Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Minor threat

Il ritmo: questione fisica e mentale

Recommended Posts

Abbiamo tutti negli occhi la partita di ieri, e anche l'altra semifinale. Credo che quasi tutti siano d'accordo sul fatto che ci sia una differenza notevole di ritmo tra queste partite e una partita nostra, con pochissime eccezioni. E questo è stato ampiamente detto anche qui dentro in tanti post. 

 

Stamattina ho però sentito De Biasi a radio sportiva, e diceva una cosa interessante. Secondo lui, oltre agli aspetti fisici sono determinanti anche, per tenere ritmi alti, gli aspetti mentali. Sicuramente in Italia si fa un tipo di allenamento diverso rispetto al resto d'Europa, e questo lo dicono un po' tutti i giocatori che vengono qui da Spagna, Inghilterra o Germania. E già su questo ci sarebbe molto da riflettere, perché il problema non è solo della juve. 

C'è però anche il discorso di De Biasi: secondo lui in Italia si caricano troppo le partite di stress, perdendo quasi completamente la dimesso del "gioco", cosa che alla fine è il calcio, anche ad altissimi livelli. Nel nostro caso poi, lo stress è moltiplicato in coppa dai precedenti. E io credo che ci sia la prova di quanto il fattore psicologico sia importante anche per il ritmo di gioco nelle partite che giochiamo con le spalle al muro. Monaco, Madrid, l'ultima in casa con l'Atletico... tutte partite nelle quali, pur con delle ovvie pause (che ieri si è preso anche il barca, e anche l'ajax nella prima parte del secondo tempo col tottenham), abbiamo tenuto ritmi più alti del solito. 

 

Per parafrasare un grande allenatore: "non guardate la tecnica o la tattica, quelle ce le abbiamo anche noi. Da loro dovete imparare il ritmo". Perché comunque, secondo me, il nostro problema principale non è la tattica, ma la capacità di tenere ritmi alti per buoni tratti della singola partita, e della stagione. 

 

Se sia Allegri in grado di correggere questo aspetto non saprei, ma credo di no (pur apprezzando quello che ha fatto, soprattutto nei primi tre anni)... 

  • Mi Piace 7
  • Grazie 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questione geografica e culturale.
In un campionato come il nostro, con il nostro metro di gioco, di arbitraggio e le continue interruzioni, non c'è verso di prendere il ritmo.

Il ritmo da gara è difficile da allenare, lo sviluppi al massimo solo sul campo partita dopo partita.

 

  • Mi Piace 4
  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo dicono un po' tutti che la componente mentale è importantissima. È sicuramente vero. Del resto lo abbiamo visto l'anno scorso come una squadra inferiore alla Juventus, la Roma, soprattutto perché "libera" mentalmente, abbia spianato il Barcellona e abbia giocato una semifinale di champions. Lo stesso discorso si può fare per l'Ajax. Bravi sono bravi. Anzi bravissimi. Ma se vengono eliminati per loro non cambia un caxxo, per noi è una disfatta biblica. C'è un po' di differenza. Tutte ste pippe sul gioco... anche no, dai.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il ritmo lo inculca l'allenatore ... Basta guardare le partitelle in allenamento che fanno su jtv ... "Passeggiano" pure lì!

Se prendi un allenatore che ha nella testa un gioco fatto di velocità e di pressing organizzato(cosa che ho visto fare solo dall'Atalanta) anche la Juve cambierebbe mentalità.

  • Mi Piace 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi ma vogliamo mettere a confronto le due mediane di Juve e Barcellona? Il ritmo che tanto agognamo nn lo darebbero certo pjanic Matuidi Khedira bentancur....io sono il primo a volere la testa di allegri.pero c'è da dire che il nostro centrocampo salvo emre can fa ridere i polli..

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, jurgen kohler ha scritto:

Tutte ste pippe sul gioco... anche no, dai.

Eh, ma i fatti mi sto facendo poche pippe sul gioco... correre di più e giocare più liberi mentalmente, il resto viene secondo me. 

Adesso, chigen ha scritto:

Ma è lo stesso topic di stamattina che è stato chiuso? .ghgh

 

Se è così mi scuso, non l'ho visto... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minutes ago, Furia Ceca1985 said:

Ragazzi ma vogliamo mettere a confronto le due mediane di Juve e Barcellona? Il ritmo che tanto agognamo nn lo darebbero certo pjanic Matuidi Khedira bentancur....io sono il primo a volere la testa di allegri.pero c'è da dire che il.nostro centracampo salvo emre can fa ridere i polli..

