Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Pavel Christ Superstar

Hall of Fame... John Charles: A gentle giant, feared forward and divine defender... and the best foreigner to ever play in Italy

Recommended Posts

article-2590515-0000B0B900000CB2-489_634

 

Imagine for a second that the Premier League’s top scorer is also his club’s best defender.  Impossible, surely.

Not for William John Charles, CBE, the Swansea boyo who was adopted by Yorkshire and who went on to become Il Gigante Buono of Juventus.

 

article-2590515-00A7CC931000044C-360_634

 

Elland Road’s John Charles Stand is more than just a tribute. The old West Stand was burned down in 1957 and Charles was sold for a British record £65,000 to help pay for it.

Treated like meat, perhaps, but Charles was never destined to travel cattle class. In fact, Jack Charlton once revealed that Charles was the first footballer he knew who had a car.

Here is a man who first played for Wales at the age of 18, making him the youngest international until a certain Ryan Giggs came along.

Charles helped Leeds into the top flight in 1956 and a year later finished as the First Division’s top scorer on 38 goals. He often finished matches in defence, protecting what he had provided earlier.

The story goes that Billy Wright, England captain and Wolves legend, was once asked to name the best forward he had ever played against and nominated Charles. Lion of Vienna Nat Lofthouse came up with the same reply when requested to pick the best defender he had ever faced.

Certainly Charles was widely recognised to have totally snuffed out the Lofthouse threat when the pair faced each other in 1955 with Wales recording a famous 2-1 win over  England in Cardiff.

 

article-2590515-00A7BC021000044C-618_634article-2590515-00049D4300000C1D-202_634article-2590515-00049D4200000C1D-811_306

 

So Charles was special, no doubt about it. Such was the impact he made in Turin, he was voted Serie A’s greatest foreign player in 1997, four decades on. Not bad against the likes of Michel Platini either.

 

article-2590515-00049CFB00000C1D-11_306x

 

Back to Leeds, where it all started. Charles signed as a youth player in 1948 having been on the ground staff at Swansea.

 

The following year Charles was a regular in the side, as a defender, with the club trying to get out of the old Second Division.

Gradually he was asked to play centre forward for Leeds while continuing in defence for Wales.

In the 1953-54 season, Charles scored a record 43 goals in 39 games. Two years later he contributed 29 as Leeds were finally promoted to the top flight and he was club captain.

Charles only played one season of First Division football for Leeds but finished with a record 38 goals in 40 matches.

After that, fire destroyed the West Stand and Leeds wanted to cash in without selling the player to a domestic rival.

This was what Charles said: ‘The manager called me in and said, “Juventus want you.”  I said, “Who are Juventus?” and he looked at me and said, “They’re one of the best teams in Italy.” I’d never heard of them but it was different then. You didn’t have the television and press coverage you get now.’

The £65,000 move went ahead and Charles scored three goals in his first three games to become an instant hero to Il Tifosi. 

 

article-2590515-00D52FAB00000190-919_634

 

Things went from good to better as the Welshman netted 28 times and helped the Old Lady of Turin to their tenth Serie A title. He was also voted footballer of the year in Italy.

Charles enjoyed five trophy-laden years at Juve. Three Scudetti and a couple of Italian Cups were just reward for the glut of goals which he provided.

There was also the 1958 World Cup. Wales had qualified – for the only time in their history – but they did not disgrace themselves, drawing against Hungary,  Mexico and Sweden.

Wales went on to beat Hungary in a play-off and earned a quarter-final tie against Brazil, who had a promising youngster called Pele in the squad. 

 

Charles, who went on to play 38 times and score 15 goals for his country, missed the match through injury.

 

article-2590515-00049DED00000C1D-427_634article-2590515-01A2A4230000044D-438_634

 

 

In 1962 Charles left Juventus and returned to Leeds, who themselves had returned to the second tier of domestic football. It was not a success despite the record £53,000 outlay and the player quickly headed to Roma in a £70,000 deal.

