Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Deborah J

GdS: "Il caso Superlega: Ora Uefa e ribelli possono trattare. Multa e si chiude? A Nyon pronti ad accogliere Juve, Real e Barça per evitare una paralisi legale"

Recommended Posts

50 minuti fa, bianconero75 ha scritto:

Confondi il concetto di “esclusiva” di un prodotto con quella di monopolio del mercato....

no che non confondo, quella che tu descrivi è la situazione attuale,  secondo le ricorrenti. Io parlo dei possibili effetti della sentenza CG, ipotizzandola a favore e "rivoluzionaria" come si legge spesso. Ovvero, a quel punto la UEFA potrebbe diventare organizzatrice di tornei al pari di altri esistenti (la SL, le leghe nazionali...) e di altri che potrebbero nascere (magari arriva un grande investitore e propone un suo progetto ecc...).  Ognuno di questi tornei può essere chiuso o collegato ad altri sulla base di contratti e accordi (a quel punto le federazioni conterebbero relativamente, non ci sarebbero obblighi perchè non avrebbero senso). E ognuna di queste leghe può importi delle modalità di partecipazione che tu puoi accettare -e sei dentro- o rifiutare -e sei fuori senza discussioni-. D'altronde già adesso si mettono clausole nei contratti di calciatori e allenatori per non farli andare in compagini di determinati paesi o in determinate squadre ecc...

Esempio: Lega serie A (che adesso è l'unica a "organizzare" il campionato di massimo livello in Italia -adesso però- dopo chissà) dice: chi vince il mio torneo e chi arriva secondo, terzo e quarto va a fare il torneo  "Champions League" organizzato da tal dei tali. Punto. Firma. Premier League dice: chi vince il mio torneo può fare il caspio che vuole, ma non da Agosto al primo di Giugno, lì ci dà l'esclusiva . SL idem. E via così. Concorrenza insomma. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Lincoln ha scritto:

Spero vivamente che a questo punto si vada spediti fino alla CGUE, senza il minimo passo indietro. A parte il fatto di essere o meno dalla parte della ragione, certi toni non si possono né leggere né sentire.

Ma infatti il personaggio è palesemente inadeguato al ruolo che ricopre.

Non parliamo del giornalismo itagliano poi, che invece di stigmatizzare certi atteggiamenti, ci va a nozze…

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, 77luca ha scritto:

D'altronde già adesso si mettono clausole nei contratti di calciatori e allenatori per non farli andare in compagini di determinati paesi o in determinate squadre ecc...

Queste clausole sono illegittime, chi le mette viene multato.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma quale multa! Già la UEFA si ritroverà a dover ritirare le sanzioni comminate alle 9 traditrici. Figuriamoci se farà qualcosa contro le 3 mancanti. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate ma il mandato di Ceferin quando scade?? Perchè tolto lui, verrà messo uno più conciliante e la superlega di farà come vogliono le fondatrici, dando da mangiare anche alla Uefa. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 hours ago, 77luca said:

no che non confondo, quella che tu descrivi è la situazione attuale,  secondo le ricorrenti. Io parlo dei possibili effetti della sentenza CG, ipotizzandola a favore e "rivoluzionaria" come si legge spesso. 

Ok, in un futuro abbastanza lontanto, quando esisterà veramente concorrenza, allora si.

Ma ad oggi, e per un bel po' di anni, la cosa non è possibile

Share this post


Link to post
Share on other sites
28 minuti fa, Aho ha scritto:

Queste clausole sono illegittime, chi le mette viene multato.

può darsi, non so delle multe. So, almeno si dice, che Conte ne abbia una, sottoscritta in cambio della buonuscita, quindi sostanzialmente, di denaro. Anche, per esempio, in UK se cambi squadra a stagione iniziata, per quella stagione non giocherai contro chi ti ha venduto, questo di base nel regolamento di lega, un elemento che mi pare non esista da noi o da altre parti. 

