Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

andreasv

Ricordando Gaetano Scirea

Recommended Posts

21 ore fa, PIEMUNTEISA-HOYBAÑACAUDA ha scritto:

I miei mi nascosero la notizia perché al mattino avevo l’esame di riparazione di inglese. Avevo 16 anni e avevano paura delle ripercussioni psicologiche. Era un monumento di stile.

 

21 ore fa, gobbone ha scritto:

Dal punto di vista calcistico, per me, è stato uno dei più forti difensori che ho visto. Uno dei pochissimi di quel ruolo a giocare a testa alta. Riusciva, molte volte, nell'uno contro uno a togliere il pallone all'avversario in modo impeccabile. Interpretò il ruolo di libero direi modernizzandolo.

Dal punto di vista umano riuscii a conoscerlo in un ritiro , mi pare anno 84, a Villar Perosa. Gentilissimo ed umilissimo. Era, finito l'allenamento, sempre a disposizioni di tutti. 

 

21 ore fa, capitangazzella ha scritto:

L'uomo è stato così grande che per certi versi ha oscurato il calciatore.

 

E allora vorrei ricordare che Gaetano Scirea è stato un giocatore di gran classe. Quando l'Italia ai mondiali del 1982 era in difficoltà, Scirea era l'unico a non tremare: guidò la difesa con eleganza e autorità anche nella fase a gironi, nei pomeriggi afosi di Vigo, anima di un gruppo che sarebbe diventato grande ma che ancora soffriva alla ricerca di una sua identità.

 

Martellini durante quel mondiale lo definì immenso e, quando Scirea sbagliò un lancio, se non erro nella semifinale con la Polonia, dichiarò con enfasi che era il primo errore di un mondiale ineccepibile.

 

Non a caso, qualche anno fa, la gazzetta pubblicò una graduatoria e Gaetano Scirea risultò essere il calciatore italiano con la più alta media voto ai mondiali. Cosa non da poco, considerando che disputò 3 mondiali, giocando 18 partite.

 

Campione del mondo con la nazionale e con la Juventus, le sue doti migliori erano un incredibile senso della posizione che gli permetteva di guidare con maestria la difesa, un anticipo formidabile che gli consentiva di giocare molto pulito in un'epoca in cui i difensori praticavano un calcio molto "maschio", tecnica notevole per un difensore, visione di gioco e capacità di inserimento invidiate dai centrocampisti.

 

Morì quando era allenatore in seconda della Juve, aveva appena debuttato. Chissà come sarebbe stato come allenatore. Però si era alla vigilia degli anni '90: stava arrivando la generazione dei "santoni" e lui, leale e umile, non penso che ci si sarebbe trovato a suo agio.

 

Ciao, grande capitano della mia infanzia.

 

21 ore fa, eternobianconero ha scritto:

Immenso!

 

Sempre nel nostro cuore... insieme alla Juve!

 

21 ore fa, italiauno61 ha scritto:

Mai come in questo caso, è vero il detto che sono sempre I MIGLIORI quelli che Dio chiama per primi.

 

21 ore fa, FuoriDalCoro ha scritto:

Scirea prima di essere un grandissimo Campione è stato un modello di Uomo ed di umanità. Grandissima Persona.

Ascoltatelo con il tuo tono indimenticabile, umile e sereno...

 

 

 

21 ore fa, garrison ha scritto:

Io l'ho visto solo in TV e mi ricordo in particolare il colpo di tacco in area al bernabeu (anche se avevo 8 anni) in finale con la Germania.

Un anno esatto dall'anniversario di quando morì nell'incidente, la domenica dopo si giocava con l'Atalanta (Juve di Maifredi...prima in casa dopo l'anniversario...vecchio Delle Alpi).

Ed io "obbligavo" il mio povero papà ad accompagnarmi allo stadio a vedere la Juve (che lui da interista anche se moderato non sopportava assolutamente) almeno a settembre, prima dell'apertura delle scuole (abitavamo a circa 150 km da Torino).

