Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Deborah J

[Repubblica] Agnelli: "Più poteri a club e calciatori, la nuova Champions. Bisogna raggiungere il pubblico, il grande carburante dello show, con nuovi modelli di distribuzione..."

Recommended Posts

57 minuti fa, Jugovic83 ha scritto:

Senti sono 3 mesi che dici sta tiritera...ma anche basta...per me non si farà mai. Se si farà una grossa fetta del tifo europeo si disamorerá e non tirerà fuori neanche un centesimo...altro che amazon...

Esatto, riduzione a 18 squadre della serie A

 

+ Super champions con 4 gironi da 8 come sembra probabile sarà dal 2024

 

Altro che sta boiata a circuito chiuso

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Jugovic83 ha scritto:

Senti sono 3 mesi che dici sta tiritera...ma anche basta...per me non si farà mai. Se si farà una grossa fetta del tifo europeo si disamorerá e non tirerà fuori neanche un centesimo...altro che amazon...

Agnelli oggi è stato chiaro come lo sono stati Bartomeu e Perez, la Superlega si farà e real e barcellona,parteciperanno come pure la juve.Se non ti piace è un problema tuo,i soldi li mette la proprietà della juventus,facendo aumenti di capitale,per cui possono decidere di fare ciò che vogliono, se hanno voluto entrare nella Superlega lo devi accettare,il calcio di deve reinventare per poter andare avanti, il calcio è un vuoto a perdere,nessuno o quasi ci guadagna con il calcio anzi,sono solo costi per una proprietà che deve mantenere il club ad un certo livello, solo per i piccoli club può andare bene così com'è strutturato il calcio oggi, e sono quelli che con il calcio ci guadagnano, supportando con i soldi del calcio anche alcune loro imprese familiari come nel caso di Delaurentiis e Lotito.Chi sono i presidenti che hanno due squadre in Italia, il presidente laziale che è anche presidente della salernitana e il presidente del napoli che ha anche il bari,e si sono opposti alla proposta di Andrea Agnelli di costituire club di serie B come fanno in Spagna che c'è il barcellona a e il barcellona b e real a e real b, la juventus è l'unica squadra italiana di A che ha una squadra di lega pro, la juventus women,è stata la prima squadra femminile di calcio delle squadre di serie A,tutto questo perchè ai presidenti di lazio e napoli interessa guadagnare con il calcio e non investire soldi nel calcio.Dovrebbe bastare questo passaggio del presidente Agnelli sull'evoluzione che deve avere il calcio,nell'intervista rilasciata e apparsa oggi su diversi siti.

«Il processo di polarizzazione proseguirà inarrestabile. Saranno pochissimi i calciatori a poter essere ammessi al tier 1 del gioco e a loro, in virtù del successo commerciale dello spettacolo, sarà necessario continuare a garantire risorse adeguate, magari in uno schema lavoratore-datore di lavoro interamente rinnovato. Club e Fifpro hanno rappresentanze e professionalità adeguate per discuterne fin da subito.Il numero di club che daranno vita al vertice dello spettacolo calcistico dovrà essere ridiscusso, non per assecondare i desideri di un avido gruppo di imprenditori bensì perché l’offerta di calcio sia adeguata alla domanda e garantisca qualità»

 

Punto 1) Il processo di polarizzazione proseguirà inarrestabile.

Questo significa che ci sarà la concentrazione di forze nella Superlega.

Punto 2) I calciatori che potranno essere ammessi al tier 1 del gioco del calcio,saranno pochissimi

e a questi calciatori che producono questo spettacolo che da il via al successo commerciale,sarà necessario continuare a garantire gli stipendi adeguati al loro valore (come nel caso di CR7, Messi,Neymar,M'Bappè,Pogba ecc.) in un contesto diverso da quello attuale.

Punto 3) I club e la Federazione internazionale dei calciatori professionisti,hanno figure professionali adeguate per discuterne da subito,in pratica sta dicendo che la Superlega è bella che pronta e sarà composta da quei club che sono in grado di offrire al pubblico lo spettacolo calcistico e non per far guadagnare imprenditori avidi alla delamentis e lotirchio per restare in tema orticello italiano, ma perché l'offerta di calcio sia adeguata alla domanda e garantisca qualità.

 

 "Il calcio ha nascosto per anni molti difetti strutturali sulla piramide monolitica che in oltre un secolo e mezzo di storia ha subìto importanti restaurazioni.

