Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Nate Fisher

Perché Allegri e la Juventus sono fatti l’uno per l’altra

Recommended Posts

1 minuto fa, Batman&Robin ha scritto:

Conta le presenze.... .ghgh 

 

Tagliafico grande mondiale con l'argentina comunque .fuma 

 

Inutile nascondersi dietro ad un dito, mi fa ridere la gente che vuole far passare sti 4 scappati di casa in fenomeni. Non succede niente se si dice che siamo usciti da fessi contro gente molto più scarsa di noi, oppure raccontiamoci pure la favoletta che la svezia ci ha buttato fuori dai mondiali perchè ci è superiore e la chiudiamo qua..

 

Il problema la federazione l'ha risolto alla radice, e noi mi auguro faremo lo stesso. 

Chi ha detto che sono fenomeni? Ho detto che alcuni dei giocatori che hanno giocato tra andata e ritorno nella Juve NON HANNO ASSOLUTAMENTE più esperienza internazionale di alcuni di quelli che hanno giocato nell'Ajax. E infatti si è visto.

 

Invece Cancelo che al Mondiale nemmeno è andato, Rugani e Bernardeschi che nemmeno si sono qualificati sono dei fenomeni ragionando con questo parametro? Parlavo soltanto di esperienza, mi pareva di essere stato chiaro. La Juve l'ha persa prima di tutto di testa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, dimas87 ha scritto:

 

 

Come cosa c'entra Kean? Nel secondo tempo in cui ti hanno messo in enorme difficoltà chi era in campo? Mandzukic o lui? 

nel primo tempo il lavoro di dybala, sottovalutato, era stato eccellente.

aveva messo lui la museruola a de jong ed in + partecipava alla fase offensiva seppur da troppo lontano dall'area.

fattosi male paulo è stato la fine. de jong libero di fare quel che voleva ed allegri impietrito che non è stato capace di trovare una contromossa

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, dimas87 ha scritto:

Chi ha detto che sono fenomeni? Ho detto che alcuni dei giocatori che hanno giocato tra andata e ritorno nella Juve NON HANNO ASSOLUTAMENTE più esperienza internazionale di alcuni di quelli che hanno giocato nell'Ajax. E infatti si è visto.

Ma ragazzi io non ho visto tutta sta grande esperienza...a maggior ragione se consideriamo le presenze in campo europeo e sommiamo i nostri 11 titolari con i loro le cifre sarebbero ridicolmente superiori alle loro.

 

Siamo stati polli e basta, allegri lo va a dire in conferenza goliardicamente facendo finta che la colpa è della sfortuna, per me è la sua.

Ripeto, ero un grande estimatore di Allegri, persi la pazienza dopo la partita con lo young boys, neanche dopo cardiff vedi tu.

 

La rosa per buttare fuori l'aiax ce l'avevamo eccome. 

 

Poi inutile dire che se il palo di costa entra vai in semifinale 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, amolachampionsleague ha scritto:

nel primo tempo il lavoro di dybala, sottovalutato, era stato eccellente.

aveva messo lui la museruola a de jong ed in + partecipava alla fase offensiva seppur da troppo lontano dall'area.

fattosi male paulo è stato la fine. de jong libero di fare quel che voleva ed allegri impietrito che non è stato capace di trovare una contromossa

Ma infatti pur non essendo nella sua annata migliore è evidente e normalissimo che tra Dybala e Kean come esperienza vinca di gran lunga il primo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, dimas87 ha scritto:

Chi ha detto che sono fenomeni? Ho detto che alcuni dei giocatori che hanno giocato tra andata e ritorno nella Juve NON HANNO ASSOLUTAMENTE più esperienza internazionale di alcuni di quelli che hanno giocato nell'Ajax. E infatti si è visto.

 

Invece Cancelo che al Mondiale nemmeno è andato, Rugani e Bernardeschi che nemmeno si sono qualificati sono dei fenomeni ragionando con questo parametro? Parlavo soltanto di esperienza, mi pareva di essere stato chiaro. La Juve l'ha persa prima di tutto di testa.

Ma Cancelo non andò ai mondiali per un problema con l'allenatore, lessi un articolo a riguardo, non per mancanze tecniche del giocatore.

 

Per me se un giocatore non sa quello che deve fare in campo la colpa è dell'allenatore. 

Poi di fronte se hai una squadra con o senza esperienza cambia poco. 

 

Per me la juve aveva sicuramente più esperienza dell’Ajax , nel complesso, in champions league l'aiax negli ultimi 5 anni quante partite ha giocato? Proviamo a contare le partite dei nostri. 

