Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Sign in to follow this  
The Italian Giants

VIDEO Dani Alves: "A Dybala ho detto che un giorno, non so quando, dovrà lasciare la Juventus per migliorarsi. Buffon è un grande"

Recommended Posts

Oh ma che cazzoo sta succedendo?!?!

 

Tra Buffon, la BBC e adesso quest'altro, stanno andando tutti fuori di testa!

 

Dichiarazioni VERGOGNOSE da parte di tutti, ma che scherziamo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

La Juve la coppa non può vincerla. Chi vuole alzarla deve andare altrove. Ha consigliato solo la verità. Poi avrà visto i vecchi della Juve quanto se la fanno sotto. Da lì si capisce la nostra inadeguatezza per la CL. Pure Evra disse a Pobba di andare a Manchester e non credo per il mare, ma per la possibilità di vincere in Europa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se lavora in una azienda di * glie lo deve dire in privato, non in pubblico

 

Se lo dice in pubblico sbaglia

 

Ciò non toglie che se l'azienda è veramente di *, di * rimane sia che lo dica in pubblico che in privato

 

Ora, sarà da stigmatizzare il brasiliano, ma io fossi la dirigenza mi farei qualche domanda, del perchè uno che la sa lunga arrivi a queste conclusioni

 

Solo così miglioriamo, facendoci qualche domanda, non certo incazzandoci con dani alves

 

Non certo con le interviste politically correct di buffon ogni die per tre, che sono dei desolanti piagnistei, eticamente corretti, ma che ti fan cadere le palle

 

.ok

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dopo 14 giorni ancora ad autoflaggelarsi, leggere alcuni di voi manda in depressione.che ne dite di un po' di mare.

 

Inviato dal mio SM-G900F utilizzando Tapatalk

 

 

Ma tu ci stavi in serie b che ti lamenti di campionato e coppa

 

Inviato dal mio SM-G900F utilizzando Tapatalk

C'ero in serie B e non mi lamento affatto.

Che abbiamo speso 100 milioni per un 30 enne che ci ha fatto vincere le stesse cose che ci hanno fatto vincere Pepe e Matri è un dato di fatto.

Ah, per me Vucinic , Quagliarella, pepe e Matri sono idoli , quindi non sto insultando Higuain ma é la verità che ci ha fatto vincere le stesse cose.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In queste 80 pagine di insulti c'è il motivo per cui non vinceremo mai un tubo in Europa.

Avanti con la mentalità della BBC e il muratore svizzero titolare sulla fascia.

Dani Alves non ve lo meritate.

Non puoi leggere quello che piace a te.

Leggi bene e soprattutto leggi che non ce l'abbiamo per quello che ha detto sul gioco della Juve ma per qualcos'altro che è ben diverso

Share this post


Link to post
Share on other sites

In queste 80 pagine di insulti c'è il motivo per cui non vinceremo mai un tubo in Europa.

Avanti con la mentalità della BBC e il muratore svizzero titolare sulla fascia.

Dani Alves non ve lo meritate.

Come se te sbandierassi ai 4 venti che la società per cui lavori fa schifo, stessa cosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io faccio lo Chef e ho anche un buon successo, se dicessi ad un mio collega più giivane le stesse cose e lo saprebbe la proprietà sarei licenziato seduta stante. Figurati se lo dicessi in tv mondiale! Nessun giovane cuoco vorrebbe andare li a maggior ragione se prendono me come simbolo..

Come vedi continuo a forzare, ma la situazione è questa

 

Non necessariamente, perchè io ad esempio lo prenderei per quello che è, in quel'ambiente non puoi esprimerti al meglio per una serie di motivi che vanno al di la dell' executive chef e del ristorante, per mille altre ragioni che possono andare dalla zona alle capacità di valorizzare le materie prime al fatto stesso di essere chiuso da altri due o tre su chef di talento che potrebbero rallentarne la crescita.

 

Purtroppo qui si ha il brutto vizio di vedere il marcio dove non c'è. Sapate chi dovrebbe veramente cacciare la juventus? Buffon e Barzagli. loro due si che hanno rilasciato in mondo visione dichiarazioni lesive della societa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dichiarazioni surreali, da folle, che abbia ragione o meno è del tutto

irrilevante. Persona poco intelligente.

 

Spero che la società prenda posizione pubblicamente oltre che multarlo

nel modo più pesante possibile.

 

Altrimenti passa il messaggio che il clown arrivato dal Barca può

mancare di rispetto e ledere l immagine della società impunemente.

 

qui l'uniche manca di rispetto a qualcuno sei tu, dando del clown ad un giocatore della juventus, e i moderatori dovrebbero prendere provvedimenti nei tuoi confronti perchè è contro il regolamento del forum avere un atteggiamento del genere.

