Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Deborah J

Il Giornale: "Dall’Heysel al Qatar. Due cose da sapere sui baroni dell’Uefa che fanno la morale. Le parole sulla Juve che 15 anni fa era in serie B facili da controbattere"

Recommended Posts

31 minuti fa, Peppe Juve46 ha scritto:

Si ma abbiamo anche una bella fetta di tifoseria che crede che AA è un dilettante allo sbaraglio. In quest’ultimo ventennio la politica del calcio ha dato il peggio di se,tra corruzione e imbrogli di vario genere questa è solo l’ennesima pagina nera dello schifoso  mondo che c’è dietro “il gioco del calcio”. A questo punto il ridimensionamento è obbligatorio e non mi stupirei se oltre che alla cessione dei big,ne possano pagare le conseguenze U23 e Juventus Women e soprattutto le tante persone che lavorano per Juventus che verranno messe in cassa integrazione e licenziate.

Senza iniziative come la SL non saremo solo noi a ridimensionarci, sarà il sistema calcio italiano a non valere più nulla. Le inglesi si sono ritirate perché, pur avendo debiti, hanno colossi alle spalle e vagoni di entrate per i diritti TV. Noi Italia siamo già un calcio di periferia. Così, saremo presto sul lastrico. Altro che poesia, romanticismo, meritocrazia. La SL era un modo per avere un livellamento verso l'alto delle eccellenze: così, la sperequazione fra ricchi e  poveri si aggraverà.

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, Luxor ha scritto:

Infatti vi hanno accontentato.

Hai letto della nuova Champions? 
 

Io sono dell’idea che il calcio si debba dare una ridimensionata.

 

I talenti ci saranno sempre, il talento non lo puoi arginare e al talento non puoi dire di fare “più partite da fenomeno” all’anno.

 

È proprio il concetto di fondo che è profondamente sbagliato, ma non entra in testa. 
 

Tutto quello che resta sarà una noia in stile F1. 

Se il calcio è diventato un qualcosa di economicamente insostenibile che si torni indietro e si pongano dei paletti riportandolo al centro. 
 

Tutto quello che si fonda sul denaro è malamente corrotto alla bAse. 

Ma quello che tu descrivi è un problema sociale, non calcistico. Se la società va in questo verso, non è che l'azienda calcio può invertire la direzione.

Quale azienda al mondo decide di autolimitare i profitti perche alla base ci sono dei principi socialmente o eticamente insostenibili.

Noi non possiamo fare a meno di vedere le partite. I nostri figli di tifare i campioni di tutto il mondo e non più l'idolo del paese capocannoniere in prima categoria come succedeva a me.

Le società hanno trovato una strada perché la loro azienda sopravvivi e continui a lucrare. Dove ci porterà nessuno lo può dire. Ma chiedere di tornare dietro è come chiedere di tornare nelle caverne.

Lo stanno chiedendo da anni un cambiamento. E la uefa partorisce un nuovo format a più squadre nel 2024. Assurdo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vorrei fosse chiaro che non è lo scontro tra il calcio dei ricchi e il calcio della gente, ma tra due modi di fare business. 

In uno c'è un organizzazione di burocrati che vuole decidere per tutti, dall'altro delle aziende che voglio esercitare la libera impresa. 

Ma non mi venite a parlare di valori per favore

  • Mi Piace 4

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, pinux3 ha scritto:

Invece Andrea Agnelli che oggi ti dice una cosa è domani fa il contrario è "limpido"? 😀

cosa hai contro A.A.  non ti piace? te l'ho gia detto tu sei entrato qui dentro solo per criticare, lascia perdere..........

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, LibeLibeccio ha scritto:

Credo che in questa situazione gli errori di valutazioni siano stati da parte di tutti.

Non tirerei in ballo solo Andrea Agnelli, ma parlerei delle squadre più potenti al mondo tranne due.

 

Evidentemente le reazioni (sportive, politiche, sociali) così forti non erano state previste.

 

Passerà; a settembre nessuno si ricorderà più di niente, ma è importante fare due cose.

 

La prima, comporta le dimissioni di Andrea Agnelli.

La seconda, far cagarè sangue a tutta la serie A chiudendo rubinetti e evitando qualsiasi affare.

Poi vediamo se continueranno a fare i simpatici.

