Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Nate Fisher

Perché Allegri e la Juventus sono fatti l’uno per l’altra

Recommended Posts

Il ‎21‎/‎04‎/‎2019 Alle 16:18, gobbo-da-sempre ha scritto:

Mah, rapporto che secondo me doveva terminare dopo la sconfitta di Cardiff. Allegri il suo l'ha dato, per me non può fare di più e anzi, ho l'impressione che più tempo passa e più questa squadra diventa inguardabile, per non parlare della condizione atletica imbarazzante e della situazione degli infortuni assurda.. Che si vinca (in Italia) è un'altro discorso. Finché la concorrenza sarà quella attuale lo scudetto è assicurato, ma in un eventuale lotta serrata a due o a tre per il titolo non sono così sicuro che riusciremo a spuntarla noi.

l'abbiamo sempre pensata uguale io e te, avallo la tua analisi

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
23 minuti fa, AlexNedved ha scritto:

Niente da fare.

Avrò posto le stesse domande centinaia di volte ma non ti risponderanno mai.

Il loro compito è difendere l'operato di allenatore e società, stop. Di calcio masticano niente, del resto, non gli interessa nemmeno. Chi ama il calcio non può che volere Allegri a 2000 km di distanza da Torino.

Prima o poi qualcuno mi risponderà :) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 minuti fa, garrison ha scritto:

Per me sei tu che sei accecato dall'astio tanto da non vedere la realtà.

E' poi é la solita storia di attribuire ogni responsabilità all'allenatore (come ogni merito quando le cose vanno bene)

Sandro é stato un ottimo terzino per due anni. E per me lo é ancora, ma ha perso un po' di spunto. Ma i primi due anni sempre Allegri lo allenava, eh non tuo zio, quindi magari é solo lui che ha perso un po' di brillantezza.

Cancelo ha inzizato benissimo, dopo l'infortunio ha cominciato a ritornare quello dell'inter sbagliando appoggi facili e prendendosi rischi inutili. Colpa di Allegri se passa la palla ai giocatori dell'Atalanta o dell'Ajax per dire?

Dybala é stato "scattantee  rapido" sino all'anno scorso (3° anno in cui era allenato da Allegri non 2 mesi), sua miglior stagione. E giocava più o meno dove gioca adesso, a non voler essere accecati.

Pjanic alla Roma era una mezzala discontinua (infatti non é che ci fossero Reale  Barcellona su di lui), ora é un bravo regista davanti alal difesa, ruolo diffcili dove non ci sono interpreti bravi (mi dai qualche nome di un'alternativa in quel ruolo?)

Rugani era arrivato dall'Empoli e faceva fatica a fare un passaggio a due metri, adesso riesce a stare tranquillamente in campo ed anche ad impostare il gioco.

Pogba la sua miglior stagione alla Juve l'ha fatta con Allegri. Ovvio che l'ha lanciato Conte, allora c'era lui, ma con Allegri (anche eprché ovviamente era cresciuto lui...mica é solo merito di Allegri) é diventato un giocatore da 100 milioni di €.

Chiudo con la solita domanda: ma perché Agnelli (e prima marotta e Paratici) si sarebbe tenuto uno che gli depotenzia ed uccide i giocatori? E' un povero minus habens? Non arriva a vedere quello che te ed altri riuscite a vedere guardando le partite dalla TV? Possiede delle foto compromettenti di Elkann? Siete gli unici competenti in materia calcistica rimasti sulla terra?

Ti rispondo semplicemente che Agnelli in un certo senso guarda i risultati un po' come te, sul televideo. Lui è a capo di una società non di una squadra di calcio. La amministra come un'azienda, quindi gli interessano solamente i risultati, non gli interessa se i meriti sono dei giocatori o dell'allenatore, lui vuole che l'azienda guadagni più possibile e se sempre con lo stesso allenatore, dispetto dello spettacolo, arrivano degli ottimi risultati, di certo non stravolge tutto per favorire lo spettacolo. Ecco perché non lo cambia, vuole rimanere nella sua comfort zone insomma. 

 

Lo ha detto nell'intervista post partita che l'obiettivo è arrivare poi distante possibile in Champions, dopotutto. 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
22 minuti fa, garrison ha scritto:

 

Chiudo con la solita domanda: ma perché Agnelli (e prima marotta e Paratici) si sarebbe tenuto uno che gli depotenzia ed uccide i giocatori? 

Mettendo da parte le altre battute che possono riassumersi nel solito mantra de "manda il curriculum" 

 

La Juventus è storicamente una squadra molto conservativa nella scelta degli allenatori, con i pregi e i difetti del caso. I pregi sono che non ci mangiamo allenatore e figure cattive a metà stagione non ne facciamo. Il difetto è non sappiamo dire basta anche a costo di tarpare le ali alla squadra. 