 

Inoltre di surreale c'è solo la tua versione dei fatti visto e considerato che Alves non ha detto nulla che possa aver minimamente leso la Società.

Share this post


Link to post
Share on other sites

3 considerazioni:

 

1. Alves è un idiota a cui andrebbe rescisso il contratto.

2. Se Alves dice questo, fossi in società e allenatore mi farei due domande sulla mentalità catenacciara della Juventus...se Alves che ha vinto tutto, pensa certe cose, io al posto di Agnelli e co,., qualche domanda sulla mentalità dellla Juventus me la farei.

3. Dybala è un giocatore strapompato. Nel calcio di oggi uno che a 20 anni non riesce a correre per 50 minuti, non farà mai la differenza a livelli altissimi. Figuriamoci a 28-29 anni, come sarà messo Dybala atleticamente...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come se te sbandierassi ai 4 venti che la società per cui lavori fa schifo, stessa cosa.

e dove lo avrebbe mai sbandierato Alves che la società per cui lavora fa schifo? illuminami perchè a me non è proprio sembrato....

Share this post


Link to post
Share on other sites

3 considerazioni:

 

1. Alves è un idiota a cui andrebbe rescisso il contratto.

2. Se Alves dice questo, fossi in società e allenatore mi farei due domande sulla mentalità catenacciara della Juventus...se Alves che ha vinto tutto, pensa certe cose, io al posto di Agnelli e co,., qualche domanda sulla mentalità dellla Juventus me la farei.

3. Dybala è un giocatore strapompato. Nel calcio di oggi uno che a 20 anni non riesce a correre per 50 minuti, non farà mai la differenza a livelli altissimi. Figuriamoci a 28-29 anni, come sarà messo Dybala atleticamente...

il punto uno te lo potevi risparmiare, e saresti pure da sospendere per aver insultato un tesserato della Juventus, cosa proibita dal regolamento del forum

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una cosa giusta l'ha detta Dani Alves... e sarebbe anche il caso che i tifosi inferociti ne prendessero atto quando criticano Buffon e chi non l'ha ancora vinta, o se non la si vince da 21 anni. Per questa finale state massacrando non solo i giocatori... ma anche la STORIA della Juventus in modo indegno. Fissati con questa Coppa, hanno demolito tutto ciò che abbiamo fatto in più di 100 anni di gloria. Tenendo comunque presente ANCHE che di Coppe dei Campioni ne abbiamo vinte due, mica neanche una.

 

 

” Penso che la Champions sia solo un titolo in più, la gente confonde questo cose…”non sei nella storia se non vinci la Champions” non è vero, non è così. Buffon è un grande, una leggenda del calcio, lo dicono i suoi numeri. Anche Ronaldo non ha mai vinto una Champions ma per me Ronaldo era…cavolo, ogni commento è superfluo. E allora che facciamo, mettiamo in dubbio Ronaldo? Buffon continua ad essere Buffon, uno dei migliori portieri che io abbia mai visto, anche se ha qualche anno più di me"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Son già passate troppe ore e non ho ancora letto notizia della rescissione del contratto di questo pagliaccio.

 

pensa invece che sono passati parecchi minuti da quando tu hai insultato un tesserato della Juventus ed ancora non ho visto una tua sospensione dal forum, questo si che è veramente grave

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

qui l'uniche manca di rispetto a qualcuno sei tu, dando del clown ad un giocatore della juventus, e i moderatori dovrebbero prendere provvedimenti nei tuoi confronti perchè è contro il regolamento del forum avere un atteggiamento del genere.

 

Inoltre di surreale c'è solo la tua versione dei fatti visto e considerato che Alves non ha detto nulla che possa aver minimamente leso la Società.

Fidati, sei quello che qui ha capito meno di tutti,

non ci arrivi proprio inutile provare a spiegarti.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

il punto uno te lo potevi risparmiare, e saresti pure da sospendere per aver insultato un tesserato della Juventus, cosa proibita dal regolamento del forum

Ad Alves andtebbe rescisso il contratto perché ha imsultato la Juventus, squadra per cui faccio il tifo.

Quindi si merita tutti gli insulti.

Sparisca da Torino alla svelta.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il vero problema della Juve siamo noi tifosi siamo noi ad acquistare abbonamenti,sky,trasferte ,biglietti,maglie azioni,e dobbiamo pretendere che la squadra giochi un calcio offensivo tale da poterci far primeggiare in europa non fare i contabili della società

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso che arrivare alla radice del problema sia già un bel pezzo di strada. L'altro pezzo è risolverlo, ma capire il problema è il primo passo.

 

Il problema è che il modello italiano non è un modello storicamente vincente.

 

C'è questa leggenda metropolitana che la nostra filosofia sia la migliore, la più efficace, ci vantiamo di essere più furbi degli altri, convinzione che non si capisce da cosa sia data, dai 4 mondiali vinti? Beh, innanzitutto ci sarebbe da dire che due di questi mondiali sono stati vinti nella preistoria, quando il calcio non era calcio.