Ma in ogni caso, la mia idea è: io e te diventiamo soci e fondiamo una lega, la sponsorizziamo, abbiamo i soldi, tanti, per i premi ecc... "invitiamo" delle squadre: la Juve , che ne so, ci dice no  la Roma ci dice sì ecc... facciamo i nostri conti e l'idea ci piace, l'affare pure, abbiamo abbastanza adesioni. Niente retrocessioni, adottiamo il regolamento classico del calcio, ci diamo una struttura sanitaria e antidoping,  chi vince va a fare, per contratto, una lega internazionale con la quale facciamo un accordo, o anche nulla ecc...

Adesso possiamo? No, stando a quanto abbiamo visto e a quanto dicono Real , Barca e Juve.

Dopo una sentenza favorevole? Secondo me sì. E in quel momento noi nella nostra lega non siamo obbligati a far entrare nessuno e nessuno è obbligato a partecipare  . Chiediamo, illustriamo il progetto, chi ci sta è dentro e chi no è fuori. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 6/11/2021 at 10:00 PM, 77luca said:

cioè non posso avere un contratto in esclusiva per vendere un determinato prodotto? Prime o Netflix non possono comprare contenuti in esclusiva? Una ipotetica SL non potrà fare un contratto con una squadra assicurandosene le esibizioni in esclusiva per tot anni o collegandole a determinate leghe o tornei? Mi pare strano.

Prime e netflix non hanno mica un peso determinante, agiscono in concorrenza 

Ad oggi la uefa ha un monopolio di fatto, quindi certe cose non puo farle

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, emmepi54 ha scritto:

Sono giorni che penso ad una cosa, non so se sia dovuto ad intuito oppure da 40 anni di servizio. Il fatto che una persona, anche giovane, venga messa alla Presidenza dell'Uefa, può voler dire 2 cose: capacità o spudoratezza, cioè, conoscenza di scheletri negli armadi. È un mio pensiero e non un'illazione.  Veniamo al presente. Ceferin da' di matto per questa superlega ed in particolare   di più quando tre club storici  diventano irriducili. Fa minacce, insulti e cose che  forse hanno superato la soglia della legalità. Interviene l'uefa e sospende tutto. Perché?  Cosa nascondono? Cosa hanno paura che esca dagli armadi? Io una bella indagine ce la farei. Quanto incassa annualmente l'Uefa?  Perché distribuiscono solo briciole? E cosa ci fanno con gli introiti non elargiti alle squadre di calcio? Quanti sono e perché li tengono in Svizzera?  Questo è il nocciolo della questione, da chiarire e rendere pubblica, motivando il motivo prima di  fare una guerra in nome della sportività. Non mi sorprenderebbe affatto vedere un giorno, in manette, Ceferin e qualche altro tirapiedi e Gravina stia attento nel parlare di Juve.

Ma non è che è intervenuta la UEFA e ha sospeso tutto. Semplicemente all'UEFA è stata notificata la cautelare del tribunale di Madrid che li obbligava ad interrompere qualsiasi tipo di azione disciplinale contro ai club di superleague. A quel punto l'UEFA non poteva far altro di rispondere "si signore" altrimenti il tribunale madrileno sarebbe passato per azioni legali, arrivando ad emettere (stando a quello riportato dal NYT) mandati di arresto internazionali. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, _MeneS_ ha scritto:

Ok, in un futuro abbastanza lontanto, quando esisterà veramente concorrenza, allora si.

Ma ad oggi, e per un bel po' di anni, la cosa non è possibile

scusa, la sentenza Bosman è del dicembre 1995. Il suo effetto più eclatante, a parte lo svincolo, è stata la possibilità di tesserare tutti i calciatori stranieri che si voleva, cosa che è iniziata a succedere da pochi mesi dopo. Ovvero dal calciomercato prima della stagione 96/97. Non anni. Perchè anni? 

A quanto leggo è lecito aspettarsi una risposta della Corte entro un anno, diciamo, quindi non dalla prossima stagione ma da quella dopo probabilmente le mani saranno libere.