Nel 2014 c'era una situazione simile a quella odierna, prestazioni molto sotto tono, gran parte della rosa depotenziata, un allenatore che dopo tempo si era incaponito su scelte senza senso per portare avanti sue battaglie. 

Bene anche allora Agnelli ha preferito non salutare l'allenatore normalmente a fine stagione (che avrebbe evitato secondo me una cattiva figura ad entrambi). Ha insistito fino all'inverosimile, trattenendo l'allenatore per la manica della giacca. Abbiamo dovuto aspettare che l'allenatore si dimettesse a ritiro inoltrato. 

Oggi la situazione è molto simile ed infatti io credo che Allegri rimarrà dov'è e da grande presuntuoso quale è l'anno prossimo non metterà minimamente in discussione alcune delle sue idee che hanno pesantemente capitolato negli ultimi 2 anni. 

 

Questo chiaramente per chi ha un minimo di spirito critico. 

Chi si beve qualunque sciocchezza from Continassa, vabbè pace. C'era chi credeva agli infortuni di Benatia, c'era chi godeva per i rinnovi di Khedira e Mandzukic (e qualcuno non perché li riteneva davvero utili alla Juventus, ma più per rivalsa verso parte della tifoseria). 

Insomma anche i nostri, che fanno un lavoro egregio, ogni tanto qualche cantonata la prendono. 

Eh sì, purtroppo a volte sono anche palesi. 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allegri piu' che per la Juve e' fatto su misura per Agnelli, non rompe le pale , e' filo aziendale, di ritorno ha una societa' nettamente superiore alle altre in Italia che gli permettera' di entrare nella storia senza aver capito nemmeno come e incassare 7 mln annui, ecco perche' sono fatti l'uno per l'altro . Ronaldo e' stato acquistato invece per far sognare un po' noi tifosi ma la champions si vince in altro modo , i top team europei insegnano. 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
36 minuti fa, AlexNedved ha scritto:

Ma come fai a mistificare la realtà in questo modo?

Alex Sandro è migliorato? Forse non ti ricordi com'era appena arrivato:devastante. Poi pian piano è diventato un giocatore normalissimo.

Stesso discorso per Cancelo.

Dybala? All'inizio era scattante e rapido, adesso ha meno agilità di Mandzukic e gioca a centrocampo.

Pjanic in cosa è migliorato? È stato trasformato in un metodista alla Cigarini, solo passaggi di due metri senza mai una verticalizzazione.

Rugani non vede mai il campo tranne quando si fanno male tutti.

Pogba? Ma stai scherzando? Lui l'ha lanciato Conte, senza se e senza ma.

In definitiva: ho sei accecato dall'amore per Allegri e per la società o veramente non guardi le partite a questo punto. Incredibile.

Miglior post del topic

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
45 minuti fa, Difensore della Barriera ha scritto:

Ho capito.

Ogni volta il tifoso cerca di trovare scuse per giustificare l'uscita dalla CL cercando di addolcire la pillola. Prima era perché non avevamo Messi e CR7, quest'anno invece siamo usciti perché vincere fa guadagnare di meno. Ma guai ad ammettere che siamo usciti perché inferiori.

 

PS secondo molti tifosi  nel 2003 contro il milan perdemmo apposta perché Moggi e società si accordarono per avere più soldi dal milan lasciando a loro il trofeo

e fu così che, quando l'aspetto sportivo in europa venne meno e mostrò tutta la sua inadeguatezza alla massima potenza, si ripiegò, per convenienza, in discorsi di carattere/finanziario economico per mandare giù, col sorriso stampato sulla faccia, il veleno disgustoso e dannoso.

La volpe e l'uva.

Adesso sventoliamo fieramente la bandiera del provincialismo.

1 ora fa, O' Rei David ha scritto:

A livello manageriale possiamo dirgli poco. E' chiaro che siamo tifosi e ci piacerebbe giocare alla grande e vincere la maledetta e viceversa. Speriamo che prima o poi il nostro sogno si avveri. Però la continuità è anche importante. Fare la fine dell'Inter o del Milan sarebbe anche peggio

Noi non giochiamo nemmeno decentemente.

Di speranze si muore. La Juve quest'anno ha meritato di uscire in champions; non è stata la speranza a stroncarci o ad abbandonarci. Hanno vinto i più bravi, non i più speranzosi.

Continuità di cosa? Di fare figuracce internazionali in europa?

Veramente pensi che se per caso sgarrassimo, 1 anno, in Italia arrivando secondi faremmo poi la fine dell'Inter o del Milan?