3 minuti fa, amolachampionsleague ha scritto:

nel primo tempo il lavoro di dybala, sottovalutato, era stato eccellente.

aveva messo lui la museruola a de jong ed in + partecipava alla fase offensiva seppur da troppo lontano dall'area.

fattosi male paulo è stato la fine. de jong libero di fare quel che voleva ed allegri impietrito che non è stato capace di trovare una contromossa

E allora continuiamo a guardare il dito che indica la luna qui dentro.

 

Ma è normale che metto il mio numero 10 ad inseguire in mezzo al campo un loro centrocampista? 

 

Vidal faceva ste robe da trequartista. Vidal e le faceva 100 volte meglio di dybala. 

 

C'è un problema di fondo nella nostra rosa e va risolto quest'estate

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, Batman&Robin ha scritto:

Ma ragazzi io non ho visto tutta sta grande esperienza...a maggior ragione se consideriamo le presenze in campo europeo e sommiamo i nostri 11 titolari con i loro le cifre sarebbero ridicolmente superiori alle loro.

 

Siamo stati polli e basta, allegri lo va a dire in conferenza goliardicamente facendo finta che la colpa è della sfortuna, per me è la sua.

Ripeto, ero un grande estimatore di Allegri, persi la pazienza dopo la partita con lo young boys, neanche dopo cardiff vedi tu.

 

La rosa per buttare fuori l'aiax ce l'avevamo eccome. 

 

Poi inutile dire che se il palo di costa entra vai in semifinale 

 

 

2 minuti fa, Batman&Robin ha scritto:

Ma Cancelo non andò ai mondiali per un problema con l'allenatore, lessi un articolo a riguardo, non per mancanze tecniche del giocatore.

 

Per me se un giocatore non sa quello che deve fare in campo la colpa è dell'allenatore. 

Poi di fronte se hai una squadra con o senza esperienza cambia poco. 

 

Per me la juve aveva sicuramente più esperienza dell’Ajax , nel complesso, in champions league l'aiax negli ultimi 5 anni quante partite ha giocato? Proviamo a contare le partite dei nostri. 

I giocatori della Juve senza particolare esperienza internazionale per me erano troppi. Avessi perso con Chiellini, Khedira, Mandzukic, Douglas, Cuadrado allora i vostri discorsi avrebbero molto più senso. Non puoi regalare insieme tutti questi giocatori a una squadra che gioca con meno pressioni e in un momento in cui a loro gira tutto per il verso giusto.

 

Cancelo in estate lo voleva realmente soltanto il Wolves gestito da Mendes, di cosa stiamo parlando? Giocatore che al momento non vale un'unghia non soltanto del Lichtsteiner delle prime stagioni ma nemmeno di quello dello scorso anno. Diventerà un fenomeno? Si parla dell'oggi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 21/4/2019 Alle 16:49, The Italian Giants ha scritto:

Quello che dice l'articolo è innegabile, Allegri è l'allenatore aziendalista perfetto per la filosofia della società-Juve. Una società che ogni anno deve rispondere all'obiettivo di vincere e di competere in Europa, ma per farlo si basa ancora molto sul player trading a causa della distanza di fatturato ancora ampia che la separa dalle super-big.

Questo ha molteplici aspetti negativi: 

- ogni anno rivoluzioni con conseguente perdita di molto tempo per trovare un assemblaggio corretto;

- la Juve va sul mercato disinteressandosi di come un potenziale acquisto possa sposarsi con le caratteristiche tecnico-tattiche degli altri giocatori in squadra, ma si concentra più sul valore assoluto del giocatore e, se constata che le condizioni economiche per prenderlo sono convenienti, lo prende. 

È chiaro che per una società che ha bisogno di operare così, un allenatore anti-dogmatico, che ama mischiare le carte e dell'improvvisazione ne fa quasi uno stile manageriale, vale oro.

Tanto per capirci: se vuoi preparare un buon piatto di spaghetti ai frutti di mare, ti servono i frutti di mare. La Juve invece compra dei pomodori, delle uova, due zucchine, quattro melanzane, tre cavoli, della pancetta, consegna la busta della spesa al cuoco (allenatore) e gli dice: "Toh, con questi inventati un piatto". Magari ti verrà un piatto ugualmente gustoso e che ti sfamerà, perché puoi permetterti la migliore qualità di pomodori, la migliore qualità di uova, di verdure ecc, ma viene da sé che se devi vincere un importante concorso di cucina serve qualcosa di leggermente più studiato e preparato a tavolino.

Questo purtroppo è il vero più grande limite che frena la Juventus dal vincere la Champions. Le semifinaliste di quest'anno parlano chiaro: Barcellona, Liverpool di Klopp, il Tottenham di Pochettino, l'Ajax. Tutte società che hanno iniziato un progetto tecnico specifico anni fa, con lo stesso allenatore, con gli stessi calciatori, e a distanza di anni lo hanno portato avanti.