7 minuti fa, _MeneS_ ha scritto:

Prime e netflix non hanno mica un peso determinante, agiscono in concorrenza 

Ad oggi la uefa ha un monopolio di fatto, quindi certe cose non puo farle

 

sì sì, ma io non parlo mica di adesso. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minutes ago, 77luca said:

scusa, la sentenza Bosman è del dicembre 1995. Il suo effetto più eclatante, a parte lo svincolo, è stata la possibilità di tesserare tutti i calciatori stranieri che si voleva, cosa che è iniziata a succedere da pochi mesi dopo. 

Finche la uefa ha un potere dominante non gli permetteranno di fare clausole che vanno a limitare la concorrenza. Quando ci sara la sentenza favorevole alla super lega, ci vorra tempo prima che inizino a crearsi nuove leghe e quindi vera concorrenza.

Per dire, la serie A deve anche motivare il motivo di una eventuale esclusione della Juve, e se il motivo ha la finalita di fermare o limitare la super lega, allora puoi anche far firmare tutti con il sangue ma la clausola verrebbe annullata

Ci fossero tante leghe di calcio italiane, tutte con un peso piu o meno identico la cosa sarebbe diversa ovviamente

Share this post


Link to post
Share on other sites
33 minuti fa, The Advocate ha scritto:

Scusate ma il mandato di Ceferin quando scade?? Perchè tolto lui, verrà messo uno più conciliante e la superlega di farà come vogliono le fondatrici, dando da mangiare anche alla Uefa. 

Inizio 2023.

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, _MeneS_ ha scritto:

Per dire, la serie A deve anche motivare il motivo di una eventuale esclusione della Juve

ma perchè? La SL deve motivare la decisione di una esclusione dell' Everton ad esempio? Poi, io non è che ti escludo, non ti invito o non ti iscrivo, non è una punizione. Per le esclusioni ci saranno i regolamenti interni di ogni lega. La Juve è affiliata a una federazione, ha tesserati ecc, ma bisogna vedere a quel punto cosà varranno queste cose.

Questo ovviamente dopo la sentenza. Ma immediatamente dopo. Perchè mi sembra evidente che ogni struttura a quel punto può andarsi a far benedire e tutti si riorganizzeranno, giustamente. 

Per essere chiari a Novembre 95 la Juve poteva schierare al massimo 3 o 4 stranieri comunitari (non ricordo esattamente, chiedo scusa, mi pare si fosse arrivati a 4). A settembre 96 poteva mettere in campo 11 tedeschi o francesi.

Chiaramente ognuno farà i suoi conti. Però mi pare di aver capito dalla discussione qui, che la CGUE non ragiona a compartimenti stagni e dovrebbe sostanzialmente giudicare ininfluente che si tratti di sport , cosa che va a favore di Real, Barca e Juve, nella causa.

Non capisco molto il discorso di lega più importante o meno importante, mi sembra relativo al tipo di cosa che vuoi organizzare. Magari arriva Amazon e dice: mi faccio il torneo da trasmettere su Prime, la lega Prime. Alla fine produce un contenuto. Lo fa coi  film e le serie, perchè no? Magari io e te investiamo nella lega C perchè non abbiamo una lira ecc...

51 minuti fa, The Advocate ha scritto:

Scusate ma il mandato di Ceferin quando scade?? Perchè tolto lui, verrà messo uno più conciliante e la superlega di farà come vogliono le fondatrici, dando da mangiare anche alla Uefa. 

è al secondo mandato. Quindi è già stato pure riconfermato una volta. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque mi pare evidente che, in linea generale, si continui ad ignorare il problema principe che ha portato i 12 club europei a organizzare la Superleague, ovvero la sostenibilità.

 

Quando si parla di problema sostenibilità si fa riferimento all'assurda situazione in cui in un sistema economico come quello contemporaneo, delle società (spesso quotate) si ritrovino costantemente nella condizione di vedere il proprio fatturato fortemente influenzato dai risultati sportivi stagionali. E' assurdo!