Quanto paga la serie A, oggi? Quanto vale lo scudetto in termini economici?

Per migliorarsi bisogna avere il coraggio di interrompere la continuità provinciale, non di confermarla.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
41 minuti fa, Michael Laudrup ha scritto:

Non è ovviamente solo colpa sua ma il suo primo tempo dove non ha combinato nulla ha inciso perché sono stati i 45 minuti dove la Juve ha prodotto il massimo sforzo e dove si poteva e doveva chiudere la partita. 

Ma poi a prescindere da questo, con la Spal che ha fatto tra l'altro giocando seconda punta? Ma non lo vedete che non salta più l'uomo che sbaglia un sacco di stop, che in velocità si fa sempre rimontare?? a parte il bel tiro ed alcune giocate da fermo cosa fa Dybala? La storia che Allegri l'abbia rovinato è semplicemente ridicola, c'era Allegri quando segnava 26 gol o era un suo sosia? Gioca più indietro ok ma certi numeri se li hai li hai non raccontiamoci palle per cortesia, non è che se giochi 10 metri più indietro di colpo diventi scarso. 

Ps in Argentina come mai è quasi sempre in panchina? 

Cronistoria delle marcature e posizioni di Dybala

15-16 - punta nel 352 (con Mandzukic e alternativamente Morata) - 34 partite e 15 gol su azione

16-17 - trequartista nel 4-2-3-1 (Mandzukic a sinistra, Higuain davanti) - 31 partite e 6 gol su azione (Higuain più prolifico)

17-18 - trequartista nel 4-2-3-1 (Mandzukic a sinistra, Higuain davanti) prima e punta esterna nel 4-3-3 poi - 33 partite e 17 gol su azione (12 nel girone d'andata col 4-2-3-1 - Higuain poco prolifico)

18-19 - punta esterna nel 4-3-3 e trequartista nel 4-3-1-2 (partner Ronaldo e Mandzukic) - 27 partite e 4 gol su azione

 

Ho evidenziato i gol escludendo rigori e punizioni, reti non impattate dalla posizione in campo. E' EVIDENTE che il rendimento realizzativo di Dybala non varia in base alla posizione o all'allenatore (sempre lo stesso) ma in base a lui e lui soltanto. E' talentuoso ma discontinuo e prettamente individualista.

Se ha compagni che giocano per lui, e se gli gira bene, segna di più. Se gioca al servizio di altri, segna di meno. Ronaldo ha ucciso lo score di Dybala, non Allegri. Tutto qui.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cronistoria delle marcature e posizioni di Dybala

15-16 - punta nel 352 (con Mandzukic e alternativamente Morata) - 34 partite e 15 gol su azione

16-17 - trequartista nel 4-2-3-1 (Mandzukic a sinistra, Higuain davanti) - 31 partite e 6 gol su azione (Higuain più prolifico)

17-18 - trequartista nel 4-2-3-1 (Mandzukic a sinistra, Higuain davanti) prima e punta esterna nel 4-3-3 poi - 33 partite e 17 gol su azione (12 nel girone d'andata col 4-2-3-1 - Higuain poco prolifico)

18-19 - punta esterna nel 4-3-3 e trequartista nel 4-3-1-2 (partner Ronaldo e Mandzukic) - 27 partite e 4 gol su azione

 

Ho evidenziato i gol escludendo rigori e punizioni, reti non impattate dalla posizione in campo. E' EVIDENTE che il rendimento realizzativo di Dybala non varia in base alla posizione o all'allenatore (sempre lo stesso) ma in base a lui e lui soltanto. E' talentuoso ma discontinuo e prettamente individualista.

Se ha compagni che giocano per lui, e se gli gira bene, segna di più. Se gioca al servizio di altri, segna di meno. Ronaldo ha ucciso lo score di Dybala, non Allegri. Tutto qui.

sarà anche come dici...io non l'ho mai visto cosi lontano dalla porta avversaria come quest'anno

 

Inviato dal mio m2 utilizzando Tapatalk

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stimo Allegri da sempre e l'astio che c'è verso di lui lo trovo disgustoso.

 

Detto questo, bisogna cambiare, se non lo si fa si rischia grossissimo... anche grazie ai tifosi che al primo pretesto renderanno il clima pesantissimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
51 minuti fa, ZoffGentileCabriniBonini ha scritto:

Allegri piu' che per la Juve e' fatto su misura per Agnelli, non rompe le pale , e' filo aziendale, di ritorno ha una societa' nettamente superiore alle altre in Italia che gli permettera' di entrare nella storia senza aver capito nemmeno come e incassare 7 mln annui, ecco perche' sono fatti l'uno per l'altro . Ronaldo e' stato acquistato invece per far sognare un po' noi tifosi ma la champions si vince in altro modo , i top team europei insegnano. 