La Champions è una competizione dove viene premiata la progettualità tecnico-tattica, l'idea coltivata con calciatori (sempre di grandissimo livello) strettamente funzionali a quella idea.

Se la tua filosofia invece è prendere calciatori delle più disparate caratteristiche qua e là (attenzione, nel caso della Juve comunque campioni eh) e "raffazzonare" una squadra, perdipiù cambiando ogni anno quei 3/4/5 titolari, è chiaro che chiedere di vedere un gioco fluido, mnemonico, automatismi chiari è un'utopia. E se in campionato, dove il livello dei tuoi giocatori è dieci volte superiore alla concorrenza, questo limite viene in qualche modo oltrepassato, in Europa dove ti giochi tutto in 90/180 minuti e contro squadre quasi sempre al tuo livello, ti mancano le certezze a cui aggrapparti nelle difficoltà. 

Allegri, allenatore che come detto nel "casino organizzato" si esalta, in questo contesto ha portato in Europa risultati ben superiori a quelli che sarebbe stato lecito aspettarsi da una società con un modus operandi nel genere nel costruire le squadre. Ma non basta, e prima o poi le mancanze di una idea solida in base alla quale dovrebbe essere stata pensata la squadra, escono fuori in tutta la loro drammaticità contro squadre che invece le idee di quello cosa fare in campo ce le hanno fin troppo chiare. Allegri lo chiama "blocco psicologico", io preferisco chiamarlo "blocco tecnico".

Finché non si supererà questo limite, e non si comincerà a pensare prima di tutto sul mercato a un concetto di squadra, con calciatori adatti a quel concetto, l'allenatore sarà un sotto-problema. Anzi, oserei dire che se la mentalità della società non cambierà dovremmo tutti augurarci che Allegri resti il più a lungo possibile perché è l'unico che nella confusione progettuale qualcosa di buono sa tirare fuori ogni anno, e l'unico col quale hai speranza di vincere un giorno una Champions nonostante l'attuale filosofia gestionale (come già rischiato peraltro nel 2015 e 2017), sebbene cicli veri e propri difficilmente ne costruirai mai così. Altri allenatori, specie se meno flessibili, impazzirebbero dopo tre mesi.

Ma è un limite di cui la stessa è consapevole e non può oltrepassarlo finché non colmerà il gap economico ancora molto ampio col resto d'Europa.

Amen, disamina perfetta e precisa della situazione attuale della Juventus.

L'articolo oggetto del topic e la tua disamina dicono tutte cose vere e riscontrabili.

Purtroppo però il trend qui dentro è oramai quello di riassumere il tutto in 'Allegri incompetente, incapace, rovina della Juve'

Sicuramente è molto più facile e sbrigativo piuttosto che fare analisi mirate e precise della realtà dei fatti, ma comunque il rovescio della medaglia è che si perde di vista la visione d'insieme che, a fronte dei fatti compiuti, alla fine risulta quella più veritiera.

Il "perché" non è uno solo, bensì un insieme di fattori e conseguenze.

 

Intendiamoci, Allegri in questa stagione ne ha combinate di ogni, ha commesso diverse topiche, e non può in nessun modo essere esente da colpe per tutto ciò che durante la stagione non ha funzionato, specie in CL (prima vera stagione steccata, e steccata male, su 5 disputate con lui in panchina).

 

Ma il mio pensiero è che, al contrario di quello che pensano i vari tuttologi qui dentro, non è per nulla così scontato che alla Juventus basti cambiare allenatore per avere finalmente una squadra che giochi BENE, che demolisca gli avversari e soprattutto che vinca CL come se fossero scudetti.

O quantomeno, che cambiando allenatore vi saranno delle nette migliorie nelle suddette circostanze.

 

Noto che in molti invece hanno oramai radicalizzato questa convinzione, partendo dal presupposto (non verificato) che chiunque in Italia, persino l'allenatore più scarso, al posto di Allegri avrebbe portato la Juve a conseguire gli stessi risultati ottenuti fino ad oggi, e anzi, quasi sicuramente avrebbe fatto meglio tanto a livello di gioco quanto a livello di CL.

 

Io tutta questa sicurezza non la ho, anche perché la penso esattamente come te: Allegri per la Juve attuale corrisponde al profilo dell'allenatore perfetto in quanto è forse l'unico che è in grado di portare risultati con continuità (in italia soprattutto) senza mai lamentarsi o senza ma nemmeno sognarsi per sbaglio di mettere becco alle strategie di mercato con le quali la società sta conseguendo il piano aziendale voluto dalla proprietà.

 

Proprietà che ha varato un piano aziendale sì lungimirante, ma anche largamente autofinanziato, e che per necessità di cose deve cercare delle strategie mirate che fungano da "scorciatoia" per accorciare i tempi ma mantenere comunque costante la crescita SENZA arrivare al bagno di sangue economico. E' in questo preciso contesto che Allegri è indubbiamente quanto di meglio ci sia sulla piazza, ad oggi.