Three seasons at Cardiff City and a non-League swansong at Hereford United followed before Charles finally called it a day.

He was awarded the CBE in 2001 and since then has been included in the Azzurri Hall of Fame, the Football League’s 100 legends, and named the most outstanding player of the past 50 years by the Football Association of Wales.

 

As well as the John Charles Stand, there is a John Charles Way and there is a bust of him inside Elland Road, too.

Anyone who has ever tried to navigate round the complicated ring road system of Leeds will also confirm that all signs point to the John Charles Centre for Sport. 

It would be fair to say his name lives on.

 

article-2590515-00AF9B721000044C-207_634article-2590515-0076646E00000258-155_634

 

-Dailymail-

 

 

 

Oggi la Juventus torna a parlare "gallese";

credo non possa esserci modo migliore di proiettarsi verso un futuro radioso, se non rievocando un glorioso passato, un giocatore eccezionale, come John Charles.

Spero l'inglese non crei troppi disagi, tuttavia l'articolo era così ben realizzato che mi sarebbe parso offensivo tradurlo.

 

 

article-2590515-1C9E6BDF00000578-62_636x382.jpg

  • Mi Piace 13
  • Grazie 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, ArturoCR93 ha scritto:

Per gli analfabeti anglosassoni come me basta la semplice visione della foto 

 

.allah  .juve 

La mia traduzione sarebbe stata inadeguata, tuttavia potrei tradurre con un translate, sebbene non renderebbe.

 

Inserisco più foto, comunque.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bel post.. cmq l'inflazione è affascinante.. pensare che con 65'000 sterline portavi a casa un calciatore di quel livello, oggi ti ci compri una jeep pressa pocosefz 

Share this post


Link to post
Share on other sites

La stragrande maggioranza dei calciatori odierni non ha il suo fisico e ho detto tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
45 minuti fa, Pavel Christ Superstar ha scritto:

So Charles was special, no doubt about it. Such was the impact he made in Turin, he was voted Serie A’s greatest foreign player in 1997, four decades on. Not bad against the likes of Michel Platini either.

 

Non la sapevo questa. Ma dovrebbe riferirsi alla sola Juve, non alla Serie A.

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 minuti fa, Montero non fa prigionieri ha scritto:

Non la sapevo questa. Ma dovrebbe riferirsi alla sola Juve, non alla Serie A.

Presumo anche io.

 

Interessante come sia stato(ma questo era noto) un fantastico difensore centrale tanto quanto centravanti.

 

Altro che Ranocchia, che giocherebbe ovunque cit. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ricordo un topic - credo dell'anno scorso - in cui si invitavano gli utenti a scegliere il miglior 11 di sempre della Juventus, o forse era qualcosa indetto proprio dalla Juve. Bene, quasi nessuno si filò Charles, spesso scegliendo centravanti degli ultimi 20 anni, qualcuno anche della squadra attuale.

Capisco che la storia non sia per tutti, io stesso so ben poco della Juventus ante '90, ma non si può non conoscere il gigante buono.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un vero mito della nostra storia, impossibile non rimanerne affascinati.

Quella Juve della seconda metà anni 50 fu la seconda grande Juve della storia in ordine di tempo dopo quella del quinquennio dei primi anni 30.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Yep ha scritto:

Bel post.. cmq l'inflazione è affascinante.. pensare che con 65'000 sterline portavi a casa un calciatore di quel livello, oggi ti ci compri una jeep pressa pocosefz 

La sterlina valeva qualcosa in più di adesso. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
45 minuti fa, _ForzaJuve_ ha scritto:

La sterlina valeva qualcosa in più di adesso. 

si chiama inflazione infatti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In compagnia del mio " mentore bianconero ", Mio Padre ,   Domenica 6 Aprile dell'A.D. 1958 avvenne 

il mio "  .paceebene BATTESIMO  BIANCONERO " ( ero già un ragazzino con la Juve nel cuore )  :