Beh in realtà i top team sono in realtà sostanzialmente 2, Real e Barca. Tutti gli altri, a parte il Bayern, hanno sempre perso. 

Credo, però, che nessun tifoso si sognerebbe di pretendere la CL, ma unicamente un gioco che il blasone della Juve rende d'obbligo. 

Essere dominati in casa dall'Empoli (come praticamente da tutti)  non può esser giustificato da pseudo teorie su chi gioca male vince e chi gioca bene perde. Giochiamo da fare schifo punto e basta e molti tifosi pretendono altro. Non si può vincere giocando bene? Stranissima teoria come, ricordo a tutti, che se Allegri se ne dovesse andare, non è che la Juve verrà sciolta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 21/4/2019 Alle 16:49, The Italian Giants ha scritto:

Quello che dice l'articolo è innegabile, Allegri è l'allenatore aziendalista perfetto per la filosofia della società-Juve. Una società che ogni anno deve rispondere all'obiettivo di vincere e di competere in Europa, ma per farlo si basa ancora molto sul player trading a causa della distanza di fatturato ancora ampia che la separa dalle super-big.

Questo ha molteplici aspetti negativi: 

- ogni anno rivoluzioni con conseguente perdita di molto tempo per trovare un assemblaggio corretto;

- la Juve va sul mercato disinteressandosi di come un potenziale acquisto possa sposarsi con le caratteristiche tecnico-tattiche degli altri giocatori in squadra, ma si concentra più sul valore assoluto del giocatore e, se constata che le condizioni economiche per prenderlo sono convenienti, lo prende. 

È chiaro che per una società che ha bisogno di operare così, un allenatore anti-dogmatico, che ama mischiare le carte e dell'improvvisazione ne fa quasi uno stile manageriale, vale oro.

Tanto per capirci: se vuoi preparare un buon piatto di spaghetti ai frutti di mare, ti servono i frutti di mare. La Juve invece compra dei pomodori, delle uova, due zucchine, quattro melanzane, tre cavoli, della pancetta, consegna la busta della spesa al cuoco (allenatore) e gli dice: "Toh, con questi inventati un piatto". Magari ti verrà un piatto ugualmente gustoso e che ti sfamerà, perché puoi permetterti la migliore qualità di pomodori, la migliore qualità di uova, di verdure ecc, ma viene da sé che se devi vincere un importante concorso di cucina serve qualcosa di leggermente più studiato e preparato a tavolino.

Questo purtroppo è il vero più grande limite che frena la Juventus dal vincere la Champions. Le semifinaliste di quest'anno parlano chiaro: Barcellona, Liverpool di Klopp, il Tottenham di Pochettino, l'Ajax. Tutte società che hanno iniziato un progetto tecnico specifico anni fa, con lo stesso allenatore, con gli stessi calciatori, e a distanza di anni lo hanno portato avanti.

La Champions è una competizione dove viene premiata la progettualità tecnico-tattica, l'idea coltivata con calciatori (sempre di grandissimo livello) strettamente funzionali a quella idea.

Se la tua filosofia invece è prendere calciatori delle più disparate caratteristiche qua e là (attenzione, nel caso della Juve comunque campioni eh) e "raffazzonare" una squadra, perdipiù cambiando ogni anno quei 3/4/5 titolari, è chiaro che chiedere di vedere un gioco fluido, mnemonico, automatismi chiari è un'utopia. E se in campionato, dove il livello dei tuoi giocatori è dieci volte superiore alla concorrenza, questo limite viene in qualche modo oltrepassato, in Europa dove ti giochi tutto in 90/180 minuti e contro squadre quasi sempre al tuo livello, ti mancano le certezze a cui aggrapparti nelle difficoltà. 

Allegri, allenatore che come detto nel "casino organizzato" si esalta, in questo contesto ha portato in Europa risultati ben superiori a quelli che sarebbe stato lecito aspettarsi da una società con un modus operandi nel genere nel costruire le squadre. Ma non basta, e prima o poi le mancanze di una idea solida in base alla quale dovrebbe essere stata pensata la squadra, escono fuori in tutta la loro drammaticità contro squadre che invece le idee di quello cosa fare in campo ce le hanno fin troppo chiare. Allegri lo chiama "blocco psicologico", io preferisco chiamarlo "blocco tecnico".