 

Concludendo, cambiare è possibile, nessuno ha mai detto che non si possa fare. Ma si cambierà davvero solamente quando sarà la proprietà a VOLER cambiare la mentalità e la filosofia societaria.

 

Infine concordo anche con la tua ultima osservazione: quando il gap economico con gli altri top-club d'europa sarà pressoché azzerato o quantomeno drasticamente ridotto, allora anche per la proprietà sarà più facile varare un progetto tecnico fondato su basi solide, precise, e davvero a lungo termine.

Purtroppo però qui siamo nella paradossale situazione del cane che cerca di mordersi la coda: la strada più breve per ridurre drasticamente il gap è sicuramente quella di vincere n Champions nel breve termine. Ma per vincere n Champions nel breve termine, la progettualità attuale sulla quale si basa la Juventus è quella che da meno certezze in assoluto.

  • Mi Piace 1
  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
49 minuti fa, TheTraveller ha scritto:

Si, ha la fortuna sfacciata di avere una rosa che pure con zeman in panca vincerebbe il campionato nonostante l’allenatore, come ora, d’altronde.

Un monte ingaggi doppio rispetto alla seconda, un mercato da 200 milioni per 3 giocatori in estate.

In rosa hai uno con 5 palloni d’oro che prende di ingaggio quanto 3 squadre messe assieme e ancora ne parliamo?

Concordo, fanno tutto i giocatori da soli.

Anche farsi eliminare dall'Ajax però. Se no il tuo ragionamento crolla.

Non è che uno nelle vittorie non ha meriti e nelle sconfitte ha colpe, messa così è una forzatura induttiva, non una deduzione logica.

Ovvero, disonestà intellettuale per piegare la realtà a un finale predeterminato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Audemars ha scritto:

L’ajax ci ha palleggiato in faccia e sbattuto fuori dalla CL meritatamente perché loro hanno un allenatore, a differenza nostra. 

Non poteva esserci esempio migliore, a livello di  match, per dimostrare quando l’organizzazione, il lavoro e concetti di calcio provati e riprovati fino alla nausea sconfiggono impietosamente l’improvvisazione, la sufficienza e il caos totale condito con una preparazione atletica da 3a categoria. 

E’ successo soltanto pochi giorni fa, sotto lo sguardo di tutti noi. 

Basterebbe semplicemente ammetterlo togliendoci la maglietta da tifoso. 

 

 

appunto, tale disfatta è tutta imputabile all'allenatore.

la juventus si è trovata impreparata ad affrontare gente che le palleggiava in faccia. IMPREPARATA

e di chi è la colpa se non dell'improvvisatore maximo?

a casa mia uno così si licenzia in tronco. ha fatto tanto in passato? grazie, ecco la corposa buonuscita ed addio.

a madrid fanno così ed infatti la bacheca del real è mostruosa. non esiste pietà o gratitudine eterna a quelle latitudini

Adesso, Al Galoppo ha scritto:

Concordo, fanno tutto i giocatori da soli.

Anche farsi eliminare dall'Ajax però. Se no il tuo ragionamento crolla.

Non è che uno nelle vittorie non ha meriti e nelle sconfitte ha colpe, messa così è una forzatura induttiva, non una deduzione logica.

Ovvero, disonestà intellettuale per piegare la realtà a un finale predeterminato.

dai su, i ragazzi non sapevano che fare martedì scorso per contrastare le leggiadre gazzelle olandesi, suvvia....

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Audemars ha scritto:

L’ajax ci ha palleggiato in faccia e sbattuto fuori dalla CL meritatamente perché loro hanno un allenatore, a differenza nostra. 

Non poteva esserci esempio migliore, a livello di  match, per dimostrare quando l’organizzazione, il lavoro e concetti di calcio provati e riprovati fino alla nausea sconfiggono impietosamente l’improvvisazione, la sufficienza e il caos totale condito con una preparazione atletica da 3a categoria. 

E’ successo soltanto pochi giorni fa, sotto lo sguardo di tutti noi. 

Basterebbe semplicemente ammetterlo togliendoci la maglietta da tifoso. 

 

 

E beh non è quello che ho fatto ? .ghgh 

Io la penso come te e aggiungo una cosa.

A me non interessa il tiki taka, la zumba la rumba o come * si chiama.

Io voglio che la mia squadra abbia un'identità come ce l'avevamo nel 2015, rocciosi da morire , difensivi mostruosamente difensivi , non era calcio champagne...ma ma ma...quando avevamo la palla non la perdevamo, non la regalavamo agli avversari per farli ripartire. 

 

Il goal contro il real madrid nella semifinale di andata arrivò dopo 28 tocchi. 