 

Per una società italiana, per esempio, fra arrivare sesti in campionato ed arrivare primi e partecipare alla CL, c'è una differenza potenziale anche di 100/150 milioni di €uro. E sostanzialmente la cosa non cambia fra il qualificarsi in CL oppure in EL, dove la prima risulta avere 4 volte il valore della seconda

 

E' chiaro che in una situazione del genere le società che investono per mantenersi sportivamente ed economicamente competitive incappino in un enorme quantità di rischi, intollerabili in qualsiasi sistema economico e che alla lunga non può fare altro che portare all'insolvenza e quindi al default sistemico.

 

La SL nasceva, come proposta, proprio per ovviare per quanto possibile a questo problema. Avendo il posto garantito, il rischio per questi club sarebbe stato di fatto abbattuto, garantendo quindi quella stabilità che le società implorano di avere.

 

Il problema in questo caso nasce dal fatto che a beneficiarne sarebbero state solo le società in questione, ma mi pare evidente che fossero le stesse ad essere ben consce del fatto che un tale formato sarebbe risultato intollerabile

 

Bisogna però capire che queste società prima di far saltare il tavolo avevano più volte esposto il problema alla UEFA, che ha sempre risposto picche a ogni loro proposta, malgrado queste fossero condivise dalla maggioranza dei club europei.

 

E' chiaro che in una situazione di totale chiusura da parte della UEFA, le società (tra l'altro in una forte condizione di precarietà dovuta dalla pandemia) abbiano dovuto compiere un gesto eclatante per smuovere le acque. Non era tanto la volontà di creare una SL ad averli mossi, quanto più la possibilità di sedersi al tavolo per discutere in maniera concreta e costruttiva a riforme strutturali necessarie ad evitare un inevitabile (in questo momento) default.

 

La risposta della UEFA tuttavia è stata di totale chiusura, giustificando il proprio comportamento con concetti di demagogia spiccia.

 

E' evidente che a questo punto i club, salvo un cambio di rotta da parte della UEFA, vogliano arrivare allo scontro in tribunale per apportare i cambiamenti necessari. Non c'è alternativa.

 

Ma cosa si potrebbe fare per rendere più sostenibile il sistema? Una soluzione sarebbe quella di una distribuzione più omogenea dei premi all'interno delle competizioni paneuropee. Al momento i premi da dividere fra le varie competizioni risultano valere circa 2.5 miliardi di euro (al netto delle trattenute della UEFA), 2 miliardi finiscono per finanziare la CL mentre solo 500 milioni finanziano l'EL. In pratica la CL assorbe il 75% degli introiti, valendo di fatto 4 volte la EL.

 

Un sistema sostenibile invece dovrebbe vedere i premi divisi in maniera più equa fra le varie competizioni. Considerata una divisione su 3 competizioni (CL, EL, CoL) una divisione sostenibile potrebbe essere di 40/35/25%. Questo, pur valorizzando comunque le competizioni di maggior livello, garantirebbe una distribuzione più omogenea dei premi, diminuendo i rischi per le società che, anche nel caso non dovessero qualificarsi alla CL ma alla EL si ritroverebbero comunque ad avere una perdita economica estremamente contenuta. 

 

E' chiaro però per avere una distribuzione di questo tipo è necessario aumentare il montepremi totale, cosa non impossibile visto che al momento attuale il calcio europeo genera molte meno entrate di quello che potenzialmente potrebbe generare con le dovute riforme. E basta confrontare il calcio con altri sport per rendersene conto....

 

Ma per fare questo ci vuole la volontà di cambiare le cose, volontà che la UEFA sta dimostrando di non avere affatto

 

 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Skizzo91 ha scritto:

Ma non è che è intervenuta la UEFA e ha sospeso tutto. Semplicemente all'UEFA è stata notificata la cautelare del tribunale di Madrid che li obbligava ad interrompere qualsiasi tipo di azione disciplinale contro ai club di superleague. A quel punto l'UEFA non poteva far altro di rispondere "si signore" altrimenti il tribunale madrileno sarebbe passato per azioni legali, arrivando ad emettere (stando a quello riportato dal NYT) mandati di arresto internazionali. 