Oggi i giovani non si avvicinano più allo sport, i dilettanti non giocano e i consumatori sono costretti a selezionare molto più di prima. Intanto, si sta affacciando la nuova generazione Z: fatta non solo di interessi ma anche di valori, una generazione diversa rispetto alla precedente. Ecco perché il calcio ha tutto per ricostruire. Nessuno nega il bisogno di terze parti indipenenti, che possono essere leghe e federazioni, ma ad oggi i calciatori non possono decidere sui calendari, imprenditori e investitori non possono determinare formati e regole d'accesso e incassano proventi tramite l'intermediazione di autorità terze".

L'obiettivo è quello di raggiungere il pubblico attraverso nuovi modelli di distribuzione, sono loro che rappresentano il carburante di questo show. Il calcio del futuro deve coltivare la protezione degli investimenti, i livelli di remunerazione e la distribuzione adeguata dei proventi".

 

Nella parte che ho segnato in neretto Agnelli ci dice che alla fine il movimento calcio lo portano avanti i calciatori e gli imprenditori proprietari dei club che contano meno delle federazioni e delle leghe,perchè ad oggi i calciatori non possono decidere i calendari e gli imprenditori e gli investitori non possono decidere formati e regole d'accesso e incassano i proventi tramite l'intermediazione di auorità terze,quando con la Superlega puoi incassare direttamente da chi finanzia il progetto,per cui ha detto che la Uefa Champions League,(Lega dei Campioni),e le federazioni nazionali come la serie A, Premier,Liga ecc. non vanno più bene,anche se non saranno intaccati.

Per cui la Superlega si farà, anzi inizierà molto presto.

 

 

Edited by BLACKEAGLE
  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
33 minuti fa, Francesco Juve 2000 ha scritto:

Esatto, riduzione a 18 squadre della serie A

 

+ Super champions con 4 gironi da 8 come sembra probabile sarà dal 2024

 

Altro che sta boiata a circuito chiuso

La Super Champions non si farà,è stata bocciata da Ceferin,all'origine questo era il progetto dell'ECA e quindi incassato il no del presidente della Uefa, i grandi club hanno deciso di creare in proprio la Superlega.

Se vi piace è così altrimenti non guardate più il calcio.

 

Edited by BLACKEAGLE
  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, BLACKEAGLE ha scritto:

Agnelli oggi è stato chiaro come lo sono stati Bartomeu e Perez, la Superlega si farà e real e barcellona,parteciperanno come pure la juve.Se non ti piace è un problema tuo,i soldi li mette la proprietà della juventus,facendo aumenti di capitale,per cui possono decidere di fare ciò che vogliono, se hanno voluto entrare nella Superlega lo devi accettare,il calcio di deve reinventare per poter andare avanti, il calcio è un vuoto a perdere,nessuno o quasi ci guadagna con il calcio anzi,sono solo costi per una proprietà che deve mantenere il club ad un certo livello, solo per i piccoli club può andare bene così com'è strutturato il calcio oggi, e sono quelli che con il calcio ci guadagnano, supportando con i soldi del calcio anche alcune loro imprese familiari come nel caso di Delaurentiis e Lotito.Chi sono i presidenti che hanno due squadre in Italia, il presidente laziale che è anche presidente della salernitana e il presidente del napoli che ha anche il bari,e si sono opposti alla proposta di Andrea Agnelli di costituire club di serie B come fanno in Spagna che c'è il barcellona a e il barcellona b e real a e real b, la juventus è l'unica squadra italiana di A che ha una squadra di lega pro, la juventus women,è stata la prima squadra femminile di calcio delle squadre di serie A,tutto questo perchè ai presidenti di lazio e napoli interessa guadagnare con il calcio e non investire soldi nel calcio.Dovrebbe bastare questo passaggio del presidente Agnelli sull'evoluzione che deve avere il calcio,nell'intervista rilasciata e apparsa oggi su diversi siti.

«Il processo di polarizzazione proseguirà inarrestabile. Saranno pochissimi i calciatori a poter essere ammessi al tier 1 del gioco e a loro, in virtù del successo commerciale dello spettacolo, sarà necessario continuare a garantire risorse adeguate, magari in uno schema lavoratore-datore di lavoro interamente rinnovato. Club e Fifpro hanno rappresentanze e professionalità adeguate per discuterne fin da subito.Il numero di club che daranno vita al vertice dello spettacolo calcistico dovrà essere ridiscusso, non per assecondare i desideri di un avido gruppo di imprenditori bensì perché l’offerta di calcio sia adeguata alla domanda e garantisca qualità»

 

Punto 1) Il processo di polarizzazione proseguirà inarrestabile.