Andammo a vedere il match, non ricordo bene se ci fu un minuto di silenzio o venne fatto un annuncio all'altoparlante per ricordare Gaetano.

Ebbene, mio papà che non si scomponeva mai, figuriamoci per il calcio e non esultava manco quando segnava l'inter, quando lo guardai in quel momento applaudiva (come tutto lo stadio) in maniera quasi accanita, nel ricordo di Scirea.

Perché, mi ha spiegato, "Per Scirea é giusto farlo".

 

21 ore fa, zoff70 ha scritto:

Gaetano sempre nel nostro ❤️

 

21 ore fa, Nord est ha scritto:

Grande calciatore ma soprattutto grande uomo, indimenticabile ♥️

 

20 ore fa, miticoedgar ha scritto:

Si diceva che Scirea , con Zoff, fossero i 2 galantuomini  tra altri 9 " Assassini" . Queste erano le componenti caratteriali di quei mostri di personalità del gruppo dei 76/77, quello dei 51 punti, quello di cui faceva parte anche il mitico e da qualche giorno compianto Morgan Francesco Morini. Che Zoff avesse l' autorevolezza per fare da riequilbratore del carattere di squadra era logico aspettarselo anche per la sua indole di " doverista" che gli permetteva di fungere un po' da " bacchettone", come un fratello maggiore, ma che anche un ragazzo di 24 anni , potesse essere visto cone un punto di riferimento irrinunciabile, sotto l' aspetto tecnico E ANCOR PRIMA SOTTO L' ASPETTO UMANO,  per un grupo di belve assatanate come quelle dei 51 punti,  era abbastanza sorprendente. Scirea era conscio della penitenza che gli toccava in ritiro e a volte anche inn campo, quella di sopportare pazientemente Tardelli, suo compagno fisso di stanza. Era un rapporto simile a quello , di molti anni dopo, tra Pessotto e Montero. Ecco , in conclusione , vorrei dire che quel gruppo, più che gruppo era una famiglia, e in quella famiglia, lui, Gaetano era il riferimento di tutti , sempre apprezzato e rispettato anche dai nostri più acerrimi avversari.

 

20 ore fa, Shingo Tamai ha scritto:

Il migliore di tutti.

La Juve fatta a persona.

 

18 ore fa, Simo78 ha scritto:

Io ho un aneddoto personale che ricordo raramente. Nell'estate del 1986 con mio papà, mio fratello e un manipolo di juventini andammo a villar perosa in giornata. A metà giornata, tra il primo e secondo allenamento ci recammo nell'hotel in cui pranzava la.squadra per strappare qualche autografo e foto. Avevo 8 anni ed ero molto gracile ma riuscii a sguasciare a fare la.foto col Trap. Ma purtroppo con nessun calciatore, che scapparono velocemente (soprattutto Cabrini ricordo si divincolo', e ci rimasi male). Perse le speranze stavamo tornando alla macchina quando e vedemmo un'ultima auto in ritardo per l'allenamento del pomeriggio. Mio papà provò a fare un cenno per fermarsi. Benché in forte ritardo, Scirea scese dall'auto , mi strinse a sé e fece la foto con un garbo che ancora oggi ricordo. Anche questo era Gaetano Scirea. 

 

16 ore fa, curvafiladelfia ha scritto:

Dino Zoff, dopo la sua scomparsa, raccontò di un aneddoto che riassume molto di Gaetano: “Una mattina dopo una festa per celebrare un trofeo, stavamo tornado a casa a piedi, avevamo ancora lo Smoking, passammo vicino ad in edicola per comprare il giornale per leggere le celebrazioni a noi dedicate”, i due videro che lì accanto c’era una fermata del pullman, pieno di operai che andavano in Fiat, e Scirea disse: “non potevamo certo avvicinarci in quel modo agli operai, noi che avevamo fatto festa tutta la notte e loro che invece si erano alzati prestissimo per andare a lavorare”.