Mi sono espresso male ed anche per non dilungarmi.  L'Uefa è intervenuta per non commettere un reato ma che Ceferin continui, dicendo che sarebbe disposto a perdonare nel caso in cui A.A. si dimetta,  mi convince che nasconda qualcosa di molto serio.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, 77luca ha scritto:

no che non confondo, quella che tu descrivi è la situazione attuale,  secondo le ricorrenti. Io parlo dei possibili effetti della sentenza CG, ipotizzandola a favore e "rivoluzionaria" come si legge spesso. Ovvero, a quel punto la UEFA potrebbe diventare organizzatrice di tornei al pari di altri esistenti (la SL, le leghe nazionali...) e di altri che potrebbero nascere (magari arriva un grande investitore e propone un suo progetto ecc...).  Ognuno di questi tornei può essere chiuso o collegato ad altri sulla base di contratti e accordi (a quel punto le federazioni conterebbero relativamente, non ci sarebbero obblighi perchè non avrebbero senso). E ognuna di queste leghe può importi delle modalità di partecipazione che tu puoi accettare -e sei dentro- o rifiutare -e sei fuori senza discussioni-. D'altronde già adesso si mettono clausole nei contratti di calciatori e allenatori per non farli andare in compagini di determinati paesi o in determinate squadre ecc...

Esempio: Lega serie A (che adesso è l'unica a "organizzare" il campionato di massimo livello in Italia -adesso però- dopo chissà) dice: chi vince il mio torneo e chi arriva secondo, terzo e quarto va a fare il torneo  "Champions League" organizzato da tal dei tali. Punto. Firma. Premier League dice: chi vince il mio torneo può fare il caspio che vuole, ma non da Agosto al primo di Giugno, lì ci dà l'esclusiva . SL idem. E via così. Concorrenza insomma. 

Da come la vedo io il monopolio totale

organizzativo+legislativo+commerciale, deve essere spezzato

 

la parte economica dovrà essere detenuta esclusivamente dall'ECA

la parte organizzativa dalla Uefa

La parte legislativa-sanzionatoria, da un organismo esterno e indipendente dalla Uefa.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, _MeneS_ ha scritto:

Prime e netflix non hanno mica un peso determinante, agiscono in concorrenza 

Ad oggi la uefa ha un monopolio di fatto, quindi certe cose non puo farle

 

Fino adesso andava bene così .Adesso è saltato il tappo.

Ma manca una ratifica ufficiale .

Che inevitabilmente arriverà dall Europa.

A quel punto la UEFA sarà sul mercato. 

E se non proporra soluzioni soddisfacenti verrà scaricata .

E si occuperà solo di ciò che gli compete .

Le nazionali e la gestione delle regole .

Dietro giusto compenso 

Sottolineo giusto .

Non sproporzionato e opaco come ora .

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 minuti fa, Skizzo91 ha scritto:

Comunque mi pare evidente che, in linea generale, si continui ad ignorare il problema principe che ha portato i 12 club europei a organizzare la Superleague, ovvero la sostenibilità.

 

Quando si parla di problema sostenibilità si fa riferimento all'assurda situazione in cui in un sistema economico come quello contemporaneo, delle società (spesso quotate) si ritrovino costantemente nella condizione di vedere il proprio fatturato fortemente influenzato dai risultati sportivi stagionali. E' assurdo!

 

Per una società italiana, per esempio, fra arrivare sesti in campionato ed arrivare primi e partecipare alla CL, c'è una differenza potenziale anche di 100/150 milioni di €uro. E sostanzialmente la cosa non cambia fra il qualificarsi in CL oppure in EL, dove la prima risulta avere 4 volte il valore della seconda

 

E' chiaro che in una situazione del genere le società che investono per mantenersi sportivamente ed economicamente competitive incappino in un enorme quantità di rischi, intollerabili in qualsiasi sistema economico e che alla lunga non può fare altro che portare all'insolvenza e quindi al default sistemico.