Questo significa che ci sarà la concentrazione di forze nella Superlega.

Punto 2) I calciatori che potranno essere ammessi al tier 1 del gioco del calcio,saranno pochissimi

e a questi calciatori che producono questo spettacolo che da il via al successo commerciale,sarà necessario continuare a garantire gli stipendi adeguati al loro valore (come nel caso di CR7, Messi,Neymar,M'Bappè,Pogba ecc.) in un contesto diverso da quello attuale.

Punto 3) I club e la Federazione internazionale dei calciatori professionisti,hanno figure professionali adeguate per discuterne da subito,in pratica sta dicendo che la Superlega è bella che pronta e sarà composta da quei club che sono in grado di offrire al pubblico lo spettacolo calcistico e non per far guadagnare imprenditori avidi alla delamentis e lotirchio per restare in tema orticello italiano, ma perché l'offerta di calcio sia adeguata alla domanda e garantisca qualità.

 

 "Il calcio ha nascosto per anni molti difetti strutturali sulla piramide monolitica che in oltre un secolo e mezzo di storia ha subìto importanti restaurazioni.

Oggi i giovani non si avvicinano più allo sport, i dilettanti non giocano e i consumatori sono costretti a selezionare molto più di prima. Intanto, si sta affacciando la nuova generazione Z: fatta non solo di interessi ma anche di valori, una generazione diversa rispetto alla precedente. Ecco perché il calcio ha tutto per ricostruire. Nessuno nega il bisogno di terze parti indipenenti, che possono essere leghe e federazioni, ma ad oggi i calciatori non possono decidere sui calendari, imprenditori e investitori non possono determinare formati e regole d'accesso e incassano proventi tramite l'intermediazione di autorità terze".

L'obiettivo è quello di raggiungere il pubblico attraverso nuovi modelli di distribuzione, sono loro che rappresentano il carburante di questo show. Il calcio del futuro deve coltivare la protezione degli investimenti, i livelli di remunerazione e la distribuzione adeguata dei proventi".

 

Nella parte che ho segnato in neretto Agnelli ci dice che alla fine il movimento calcio lo portano avanti i calciatori e gli imprenditori proprietari dei club che contano meno delle federazioni e delle leghe,perchè ad oggi i calciatori non possono decidere i calendari e gli imprenditori e gli investitori non possono decidere formati e regole d'accesso e incassano i proventi tramite l'intermediazione di auorità terze,quando con la Superlega puoi incassare direttamente da chi finanzia il progetto,per cui ha detto che la Uefa Champions League,(Lega dei Campioni),e le federazioni nazionali come la serie A, Premier,Liga ecc. non vanno più bene,anche se non saranno intaccati.

Per cui la Superlega si farà e molto presto.

 

 

La Uefa, la Fifa, le leghe dei campionati europei  e tanti tifosi NON sono d accordo. Non la vuole nessuno fidati. A parte quelli che odiano lotito e de laurentis...ci vuole il merito sportivo. Senza quello alla lunga mancherebbe l adrenalina. L attesa dell evento. La Champions è già perfetta così. Perché rivoluzionarla? Perché AA vuole più soldi...e per mettere paura alla Uefa ogni 2 mesi tira fuori sta storia della Superlega(senza mai nominarla...)Vedrai che NON si farà. Ma questo è un mio pensiero personale. Poi magari hai ragione tu...

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sembra una quelle conferenze di 50 anni fa dove si parlava di basi sulla luna di trasformare le alghe in cibo supernutriente e di auto volanti , poi come e' andata l'abbiamo visto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 ore fa, Jugovic83 ha scritto:

La Uefa, la Fifa, le leghe dei campionati europei  e tanti tifosi NON sono d accordo. Non la vuole nessuno fidati. A parte quelli che odiano lotito e de laurentis...ci vuole il merito sportivo. Senza quello alla lunga mancherebbe l adrenalina. L attesa dell evento. La Champions è già perfetta così. Perché rivoluzionarla? Perché AA vuole più soldi...e per mettere paura alla Uefa ogni 2 mesi tira fuori sta storia della Superlega(senza mai nominarla...)Vedrai che NON si farà. Ma questo è un mio pensiero personale. Poi magari hai ragione tu...