Finché non si supererà questo limite, e non si comincerà a pensare prima di tutto sul mercato a un concetto di squadra, con calciatori adatti a quel concetto, l'allenatore sarà un sotto-problema. Anzi, oserei dire che se la mentalità della società non cambierà dovremmo tutti augurarci che Allegri resti il più a lungo possibile perché è l'unico che nella confusione progettuale qualcosa di buono sa tirare fuori ogni anno, e l'unico col quale hai speranza di vincere un giorno una Champions nonostante l'attuale filosofia gestionale (come già rischiato peraltro nel 2015 e 2017), sebbene cicli veri e propri difficilmente ne costruirai mai così. Altri allenatori, specie se meno flessibili, impazzirebbero dopo tre mesi.

Ma è un limite di cui la stessa è consapevole e non può oltrepassarlo finché non colmerà il gap economico ancora molto ampio col resto d'Europa.

finalmente si ragiona 

Share this post


Link to post
Share on other sites
49 minuti fa, Light Juve ha scritto:

Mettendo da parte le altre battute che possono riassumersi nel solito mantra de "manda il curriculum" 

 

La Juventus è storicamente una squadra molto conservativa nella scelta degli allenatori, con i pregi e i difetti del caso. I pregi sono che non ci mangiamo allenatore e figure cattive a metà stagione non ne facciamo. Il difetto è non sappiamo dire basta anche a costo di tarpare le ali alla squadra. 

Nel 2014 c'era una situazione simile a quella odierna, prestazioni molto sotto tono, gran parte della rosa depotenziata, un allenatore che dopo tempo si era incaponito su scelte senza senso per portare avanti sue battaglie. 

Bene anche allora Agnelli ha preferito non salutare l'allenatore normalmente a fine stagione (che avrebbe evitato secondo me una cattiva figura ad entrambi). Ha insistito fino all'inverosimile, trattenendo l'allenatore per la manica della giacca. Abbiamo dovuto aspettare che l'allenatore si dimettesse a ritiro inoltrato. 

Oggi la situazione è molto simile ed infatti io credo che Allegri rimarrà dov'è e da grande presuntuoso quale è l'anno prossimo non metterà minimamente in discussione alcune delle sue idee che hanno pesantemente capitolato negli ultimi 2 anni. 

 

Questo chiaramente per chi ha un minimo di spirito critico. 

Chi si beve qualunque sciocchezza from Continassa, vabbè pace. C'era chi credeva agli infortuni di Benatia, c'era chi godeva per i rinnovi di Khedira e Mandzukic (e qualcuno non perché li riteneva davvero utili alla Juventus, ma più per rivalsa verso parte della tifoseria). 

Insomma anche i nostri, che fanno un lavoro egregio, ogni tanto qualche cantonata la prendono. 

Eh sì, purtroppo a volte sono anche palesi. 

Toh, un post argomentato.

Allora, che alla Juve in materia di allenatori siamo conservatori, é vero.

Ma per me é un pregio, non un difetto.

Il "depotenziamento" dei giocatori per me é in larga misura un'allucinazione collettiva.

Ma non capisco eprché, nel caso, non si potrebeb pensare ad un'annata che sotto certi profili é andata male, anche per mera sfortuna, invece che pensare di cercare chissà dove responsabilità e soluzioni pret a porter.

Che poi la soluzione in Italia é sempre la stessa, cioé cambiare l'allenatore.

Creando all'alibi ai giocatori ed all'ambiente.

Dybala non azzecca più una partita da dicembre? Colpa di Allegri il depotenziatore che gli ha cambiato ruolo e messo terzino (???).

Cavcelo la passa agli avversari? Colpa di Allegri che gli ha detto di farne una buona ed una no.

Bernardeschi non azzecca le scelte di gioco? Colpa di Allegri che non lo teelcomanda come Boncompagni.

Mandzukic, Khedira, Sandro si trascinano in campo? Colpa di Allegri e dei suoi preparatori, non del fatto che son vecchi o han perso brillantezza.

Vivaddio una società che riflette sul fatto che magari l'allenatore non c'entra nulla ma che magari semplicemente certi giocatori in certe annate non rendono/hanno infortuni/problemi.

Che non si risolvono con un colpo di spugna prendendo un "mister X", peraltro non indicato da nessuno , perché i "via Allegri" sono molteplici, nomi di sostituti nessuno.

Prossimo allenatore a cui scariricare le frustrazioni di una tifoseria inacidita ed insoddisfatta di vincere un campionato "senza avversari", come se fosse colpa della Juve se le altre italiane sono armate brancaleone (non per niente guidate da dirigenti che appena possono scaricare le colpe sull'allenatore lo fanno eccome) che non riescono ad essere competitive neanche spendendo 300 milioni sul mercato tipo il Milan. O società da vorrei ma non posso tipo il Napoli.

Certo che qualche "cantonata" o errore lo fanno tutti. O semplicemente decisioni sfortunate.