Concordando con te scrivo solo due appunti:

1) la Juve non ha una base italiana, si è fatta fregare i migliori giovani italiani dell'ultima generazione, Chiesa a parte (schifato da tutti o quasi qua dentro).

2)La Juve non ha una rete di scouting adatta per poter fare mercato solo all'estero, visto che di soldi per i più famosi non ve ne sono a causa di mercati scellerati.

 

La soluzione? Non la so, so solo che AA ha fatto dei bei danni ultimamente (per me).

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, J Solo ha scritto:

Concordando con te scrivo solo due appunti:

1) la Juve non ha una base italiana, si è fatta fregare i migliori giovani italiani dell'ultima generazione, Chiesa a parte (schifato da tutti o quasi qua dentro).

2)La Juve non ha una rete di scouting adatta per poter fare mercato solo all'estero, visto che di soldi per i più famosi non ve ne sono a causa di mercati scellerati.

 

La soluzione? Non la so, so solo che AA ha fatto dei bei danni ultimamente (per me).

RIDICOLO

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, horus ha scritto:

RIDICOLO

Non esagerare adesso, ha fatto danni, ma ridicolo non credo dai

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, J Solo ha scritto:

Concordando con te scrivo solo due appunti:

1) la Juve non ha una base italiana, si è fatta fregare i migliori giovani italiani dell'ultima generazione, Chiesa a parte (schifato da tutti o quasi qua dentro).

2)La Juve non ha una rete di scouting adatta per poter fare mercato solo all'estero, visto che di soldi per i più famosi non ve ne sono a causa di mercati scellerati.

 

La soluzione? Non la so, so solo che AA ha fatto dei bei danni ultimamente (per me).

Diciamo anche che la base italiana non è che proponga chissà quali meraviglie.

Donnarumma, Chiesa, Barella, Locatelli (forse)...il resto diciamo che è tranquillamente dimenticabile.

 

Proprio per questo motivo va implementata la tua seconda considerazione; non parliamo di cose imperiture e immutabili...basta solo mettersi di buzzo buono e cominciare.

Tanto abbiamo visto che l'Italia è quella della riunione della Lega Calcio; presidenti salvati a più riprese dalle cosiddette strisciate, ma sempre pronti ad osteggiare e buttare merdà.

Vanno fatti fallire uno ad uno, anche a costo di ridimensionarci pesantemente nel breve periodo.

 

Sulla questione Andrea Agnelli sono piuttosto netto anche io.

Al di là della SuperLeague, che avrebbe potuto tranquillamente avere il suo senso (pur non piacendomi particolarmente) e sulla quale non entro in merito, negli ultimi due anni lo vedo molto "confuso".

Fossi in lui comincerei col tirarmi fuori dall'agone, lasciare la carica, gli impegni e guardare tutto dal di fuori per un po' di tempo delegando le luci della ribalta a qualcuno fidato.

 

Il tempo lenisce, cura le ferite, ricarica e rimette in forze.

Avremo ancora molto bisogno di lui in futuro, ma attualmente "fa più danni che altro".

Share this post


Link to post
Share on other sites

a posteriori, avrebbero dovuto cercare l'appoggio di società minori, includendole in un programma più ampio della super league.

a quel punto, tutti insieme, puntare i riflettori sulle istituzioni così come fa quest'articolo.

farlo adesso sarebbe tardivo, il popolino s'è già schierato e leggerà qualsiasi obiezione come un mero tentativo di sabotaggio al calcio sano.

 

non credo in un altro 2006 (sono mica stupidi), ma la frase di giraudo ha senso anche oggi "togliamo il disturbo, ma vedrete che i banditi arriveranno dopo di noi"

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, DEDONE ha scritto:

Ma quello che tu descrivi è un problema sociale, non calcistico. Se la società va in questo verso, non è che l'azienda calcio può invertire la direzione.

Quale azienda al mondo decide di autolimitare i profitti perche alla base ci sono dei principi socialmente o eticamente insostenibili.

Noi non possiamo fare a meno di vedere le partite. I nostri figli di tifare i campioni di tutto il mondo e non più l'idolo del paese capocannoniere in prima categoria come succedeva a me.