La UEFA, la FIFA, le LEGHE DEI VARI CAMPIONATI EUROPEI non possono farci nulla,infatti il progetto della Super Champions,che Agnelli e l'ECA avevano proposto è stato bocciato da Ceferin,per cui a quel punto i grandi club europei questa estate hanno deciso di mettersi in proprio e creare la European Premier League che verrà finanziata da privati che nulla hanno a che fare quindi con Uefa e Fifa.

 Il calcio è cambiato da quando è diventato business,se hai i soldi stai nel gotha del calcio altrimenti non puoi farne parte,il merito sportivo oggi conta ZERO prima lo capite meglio sarà per voi.

Detto questo Agnelli non deve mettere pressione a nessuno,Ceferin l'ha detto chiaro e tondo che la Super Champions non la farà mai,per il presidente della UEFA la champions è come la Serie A,i club medi e piccoli devono guadagnare come i grandi club che invece hanno costi più alti nel mantenere il club per via dei Top Player presenti in rosa,e su questo Ceferin ha fatto la sua investitura per essere rieletto presidente UEFA,per cui non tornerà idietro, ha bisogno dei club medi e piccoli per continuare a ricoprire la sua carica. 

E comunque Agnelli oggi ha proprio risposto sulla Superlega,non l'ha nominata lui,perchè la domanda sulla Superlega glie l'hanno fatta e lui ha risposto.

Questo comunque il titolo dell'articolo dell'intervista ad Agnelli .

Agnelli: "Serve un rinnovamento. Vi spiego il calcio del futuro. Superlega? Processo di polarizzazione va avanti!"

 

Edited by BLACKEAGLE

Share this post


Link to post
Share on other sites

È sempre vago...non la nomina mai...perché sa che ha troppi oppositori. Vedremo. 

Chiudo: la Champions va riformata. Ma non cancellata con sta cag$$a della Superlega...

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trovo opportuno guardare al futuro, senza però scordare il passato ed il senso della continuità, necessaria a garantire un minima 'dignità' allo sport a cui gli investitori si avvicinano.

 

Profitto, ma non a costo di trasformare una mela in una carbonara.

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, Jugovic83 ha scritto:

È sempre vago...non la nomina mai...perché sa che ha troppi oppositori. Vedremo. 

Chiudo: la Champions va riformata. Ma non cancellata con sta cag$$a della Superlega...

Ma guarda che nessuno ha detto che la Champions sarà cancellata,continuerà ad essere organizzata ma senza i maggiori club europei.

O magari se la UEFA accetta anche i migliori club europei potrebbero partecipare a prescindere  dalla Superlega.

Per quel che riguarda la riforma della Champions, Ceferin non ha voluto per cui ora se la prende nel popò.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, BLACKEAGLE ha scritto:

Ma guarda che nessuno ha detto che la Champions sarà cancellata,continuerà ad essere organizzata ma senza i maggiori club europei.

O magari se la UEFA accetta anche i migliori club europei potrebbero partecipare a prescindere  dalla Superlega.

Per quel che riguarda la riforma della Champions, Ceferin non ha voluto per cui ora se la prende nel popò.

 

 

Si con la Superlega la Champions varrà meno del birra moretti...ma che stai a di...notte va

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, Jugovic83 ha scritto:

Si con la Superlega la Champions varrà meno del birra moretti...ma che stai a di...notte va

I soldi nel calcio li mettono le proprietà dei club,non la UEFA e la FIFA che i soldi se li pappano.Quindi arrivati ad un certo punto caxxi loro se non riescono ad organizzare una Champions appetibile.La Superlega è qualcosa di privato che non ha bisogno del consenso di Uefa e Fifa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

As a community (amateur) club representative I have advocated to our local and national (New Zealand) governing bodies for the need of the elite clubs to respect the lesser clubs, if for no other reason than to ensure a fan base that has a great understanding as well as love for the game.  If the game looks only to service the very top level and does not look to give assistance to the lower leagues and clubs, the elite will become disconnected with supporters and ultimately their revenue will be reduced.  I love that Juventus actively supports various programs around the world to encourage people to play and enjoy the game of football at all levels.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente non condivido per nulla l'idea generale di un calcio elitario che ha più volte espresso nei fatti.

La superlega non mi ha mai attratto, ma obiettivamente il calcio italiano ha definitivamente dimostrato di non sapersi governare e di non sapere generare nulla di buono, di conseguenza accetterei questo tipo di soluzione  seppur a malincuore in quanto mi ritengo un tradizionalista per ciò che riguarda il mio sport preferito.