 

Dal secondo dopoguerra, ovvero da quando c'è il vero calcio, il Brasile ha vinto 5 mondiali, la Germania 4. L'Italia 2, come l'Argentina, uno solo in più di Inghilterra e Spagna. In 17 manifestazioni iridate giocate dal Dopoguerra l'Italia è arrivata 4 volte tra le prime due, due volte tra le prime quattro, e ben 11 volte fuori dalle prime quattro. Ovvero il 65% delle volte l'Italia non si è classificata tra le prime quattro, e ancora oggi sento dire che il nostro modello è il migliore. Il Brasile è arrivato 7 volte tra le prime due, 3 volte tra le prime quattro, solo 7 volte fuori dalle prime quattro (40%). La Germania è arrivata 8 volte tra le prime due, 4 volte tra le prime quattro, solo 5 volte fuori dalle prime quattro (35%).

 

Quindi inizierei a far crollare questo mito, il modello italiano non è storicamente il migliore e neppure il più vincente. Quando ci saremo liberati di questa falsa convinzione gli occhi inizieranno a togliersi qualche pezzettino di prosciutto in più.

 

Ma diciamo che nel calcio delle nazionali questa filosofia può anche avere un senso, dal momento che le squadre non sono collettivi omogenei che si allenano a giocare insieme e ad oliare i movimenti quotidianamente in allenamento​ ma sono selezioni, quindi può accedere più spesso che una squadra solida e compatta abbia ragione di una qualitativamente più dotata.

 

Nel calcio internazionale dei club è invece dimostrato in modo lampante che il modello italiano è il più perdente di tutti, da che esiste la Coppa dei Campioni il 90% delle squadre trionfatrici aveva sempre un'impronta offensiva e basata sul gioco spettacolare, pieno di interpreti altamente tecnici. E anche nei rari casi in cui è avvenuto che vincessero squadre difensiviste (tipo Liverpool 2005, Inter 2010 o Chelsea 2012) parliamo comunque di situazioni episodiche, molta fortuna e squadre che non hanno aperto nessun ciclo, sono rimaste nell'anonimato.

 

Alla Juve dopo innumerevoli batoste questo ci ostiniamo a non capirlo, e ancora siamo convinti che il nostro modello di calcio sia superiore. Forse perché ci culliamo dietro le 9 finali, pensiamo che queste bastino a provare che la strada sia giusta e se poi si perdono è solo sfortuna o conseguenza di inquietanti maledizioni. Invece la finale è parte della competizione ed è la partita in cui più di tutte conta segnare molto e far emergere la qualità superiore.

 

La Juventus è, da sempre, una realtà presuntuosa e arrogante, fossilizzata, figlia del Paese in cui vive, dove si cercano sempre le vie traverse più facili per raggiungere gli obiettivi, si pensa di ottenere il massimo con il minimo.

Cambiare 150 anni di storia è difficile, ma la storia qualcosa insegna ed è da masochisti continuare a non darle attenzione.

il tuo commento è stimolante, a parte l'ultima frase un po' troppo liquidatoria, anche se ho un punto di vista abbastanza diverso dal tuo. Provo ad argomentare : proprio i tuoi dati dimostrano che storicamente il calcio italiano, con la sua specifica identità anche molto tattica, se non è il migliore, è certamente un calcio d'elite. E fino al 2007 (non trenta anni fa) era forse all'apice in assoluto. Calciopoli ha segnato il discrimine: dopo, il calcio italiano è peggiorato, quasi come dopo Tangentopoli quando la politica italiana è regredita invece di migliorare. Da sempre poi, in tutti i campi, gli Italiani invece che autoesaltarsi, hanno semmai il difetto opposto e cioè quello di essere sempre ipercritici con loro stessi, descrivendosi e percependosi pubblicamente come i peggiori del mondo. Dal mio punto di vista è un esercizio di intelligenza, ma che può essere anche controproducente soprattutto a livello di psicologia collettiva.

In questi ultimi dieci anni è successo calcisticamente qualcosa che ha completamente cambiato le gerarchie: l'esplosione del fenomeno Barcellona e del calcio spagnolo, che, ammetterai, a livello di nazionale è stato fino al 2008 praticamente irrilevante. il Real Madrid è sempre esistito, ma come entità singola, diversamente dalla Juve che ha invece storicamente legato le sue sorti ai successi della Nazionale. Dal 2006 la Spagna vince due Europei ed un mondiale e il Barcellona vince quattro Champions (fino al 2006 ne aveva meno della Juve) e il Real è tornato a fare quello che storicamente è stato (dopo essersi preso i in Champions una pausa di 30 anni circa) e quindi, secondo me, non puoi leggere il calcio di oggi prescindendo da questa chiave di lettura, che registra l'affermazione di una scuola calcistica sbocciata dopo tanto tempo, ma comunque frutto di una precisa filosofia e identità calcistica.