VENTOTTO .ghgh 

 

Qua non si riesce più a vedere 3 passaggi di fila, 3 passaggi di fila. 

 

E non è che abbiamo giocatori che finora hanno giocato a basket in vita loro, perciò la colpa non può che essere del mister 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Michael Laudrup ha scritto:

Non è ovviamente solo colpa sua ma il suo primo tempo dove non ha combinato nulla ha inciso perché sono stati i 45 minuti dove la Juve ha prodotto il massimo sforzo e dove si poteva e doveva chiudere la partita. 

Ma poi a prescindere da questo, con la Spal che ha fatto tra l'altro giocando seconda punta? Ma non lo vedete che non salta più l'uomo che sbaglia un sacco di stop, che in velocità si fa sempre rimontare?? a parte il bel tiro ed alcune giocate da fermo cosa fa Dybala? La storia che Allegri l'abbia rovinato è semplicemente ridicola, c'era Allegri quando segnava 26 gol o era un suo sosia? Gioca più indietro ok ma certi numeri se li hai li hai non raccontiamoci palle per cortesia, non è che se giochi 10 metri più indietro di colpo diventi scarso. 

Ps in Argentina come mai è quasi sempre in panchina? 

il problema è che vedete quello che vi pare per difendere l'indifendebile. Perchè qui non è solo Dybala il problema; mandzukic l'ultimo gol lo ha fatto prima di natale, pjanic l'ultima verticalizzazione l'ha fatta quando giocava con la roma, ronaldo ormai segna solo di testa e possiamo continuare all'infinito.

se non capite che ogni giocatore della juventus prima di essere giudicato dobrebbe esser visto con una guida tecnica, è inutile star a parlarne.

Io non so se avete mai giocato a calcio, ma che in una partita di CL entri un giocatore che si ritrova a chiedere "mister cosa devo fare?" è semplicemente ridcolo. Neanche oronzo canà con crisantemo hanno raggiunto ste vette

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, MacJuve ha scritto:

Amen, disamina perfetta e precisa della situazione attuale della Juventus.

L'articolo oggetto del topic e la tua disamina dicono tutte cose vere e riscontrabili.

Purtroppo però il trend qui dentro è oramai quello di riassumere il tutto in 'Allegri incompetente, incapace, rovina della Juve'

Sicuramente è molto più facile e sbrigativo piuttosto che fare analisi mirate e precise della realtà dei fatti, ma comunque il rovescio della medaglia è che si perde di vista la visione d'insieme che, a fronte dei fatti compiuti, alla fine risulta quella più veritiera.

Il "perché" non è uno solo, bensì un insieme di fattori e conseguenze.

 

Intendiamoci, Allegri in questa stagione ne ha combinate di ogni, ha commesso diverse topiche, e non può in nessun modo essere esente da colpe per tutto ciò che durante la stagione non ha funzionato, specie in CL (prima vera stagione steccata, e steccata male, su 5 disputate con lui in panchina).

 

Ma il mio pensiero è che, al contrario di quello che pensano i vari tuttologi qui dentro, non è per nulla così scontato che alla Juventus basti cambiare allenatore per avere finalmente una squadra che giochi BENE, che demolisca gli avversari e soprattutto che vinca CL come se fossero scudetti.

O quantomeno, che cambiando allenatore vi saranno delle nette migliorie nelle suddette circostanze.

 

Noto che in molti invece hanno oramai radicalizzato questa convinzione, partendo dal presupposto (non verificato) che chiunque in Italia, persino l'allenatore più scarso, al posto di Allegri avrebbe portato la Juve a conseguire gli stessi risultati ottenuti fino ad oggi, e anzi, quasi sicuramente avrebbe fatto meglio tanto a livello di gioco quanto a livello di CL.

 

Io tutta questa sicurezza non la ho, anche perché la penso esattamente come te: Allegri per la Juve attuale corrisponde al profilo dell'allenatore perfetto in quanto è forse l'unico che è in grado di portare risultati con continuità (in italia soprattutto) senza mai lamentarsi o senza ma nemmeno sognarsi per sbaglio di mettere becco alle strategie di mercato con le quali la società sta conseguendo il piano aziendale voluto dalla proprietà.

 

Proprietà che ha varato un piano aziendale sì lungimirante, ma anche largamente autofinanziato, e che per necessità di cose deve cercare delle strategie mirate che fungano da "scorciatoia" per accorciare i tempi ma mantenere comunque costante la crescita SENZA arrivare al bagno di sangue economico. E' in questo preciso contesto che Allegri è indubbiamente quanto di meglio ci sia sulla piazza, ad oggi.

 

Concludendo, cambiare è possibile, nessuno ha mai detto che non si possa fare. Ma si cambierà davvero solamente quando sarà la proprietà a VOLER cambiare la mentalità e la filosofia societaria.