Le società hanno trovato una strada perché la loro azienda sopravvivi e continui a lucrare. Dove ci porterà nessuno lo può dire. Ma chiedere di tornare dietro è come chiedere di tornare nelle caverne.

Lo stanno chiedendo da anni un cambiamento. E la uefa partorisce un nuovo format a più squadre nel 2024. Assurdo. 

Le società chi? 12 società che dopo 48 ore sono diventate 5-6?

 

Il calcio per come lo conosciamo è parte della UEFA e FIFA. Punto.

Con tutti i pro e i contro di questo mondo. 
 

Tornare indietro è impossibile ma adottare un “modello finanziario” diverso sarebbe cosa buona e giusta.

 

Poi lungi da me difende la UEFA...

 

Semplicemente adottare il metodo “marketing spicciolo” NON è la strada giusta. 
 

Con buona pace delle società.

 

Quello che volevano fare era un mero esercizio di stile, per vedere quanto  potenzialmente si poteva guadagnare “se”. 
 

Si fondava tutto su un grosso “se”.

 

Non facciamo finta di vedere quella che è la realtà: un progetto su cui si lavorava da anni è malamente collassato nel giro di 1 notte. 
 

Bella utopia... 

 

In più era facilmente prevedibile un epilogo simile (si, l’ho scritto e ho salvato il mio post di 2 giorni fa)... perché costituiva un pericolosissimo precedente di come un gruppo di 12 square ribelli potesse auto dichiararsi indipendente alla UEFA e farsi una lega tutta propria. 
Perché ne sarebbero nate diverse e ognuna venduta alla banca di turno. Ovvero l’anarchia totale, la morte di 70 anni di calcio...

 

Il tutto per guadagnare più soldi per fare contratti a degli inetti mercenari mediocri a botte di 7 mln netti l’anno.

 

Benvengano le riforme di Rumenigge o le idee di Galliani che lo diceva da anni che c’era troppo scompenso tra la tassazione di diversi pesi.

 

Servono regole chiare e unificate e farle rispettare. 
 

Non servono le Superleghe. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, J Solo ha scritto:

Non esagerare adesso, ha fatto danni, ma ridicolo non credo dai

scusa, mi sono spiegato male

il RIDICOLO sei tu

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ora mi aspetto lo stesso boicottaggio da parte di Governi, giocatori, allenatori, squadre, organizzazioni di tutti i tipi, tv, sponsor e chi ne ha più ne metta, verso i mondiali in Qatar.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, horus ha scritto:

scusa, mi sono spiegato male

il RIDICOLO sei tu

Ah ok, adesso me lo segno, grazie sefz 

1 minuto fa, The Tasmanian Devil ha scritto:

Ora mi aspetto lo stesso boicottaggio da parte di Governi, giocatori, allenatori, squadre, organizzazioni di tutti i tipi, tv, sponsor e chi ne ha più ne metta, verso i mondiali in Qatar.

E poi magari che qualcuno della Juve, nella prossima riunione di lega, urli:" Sono 38 capito! " sbattendo la scarpa sul tavolo emulando Kruscev sefz 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se non altro, questa ridicola vicenda ha messo in luce il vero volto di chi comanda il calcio, se ce ne fosse stato bisogno.

Dalla battuta del 2006 sul risparmio dei francobolli di Platini (da me amato come grande calciatore e viceversa odiato nel post carriera calcistica) fino al Ceferin di oggi, abbiamo dei validi esempi di come è da sempre stato gestito il calcio ai vertici: prepotenza, ipocrisia, supponenza e disinteresse per ogni cosa che non siano le proprie tasche da riempire.

Leggo qua e là commenti sarcastici e offensivi nei confronti di AA, ma da parte mia la stima nei suoi confronti è cresciuta di parecchio in questi ultimi giorni. Amo i coraggiosi che provano a rompere con le gerarchie precostituite, anche quando pare che si battano contro i mulini a vento

  • Mi Piace 4

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, Luxor ha scritto:

Servono regole chiare e unificate e farle rispettare. 
 

Non servono le Superleghe. 

20 anni fa si leggevano le stesse cose e siamo ancora qui, allo stesso punto. Tutti sanno quello che serve ma nessuno fa niente.

 

Ci può stare che parte dei club si sia rotta il razzo?