Nel caso arrivasse Guardiola ne terrebbe solo 1 e 1/2 di questi .

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, sommo ha scritto:

Questione geografica e culturale.
In un campionato come il nostro, con il nostro metro di gioco, di arbitraggio e le continue interruzioni, non c'è verso di prendere il ritmo.

Il ritmo da gara è difficile da allenare, lo sviluppi al massimo solo sul campo partita dopo partita.

 

Questo può anche essere, ma anche da noi ormai ci sono diverse gare che non hanno interruzioni così frequenti 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarebbe da cambiare tutto il sistema italiano, c’è da capire però perché fino a dieci anni fa andava bene (vittorie della nazionale e dei vari club nel corso dei decenni) e adesso all’improvviso quasi è come se si andasse su due rette parallele 

 

ritmi, polemiche, allenamenti, requisiti chiesti sin dai pulcini, è un grande mix che danneggia tutti, specialmente noi, non so come si possa uscirne 

 

 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, Furia Ceca1985 ha scritto:

Ragazzi ma vogliamo mettere a confronto le due mediane di Juve e Barcellona? Il ritmo che tanto agognamo nn lo darebbero certo pjanic Matuidi Khedira bentancur....io sono il primo a volere la testa di allegri.pero c'è da dire che il nostro centrocampo salvo emre can fa ridere i polli..

Beh, il ritmo più alto era del Liverpool... Milner, Fabinho, Henderson

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, furia-bianconera ha scritto:

Il ritmo lo inculca l'allenatore ... Basta guardare le partitelle in allenamento che fanno su jtv ... "Passeggiano" pure lì!

Se prendi un allenatore che ha nella testa un gioco fatto di velocità e di pressing organizzato(cosa che ho visto fare solo dall'Atalanta) anche la Juve cambierebbe mentalità.

che litania, ma basta...a parte che in tv ti fan vedere quello che vogliono. Ho 28 anni di abbonamento e da sempre, chi gioca da noi, salvo rarissime eccezioni, perde tempo e basta...e se gli altri tengono il gioco fermo, il ritmo alto non lo prenderai mai..tant'è che in italia, nessuno delle prime gioca ad un ritmo alto, eccezion fatta l'atalanta..un motivo ci sarà

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, Minor threat ha scritto:

 

Se è così mi scuso, non l'ho visto... 

Mi sembra di sì..

Il senso era che gli altri corrono noi no, gli altri giocano noi no..

Spero non te lo chiudano, il tifoso deve pur sfogarsi in qualche maniera -.-

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, Minor threat ha scritto:

Beh, il ritmo più alto era del Liverpool... Milner, Fabinho, Henderson

Eh mettili a confronto coi nostri...solo emre can ti garantisce lo stesso ritmo

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Furia Ceca1985 ha scritto:

Eh mettili a confronto coi nostri...solo emre can ti garantisce lo stesso ritmo

Beh, dai Matuidi sarà poco dotato tecnicamente ma dire che non possa garantire ritmo... 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque giocare a ritmo alto e correre tanto non sono necessariamente la stessa cosa. Puoi correre tanto ma a vuoto. Puoi giocare a ritmo alto facendo correre tanto la palla con dei movimenti precisi. Però devi avere giocatori tecnici che non ti sbagliano stop elementari, che sanno giocare sullo stretto, che siano veloci prima di testa che di gambe... 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una marea di sciocchezze. L'Italia ha vinto tantissimo in Europa, sia a livello di club che di Nazionale e non ci siamo mai posti problemi del genere.La differenza la fanno i fuoriclasse e la mentalità offensiva. Se tu corri a 1000 ma non hai tecnica non vinci, se tu corri a 1000 ma in squadra hai 4 capre tre somari e 4 polli non vinci. Ma per cortesia.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

A calcetto mi accorgo che se corro spesso poi corro sempre in automatico.
Viceversa, se rallento mi abituo a quel tipo di rallentamento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per me non è questione di ritmo ma di preparazione ......non riesco ancora a spiegarmi come si sia arrivati con troppi infortunati e senza condizione ad Aprile nonostante 20 punti di vantaggio per non parlare della partita di Bergamo in coppa Italia.......fallirla in quella maniera allucinante......nonostante una gara superba con l'Atletico dal punto di vista fisico e mentale