 

Infine concordo anche con la tua ultima osservazione: quando il gap economico con gli altri top-club d'europa sarà pressoché azzerato o quantomeno drasticamente ridotto, allora anche per la proprietà sarà più facile varare un progetto tecnico davvero a lungo termine.

Purtroppo però qui siamo nella paradossale situazione del cane che cerca di mordersi la coda: la strada più breve per ridurre drasticamente il gap è sicuramente quella di vincere n Champions nel breve termine. Ma per vincere n Champions nel breve termine, la progettualità attuale sulla quale si basa la Juventus è quella che da meno certezze in assoluto.

smettiamola però di attaccarci sempre al fatturato.

noi abbiamo qualcosa che non si compra col denaro e per il quale siamo maestri nel mondo. LA COMPETENZA.

possiamo vincere anche avendo qualcosa in meno degli altri a livello economico.

sbaglio o la nazionale azzurra ha 4 titoli mondiali? correggetemi se sbaglio

1 minuto fa, colpodimano ha scritto:

 

Io non so se avete mai giocato a calcio, ma che in una partita di CL entri un giocatore che si ritrova a chiedere "mister cosa devo fare?" è semplicemente ridcolo. Neanche oronzo canà con crisantemo hanno raggiunto ste vette

bingo. ed è inaccettabile. i nostri ragazzi non sanno cosa fare, nelle difficoltà poi si evaporizzano perchè disorientati. ALLUCINANTE

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, garrison ha scritto:

Ma non capisco eprché, nel caso, non si potrebeb pensare ad un'annata che sotto certi profili é andata male, anche per mera sfortuna, invece che pensare di cercare chissà dove responsabilità e soluzioni pret a porter.

Che poi la soluzione in Italia é sempre la stessa, cioé cambiare l'allenatore.

Creando all'alibi ai giocatori ed all'ambiente.

Dybala non azzecca più una partita da dicembre? Colpa di Allegri il depotenziatore che gli ha cambiato ruolo e messo terzino (???).

Cavcelo la passa agli avversari? Colpa di Allegri che gli ha detto di farne una buona ed una no.

Bernardeschi non azzecca le scelte di gioco? Colpa di Allegri che non lo teelcomanda come Boncompagni.

Mandzukic, Khedira, Sandro si trascinano in campo? Colpa di Allegri e dei suoi preparatori, non del fatto che son vecchi o han perso brillantezza.

Perché la sfortuna ti può capitare, se invece ogni anno si presentano delle problematiche simili, non si tratta di sfortuna ma di difetti. 

 

Cancelo e AlexSandro non sono rincoglioniti, semplicemente il calcio visto da Allegri (che a parole sue prevede il minor rischio, la gestione anche sterile del pallone e l'attesa del varco giusto) ha trasformato o sta trasformando pesantemente questi giocatori. AlexSandro il primo anno si prendeva molti più rischi anche a costo di perdere il pallone, ora fa le giravolte all'indietro stile Asamoah. Cancelo nella Juve più propositiva di inizio anno (prima di accartocciare determinate prestazioni per maggiore solidità difensivismo) era un giocatore diverso. Dopo qualche errore difensivo è stato subito messo sulla graticola e declassato. 

 

Bernardeschi deve sicuramente migliorare ma se deve farsi spesso il campo in orizzontale perché magari il compagno più vicino da servire è a 20mt non è colpa sua. 

Riportando l'esempio di Khedira e Mandzukic non fai un grande favore ad Allegri dato che negli ultimi due anni Allegri li ha buttati in campo anche in condizioni indecenti. E se sei una persona intelligente non potrai non ammettere che sicuramente Allegri ha influito sui rinnovi di questi due giocatori, visto come li considera centrali per il suo progetto di Juve. 

 

I problemi sono sempre gli stessi. 

Allegri è spesso stato esaltato come un allenatore dalla mentalità malleabile, ma si è dimostrato con il tempo un allenatore molto talebano. 

Un allenatore che ha sacrificato e sta sacrificando tutto sull'altare del tatticismo, del difensivismo e della battaglia contro le idee e lo studio di movimenti preparati. 

Ha ammesso candidamente che odia chi prepara movimenti senza palla con le sagome in allenamento (cioè la maggior parte del mondo calcistico) ed infatti la squadra sotto pressione fa molta fatica ad imbastire una azione degna di nota e a costruire calcio. Anche giocatori tecnicamente molto validi come Dybala Bernardeschi e Pjanic fanno delle figure da cioccolatai se non hanno delle idee, schemi movimenti (chiamali come vuoi) su cui appoggiarsi. 