 

lo Stadio .. era quello che ai tempi era definito " STADIO DEI 100.000 " ( diverrà " OLIMPICO " nel 1960 in occasione delle " Olimpiadi " ) - 

 e la partita ... la seguente ...ehm 

 

 

Domenica 6 aprile 1958 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Juventus 1-4

 

 

Stagione

Turno precedente - Turno successivo

6 aprile 1958 - Campionato di Serie A 1957/58 - XXVII giornata

LAZIO: Lovati, Molino, Lo Buono, Eufemi, Pinardi, Moltrasio, Vivolo, Burini, Tozzi (Humberto), Pozzan, Selmosson. All. Monza- D.T. Canestri.

JUVENTUS: Mattrel, Boldi II, Garzena, Corradi, Montico, Emoli, Stacchini, Boniperti, Charles, Sivori, Stivanello. All. Brocic.

Arbitro: sig. Rigato di Mestre.

Marcatori: 5' Selmosson, 9' Charles, 12' Charles, 68' Sivori, 83' Charles.

Note: cielo parzialmente coperto, temperatura tiepida, terreno in normali condizioni. Al 20' del secondo tempo la partita è stata sospesa per circa un minuto in seguito all'invasione di uno spettatore che si dirigeva minaccioso verso l'arbitro, il quale non aveva punito pochi minuti prima un fallo di Baldi su Selmosson con un calcio di rigore. Lo spettatore è stato fermato dagli agenti e la partita è ripresa regolarmente. Lievi incidenti a Tozzi e Lovati. Angoli 6 a 4 in favore della Lazio. Al 37' del primo tempo Lovati ha parato un calcio di rigore calciato da Charles.

Spettatori: 55.000.  

 

 

 

 

 

.........  al 47° secondo .....  .ehm   "  ...... GIOCA PER UNA BANDIERA, NON PER SE' STESSO .....  "  

 

 

 

GRANDISSIMO  CHARLES : MOLTI NON LO SANNO ... MA ... JOHN, OLTRE CHE CON LA TESTA CON LA QUALE METTEVA A SEGNO

SPLENDIDI GOL  E FACEVA PREZIOSI ASSIST,  ERA " FORTISSIMO " ANCHE CON LA " PALLA TRA I PIEDI " ... QUESTO BREVE VIDEO

LO CERTIFICA APPIENO !

 

 

E che fosse un " GRANDISSIMO GIOCATORE "  lo conferma anche, per i Tempi, l'elevatissimo esborso economico della JUVENTUS 

per, insieme al Mitico OMAR, portarlo sotto la " MOLE "

fu una delle " CAMPAGNE ACQUISTI " PIU'  ONEROSE DELLA STORIA BIANCONERA ....  .ehm  

 

TORINO - Dicono che nella primavera del 1957 Umberto Agnelli non ne potesse più della mediocrità in cui stava galleggiando la sua Juventus. Il Dottore aveva 23 anni, solo uno in più di Dybala, ma impresse una sterzata epocale con il mercato della successiva estate. Fu una rivoluzione radicale e costosa, nella quale il papà di Andrea decise di prendere due fra i più famosi e forti giocatori del mondo: Omar Enrique Sivori e John Charles. Un po’ come se oggi la Juventus ingaggiasse Neymar e Suarez o qualcosa del genere. Sivori venne pagato 190 milioni di lire, una cifra record e al limite dello «scandaloso» anche nell’Italia del boom economico e con la quale, per rendere l’idea, il River Plate completò lo stadio Monumental. John Charles era una stella del calcio inglese e costò 110 milioni di lire, altro botto, facendo scandalizzare perfino il Times che non vide di buon occhio il fatto che espatriasse un giocatore così importante e scrisse: «Il nostro calcio dovrebbe riflettere». Se poi si aggiunge che nella stessa estate Umberto portò in bianconero il portiere Mattrel (uno dei migliori in Italia in quel momento), il mediano Ferrario e il giovane centravanti Nicolè, si ha l’idea dell’incredibile campagna acquisti portata a termine dalla Juventus nell’estate di 59 anni fa.