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
55 minuti fa, Fox Vega ha scritto:

Personalmente non condivido per nulla l'idea generale di un calcio elitario che ha più volte espresso nei fatti.

La superlega non mi ha mai attratto, ma obiettivamente il calcio italiano ha definitivamente dimostrato di non sapersi governare e di non sapere generare nulla di buono, di conseguenza accetterei questo tipo di soluzione  seppur a malincuore in quanto mi ritengo un tradizionalista per ciò che riguarda il mio sport preferito.

Totalmente d'accordo con te Fox, come praticamente sempre, mai vista di buon occhio la superlega , ma non c'è mai stato un momento come questo in cui potrei anche farmela andar bene 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 hours ago, Mark92 said:

Credo che verrà ricordato come il david stern del calcio. 

 

Non ci rendiamo conto di che fortuna abbiamo ad averlo. 

 

20 hours ago, LE6END said:

Buona parte delle entrate arrivano dai diritti TV, quindi sono loro che decidono i calendari insieme a leghe e federazioni. Non credo che cambierà molto nei prossimi anni uum

 

Amazon sta già cambiando le carte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Abbiamo un presidente competente, che mastica calcio da quando è nato. Non a caso in europa riveste incarichi di rilievo ed è stimato dai suoi colleghi dalle principali squadre.

In italia il pubblico è attratto dai novelli Gaucci come De Lamentis, che continui così, a noi può solo fare buon gioco

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 ore fa, sergio ha scritto:

Ormai è evidente che Agnelli spinge verso un sistema all'americana, una lega chiusa con "franchigie" riservate a chi ha fatturati elevati e tifoserie ampie, indipendentemente dai risultati ottenuti negli ultimi anni. Per quanto io capisca in pieno le motivazioni del presidente e per quanto veda coi miei occhi quanto sia demoralizzante per un presidente serio operare in una serie A gestita con un provincialismo e una faziosità disgustose sia dalla lega che dalla federazione, non so se mi piacerebbe vedere la Juve in una lega chiusa... Verrebbe meno il principio del ricambio di squadre, del merito di chi fa bene e del demerito di chi fa male...

A te, a me e a molti altri qui dentro non piace, agli asiatici impaccati di soldi non importa niente della serie B e di quello che succede sotto la zona CL. Scordiamoci che il calcio nel suo sviluppo tenga conto dei nuclei storici di tifosi (locali e nazionali), si guarderà all'estero e ci sarà sempre più attenzione per tutto i contorno e lo spettacolo più che per il calcio in sé. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 ore fa, gobbamente ha scritto:

Predica nel deserto, purtroppo...

Piu' che altro predica per il suo (nostro interesse); che interesse hanno a creare una superlega inglesi ma anche spagnoli e tedeschi andando magari a intaccare i loro proventi dai campionati nazionali ? Posso capire le big italiane visto che dalle tv il campionato italiano becca meno soldi di quello francese, ma le altre big europee hanno anche altri interessi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Personalmente non condivido per nulla l'idea generale di un calcio elitario che ha più volte espresso nei fatti.
La superlega non mi ha mai attratto, ma obiettivamente il calcio italiano ha definitivamente dimostrato di non sapersi governare e di non sapere generare nulla di buono, di conseguenza accetterei questo tipo di soluzione  seppur a malincuore in quanto mi ritengo un tradizionalista per ciò che riguarda il mio sport preferito.


Totalmente d'accordo con te Fox, come praticamente sempre, mai vista di buon occhio la superlega , ma non c'è mai stato un momento come questo in cui potrei anche farmela andar bene 


Chi ha una certa età (io vado quasi per in 50) secondo me si trova in mezzo al guado.

Da una parte la Longobarda che possa andare in serie A per confrontarsi con i migliori e salvarsi è il sogno ad occhi aperti. Il Verona di Bagnoli, il Leicester di Ranieri.
Dall’altra la necessaria (?!?) evoluzione di questo sport.

Quanto sono condizionato da quello che vedo in Serie A? Personaggi squallidi, stadi fatiscenti, squadre fallite che partecipano pur non avendo i requisiti.

Probabilmente il sogno si sposta da vedere la propria squadra vincere la CL (io sono nato a Monza e mi piacerebbe anche vederla in Serie A) al singolo che sogna di poter giocare in una delle squadre che partecipano alla lega più importante del mondo.