L'anno scorso Douglas Costa non è riuscito a prendersi il posto su Mandzukic nonostante in modo meritocratico lo meritasse. Quest'anno la Juve più interessante di inizio anno è stata quella della prima partita e di molte altre in cui Mandzukic non c'era. 

Questo non significa che Mandzukic out e allora vinciamo tutto, io non banalizzo la discussione. 

Significa che bisognava lavorare e provare ad insistere su progetti come la doppia sfida con Manchester, o le prestazioni Vs Bologna ad andata molto incoraggianti. 

Si poteva lavorare su Bernardeschi mezzala da inizio anno anziché provarlo solo dopo mille infortuni e perché ad un passo da eliminazione. 

Tutto questo perché era facilissimo da intuire che la Juve vista nell'90% delle partite in stagione era davvero troppo povera nei contenuti per immaginare di poter andare avanti in coppa. 

 

La Juventus di Allegri è una squadra in chiara regressione tecnica da 2 anni, nonostante la qualità si stia alzando ad ogni campagna acquisti. 

Non è questione di sfortuna. 

È questione di alcune idee che hanno dimostrato di essere pesantemente inconsistenti e misere. 

Aggiungici che Allegri fa anche lo sborone in conferenza e ne viene fuori la rissa verbale su questo allenatore. 

 

 

  • Mi Piace 2
  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, Al Galoppo ha scritto:

Quello che dice Allegri è legge?

Sei più "allegriano" di quelli che dite essere "allegriani" a questo punto.

Allegri è solo un uomo e un professionista. Non fa miracoli, fa errori e dice cavolate come tutti.

Non vinciamo la Champions? Ne è responsabile nella stessa identica misura in cui è responsabile dei 5 scudetti che ha vinto. Tanto? Poco? Organico? Ronaldo?

Per me conta più la rosa dell'allenatore, per altri più l'allenatore. Poi c'è chi forza: se si vince conta uno, se si perde conta l'altro. E' induzione, non deduzione.

Ovvero: disonestà intellettuale. Tutto qui.

La tua forse. cos'è cominci a lasciare la barca al primo schizzo d'acqua?

la rosa conta nella misura in cui l'allenatore la utlizza al meglio, cosa che allegri non è più riuscito a fare da dopo Cardiff.

Negare questo è disonestà intellettuale

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, amolachampionsleague ha scritto:

 

dai su, i ragazzi non sapevano che fare martedì scorso per contrastare le leggiadre gazzelle olandesi, suvvia....

Ma io concordo. Abbiamo giocato male e siamo usciti con l'Ajax.

E' una prestazione fallimentare.

 

Ciò che scegliete di non capire (voglio credere sia una scelta faziosa) è che il fallimento fa parte del calcio.

Fallisce ogni anno Guardiola in Europa da 6 anni, non può fallire una volta Allegri?

L'abbiamo giocata male, ci siamo arrivati male e l'Ajax ci ha imbavagliato. Amen, io me ne sono già fatto una ragione.

 

Questo che utilità ha nel valutare un contesto? La giusta utilità.

Se un fallimento però condiziona tutto, tutti gli allenatori dovrebbero essere esonerati al primo fallimento, non trovi?

Nedved un mese fa ha detto: "non valutiamo un allenatore da una partita". Se non è chiaro quel che voleva dire Nedved, il problema è tutto lì, non nelle motivazioni alla base della riconferma di Allegri che sono semplicemente lampanti.

 

E anche forzando e ipotizzando che sia necessario cambiarlo, si saranno domandati in azienda: con chi? Zidane si è accasato, le alternative sono un salto nel buio o un downgrade.

 

Non capirò mai tutta questa voglia di disperarsi e guardare il bicchiere mezzo vuoto (o tutto vuoto), non la capisco nella vita vera e nei drammi veri, figurarsi per una squadra di calcio che, tra l'altro, vive il più importante ciclo vincente della sua storia.

Semplicemente, rovesciamento del reale.

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, colpodimano ha scritto:

La tua forse. cos'è cominci a lasciare la barca al primo schizzo d'acqua?

la rosa conta nella misura in cui l'allenatore la utlizza al meglio, cosa che allegri non è più riuscito a fare da dopo Cardiff.

Negare questo è disonestà intellettuale

L'anno scorso non mi sembra che abbiamo fallito alcun obbiettivo, in Champions ci ha eliminati il Real che era più forte.

Quest'anno si, dunque? Finisce il mondo? Continuo a non capire i catastrofismi. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Al Galoppo ha scritto:

Ma io concordo. Abbiamo giocato male e siamo usciti con l'Ajax.

E' una prestazione fallimentare.

 

Ciò che scegliete di non capire (voglio credere sia una scelta faziosa) è che il fallimento fa parte del calcio.

Fallisce ogni anno Guardiola in Europa da 6 anni, non può fallire una volta Allegri?