 

 

Nel 1962 lasciò la Juventus a causa di problematiche da collocare in ambito familiare !  Tornò ove aveva iniziato, e cioè, al LEEDS, ma fu una brevissima parentesi.

Approdò alla A.S. ROMA per un'altrettanto breve periodo ( 10 partite - 4 gol - sotto " Er Cuppolone " alternò il ruolo di centravanti a quello di stopper ! In quegli anni

abitavo a Roma e vederlo in campo con la maglia " giallorossa " mi fece male assai . La stessa sensazione che provai anni dopo quando mi recai al San Paolo di

Napoli per assistere ad un " NAPOLI - JUVE " : SIVORI con la MAGLIA dei PARTENOPEI mi apparve quasi un " INSULTO ALLA NOSTRA STORIA " .... qualcosa che, 

alla mia mente ed al mio cuore, appariva essere " CONTRONATURA " ... .uffa ) - JOHN tornò quindi in Galles e giocò per il Cardiff dal 1963 al 1966 ! 

 

 

 

 B O N I P E R TI        C H A R L E S         S I V O R I  :  SIAMO ... OLTRE ... LA ...  " L E G G E N D A " 

 

 

 

 

 

 

 

Risultati immagini per immagini boniperti charles sivori

 

 

 

 

Risultati immagini per immagini boniperti charles sivori

 

 

 

 

Risultati immagini per immagini boniperti charles sivori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Mi Piace 5
  • Grazie 7

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, 29 MAGGIO 1985 ha scritto:

MOLTI NON LO SANNO ... MA ... JOHN, OLTRE CHE CON LA TESTA CON LA QUALE METTEVA A SEGNO

SPLENDIDI GOL  E FACEVA PREZIOSI ASSIST,  ERA " FORTISSIMO " ANCHE CON LA " PALLA TRA I PIEDI "

Amico caro, io lo so bene. È stato in assoluto il miglior centravanti della storia sella Juventus(mia opinione, ovviamente), anche in virtù delle sue abilità tecniche.

Forse nel fondamentale del cross non eccelleva, ma tutto il resto era da vero fuoriclasse, acrobazia, tiro da fuori, stop, tecnica. Certo, il colpo di testa era la sua firma, la fisicità, ma NON SOLO.

Possedeva una discreta visione di gioco e da centrale difensivo sapeva dettare abbastanza bene i tempi, non solo marcare.

 

Un giocatore TOTALE.

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, ArturoCR93 ha scritto:

Per gli analfabeti anglosassoni come me basta la semplice visione della foto 

 

.allah  .juve 

....... gli " analfabeti anglosassoni " possono comunque godersi appieno le " Magie " di John nel post di cui .mandrillacciosopra ......  :d

6 ore fa, bianconero92 ha scritto:

Non sapevo fosse passato anche da Roma!

...... uum in effetti, è stata solo una " breve " passeggiata :  se ti va, " sbircia " il messaggio che ho .scrittorescritto poco .mandrillaccio sopra questo .... :d

 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Amazing thread, thank you for sharing :)

 

Io che sono più giovincello non ho vissuto quegli anni e quei campioni, ma è un calcio che mi affascina e mi emoziona da sempre.

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, ronny80 ha scritto:

Un vero mito della nostra storia, impossibile non rimanerne affascinati.

Quella Juve della seconda metà anni 50 fu la seconda grande Juve della storia in ordine di tempo dopo quella del quinquennio dei primi anni 30.

Amico mio, lungi da me il voler correggerti e/o contraddirti, però è giusto, anzi, doveroso, citare anche la Juventus del 1949/50 

e la Juventus del 1951/52 . 

 

-  JUVENTUS F.C.  1949/50 

 

ALLENATORE

GIOCATORI

Jesse Carver

Viola, Cavalli, Bertuccelli, Manente, Rava, Mari, Parola, Piccinini, Bizzotto, Muccinelli, Martino, Boniperti, J Hansen, Praest, Vivolo, Scaramuzzi, Mariani,

 

 

Risultati immagini per juventus 1949/50 IMMAGINI

 

 

per GIAMPIERO BONIPERTI, e l'ha più e più volte ribadito, quella è stata la JUVENTUS  PIU' FORTE DI SEMPRE !

