Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Sign in to follow this  
bombazo

Chiesa: "A 13 anni ho pensato di smettere, adesso lavoro per alzare sempre l'asticella. Il futuro? A fine carriera vorrei aver vinto scudetti e Champions"

Recommended Posts

In un webinair organizzato da "Randstadt", "Allenare, allenarsi, guardare altrove", Federico Chiesa, esterno classe 1997 della Juventus e della nazionale, ha affrontato diversi temi legati alla sua vita: "Ho avuto una carriera un po’ in salita nelle giovanili. A 13 anni passai un brutto momento, perchè vedevo i miei compagni di squadra crescere fisicamente e tecnicamente, migliorare e giocare ogni domenica, mentre io facevo fatica a tenere il ritmo e dovetti retrocedere di un anno per poter giocare qualche minuto. E’ stato così duro che ho pensato di smettere. Ma, con un po’ di determinazione e l’aiuto dei miei genitori e di un mister che mi ha fatto crescere come persona ho iniziato a considerare l’allenamento quotidiano come la mia partita, la mia sfida personale, e sono riuscito a superarlo. Cos'è il talento per me? Il talento per me è una predisposizione a fare qualcosa che hanno tutti ma purtroppo tanti passano una vita intera a cercare di scoprirlo e altri ancora non riescono a capirlo. Io sono stato fortunato, perchè l’ho capito fin da piccolo quando invece di prendere la palla con le mani la calciavo, ma penso anche che bisogna essere bravi a costruirsi la propria fortuna. Se ti concentri sui pensieri negativi attiri la sfortuna, se invece mostri determinazione, positività e voglia di migliorarti, di divertirti e di allenarti a mille all’ora con i tuoi compagni, la fortuna arriva. Nello sport è la costanza del lavoro che fa la differenza, perchè porta costanza nelle performance e nei risultati. I miei compagni di squadra mi descrivono come un giocatore generoso più che talentuoso, perchè ho talento e sono stato bravo a scoprirlo ma il mio vero valore è che ogni giorno in allenamento e in partita do tutto, ho lavorato tanto per arrivare dove sono adesso. Il mio pensiero fisso è alzare l’asticella ogni giorno ed è questa mia caratteristica che ha fatto la differenza nella mia carriera, portandomi nella Juventus, uno dei migliori club al mondo. I miei genitori mi hanno insegnato il valore dell’umiltà, del rispetto per ciò che si fa e l’importanza di cercare sempre di migliorarsi, che è qualcosa che si dovrebbe fare sempre nella vita. Ho avuto anche tre mister che mi hanno aiutato a esprimere questi valori, che sono stati degli educatori per me più che degli allenatori. Sono importantissimi anche il contesto e i compagni di squadra. Quando cresci e inizi a giocare con gli adulti, puoi imparare tanto dalla loro esperienza e dai loro consigli, ma aumentano anche le responsabilità. La filosofia della Juventus è vincere sempre, non arrendersi mai e continuare a migliorarsi. Arrivare fino a qui può anche essere stata una fortuna, ma poi bisogna confermarsi ogni giorno ad alti livelli ed è questa la parte veramente difficile di questo mestiere. E’ una forte pressione, ma è anche un onore e una grande felicità poter vestire la maglia di un club in cui tantissimi bambini e calciatori sognano di giocare. Qui so che ogni giorno posso migliorare ogni aspetto del mio gioco perchè mi alleno con grandissimi campioni da cui ho solo da imparare. Il mio futuro? Quando avrò chiuso la carriera vorrei aver lasciato un’impronta di vittorie, vorrei aver vinto scudetti e la famosa Champions League, ma soprattutto vorrei essere di ispirazione ai tanti ragazzini 13enni che stanno faticando nelle giovanili, in panchina e sfiduciati, mostrargli con la mia storia che possono farcela”.

Fonte: tuttojuve.com 

Share this post


Link to post
Share on other sites

"A 13 anni passai un brutto momento, ....... E’ stato così duro che ho pensato di smettere."

 

Questa frase dovrebbe aprire un serio dibattito su cosa sia il calcio giovanile oggi.

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, PIEMUNTEISA-HOYBAÑACAUDA ha scritto:

"A 13 anni passai un brutto momento, ....... E’ stato così duro che ho pensato di smettere."

 

Questa frase dovrebbe aprire un serio dibattito su cosa sia il calcio giovanile oggi.

lui però ha avuto la "fortuna" di essere figlio di Enrico....ma ci sono moltissimi giovani che questo privilegio non lo hanno ed ahime, come giustamente affermi, vengono risucchiati nel vortice di quelli che non ce la faranno...