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Il Demone ha scritto:

Una marea di sciocchezze. L'Italia ha vinto tantissimo in Europa, sia a livello di club che di Nazionale e non ci siamo mai posti problemi del genere.La differenza la fanno i fuoriclasse e la mentalità offensiva. Se tu corri a 1000 ma non hai tecnica non vinci, se tu corri a 1000 ma in squadra hai 4 capre tre somari e 4 polli non vinci. Ma per cortesia.....

Questo è sicuro, se mi metto io a correre come Vidal faccio pena uguale. Che discorso è? L'Italia ha vinto moltissimo in altri tempi... sono ormai 9 anni che l'Italia non vince nulla, club o nazionali. E l'ultima vittoria non è esattamente un manifesto da propagandare. 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, Minor threat ha scritto:

Eh, ma i fatti mi sto facendo poche pippe sul gioco... correre di più e giocare più liberi mentalmente, il resto viene secondo me. 

 

Sì concordavo con il tuo pensiero .ok

 

Io porrei l'attenzione su un dato per quanto riguarda il bilancio finale della stagione - nella delusione di champions, abbiamo sempre portato a casa due trofei e chi ridimensiona questo dato è in malafede. Ma la delusione c'è e secondo me bisogna analizzare bene questo dato e trovare delle spiegazioni (ovviamente le nostre analisi saranno goffe, ma quelle della società devono essere precise nella ricerca delle cause):

 

1 I nuovi hanno dato un contributo eccellente: Cristiano, Cancelo, Emre Can, mettiamoci anche Kean che giocava a Verona, Spinazzola che nelle pochissime partite non ha deluso. Anche Bonucci, trovare delle colpe in lui è ingiusto, ha fatto una stagione ai suoi livelli.

 

2 Quelli che erano già in rosa hanno tutti (con la sola eccezione di Bentancur e ovviamente Szczesny che non era titolare) peggiorato il rendimento:

 

NOME | PRESENZE 18/19 vs 17/18 | GOL 18/19 vs 17/18

 

Chiellini | -7 | +1

Barzagli | -29 | 0

Alex Sandro | +2 | -3

Cuadrado | -10 | -4

Dybala | -7 | -16

Khedria | -22 | -7

Mandzukic | -11 | -1

Rugani | -7 | 0

Pjanic | -3 | -3

Bentancur | +11 | +2

De Sciglio | +5 | -1

Douglas Costa | -22 | -5

Matuidi | -7 | -1

 

IMHO questa è la principale origine dei nostri problemi, si trovi la causa e ripartiamo ancora più affamati e arrabbiati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
34 minuti fa, Minor threat ha scritto:

Abbiamo tutti negli occhi la partita di ieri, e anche l'altra semifinale. Credo che quasi tutti siano d'accordo sul fatto che ci sia una differenza notevole di ritmo tra queste partite e una partita nostra,

In Italia si gioca a 2 all'ora... per 38 partite all'anno (più coppa italia)... .doh

 

 

Anzi facciano 36... visto che con l'Atalanta si corre.

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so, in generale per me non é un problema di "ritmo" di gioco.

Né ieri sinceramente ho visto un ritmo così alto tra le 2 squadre, non come ad esempio in Premier a volte.
Anche la Juve, specialmente in casa, ha saputo imporre un ritmo alto.

Invece che in generale nel campionato italiano ci sia un problema di ritmo di gioco é vero, ma non dipende per me solo da problemi fisici o mentali ma anche di qualità dei giocatori, nel senso che giocatori migliori fanno ritmi più alti.

Senz'altro però é anche un problema "culturale".

Da noi la partita con continui ribaltamenti di fronte che finisce 4 a 4 non é considerata una "bella partita", in primis dai tifosi (che si lamenteranno dei troppi errori difensivi).

Da anni nel topic del calcio estero mi "batto" per sottolineare come siano miopi le letture che denigrano la Premier come il "non calcio" per la, presunta, assenza di tattica o descrivendo le partite come 22 cani che inseguono il pallone (letto spessissimo in questi anni).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.