 

Non credo servano altre parole. Ciao Gaetano❤

 

16 ore fa, paolo77 ha scritto:

Vedere i topic di giornata con allegato i soliti articoli dei giornali italiani sportivi pieni di commenti e vedere il topic dedicato a Gaetano Scirea con pochi commenti fa veramente male.

 

16 ore fa, causio70 ha scritto:

Gaetano si ricorda tutto l'anno nn solo il 3 settembre..sempre nel cuore e nell'anima juventino vero dentro e fuori dal campo, uomo prima di essere giocatore.

Cari Amici, solo 2 paginette per rendere il dovuto omaggio a Scirea : Incredibile ! 

 

Dopo una rapida " cernita " dei vari messaggi devo dire che i vostri post mi hanno in parte rincuorato !

 

Grazie a Dio c'è ancora qualcuno che ha la sensibilità di rendere il dovuto omaggio ad un GRANDE UOMO ed a un FANTASTICO CALCIATORE ! 

 

Troppo labile, invece, è la memoria di molti iscritti a questo forum :

 

30 PAGINE PER PLSUVALENZE E MINUSVALENZE ..... 2 PAGINETTE PER GAETANO SCIREA  ... UNA DELLE COLONNE PIU' FULGENTI DELLA STORIA BIANCONERA

 

NON DIMENTICHIAMOLO MAI : 

 

GAETANO SCIREA, SEPPUR A CAUSA DI UN TRAGICO ED ASSURO INCIDENTE, PER LA JUVENTUS HA DATO LA SUA VITA ! 

 

Grazie a tuti voi e scusate il disturbo, .salveStefano !

 

P.S. - se volete e se potete il mio ricordo di Gaetano è a pag.2 

 

  • Mi Piace 11
  • Grazie 5

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, 29 MAGGIO 1985 ha scritto:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cari Amici, solo 2 paginette per rendere il dovuto omaggio a Scirea : Incredibile ! 

 

Dopo una rapida " cernita " dei vari messaggi devo dire che i vostri post mi hanno in parte rincuorato !

 

Grazie a Dio c'è ancora qualcuno che ha la sensibilità di rendere il dovuto omaggio ad un GRANDE UOMO ed a un FATASTICO CALCIATORE ! 

 

Troppo labile, invece, è la memoria di moti iscritti a questo forum :

 

30 PAGINE PER PLSUVALENZE E MINUSVALENZE ..... 2 PAGINETTE PER GAETANO SCIREA  ... UNA DELLE COLONNE PIU' FULGENTI DELLA STORIA BIANCONERA

 

NON DIMENTICHIAMOLO MAI : 

 

GAETANO SCIREA, SEPPUR A CAUSA DI UN TRAGICO ED ASSURO INCIDENTE, PER LA JUVENTUS HA DATO LA SUA VITA ! 

 

Grazie a tuti voi e scusate il disturbo, .salveStefano !

 

Tu non disturbi mai Stefano.

Se mi permetti aggiungo anche che non sei mai banale nei tuoi interventi e li leggo sempre molto volentieri. 

Purtroppo anche questo forum si è riempito di allenatori, DS e AD che dall'alto della loro competanza possono giudicare tutto.

Per loro è più importante criticare il Cherubini di turno piuttosto che ricordare , vedi Morini l'altro giorno, uno dei nostri campioni.

Per questo ribadisco che per me e credo anche molti altri utenti silenziosi che i tuoi interventi sono sempre più che graditi.

Grazie a te e buona serata

  • Mi Piace 1
  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, fabietto76 ha scritto:

la JUVE

Esatto quella da dire tutto d'un fiato. 

Che Juve meravigliosa 🤍🖤🤍🖤

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chi era Gaetano Scirea

Il 3 Settembre 1989 moriva Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale in Polonia esattamente 32 anni fa. Il nostro tributo ad un uomo senza macchia nelle parole belle ed emozionanti di Ettore Zanca.

Lui era quello lì.

Era quello che non appariva mai, ma si avvertivano peso e presenza, cacchio se si avvertivano.

