Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Siomo92

Raiola, dopo la morte cosa succede all'impero dell'agente?

Recommended Posts

Raiola, dopo la morte cosa succede all'impero dell'agente?

Nella sua scuderia alcuni dei giocatori più importanti e richiesti sul calciomercato: per loro adesso c'è da prendere una decisione

 

TORINO - Ibrahimovic, Haaland, De Ligt, Pogba, Donnarumma e tanti altri ancora. Una scuderia infinita, quella di Mino Raiola, scomparso all'età di 54 anni. Nel corso di una vita trascorsa all'interno del mondo del calcio, l'ex agente ha costruito un impero che, secondo i dati Forbes, lo aveva portato a raggiungere un patrimonio netto di 84,7 milioni di dollari, negoziando nel corso della sua carriera contratti per oltre 847,7.

 

Il futuro dei suoi assistiti

La sua agenzia - come riportato da Marca - è semplice, basata su poche persone di fiducia: su tutte l'avvocato e partner di Mino per vent'anni, Rafaela Pimienta, poi il cugino Vincenzo Raiola e José Fortes, a seguire gli altri collaboratori minori. Il gruppo continuerà a portare avanti l'azienda anche senza Mino, contando sulla fiducia e la conferma di alcuni giocatori che erano molto legati a Raiola, come ad esempio Paul Pogba e Zlatan Ibrahimovic, e che continueranno a restare nella scuderia. Per gli altri di più fresca acquisizione, come ad esempio Haaland, la permanenza invece non è ancora certa e la decisione sarà presa più avanti.

fonte: tuttosport

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

C' era Giovanni Agnelli e ora ci sono i figli nipoti ecc. Continueranno il lavoro ma Raiola era Raiola. Il paragone forse è irriverente ma le qualità del singolo individuo non sono replicabili.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, urbyemanuelson ha scritto:

C' era Giovanni Agnelli e ora ci sono i figli nipoti ecc. Continueranno il lavoro ma Raiola era Raiola.

Però gli Agnelli vengono "preparati" fin da piccoli a subentrare alla guida dell'impero di famiglia.

E in generale questa cosa avviene in tutte le dinastie familiari, anche quelle più recenti.

 

Per la famiglia Raiola questo non lo sappiamo. Peraltro personalmente non so che tipo di impostazione Raiola avesse dato alla sua impresa, se familiare o qualcosa di diverso.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Raiola ha letteralmente costruito un impero, secondo ,forse, all'impero di Mendes. Non penso avesse tutto in mano lui, considerando anche che si sapeva già della malattia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Interessa poco onestamente.

Sicuramente i suoi assistiti troveranno altro. 

Gli affari sono affari e se chi prende le redini non è all'altezza, sicuramente scapperanno verso lidi migliori. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lui era sicuramente la figura di spicco, ma non penso tenesse tutto il controllo nelle sue mani visto il giro di affari che aveva. Sicuramente ha lasciato tutto nelle mani di gente altrettanto capace.

Certo, non avranno il suo appeal televisivo ma comunque sanno come gestire un'azienda. Perché di questo si tratta alla fine.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per ciò che riguarda il calcio è la sua professione, il mondo va avanti e gli assistiti troveranno altro. Per la sua famiglia, è un discorso diverso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente credo che i rapporti fra procuratore ed assistiti siano perlopiù di carattere personale, un po' come avviene nel mondo dello spettacolo quando si parla di agenti.  A mio modo di vedere è possibile che restino legati al carrozzone della società gli "elefanti", calciatori che sono a fine carriera e che per anni sono stati assistiti da lui, un po' per riconoscenza affettiva, un po' perchè, anche cambiando agente, non cambierebbe molto per loro sul piano pratico (Ibra, Balottelli..tanto per fare due nomi). Discorso differente potrebbe invece essere fatto per i giovani, quelli nel pieno della loro carriera..... Bisognerà vedere il carisma ed il carattere degli eredi. La capacità di legare con i giovani campioni e la loro prospettiva per il prosieguo delle varie carriere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, urbyemanuelson ha scritto:

C' era Giovanni Agnelli e ora ci sono i figli nipoti ecc. Continueranno il lavoro ma Raiola era Raiola. Il paragone forse è irriverente ma le qualità del singolo individuo non sono replicabili.