I tentativi di esportare però quel tipo di approccio in altri contesti e in altre culture calcistiche hanno prodotto risultati tutt'altro che convincenti (vedi Guardiola al Bayern e il City).

E in fondo gli esempi che fai (Inter 2010 e Chelsea 2012, non a caso figli entrambi della cultura calcistica di Mourinho che evidentemente ben si sposava con quella italiana di cui anche il Chelsea è stata espressione) potrebbero essere considerati come l'unico tentativo alternativo alle due spagnole. Il gioco e i risultati dell’Atletico Madrid possono essere letti allo stesso modo. Il Bayern nel 2013 vince da squadra tedesca, con grande fisicità soprattutto, e non vince quando gioca alla spagnola con Guardiola.

Questo, per dire, in buona sostanza che, secondo me, è un po’ utopistico pensare che la Juve stravolga la sua identità innestando un tipo di gioco totalmente estraneo alla cultura calcistica italiana (mi sembrerebbe un esperimento da laboratorio, più che un’operazione calcistica viva), quando invece sarebbe molto meglio capire che cosa di quella cultura, che comunque è riuscita a portarti in finale di Champions due volte negli ultimi tre anni, va migliorato e sviluppato. Per esempio correre e pressare di più di quanto la Juve non faccia. E dovrebbe cambiare la mentalità della società su certi punti (ma su quello ho scritto in un altro topic)

Elemosinare poi mentalità vincente da campioni esteri come ha fatto Buffon alla vigilia di Cardiff, svelando il contenuto del messaggino mandato a Dani Alves quando è arrivato alla Juve, è indizio di un approccio mentale, secondo me, profondamente sbagliato e soccombente a prescindere da come giochi. E così l’intervista di Chiellini più volte citata, dove non è sbagliato dire che la Juve non è come il real, ma confessare la paura se prendi un gol a dieci minuti dal termine. Assurdo.

In sintesi la mentalità vincente, secondo me, non dipende dal fatto che fai un gioco offensivo,anche se questo ammetto può aiutare. il Milan che vinse la Champions del 1994 con Capello contro il Barcellona di Cruyff vinceva tutte le partite 1-0 e subiva pochissimi gol, ma era fatto da calciatori con una mentalità da campioni assoluti, l’olanda degli anni 70 era una squadra iper offensiva che non è riuscita a vincere mai un Mondiale.

Cerchiamo magari di non buttare via il bambino con l’acqua sporca.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Resta il fatto che se quel ragazzo è un talento la proprietà ne risente se lui prende in considerazione le parole dello Chef, si discuteva del fatto che potesse arrecare un qualche tipo di danno alla società, Anche io la penso come Dani, ma non lo avrei detto davanti le telecamere, pensando di poter lenire l'immagine del mio club e per paura delle conseguenze(che la società nn prenderà) anche se penso che è proprio questo che cerca Dani Alves

si hai ragione Buffon e Barzagli, aggiungo Chiellini eAllegri che sono tutti perdenti dentro.

Il discorso di fondo è che, anche nell'intervista pre partita a cardiff, l'unico che ha sempre parlato della Juventus come di un Top Club che doveva giocarsela alla pari con il Real è stato proprio Alaves, gli altri due parlavano come se fossimo un crotone qualunque. Quindi, per questo io ho la certezza assoluta che Alves abbia parlato con Dybala non in termini di blasone o di grandezza del club ma bensi di possibilità tecniche e tattiche che, ed è innegabile, in italia ed alla Juventus non ci sono. Ma non perchè la Juventus sia scarsa, ma perchè il calcio italiano e a torino sono legati ad un concetto di calcio che io trovo arcaico.

 

Qui sono 80 pagine di sfogo da parte dei soliti noti che hanno sempre mal sopportato l'arrivo di Alves alla Juventus e che non aspettavano altro che una scusa per potergli dare contro. e questo mi fa veramente rabbia. un atteggiamento che trovo vigliacco ed infame.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Quella è la porta, ma credo che nella sostanza Alves non abbia affatto torto.

 

È l'ora che il mondo-Juve si dia una svegliata, a furia di continuare a credere che siamo imperversati da fasulle maledizioni questa Coppa si divertirà a punirci in modo sempre più atroce.

Infatti Alves non ha torto.

Ma certe cose non le deve dire mai nella vita in TV.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fidati, sei quello che qui ha capito meno di tutti,

non ci arrivi proprio inutile provare a spiegarti.

 

ma guarda, da come ti esprimi, dal lessico che usi, mi sa che qui l'unico che ha carenze intellettive sei tu.

Ed impara a rispettare il prossimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.