Era quello che se guardi bene la foto di Tardelli che esulta al mundial, urlando come un coyote, è dietro che con una esultanza composta ha una faccia da bimbo felice, come di chi ha trovato sotto l’albero a natale la coppa del Mondo.

E sempre lui, ogni tanto si presentava a casa sua con un po’ di sconosciuti, erano tifosi della Juve arrivati da lontano ed esclamava a Mariella attonita “mi sembra il minimo che mangino un boccone con noi”.

Che una volta ebbro di felicità e festeggiamenti per lo scudetto appena vinto, fece l’alba con i compagni in un locale, poi prima di andare a casa, si fermò a comprare il giornale per tenersi il ricordo dello scudetto stampato tra le righe. Ma vide gli operai della Fiat che stavano andando a lavorare e si vergognò, si vergognò tantissimo che dovremmo imparare tutti a vergognarci così. E il giornale non lo comprò più.

Che alla moglie diceva abbiamo tutto, non voglio chiedere l’aumento di stipendio, accontentiamoci”. E si accontentavano. Ma una volta Boniperti glielo disse: “se dai un pestone senza motivo a un avversario, ti aumento lo stipendio”. Non riuscì.

Era lui quello che sedava le risse eccessive portando via compagni e avversari e a dire con quella voce sottile ma ferma “ma non vi vergognate? Vi stanno guardando le vostre mogli e i vostri figli”. Era quello lì, lui. Amico di Dino Zoff che lo descrive “gioviale e simpatico”. Che detto da Dino Zoff non lo sai che pensare.

gaetanoscireafiglio-iogiocopulito.jpg

Più bravo come libero che come enologo, parola di moglie. Competitivo che se voleva imparare un nuovo sport lo imparava fino a possederlo. A suo papà aveva promesso che avrebbe preso il diploma, lo prese poco prima del ritiro dalle scene, studiava in ritiro e fu una fatica solo in matematica, ma non era preciso, dice sempre Mariella, la moglie. Che addirittura fece il giornalista durante Messico ‘86, per la testata “i Siciliani” fondata da Pippo Fava ucciso due anni prima.

Era lui che ogni partita, salutava un punto della tribuna dove c’erano moglie e figlio. Suo figlio Riccardo che dice “non poteva vedermi, ma io lo so che quel saluto era solo per noi”, che gli regalò un vinile al posto di un CD di un disco che Riccardo voleva: “vedrai che questo rimane”.

IoGiocoPulito_scirea_storia_ricordo.jpg

Era un libero, era IL libero. Per, ruolo e per testa. Nato centrocampista  aveva i piedi buoni e se non ci credete andate a vedere l’opera d’arte che portò Tardelli a segnare nel Mundial. Un colpo di tacco (!) verso Bergomi e palla indietro che scotta per il povero “Zio” e allora via, in mezzo per il Coyote che sta arrivando con lingua di fuori e furia. Ed è gol. E nonostante siano trent’anni che Gaetano Scirea non c’è più, portato via da un incidente d’auto assurdo, noi siamo qui a ricordare quel momento, quel passaggio perfetto, quel tacco da playmaker scafato, altro che difensore ruvido, quel viso che ride come un bimbo dietro Tardelli che corre invasato. Lo diciamo tre volte, una per ogni dieci anni che non c’è più. Era lui, Scirea, campione del mondo, campione del mondo, campione del mondo.

 

 

p.s. NON HO RESISTITO - TROPPO BELLO - TRATTO DA " IO GIOCO PULITO " A FIRMA di ETTORE ZANCA - 03/09/2021-

dovevo, assolutamente dovevo, condividerlo con tutti voi !

  • Mi Piace 1
  • Grazie 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Impossibile rendere a pieno la grandezza della persona.

Qualche anno fa dissi che era un giocatore enorme, immenso, universale.

E l'uomo era superiore, e di molto, al giocatore.

 

Ho un ricordo, forse inadatto: quello del bar del mercato all'ingrosso della mia città dove il proprietario era un interista sfegatato, accanito.