Ma se i nostri fanno un "lavoro egregio" nel 90% dei casi ritengo che SE (grosso come una casa) Allegri sarà riconfermato, come da contratto già firmato, é perché ci credono, lo vedono lavorare tutti i giorni, sanno benissimo che non depotenzia un cavolo di niente anzi valorizza i giocatori e non sono quei deficienti che li ritengono tutti quelli che scrivono che solo dei pazzi si terrebbero Allegri e che lo sostituirebbero con loro zio o il primo che passa, tanto é lo stesso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
16 minuti fa, JUVE UBER ALLES ha scritto:

Beh in realtà i top team sono in realtà sostanzialmente 2, Real e Barca. Tutti gli altri, a parte il Bayern, hanno sempre perso. 

Credo, però, che nessun tifoso si sognerebbe di pretendere la CL, ma unicamente un gioco che il blasone della Juve rende d'obbligo. 

Essere dominati in casa dall'Empoli (come praticamente da tutti)  non può esser giustificato da pseudo teorie su chi gioca male vince e chi gioca bene perde. Giochiamo da fare schifo punto e basta e molti tifosi pretendono altro. Non si può vincere giocando bene? Stranissima teoria come, ricordo a tutti, che se Allegri se ne dovesse andare, non è che la Juve verrà sciolta.

inutile ripetersi 50.000 volte 

 

con emre bentancur matuidi non giochi a calcio

 

mettici costa e cuadrado sempre fuori e canclo dopo il menisco sembra suo fratello sfigato..

 

il girone di champions l'abbiamo fatto bene giocando bene   (escluso in svizzera a -6  camppo sintetico)

 

anche con il napoli abbiamo fatto una gran partita a torino

 

mettevi in testa che la colpa non è solo di allegri 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, AlexNedved ha scritto:

Ti rispondo semplicemente che Agnelli in un certo senso guarda i risultati un po' come te, sul televideo. Lui è a capo di una società non di una squadra di calcio. La amministra come un'azienda, quindi gli interessano solamente i risultati, non gli interessa se i meriti sono dei giocatori o dell'allenatore, lui vuole che l'azienda guadagni più possibile e se sempre con lo stesso allenatore, dispetto dello spettacolo, arrivano degli ottimi risultati, di certo non stravolge tutto per favorire lo spettacolo. Ecco perché non lo cambia, vuole rimanere nella sua comfort zone insomma. 

 

Lo ha detto nell'intervista post partita che l'obiettivo è arrivare poi distante possibile in Champions, dopotutto. 

Quindi il problema di Allegri non sono i risultati, il depotenziamento dei giocatori, le vittorie, anzi di fatto sottolinei che sono aumentati, e con essi i guadagni, ma sono il fatto che manca "lo spettacolo"?

Cosa che é pienamente legittima, uno può inseguire il calcio estetico, a prescindere dai risultati, come faceva Wenger all'Arsenal, l'importante é che la squadra "dia spettacolo".

E Allegri in quel caso sarebbe senz'altro da sostituire, non é per niente l'allenatore ideale, neanche dialetticamente perché ha l'orribile vizio di parlare di calcio "semplice", quando per molti dovrebbe rimanere roba "da santoni", che parlano di una diagonale difensiva come della sequenza di Fibonacci.

Però allora si dica quello, senza inventarsi che Allegri depotenzia i giocatori o con lui faremmo una brutta fine.

Quanto all'ultima frase, Agnelli dice la verità.

Ci sono squadre come City e PSG che han speso e spenderanno il PIL di una nazione per avere risultati inferiori alla Juve negli ultimi 5 anni in CL.

E' una competizione aleatoria e sopravvalutata, coi suoi pregi (spettacolare al massimo) e difetti (non premia realmente i migliori spesso).

Nessuno può progammarne la vittoria, per quanto spenda, il massimo che si può sperare é di essere sempre competitivi.

Se non basta, si può sempre cambiare hobby.

Share this post


Link to post
Share on other sites
44 minuti fa, Al Galoppo ha scritto:

Cronistoria delle marcature e posizioni di Dybala

15-16 - punta nel 352 (con Mandzukic e alternativamente Morata) - 34 partite e 15 gol su azione

16-17 - trequartista nel 4-2-3-1 (Mandzukic a sinistra, Higuain davanti) - 31 partite e 6 gol su azione (Higuain più prolifico)

17-18 - trequartista nel 4-2-3-1 (Mandzukic a sinistra, Higuain davanti) prima e punta esterna nel 4-3-3 poi - 33 partite e 17 gol su azione (12 nel girone d'andata col 4-2-3-1 - Higuain poco prolifico)

18-19 - punta esterna nel 4-3-3 e trequartista nel 4-3-1-2 (partner Ronaldo e Mandzukic) - 27 partite e 4 gol su azione

 

Ho evidenziato i gol escludendo rigori e punizioni, reti non impattate dalla posizione in campo. E' EVIDENTE che il rendimento realizzativo di Dybala non varia in base alla posizione o all'allenatore (sempre lo stesso) ma in base a lui e lui soltanto. E' talentuoso ma discontinuo e prettamente individualista.