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Tarmako78 ha scritto:

Triste vedere tanti Juventini festeggiare felici...

Triste vedere tanti juventini sostenere una cosa che non ha niente a che vedere con lo sport. Una squadra il diritto a partecipare a una competizione se lo deve CONQUISTARE SUL CAMPO...

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Luxor ha scritto:

Dare addosso alla UEFA di certo non riabilita quell’abominio che era la SuperLega. 
 

Parole sante...😎

Share this post


Link to post
Share on other sites
56 minuti fa, PIEMUNTEISA-HOYBAÑACAUDA ha scritto:

Senza iniziative come la SL non saremo solo noi a ridimensionarci, sarà il sistema calcio italiano a non valere più nulla. Le inglesi si sono ritirate perché, pur avendo debiti, hanno colossi alle spalle e vagoni di entrate per i diritti TV. Noi Italia siamo già un calcio di periferia. Così, saremo presto sul lastrico. Altro che poesia, romanticismo, meritocrazia. La SL era un modo per avere un livellamento verso l'alto delle eccellenze: così, la sperequazione fra ricchi e  poveri si aggraverà.

Le 3 big italiane sono destinate al fallimento a questo punto, il Barcellona è sull'orlo del baratro... esisterà solo la premier ed il calcio perderà sempre più appeal ed interesse.

La SL non toglieva niente a nessuno, anzi, nessuno aveva tolto la possibilità di giocare competizioni europee ai piccoli club, nessuno voleva distruggere i campionati nazionali.

 

Voleva semplicemente salvaguardare chi ha sempre portato i soldoni nel calcio e generato miliardi negli anni. Ora il calcio del popolo non ha via di scampo, l'Uefa ha aumentato i premi in CL, noi quest'anno non ci qualifichiamo nemmeno. ci ridimensioneremo.

Il calcio Italiano sarà il primo a morire.

Share this post


Link to post
Share on other sites
30 minuti fa, Luxor ha scritto:

Le società chi? 12 società che dopo 48 ore sono diventate 5-6?

 

Il calcio per come lo conosciamo è parte della UEFA e FIFA. Punto.

Con tutti i pro e i contro di questo mondo. 
 

Tornare indietro è impossibile ma adottare un “modello finanziario” diverso sarebbe cosa buona e giusta.

 

Poi lungi da me difende la UEFA...

 

Semplicemente adottare il metodo “marketing spicciolo” NON è la strada giusta. 
 

Con buona pace delle società.

 

Quello che volevano fare era un mero esercizio di stile, per vedere quanto  potenzialmente si poteva guadagnare “se”. 
 

Si fondava tutto su un grosso “se”.

 

Non facciamo finta di vedere quella che è la realtà: un progetto su cui si lavorava da anni è malamente collassato nel giro di 1 notte. 
 

Bella utopia... 

 

In più era facilmente prevedibile un epilogo simile (si, l’ho scritto e ho salvato il mio post di 2 giorni fa)... perché costituiva un pericolosissimo precedente di come un gruppo di 12 square ribelli potesse auto dichiararsi indipendente alla UEFA e farsi una lega tutta propria. 
Perché ne sarebbero nate diverse e ognuna venduta alla banca di turno. Ovvero l’anarchia totale, la morte di 70 anni di calcio...

 

Il tutto per guadagnare più soldi per fare contratti a degli inetti mercenari mediocri a botte di 7 mln netti l’anno.

 

Benvengano le riforme di Rumenigge o le idee di Galliani che lo diceva da anni che c’era troppo scompenso tra la tassazione di diversi pesi.

 

Servono regole chiare e unificate e farle rispettare. 
 

Non servono le Superleghe. 

Rispettabile la tua idea.

Ma in questi anni credo che ce ne siamo resi conto che è impossibile muoversi all'interno delle istituzioni.

Come fa una lega a portare avanti gli interessi delle Big che mantengono il sistema all'85% se il loro peso in assemblea è del 10/15%?

Il tuo voto vale il voto della Spal che nella sua storia non ha speso quanto la Juve spende in un anno per Ronaldo.

Poi possiamo essere daccordo o meno, ma la realtà è questa.

Come si fa a supportare una UEFA che elargisce alle big 2 miliardi contro gli ipotetici (studi e ipotesi fatte da KPMG o società simili) 10 miliardi che potrebbero guadagnare?