 

La SL nasceva, come proposta, proprio per ovviare per quanto possibile a questo problema. Avendo il posto garantito, il rischio per questi club sarebbe stato di fatto abbattuto, garantendo quindi quella stabilità che le società implorano di avere.

 

Il problema in questo caso nasce dal fatto che a beneficiarne sarebbero state solo le società in questione, ma mi pare evidente che fossero le stesse ad essere ben consce del fatto che un tale formato sarebbe risultato intollerabile

 

Bisogna però capire che queste società prima di far saltare il tavolo avevano più volte esposto il problema alla UEFA, che ha sempre risposto picche a ogni loro proposta, malgrado queste fossero condivise dalla maggioranza dei club europei.

 

E' chiaro che in una situazione di totale chiusura da parte della UEFA, le società (tra l'altro in una forte condizione di precarietà dovuta dalla pandemia) abbiano dovuto compiere un gesto eclatante per smuovere le acque. Non era tanto la volontà di creare una SL ad averli mossi, quanto più la possibilità di sedersi al tavolo per discutere in maniera concreta e costruttiva a riforme strutturali necessarie ad evitare un inevitabile (in questo momento) default.

 

La risposta della UEFA tuttavia è stata di totale chiusura, giustificando il proprio comportamento con concetti di demagogia spiccia.

 

E' evidente che a questo punto i club, salvo un cambio di rotta da parte della UEFA, vogliano arrivare allo scontro in tribunale per apportare i cambiamenti necessari. Non c'è alternativa.

 

Ma cosa si potrebbe fare per rendere più sostenibile il sistema? Una soluzione sarebbe quella di una distribuzione più omogenea dei premi all'interno delle competizioni paneuropee. Al momento i premi da dividere fra le varie competizioni risultano valere circa 2.5 miliardi di euro (al netto delle trattenute della UEFA), 2 miliardi finiscono per finanziare la CL mentre solo 500 milioni finanziano l'EL. In pratica la CL assorbe il 75% degli introiti, valendo di fatto 4 volte la EL.

 

Un sistema sostenibile invece dovrebbe vedere i premi divisi in maniera più equa fra le varie competizioni. Considerata una divisione su 3 competizioni (CL, EL, CoL) una divisione sostenibile potrebbe essere di 40/35/25%. Questo, pur valorizzando comunque le competizioni di maggior livello, garantirebbe una distribuzione più omogenea dei premi, diminuendo i rischi per le società che, anche nel caso non dovessero qualificarsi alla CL ma alla EL si ritroverebbero comunque ad avere una perdita economica estremamente contenuta. 

 

E' chiaro però per avere una distribuzione di questo tipo è necessario aumentare il montepremi totale, cosa non impossibile visto che al momento attuale il calcio europeo genera molte meno entrate di quello che potenzialmente potrebbe generare con le dovute riforme. E basta confrontare il calcio con altri sport per rendersene conto....

 

Ma per fare questo ci vuole la volontà di cambiare le cose, volontà che la UEFA sta dimostrando di non avere affatto

 

 

Per me quello che, in maniera errata e colpevole, non si vuole evidenziare ai tifosi è che il calcio romantico, quello per cui il Catania può vincere a Torino, non può più esistere.

Ci sono solo i soldi.

Giornalisti seri, gente davvero professionale, quando guardiola o klopp dichiaravano la loro ostilità verso la SL avrebbero dovuto chiedergli dei loro incredibili contratti e se sapessero da dove venissero i soldi.

Poco fa in TV ho visto wjinaldum dire che ha trattato 4 settimane con il Barcellona ma poi il PSG è stato più veloce.

Ovviamente il giornalista, che è tale solo per la tessera posseduta, si è guardato bene dal chiedergli il significato di "veloce" che evidentemente è che gli hanno offerto un contratto migliore.

nel passaggio di higuain alla juve i "giornalisti" hanno pompato l'onda popolare dei tifosi del napoli dimenticandosi di dire che 90 milioni di euro per il napoli erano manna dal cielo.

Anche a Commisso mente sparava veleno su chiesa nessuna ha ricordato i 60 milioni che gli arrivavano in tasca.