L'abbiamo giocata male, ci siamo arrivati male e l'Ajax ci ha imbavagliato. Amen, io me ne sono già fatto una ragione.

 

Questo che utilità ha nel valutare un contesto? La giusta utilità.

Se un fallimento però condiziona tutto, tutti gli allenatori dovrebbero essere esonerati al primo fallimento, non trovi?

Nedved un mese fa ha detto: "non valutiamo un allenatore da una partita". Se non è chiaro quel che voleva dire Nedved, il problema è tutto lì, non nelle motivazioni alla base della riconferma di Allegri che sono semplicemente lampanti.

 

E anche forzando e ipotizzando che sia necessario cambiarlo, si saranno domandati in azienda: con chi? Zidane si è accasato, le alternative sono un salto nel buio o un downgrade.

 

Non capirò mai tutta questa voglia di disperarsi e guardare il bicchiere mezzo vuoto (o tutto vuoto), non la capisco nella vita vera e nei drammi veri, figurarsi per una squadra di calcio che, tra l'altro, vive il più importante ciclo vincente della sua storia.

Semplicemente, rovesciamento del reale.

qualcuno deve spiegarti la differenza tra il perdere e subire una debacle, caporetto, chiamala come vuoi.

nella prima, storicamente e non solo per il calcio, viene concesso l'onore delle armi, nella seconda il disonore e l'onta a memoria perpetua.

E' una vecchia legge degli uomini.

noi a momenti subiamo una debacle anche quando vinciamo, talemtne giochiamo male

Adesso, Al Galoppo ha scritto:

L'anno scorso non mi sembra che abbiamo fallito alcun obbiettivo, in Champions ci ha eliminati il Real che era più forte.

Quest'anno si, dunque? Finisce il mondo? Continuo a non capire i catastrofismi. 

 

ma tu le guardi le partite o te le raccontano?

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, colpodimano ha scritto:

qualcuno deve spiegarti la differenza tra il perdere e subire una debacle, caporetto, chiamala come vuoi.

nella prima, storicamente e non solo per il calcio, viene concesso l'onore delle armi, nella seconda il disonore e l'onta a memoria perpetua.

E' una vecchia legge degli uomini.

noi a momenti subiamo una debacle anche quando vinciamo, talemtne giochiamo male

Questa è la tua opinione.

Per me totalmente errata. A ognuno il suo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, colpodimano ha scritto:

qualcuno deve spiegarti la differenza tra il perdere e subire una debacle, caporetto, chiamala come vuoi.

nella prima, storicamente e non solo per il calcio, viene concesso l'onore delle armi, nella seconda il disonore e l'onta a memoria perpetua.

E' una vecchia legge degli uomini.

noi a momenti subiamo una debacle anche quando vinciamo, talemtne giochiamo male

Ah, è cosa te ne fai dell'onore delle armi una volta eliminato? Sei uscito ugualmente come chi è uscito giocando da schifo.

Anzi io sarei stato ancor più incazzato se fossi stato eliminato dopo essermela giocata alla pari.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Ousen ha scritto:

Ah, è cosa te ne fai dell'onore delle armi una volta eliminato? Sei uscito ugualmente come chi è uscito giocando da schifo.

Anzi io sarei stato ancor più incazzato se fossi stato eliminato dopo essermela giocata alla pari.

Per la serie senza vergogna... 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, Ousen ha scritto:

Ah, è cosa te ne fai dell'onore delle armi una volta eliminato? Sei uscito ugualmente come chi è uscito giocando da schifo.

Anzi io sarei stato ancor più incazzato se fossi stato eliminato dopo essermela giocata alla pari.

problema tuo. gli uomini da sempre preferiscono perdere lottando fino alla fine.

lo usiamo anche come motto, pensa.

neanche più quello onoriamo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque imbarazzante come un articolo che parli della simbiosi tra l'attuale dirigenza bianconera ed allegri si trasformi subito nella solita manfrina su allegri .ghgh

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Ousen ha scritto:

Ah, è cosa te ne fai dell'onore delle armi una volta eliminato? Sei uscito ugualmente come chi è uscito giocando da schifo.

Anzi io sarei stato ancor più incazzato se fossi stato eliminato dopo essermela giocata alla pari.

Ma che significa sto ragionamento da conigli?

Dunque non avendo certezza della vittoria mai, meglio giocare male per non soffrire troppo dopo.

Qualcuno direbbe: ritirati.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, Ousen ha scritto:

Comunque imbarazzante come un articolo che parli della simbiosi tra l'attuale dirigenza bianconera ed allegri si trasformi subito nella solita manfrina su allegri .ghgh

imbarazzante è come per difendere l'indifendibile, come tifosi vi spogliate anche di ogni dignità ed onore.

neanche più il "fino alla fine", vale con questi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.