Paragone non tanto irriverente ma poco pertinente 

agnelli guidava un impero basato su proprietà e macchinari mentre raiola su diciamo così servizi 

A mio avviso anzi sicuramente come minimo non saranno più in prima fila nel mercato poi magari alcuni faranno altre collaborazioni etc 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
42 minuti fa, Trezegol96 ha scritto:

Lui era sicuramente la figura di spicco, ma non penso tenesse tutto il controllo nelle sue mani visto il giro di affari che aveva. Sicuramente ha lasciato tutto nelle mani di gente altrettanto capace.

Certo, non avranno il suo appeal televisivo ma comunque sanno come gestire un'azienda. Perché di questo si tratta alla fine.

In realtà la comunicazione era tutta su di lui quindi che siano altrettanto capaci è una tua deduzione priva di riscontri nella maniera più assoluta 

ma lo vedrai ben presto quando de ligt pogba e co andranno per i fatti loro 

Share this post


Link to post
Share on other sites

In questa storia di sicuro c'è,  che De ligt rimarrà con noi ancora per molto tempo 

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, FuoriDalCoro ha scritto:

Personalmente credo che i rapporti fra procuratore ed assistiti siano perlopiù di carattere personale, un po' come avviene nel mondo dello spettacolo quando si parla di agenti.  A mio modo di vedere è possibile che restino legati al carrozzone della società gli "elefanti", calciatori che sono a fine carriera e che per anni sono stati assistiti da lui, un po' per riconoscenza affettiva, un po' perchè, anche cambiando agente, non cambierebbe molto per loro sul piano pratico (Ibra, Balottelli..tanto per fare due nomi). Discorso differente potrebbe invece essere fatto per i giovani, quelli nel pieno della loro carriera..... Bisognerà vedere il carisma ed il carattere degli eredi. La capacità di legare con i giovani campioni e la loro prospettiva per il prosieguo delle varie carriere.

Concordo, gente come De Ligt ed Haaland passato il momento di scoramento e riconoscenza difficile rimangano con la famiglia Raiola, ma anche un Pogba sebbene quasi 30enne secondo me si sta già guardando intorno.
La società fondata da Raiola continuerà ma senza la sua figura e personalità è inevitabile che si ridimensioni, la sua morte porterà inevitabilmente a un cambiamento nel mondo dei procuratori, questo a riprova di quanto è stata una figura di assoluto rilievo.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
40 minuti fa, rob72 ha scritto:

In realtà la comunicazione era tutta su di lui quindi che siano altrettanto capaci è una tua deduzione priva di riscontri nella maniera più assoluta 

ma lo vedrai ben presto quando de ligt pogba e co andranno per i fatti loro 

Come la tua che Pogba, De Ligt e compagnia se ne andranno. Due deduzioni. Però solo la tua è corretta. Grande!

Share this post


Link to post
Share on other sites
42 minuti fa, Griner ha scritto:

In questa storia di sicuro c'è,  che De ligt rimarrà con noi ancora per molto tempo 

Solo se rinnova quest´estate, ha il contratto in scadenza tra due anni.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, nomevisualizzato ha scritto:

Ci saranno sicuramente degli eredi o dei collaboratori che stavano venendo preparati per un prossimo futuro, starà a loro 

Stavano venendo preparati. Che lingua è?

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Va beh... possono vivere di rendita con i giocatori che già anno ... e poi godersi la pensione anticipata .ehm

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io non darei così per scontato il fatto che molti big cambino procuratore. Leggendo alcuni articoli è da un po di tempo che il cugino, Vincenzo Raiola, abbia messo le basi per portare avanti il lavoro di Mino. La lettera stessa di De ligt è emblematica sul rapporto che ha il giocatore con tutta la famiglia Raiola... Tra l altro proprio Vincenzo Raiola ultimamente ha avuto molti contatti con la Juve. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Passeranno in mano a qualche altro sciacallo del calciomercato.

Spiace per l'uomo, ma professionista estremamente discutibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Sugarleonard ha scritto:

E' la descrizione di un set di un film hard. 😃😃

Ahahahahahah

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me i grossi nomi cambieranno presto; erano li per l'agente - Mino - non per l'agenzia e sinceramente in questo non vedo nessun tipo di tradimento, anche se certa stampa cerca già di farlo passare per tale (perchè poi?).

I più giovani e i giocatori non di primissimo piano potrebbero restare, anzi crescere in numero e consideranzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.