Come si fa a reggere gli investimenti non avendo nessun sistema di tutela di fronte a Procuratori e giocatori?

Come si fa a gestire il sistema con una giustizia sportiva al limite tra il ridicolo e il mafioso?

Come si fa ad andare allo stadio con la famiglia e stare tranquillo nel vedere una partita i calcio evitare di essere buttato giù dall'anello superiore dal boss di turno che vuole vedersi la partita in piedi davanti al tuo posto pagato con abbonamento? (esperienza personale) O evitare il clima di guerra che si respira in Italia per una partita di calcio?

Come si fa a seguire alla TV la propria squadra pagando un unico abbonamento consono per una famiglia media, e non essere costretto a farsi 3/4 abbonamenti con l'obiettivo di spillarti anche i centesimi?

Io credo peggio di questa deriva non poteva essere la SuperLega perchè i diretti interessati hanno come scopo il raggiungimento di questi obiettivi per rendere più appetibile il prodotto.

Poi che sia nata male, che si poteva fare meglio, non ci sono dubbi.

Ma che dopo 20 anni ancora speriamo in queste istituzioni per me è utopia. 

Assisteremo alla deriva del calcio, al fairplay fasullo, al fallimento di società storiche, al loro salvataggio, allo sciacallaggio che abbiamo assistito negli ultimi 20 anni.

Questa è la mia visione e sono contento per te che ancora hai speranze che qualcosa possa cambiare con queste istituzioni.

 

 

  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo che nessuno voglia contestare la bontà del progetto a priori, anche se a me personalmente non piaceva l'idea di non guadagnarmi la partecipazione sul campo, ma si contesta il dilettantismo con il quale è stato preparato.

Non si può pensare di fare un cambiamento epocale senza prevedere tutti, ma proprio tutti gli aspetti, comprese reazioni dei tifosi, dei media, degli organismi politici, delle istituzioni calcistiche e avere preparato tutte le contromisure, sia mediatiche che legali.

Non si può pensare di non creare dei legami indissolubili, pena fortissime penali, con le società coinvolte per evitare le fughe al primo problema come si sono verificate.

Non si può pensare di non verificare per bene tutte le volontà delle squadre di far parte del progetto prospettando tutto quello che sarebbe potuto succedere.

Alla luce dei fatti non è stato fatto quasi nulla di tutto questo. 

Mi spiace Andrea, ma per il bene della Juve sarei dell'idea che devi dimetterti.

Ogni grande uomo sa quando è il momento di abdicare. E tu lo sei, comunque.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Yep ha scritto:

Le 3 big italiane sono destinate al fallimento a questo punto, il Barcellona è sull'orlo del baratro... esisterà solo la premier ed il calcio perderà sempre più appeal ed interesse.

La SL non toglieva niente a nessuno, anzi, nessuno aveva tolto la possibilità di giocare competizioni europee ai piccoli club, nessuno voleva distruggere i campionati nazionali.

 

Voleva semplicemente salvaguardare chi ha sempre portato i soldoni nel calcio e generato miliardi negli anni. Ora il calcio del popolo non ha via di scampo, l'Uefa ha aumentato i premi in CL, noi quest'anno non ci qualifichiamo nemmeno. ci ridimensioneremo.

Il calcio Italiano sarà il primo a morire.

Sassuolo, verona e Atalanta torneranno a fare affari con il trapani (con tutto il rispetto per il trapani chiaramente) e spesso a giocare in Serie B.

Perchè De Zerbi è bravo a parlare, però quando la sua società aumenta i biglietti perchè arriva Ronaldo nessuno dice nulla. A Lecce contro la Juve di Ronaldo il prezzo più basso in curva era di 50 Euro.

Quando vende il giocatorino a 40 milioni alla Big nessuno dice nulla.

Adesso vediamo!!!

Saranno i primi a morire, e si accontenteranno di arrivare quinti ogni 10 anni in un campionato mediocre!!!

  • Mi Piace 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adesso vediamo se i populisti contro la Superlega sono disposti a bloccare l' autostrada per impedire che la Juve dia 40 milioni al Sassuolo per Locatelli.

Andassero a prenderli in Guatemala in giocatori, mai più dai parassiti della Serie A.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.