E' un vero peccato....

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, ghepa ha scritto:

lui però ha avuto la "fortuna" di essere figlio di Enrico....ma ci sono moltissimi giovani che questo privilegio non lo hanno ed ahime, come giustamente affermi, vengono risucchiati nel vortice di quelli che non ce la faranno...


E' un vero peccato....

Ho sentimenti contrastanti verso il calcio giovanile. 

Io ho iniziato a giocare a pallone a 15 anni. Ora ne ho 48 e gioco ancora il lunedì a 5 e il giovedì a 7. Ho paura che oggi il limite inferiore sia troppo basso. Nella società dove gioca mio figlio incominciano a 4 anni...a me sembra onestamente assurdo.

Questi bambini rischiano di diventare saturi a 15 anni e se non si sentono magari "arrivati" rischiano di rinunciare a "giocare" allo sport più bello del mondo perché si sentono delusi.

 

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

In questa stagione hanno fatto bella figura solo Chiesa, Cuadrado, Danilo, De Ligt e una buona prima parte di stagione McKennie e Morata.

Il resto sarebbe teoricamente da buttare, ma ovviamente per alcuni si è trattato di una annata storta e meritano un'altra chance.

Chiesa in particolare ha un tipo di gioco frenetico che mi gasa davvero, anche a livello emotivo, oltre a dare degli strappi che si rivelano molto utili per la squadra.

Fare quello che ha fatto Federico al suo primo anno in bianconero, in una stagione storta, dove la squadra è apparsa spesso "scollata", non è roba da poco. Evidentemente anche l'episodio che ha citato l'ha fortificato.

Mi auguro che l'anno prossimo conquisti una ulteriore leadership nelle gerarchie.

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minuti fa, PIEMUNTEISA-HOYBAÑACAUDA ha scritto:

"A 13 anni passai un brutto momento, ....... E’ stato così duro che ho pensato di smettere."

 

Questa frase dovrebbe aprire un serio dibattito su cosa sia il calcio giovanile oggi.

Si. Ci sarebbero da fare un’infinità di riflessioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, zebra67 ha scritto:

In questa stagione hanno fatto bella figura solo Chiesa, Cuadrado, Danilo, De Ligt e una buona prima parte di stagione McKennie e Morata.

Il resto sarebbe teoricamente da buttare, ma ovviamente per alcuni si è trattato di una annata storta e meritano un'altra chance.

Chiesa in particolare ha un tipo di gioco frenetico che mi gasa davvero, anche a livello emotivo, oltre a dare degli strappi che si rivelano molto utili per la squadra.

Fare quello che ha fatto Federico al suo primo anno in bianconero, in una stagione storta, dove la squadra è apparsa spesso "scollata", non è roba da poco. Evidentemente anche l'episodio che ha citato l'ha fortificato.

Mi auguro che l'anno prossimo conquisti una ulteriore leadership nelle gerarchie.

McKennie e morata sono due pipponi siamo seri.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Talento onestamente ne vedo 0 in Chiesa.

Vedo però grande determinazione e voglia di fare, che a volte sono anche più importanti del talento puro.

Scondo me se non fosse stato figlio di Enrico non sarebbe diventato calciatore.

Speriamo che non si senta mai arrivato, altrimenti il giorno che lo farà diventerà automaticamente un giocatore normale e anche meno

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
43 minuti fa, mielemonti ha scritto:

È stato accolto con molti dubbi ma è stata una lieta sorpresa ha fatto delle grandi cose 

Vero, anche nel doppio incontro col Porto è stato l'unico che ha onorato la competizione.

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per la Champions magari devi cambiare squadra! Per il scudetto speriamo già di rivincerlo l’anno prossimo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il calcio è pieno di esempi di calciatori scartati da grandi squadre e poi rivelatisi grandi campioni. Questo succede un po' in tutti i campi lavorativi. L'importante è avere in testa quello che uno vuole fare, e Chiesa mi sembra uno con idee molto chiare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grande Federico!!!!!

Grazie per aver scelto di indossare i nostri colori ( tu l ' hai fatto con DIGNITA ) , vedrai , presto ti toglierai parte dei tuoi desideri.. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non c'avrei scommesso una lira, ma ha 2 palle di acciaio, una voglia matta di migliorare e sta raccogliendo i risultati del suo lavoro.

Gli serve solo un allenatore che non lo demolisca mettendolo sulla fascia sbagliata a pestarsi i piedi con CR7.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.