 

.......   .segreto   e se lo dice lui .... 

 

 

 

- JUVENTUS F.C 1951/52 

 

 

ALLENATORE

GIOCATORI

Gygorgy Sarosi

Viola, Cavalli, Bertuccelli, Manente, Corradi, Mari, Ferrario, Parola, Piccinini, Bizzotto, Muccinelli, K Hansen, Boniperti, J Hansen, Praest, Vivolo, Caprile, Boniforti, Scaramuzzi,

 

 

Risultati immagini per immagini juventus 1951/52

 

 

Altra immensa squadra che sarebbe stata ancora più forte se avesse potuto godere delle pregevolissime performances

dell'Argentino MARTINO ( presente nella formazione del 1949/50 ) che, purtroppo, fu costretto a tornare in patria poichè

la moglie era afflitta da insanabile nostalgia per la " terra natia " !  

 

 

 

Mi sembrava giusto ricordare anche queste due compagini che hanno scritto " PAGINE MEMORABILI " della nostra 

" GLORIOSA STORIA " ! 

 

Ti Auguro una serena notte ! 

 

.salveStefano

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, Juventus Memories ha scritto:

@29 MAGGIO 1985 tant'e' che l'assist a madrid a sivori fu opera sua... con il 5 sulle spalle, gioco divinamente da centromediano...!

 

1881074441_intervjuvecharles.thumb.jpg.9cbe3ea9c907ce169b37146646298f7c.jpg

 

1157458227_milanvjuvecharles.thumb.jpg.88ab21ce5353270a8dbf0776b6ed4bca.jpg

....... VERO !  

 

....... ecco alcuni " stralci " tratti da un postumo resoconto di quel match  elaborato da " Hurrà Juventus " .....  .ehm

 

........ Nella formazione spagnola c’è qualche sorpresa; Del Sol (futuro juventino), nonostante sia in condizioni fisiche imperfette, è schierato marcatore di Sivori con l’esclusione di Pachin. Mezzala destra è Felix Ruiz, al posto del titolare Canario. Lo schieramento bianconero prevede marcature rigide; Parola ha incarica il giovane Mazzia di controllare Di Stéfano, mentre Puskás è affidato alle cure di Bercellino. Charles, in posizione di libero a tutto campo, è la novità di maggior rilievo.

 

.....  Si comincia in lieve ritardo e i madrileni dimostrano di non voler correre rischi superflui; Puskás gioca almeno venti metri più arretrato che a Torino e il pericoloso Alberto Ruiz è risucchiato da Charles in posizione di secondo stopper

 

......  La partita è piacevole: il Real conduce il gioco, ma la Juventus non sta a guardare. Mischia furibonda davanti alla porta bianconera, al 29’; dopo un prolungato batti e ribatti, Charles riesce a deviare in angolo

 

 

   

.......  Stacchini cerca il contrasto a metà campo con Miera e lo vince; avanza liberandosi di Casado, con la coda dell’occhio vede Nicolé smarcato cinque metri avanti e gli passa il pallone. Il numero nove, di prima intenzione, fa spiovere al centro dell’area un calibrato cross che, sempre di prima, Charles smista sull’accorrente Sivori. 

 

 

......   La stupenda giocata del centravanti gallese ha sbilanciato tutta la difesa spagnola, sicché Omar può concludere di sinistro, indisturbato, cogliendo l’angolino alla destra di Araquistain.   

 

.......    Mai sconfitti in casa dall’istituzione della Coppa dei Campioni, i madrileni persero quella sera, oltre alla partita, anche il loro leggendario mito d’imbattibilità

 

 

questa splendida immagine è invece riferita al match di andata a Torino ( partita terminata con la vittoria del REAL per 0 - 1 con un gol di Di Stefano ! Poi vi fu lo " SCANDALOSO SPAREGGIO DI PARIGI " che vide prevalere gli spagnoli per 3-1 !

