Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Area bianconera

La lezione di Andrea Agnelli a Oxford

Recommended Posts

 

13 Novembre 2019

Il Sole 24 Ore

 

CALCIO E FINANZA

La lezione di Andrea Agnelli: sarà un calcio più povero

Agli studenti di Oxford: in prospettiva il valore globale del business scenderà

Oxford

In un piovoso pomeriggio di novembre a Oxford, una folla di studenti si raduna al Corpus Christi College, per ascoltare Andrea Agnelli, il presidente della Juventus. Per l’erede della “Real Casa” di Torino, che nel 2010 scelse di riprendersi in mano la gestione del club e affidò a lui l’incarico, è un po’ un ritorno a casa: ha frequentato il St Claire’s College. Invitato dalla Oxford Univesity Italian Society, associazione degli studenti, presieduta dal matematico Francesco Galvanetto, Agnelli lancia un avvertimento che suona quasi come un allarme: il futuro della macchina del calcio vede un impoverimento. Dopo la prima fase di vita dei club, quella del calcio come passatempo di ricchi presidenti mecenati; e dopo la seconda, quella dello sbarco della TV nel mondo del pallone, il prossimo ciclo sarà quello di un calo del valore globale del business.

 

Perché le nuove generazioni sono meno interessate al calcio e i bambini di oggi saranno i telespettatori-consumatori del domani. Un fenomeno che sta iniziando dai paesi marginali oggi per il calcio, come Finlandia e repubbliche baltiche, ma che, è la previsione del numero uno dei bianconeri, «si estenderà all’Europa dell’Est e poi arriverà nell’Europa centrale» che oggi è il mercato più ricco del calcio. Quanto tempo ci vorrà è difficile dirlo, ma «il compito di un manager è prevedere i problemi e prevenirli». In realtà per un club che è ormai stabilmente nell’Olimpo, la cosa potrebbe anche tranquillamente essere trascurata: «Il sistema così com’è, per chi si chiama Juve, Real o Bayern, funziona e potrebbe andare avanti all’infinito». In effetti oggi i club fanno la parte del leone nella torta dei diritti tv, il motore che pompa ogni anno miliardi nelle casse dei club (quasi 6 miliardi nella Premier League; 1,8 nella Lig e 1,5 nella Serie A, i campionati più ricchi al mondo). Quella che Agnelli tiene davanti agli studenti è una sorta di lectio magistralis sul mondo del calcio e sulle prospettive dell’industria più da presidente dell’ECA, la Confindustria del calcio europeo, che guarda all’idraulica complessiva del mercato più che al “particulare”, ma per farlo parte dall’unicum della Juventus, solo club al mondo che da quasi 125 anni è di proprietà dello stesso azionista, per di più una famiglia: il club fu fondato sulla famosa panchina di Corso Re Umberto nel 1924.

 

E oggi, dopo aver sfondato la soglia del mezzo miliardo di fatturato, è entrato nella Top10 dei più grandi club al mondo, grazie anche all’ingaggio della superstar Cristiano Ronaldo (che però è costato dal lato contabile una perdita per il secondo anno di fila e debiti saliti a 570 milioni al 30 settembre).

A differenza della fiction, che alimenta la galassia degli Ott, da Netflix ad Amazon, i nuovi padroni della tv, il calcio offre l’unicità dell’evento dal vivo. E il tifoso non si accontenta di un video: vuole vedere le partite mentre si giocano.

 

E per accontentare i suoi 89 milioni di follower sparsi in tutto il mondo, tutti potenziali clienti, il club gioca sempre più partite ufficiali fuori dai confini nazionali. Lo fa anche per sottrarsi all’abbraccio soffocante della regolamentazione, la gabbia di enti che decidono calendari e introiti ma che pensano al calcio ancora come a un gioco, come è stato per oltre un secolo, e non come a quella macchina globale di affari e business che è diventato. Oggi metà dei ricavi di un club arriva da attività regolamentate: su 12 mesi di attività, solo 2, quelli delle turnè estive, sono effettivamente gestiti dalle singole squadre. E per questo i grossi club vagheggiano da tempo l’idea di una super-lega, ma soprattutto guardano con favore all'assalto delle nuove piattaforme che grazie alla loro disintermediazione, «riportano indietro l’equity value nelle mani dei club».

 

Simone Filippetti

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Minor threat ha scritto:

E vabbè, dai, decennio più decennio meno .ghgh

 

 

 

 

 

 

 

.doh

Ma soprattutto gli Agnelli ci "posseggono" da prima della (secondo loro) nascita 😂

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

2 ore fa, Area bianconera ha scritto:

Juventus, solo club al mondo che da quasi 125 anni è di proprietà dello stesso azionista, per di più una famiglia: il club fu fondato sulla famosa panchina di Corso Re Umberto nel 1924.