In un mondo in cui i giornalisti sono tali sarebbero già dovute partire inchieste atte a capire come vive l'Uefa e cosa ha portato alla creazione della SL.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, messapicoprimitivo ha scritto:

Da come la vedo io il monopolio totale

organizzativo+legislativo+commerciale, deve essere spezzato

 

la parte economica dovrà essere detenuta esclusivamente dall'ECA

la parte organizzativa dalla Uefa

La parte legislativa-sanzionatoria, da un organismo esterno e indipendente dalla Uefa.

è un'idea, ma un'idea su cui potresti lavorare partendo dalla situazione attuale. Non certo dopo una sentenza del tipo che ci si aspetta e che spalancherebbe il mercato. Figurarsi, qualunque lega nascente mai delegherebbe la parte sanzionatoria all'esterno. Ci penserebbe qualche mega ufficio di avvocati convenzionato sulla base di contratti e regolamenti sottoscritti e firmati col sangue.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 hours ago, 77luca said:

ma perchè? La SL deve motivare la decisione di una esclusione dell' Everton ad esempio? Poi, io non è che ti escludo, non ti invito o non ti iscrivo, non è una punizione. 

Se io faccio gia parte di una lega, in base a un regolamente esistente, e te cambi le regole per danneggiarmi in quanto sono in procinto di fare una cosa che va in concorrenza.

La legalita o meno di regole ad hoc va in base al potete di mercato che ha la lega.

Se è dominante e il comportamento adottato non favorisce il libero mercato puo essere sanzionata

Non è che sono regole giuste di per se, ma è stato scelto di non favorire i monopoli dato che vanno a penalizzare i consumatori ( questo a grandi linee e non vale per tutti i mercati)

Share this post


Link to post
Share on other sites

ripeto quello che avevo già detto: la levata di scudi contro la superlega è ipocrisia allo stato puro.

L'unione europea non farà altro che mettere in chiaro come, se ci sono istanze ingenue di "favola del calcio", queste siano assolutamente incompatibili con il calcio moderno. E sono incompatibili non da ora, ma da decenni. Da quando nel calcio hanno cominciato a muoversi i soldi veri.

Tutti i presunti romantici (quando gli conviene) vogliono allo stesso tempo il sogno di giocatori forti ma allo stesso tempo credono inspiegabilmente che squadre senza alcun mezzo economico di ampia portata possano vincere. Ripeto ancora: Leicester di proprietà di un miliardario, non di un fruttivendolo.

Ma i romantici dovrebbero forse cominciare a seguire le squadre che giocano all'oratorio durante la pausa merenda, perché il calcio ad alto livello che insegue le favole è morto quando il primo giocatore ha ricevuto uno stipendio.

 

Tutti i presunti puristi della bellezza della favola di cui sopra son sicuro avrebbero un attacco idrofobo se realizzassero che in caso di salary cup (come è previsto in superlega) le squadre piene di campioni da playstation diventerebbero impossibili. La cosa che mi fa arrabbiare più di tutte della faccenda superlega e delle minacce dei tifosi, come quelli inglesi, è proprio questa, poi, che tutti quelli che hanno protestato sono i primi a mettere le basi per rendere impossibile il calcio che loro stessi dichiarano di volere.

Ora è odiato da quasi tutti, ma qualche anno si realizzerà che Agnelli guardava avanti ed era tra i pochi che si rendevano conto di cosa serviva per salvare il calcio ad alto livello.

E per questo lo stimo ancora di più, ha dimostrato di essere quanto più lontano dall'ipocrisia rispetto allo scenario italiano ed europeo.

disgustorama

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, emmepi54 ha scritto:

Mi sono espresso male ed anche per non dilungarmi.  L'Uefa è intervenuta per non commettere un reato ma che Ceferin continui, dicendo che sarebbe disposto a perdonare nel caso in cui A.A. si dimetta,  mi convince che nasconda qualcosa di molto serio.

E pensi che i "ribelli" non sappiano di cosa si tratti? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.