A causa di interventi messi in atto dai madrilisti, interventi che definire " rudi e vigliacchi " è un vero e proprio eufemismo, la Juve terminò l'incontro con 9 giocatori effettivi .. con Charles e Stacchini fuori uso : rammento che ai tempi non era prevista alcuna sostituzione, neanche quella del portiere ... .uffa )  ecco a voi ........  .ehm  

 

 

 

Coppa_dei_Campioni_1961-1962_-_Juventus-Real_Madrid-1-950x450.jpg

 

14  FEBBRAIO 1962  - COPPA DEI CAMPIONI - QUARTI DI FINALE - PARTITA DI ANDATA TRA  :

 

JUVENTUS   vs   REAL MADRID  ! ! !

 

LE SQUADRE ENTRANO SUL TERRENO DI GIOCO ... IL MITICO JOHN CHARLES INDOSSA LA " FASCIA DI CAPITANO " 

 

..... prego notare gli spalti del caro .. vecchio .. e mai dimenticato " COMUNALE "

tanta e tale era la foltissima e calorosa presenza dei supporters bianconeri che ... neanche un " sospiro " ..... avrebbe

potuto trovare modo e maniera di " scivolare sui gradoni "  e/o  di " evaporare e dissolversi nell'aria "  ! 

 

 

Un cordiale saluto, .salveStefano 

 

 

 

P.S. 

 

...ops...  uum  dimenticavo ..... ecco lo " STORICO " gol di SIVORI a Madrid  ....  .ehm

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, 29 MAGGIO 1985 ha scritto:

Amico mio, lungi da me il voler correggerti e/o contraddirti, però è giusto, anzi, doveroso, citare anche la Juventus del 1949/50 

e la Juventus del 1951/52 . 

 

-  JUVENTUS F.C.  1949/50 

 

ALLENATORE

GIOCATORI

Jesse Carver

Viola, Cavalli, Bertuccelli, Manente, Rava, Mari, Parola, Piccinini, Bizzotto, Muccinelli, Martino, Boniperti, J Hansen, Praest, Vivolo, Scaramuzzi, Mariani,

 

 

Risultati immagini per juventus 1949/50 IMMAGINI

 

 

per GIAMPIERO BONIPERTI, e l'ha più e più volte ribadito, quella è stata la JUVENTUS  PIU' FORTE DI SEMPRE !

 

.......   .segreto   e se lo dice lui .... 

 

 

 

- JUVENTUS F.C 1951/52 

 

 

ALLENATORE

GIOCATORI

Gygorgy Sarosi

Viola, Cavalli, Bertuccelli, Manente, Corradi, Mari, Ferrario, Parola, Piccinini, Bizzotto, Muccinelli, K Hansen, Boniperti, J Hansen, Praest, Vivolo, Caprile, Boniforti, Scaramuzzi,

 

 

Risultati immagini per immagini juventus 1951/52

 

 

Altra immensa squadra che sarebbe stata ancora più forte se avesse potuto godere delle pregevolissime performances

dell'Argentino MARTINO ( presente nella formazione del 1949/50 ) che, purtroppo, fu costretto a tornare in patria poichè

la moglie era afflitta da insanabile nostalgia per la " terra natia " !  

 

 

 

Mi sembrava giusto ricordare anche queste due compagini che hanno scritto " PAGINE MEMORABILI " della nostra 

" GLORIOSA STORIA " ! 

 

Ti Auguro una serena notte ! 

 

.salveStefano

Si, hai fatto o bene a citarle entrambe, però noto che sono rimaste un po meno impresse nella mente dei tifosi rispetto alla squadra con Sivori e Charles e anche alla Juve anni '30.

Le conosciamo bene solo noi appassionati del calcio del passato, mentre le altre 2 più o meno le conoscono tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.