.doh

Share this post


Link to post
Share on other sites

12 aprile 1924...chi può dimenticare il giorno sacro della nostra fondazione?? @@

 

O era il 32 settembre?? uum

 

Dio Santo...a cogliere le barbabietole da zucchero...ma con la bocca però... .doh

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma questo Filippetti lavora per la Repubblica?

Spero per lui che abbia fatto confusione tra il nostro anno di fondazione e quando il primo Agnellli divenne presidente, cosa per altro che avvenne se non erro nel 1923 .

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, andy68 ha scritto:

1924+125 siamo nel 2049

Quindi ho 76 anni...

 

Cacchio se me li porto bene...ammappete...a me la piscina di Cocoon me spiccia casa... :d

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minutes ago, giorgino said:

12 aprile 1924...chi può dimenticare il giorno sacro della nostra fondazione?? @@

 

Dio Santo...a cogliere le barbabietole da zucchero...ma con la bocca però... .doh

Tranquillo che se fossero stati meravigliosi od onesti non avrebbe sbagliato .ghgh

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, piesel ha scritto:

Tranquillo che se fossero stati meravigliosi od onesti non avrebbe sbagliato .ghgh

Ah beh...in quel caso t'avrebbe detto pure l'ora esatta in cui era stato firmato l'atto costitutivo della società...secondi e centesimi compresi... .ghgh

 

Alfiooooooooooooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! :d

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questi giornalisti che non sanno neanche l'anno di fondazione della Juventus andassero non a vedere le lezioni di Agnelli, ma quelle di Montero.

 

  • Mi Piace 5
  • Grazie 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 minuti fa, giorgino ha scritto:

12 aprile 1924...chi può dimenticare il giorno sacro della nostra fondazione?? @@

 

O era il 32 settembre?? uum

 

Dio Santo...a cogliere le barbabietole da zucchero...ma con la bocca però... .doh

anche con qualche altra parte del corpo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Area bianconera ha scritto:

solo club al mondo che da quasi 125 anni è di proprietà dello stesso azionista, per di più una famiglia: il club fu fondato sulla famosa panchina di Corso Re Umberto nel 1924

E che è, caccia all'errore? :-) 

(Chissà come gli è venuta questa serqua di cifre sbagliate... Interessante problema filologico...)

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, giorgino ha scritto:

Quindi ho 76 anni...

 

Cacchio se me li porto bene...ammappete...a me la piscina di Cocoon me spiccia casa... :d

Io me la sono bevuta la piscina di Cocoon....

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
44 minuti fa, giorgino ha scritto:
45 minuti fa, piesel ha scritto:

Tranquillo che se fossero stati meravigliosi od onesti non avrebbe sbagliato .ghgh

Ah beh...in quel caso t'avrebbe detto pure l'ora esatta in cui era stato firmato l'atto costitutivo della società...secondi e centesimi compresi... .ghgh

 

Alfiooooooooooooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! :d

Sì, però con l'Inter tendono a dimenticare molti altri fatti avvenuti tra l'anno di nascita ed il presente. uum 

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caro giornalista, non solo la Juventus nel '24 era già fondata ma aveva già gli stessi trofei del napoli. Non che ci volesse molto a vincere due miseri scudetti, almeno non per noi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, kafudda ha scritto:

Questi giornalisti che non sanno neanche l'anno di fondazione della Juventus andassero non a vedere le lezioni di Agnelli, ma quelle di Montero.

 

Quest'uomo è un fenomeno vero....che ricordi stupendi!!!

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Francesco Juve 2000 ha scritto:

Aldilà del clamoroso errore (1924) mi trovo d'accordo col fatto che il mondo del calcio andrà incontro ad una diminuzione del suo giro d'affari in  futuro

E sarebbe l'ora...

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, kafudda ha scritto:

Questi giornalisti che non sanno neanche l'anno di fondazione della Juventus andassero non a vedere le lezioni di Agnelli, ma quelle di Montero.

 

Marooooooooooooò Paolino ...che mito assoluto.

Ma quanto gli voglio bene a sto UOMO qua ?

 

Quando si toglie gli occhiali pensavo partisse con una testata....invece l'ha demolito senza toccarlo , con una dichiarazione epica

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Area bianconera ha scritto:

 la gabbia di enti che decidono calendari e introiti ma che pensano al calcio ancora come a un gioco, come è stato per oltre un secolo, e non come a quella macchina globale di affari e business che è diventato

Sarà che il mondo ormai va cosi, sarà che il dio Denaro è l'unica cosa che tira di più del famoso pelo..

 ma sta cosa a me sembra assurda... 

 

Il calcio per me sarà sempre prima di tutto un gioco... una passione al massimo.

 

Vogliono sacrificare tutte le cose belle in nome del Denaro..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.