Se ha compagni che giocano per lui, e se gli gira bene, segna di più. Se gioca al servizio di altri, segna di meno. Ronaldo ha ucciso lo score di Dybala, non Allegri. Tutto qui.

Quoto,hai dimostrato dati alla mano(che sono quelli che contano) come stanno veramente le cose.

Allegri non centra nulla col calo di Dybala, ma certi pregiudizi dettati dal livore verso l'allenatore e dall'idolatria verso l'argentino sono difficili da estirpare. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io non riesco a capire come mai Allegri siano due anni che parte bene , un gioco divertente e vincente , e gia al primo freddo stravolga tutto passando al solito gioco difensivo con risulatati negativi

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, garrison ha scritto:

Quindi il problema di Allegri non sono i risultati, il depotenziamento dei giocatori, le vittorie, anzi di fatto sottolinei che sono aumentati, e con essi i guadagni, ma sono il fatto che manca "lo spettacolo"?

Cosa che é pienamente legittima, uno può inseguire il calcio estetico, a prescindere dai risultati, come faceva Wenger all'Arsenal, l'importante é che la squadra "dia spettacolo".

E Allegri in quel caso sarebbe senz'altro da sostituire, non é per niente l'allenatore ideale, neanche dialetticamente perché ha l'orribile vizio di parlare di calcio "semplice", quando per molti dovrebbe rimanere roba "da santoni", che parlano di una diagonale difensiva come della sequenza di Fibonacci.

Però allora si dica quello, senza inventarsi che Allegri depotenzia i giocatori o con lui faremmo una brutta fine.

Quanto all'ultima frase, Agnelli dice la verità.

Ci sono squadre come City e PSG che han speso e spenderanno il PIL di una nazione per avere risultati inferiori alla Juve negli ultimi 5 anni in CL.

E' una competizione aleatoria e sopravvalutata, coi suoi pregi (spettacolare al massimo) e difetti (non premia realmente i migliori spesso).

Nessuno può progammarne la vittoria, per quanto spenda, il massimo che si può sperare é di essere sempre competitivi.

Se non basta, si può sempre cambiare hobby.

Ovviamente non intendo lo spettacolo solo dal punto di vista estetico, mi riferisco al gioco e tutto il suo contorno. Cosa che ci è palesemente mancata con lui, tranne il primo anno.

 

Mi sono espresso male, scrivo di fretta. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, garrison ha scritto:

E' una competizione aleatoria e sopravvalutata, coi suoi pregi (spettacolare al massimo) e difetti (non premia realmente i migliori spesso)

.quoto

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, AlexNedved ha scritto:

Ovviamente non intendo lo spettacolo solo dal punto di vista estetico, mi riferisco al gioco e tutto il suo contorno. Cosa che ci è palesemente mancata con lui, tranne il primo anno.

 

Mi sono espresso male, scrivo di fretta. 

Di sicuro non é stato "spettacolare" ma io seguo anche tanto calcio estero, non ci sono poi tutte queste squadre che danno "spettacolo", anzi.

Alcune squadre giocano bene qualche periodo e poi si perdono completamente. I top club in Spagna e Germania giocano quasi tutte le partite al piccolo trotto, salvo pochi lampi quando serve (e comunque come per la juve in Italia basta spesso il minimo sforzo).

In Inghilterra tutti hanno un ritmo elevato é più facile dare spettacolo (ed infatti é il campionato che tutti seguono anche per quello).

Altre giocano peggio della Juve (almeno di quella di prima metà della stagione...nel 2019 abbiam giocato molto male).

In Italia non parliamone, a parte qualche folata del Napoli nessuno gioca spettacolare.

Tranne l'Atalanta, che però lo paga in termini di gol subiti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, garrison ha scritto:

Di sicuro non é stato "spettacolare" ma io seguo anche tanto calcio estero, non ci sono poi tutte queste squadre che danno "spettacolo", anzi.

Alcune squadre giocano bene qualche periodo e poi si perdono completamente. I top club in Spagna e Germania giocano quasi tutte le partite al piccolo trotto, salvo pochi lampi quando serve (e comunque come per la juve in Italia basta spesso il minimo sforzo).

In Inghilterra tutti hanno un ritmo elevato é più facile dare spettacolo (ed infatti é il campionato che tutti seguono anche per quello).