Stiamo probabilmente assistendo ad un cambio epocale. Ci sarà un periodo di transizione più o meno lungo ma non si deve guardare a 5 anni. Chi ha visione pensa lontano.

Proviamo a pensare tra 50 anni. La polarizzazione verso le sole squadre che parteciperanno (magari in futuro le aumenteranno come fatto in NBA) determinerà che chi oggi tifa Lazio, Roma, Napoli, Inter e Milan, se non parteciperanno, non ci saranno più o, fatevene una ragione, saranno piano piano nostri compagni di tifo , o tiferanno altre della lega. Pensate che oggi non ci siano italiani che tifino solo il Bayern?

Meno Newppy e più New Team???

Nella speranza che Pistocchi, Alvino, Ziliani, Varriale, non twittino pro-Juve....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Più potere ai calciatori? Fanno già i nababbi. Hanno oramai la capacità contrattuale di determinare vita e morte di una stagione societaria.  Contrariamente a tutto il resto del mondo possono stare mesi e mesi inattivi tirando palate di soldi a  twittare quanto basta per la gioia di affezionati e irriducibili bimbiminkia. Ma stiamo scherzando???

Share this post


Link to post
Share on other sites
23 ore fa, Hidetora89 ha scritto:

Il fatto che stia guardando da qui a 20 anni fa capire la sua idea di progetto e progettualità, proveniente dal mondo industriale.

La maggioranza dei club nazionali non riesce e non può, vuoi per motivi strutturali o di volontà, non riesce ad andare così in là.

 

La sua idea è chiaramente costruire una lega simil NBA con le meglio squadre del continente a giocarsi un grande campionato europeo.

Forse anche con formato Playoff.

 

 

Per dare sempre più voce al campo alla palla ai giocatori. Siamo stufi di polemiche e sotterfugi di questi presidenti che senza il calcio sarebbero nessuno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
23 ore fa, Hidetora89 ha scritto:

Il fatto che stia guardando da qui a 20 anni fa capire la sua idea di progetto e progettualità, proveniente dal mondo industriale.

La maggioranza dei club nazionali non riesce e non può, vuoi per motivi strutturali o di volontà, non riesce ad andare così in là.

 

La sua idea è chiaramente costruire una lega simil NBA con le meglio squadre del continente a giocarsi un grande campionato europeo.

Forse anche con formato Playoff.

 

 

Per dare sempre più voce al campo alla palla ai giocatori. Siamo stufi di polemiche e sotterfugi di questi presidenti che senza il calcio sarebbero nessuno.

Il nostro Presidente il mio Presidente, parla sempre di un noi e mai di un io. Semplicemente un grande, ti ammiro e ti stimo Andrea. 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bisogna staccarsi dai provincialismi e ammettere che probabilmente questo sarà il futuro del calcio. Questo però richiede anche un processo culturale che può avvenire solo con il passare del tempo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 8/1/2021 Alle 10:59, LoSka ha scritto:

Su una cosa ha più che ragione: l'intermediazione delle leghe è dannosa oltremodo. 

I club devono avere la libertà di commercializzare sé stessi direttamente, versando il giusto alla mutualità verso club e serie minori.

Altro aspetto importante che sottolinea: il dilettantismo sta scomparendo. E da noi dilettanti+leghe serie inferiori comandano.

Che è quello che ha stroncato Giraudo prima di calciopoli. Con la legge Melandri,  incompetente e chissà se solo questo,  vennero centralizzate le vendite dei diritti televisivi e noi perdemmo quel vantaggio commerciale che non ci derivava da virtù divina ma dal bacino potenziale di utenza che era pari al totale delle altre messe insieme. Se togliamo gli intermediari comunque non si potrà tornare alle trattative individuali e quindi i vari De Laureatis Lotito Preziosi e gli eredi di Cellino e Zamparini avranno sempre potere di incidenza. Comunque viste le notizie di oggi sul percorso ormai segnato da quella che i corifei di Milano pensavano fosse una corazzata economica impressionante,  parlo di India ed i debiti della casa madre, è chiaro che al vertice resteranno soltanto quei club che riusciranno ad avere una politica di sviluppo orientata a valorizzare il brand, crescere in appeal, visibilità e capacità di attrarre investimenti. Questo vuol dire che bisognerà puntare alla Champion's nella costruzione della squadra ed imitare il modello Milan degli olandesi ed abbandonare definitivamente quelli che Marotta chiamava "quelli che sanno cosa vuol dire giocare a Frosinone".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.