Altre giocano peggio della Juve (almeno di quella di prima metà della stagione...nel 2019 abbiam giocato molto male).

In Italia non parliamone, a parte qualche folata del Napoli nessuno gioca spettacolare.

Tranne l'Atalanta, che però lo paga in termini di gol subiti.

In Italia ci hanno massacrato Genoa, Lazio, Atalanta più volte, il Parma con Gervinho e Inglese, la Spal, più molti big match in cui si salvava il solo risultato.

Non abbiamo scambi veloci sulla fascia, per via centrale siamo inesistenti, lasciamo la transizione offensiva sui piedi o dei centrali difensivi ( unici al mondo) o sulla corsa di uno coi piedi sparati che una volta arrivato davanti la ripassa a Pjanic o sandro perché  non sa ne’ tirare ne’ crossare.

Per carità.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Alieno Bianconero ha scritto:

Di speranze si muore. La Juve quest'anno ha meritato di uscire in champions; non è stata la speranza a stroncarci o ad abbandonarci. Hanno vinto i più bravi, non i più speranzosi.

Continuità di cosa? Di fare figuracce internazionali in europa?

Veramente pensi che se per caso sgarrassimo, 1 anno, in Italia arrivando secondi faremmo poi la fine dell'Inter o del Milan?

Quanto paga la serie A, oggi? Quanto vale lo scudetto in termini economici?

Per migliorarsi bisogna avere il coraggio di interrompere la continuità provinciale, non di confermarla.

Il problema non sarebbero tanto le figuracce a livello nazionale (fermo restando che in Champions bisogna andarci e non è mai scontato se inizi a non carburare o se le altre crescono), il problema sono le uscite nei gironi di Champions che porterebbero al ridimensionamento progressivo

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, TheTraveller ha scritto:

In Italia ci hanno massacrato Genoa, Lazio, Atalanta più volte, il Parma con Gervinho e Inglese, la Spal, più molti big match in cui si salvava il solo risultato.

Non abbiamo scambi veloci sulla fascia, per via centrale siamo inesistenti, lasciamo la transizione offensiva sui piedi o dei centrali difensivi ( unici al mondo) o sulla corsa di uno coi piedi sparati che una volta arrivato davanti la ripassa a Pjanic o sandro perché  non sa ne’ tirare ne’ crossare.

Per carità.

Sì in Italia ci han massacrato tutti ed arriviamo davanti di 30 punti ai più vicini.

Non ci ha massacrato nessuno abbiam perso delle partite, anche il barcellona le ha perse.

E considerato che veniamo da 4 anni da 100% di trofei italiani direi che no, non é solo merito di Ronaldo.

Stai descrivendo il Frosinone, non la Juve.

Per me se volete essere presi sul serio dovete fare analisi un minimo più credibili, non descrivere la Juve come una squadra che vince grazie allo Spirito Santo (o agli arbitri...tra un po' mi aspetto di leggere questo).

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, TheTraveller ha scritto:

In Italia ci hanno massacrato Genoa, Lazio, Atalanta più volte, il Parma con Gervinho e Inglese, la Spal, più molti big match in cui si salvava il solo risultato.

Non abbiamo scambi veloci sulla fascia, per via centrale siamo inesistenti, lasciamo la transizione offensiva sui piedi o dei centrali difensivi ( unici al mondo) o sulla corsa di uno coi piedi sparati che una volta arrivato davanti la ripassa a Pjanic o sandro perché  non sa ne’ tirare ne’ crossare.

Per carità.

Guarda che abbiamo vinto tutte le partite

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, garrison ha scritto:

Sì in Italia ci han massacrato tutti ed arriviamo davanti di 30 punti ai più vicini.

Non ci ha massacrato nessuno abbiam perso delle partite, anche il barcellona le ha perse.

E considerato che veniamo da 4 anni da 100% di trofei italiani direi che no, non é solo merito di Ronaldo.

Stai descrivendo il Frosinone, non la Juve.

Per me se volete essere presi sul serio dovete fare analisi un minimo più credibili, non descrivere la Juve come una squadra che vince grazie allo Spirito Santo (o agli arbitri...tra un po' mi aspetto di leggere questo).

Hai giocatori che prendono quanto le intere squadre che affronti. Questo non lo vuoi capire proprio.

Con la fiorentina se fosse finita 5-0 il primo tempo dovevamo stare in silenzio e battere le mani. Alla fine abbiamo vinto con un calcio d’angolo e un autogol, non proprio il top. E come questa ne abbiamo vinte una marea, tra minchiate degli avversari e qualche colpo di fortuna nostro, oltre a colpi del campione come Ronaldo ad Empoli o carambole fortunate ( i gol  di mandzukic sono quasi tutti così)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.