All'indomani del giorno tremendo lo vidi uscire da dietro al bancone e mollare un tremendo ceffone ad un cretino che aveva fatto una battuta cretina dicendogli: "A Gaetano, no. Mai, davanti a me. Vergognati".

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non volevo postare nulla sul MIO capitano, mi fa ancora male. Ma non potevo esimermi. Ciao mio capitano, scommetto che in cielo stai comandando la squadra del Paradiso con la tua consueta silente grandezza. Sai che ti considero mio inarrivabile modello e il più grande depositario di una juventinità che stento a ritrovare.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 ore fa, Eugenio Canfari ha scritto:

Impossibile rendere a pieno la grandezza della persona.

Qualche anno fa dissi che era un giocatore enorme, immenso, universale.

E l'uomo era superiore, e di molto, al giocatore.

 

Ho un ricordo, forse inadatto: quello del bar del mercato all'ingrosso della mia città dove il proprietario era un interista sfegatato, accanito.

All'indomani del giorno tremendo lo vidi uscire da dietro al bancone e mollare un tremendo ceffone ad un cretino che aveva fatto una battuta cretina dicendogli: "A Gaetano, no. Mai, davanti a me. Vergognati".

.... inadatto ? Amico, non dirlo neanche per ridere ! 

 

Non hai fatto bene, hai fatto benissimo, ci mancherebbe . 

 

Ciò che hai narrato è la testimonianza che GAETANO SCIREA " UNIVA " E NON DIVIDEVA , solo i " dementi ", poveri loro, 

hanno avuto e possono avere dimostrazioni di disdoro nei confronti di un vero e proprio GENTLEMAN quale è stato il

nostro GRANDE CAMPIONE sia nella sua veste di CALCIATORE che in quella di UOMO ! 

 

Qui, di veramente inadatto, è lo scarso appeal  dell'utenza di VS nei confronti di questo topic alla memoria di una delle

pietre miliari della Leggenda Bianconera ! 

 

Cordialmente, .salveStefano !

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

I nuovi tifosi non lo rispettano a pieno, neanche i giocatori della Juve, quello stile è ormai perduto.

 

6 ore fa, Eugenio Canfari ha scritto:

Impossibile rendere a pieno la grandezza della persona.

Qualche anno fa dissi che era un giocatore enorme, immenso, universale.

E l'uomo era superiore, e di molto, al giocatore.

 

Ho un ricordo, forse inadatto: quello del bar del mercato all'ingrosso della mia città dove il proprietario era un interista sfegatato, accanito.

All'indomani del giorno tremendo lo vidi uscire da dietro al bancone e mollare un tremendo ceffone ad un cretino che aveva fatto una battuta cretina dicendogli: "A Gaetano, no. Mai, davanti a me. Vergognati".

A me accadde dieci anni fa, prima di una partita di calcetto, e la battuta non era cretina ma ripugnante. Lo conoscevo da 5 anni, non potevo picchiarlo perchè figlio di un giudice, ma non gli ho mai più rivolto la parola.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Manca farlo apposta, mi ripeto,  da me a cinisello (milano) viene organizzato tutti gli anni (tranne che per gli ultimi due) un torneo europeo, vengono le giovanili del barcellona, ajax e delle squadre italiane.

 

Torneo Scirea.

 

Ecco chi è Gaetano Scirea.

 

❤️

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come ogni anno provo le stesse sensazioni.  Quel giorno come oggi e come tra un anno. Un vuoto incolmabile. Uniamo unico. Un campione infinito

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 ore fa, 29 MAGGIO 1985 ha scritto:

Era un libero, era IL libero

E quando decideva di sganciarsi in avanti, i compagni dei reparti avanzati gli davano sempre il pallone, infatti partecipava spessissimo alle azioni da gol; con lui avevamo un uomo in più anche davanti.

Era più moderno lui dei difensori attuali.

Oltre che un gigante coi piedi, aveva immenso carisma e infondeva sicurezza e tranquillità agli altri.

Uomo vero, capitano vero, a differenza di altri che hanno solamente portato una fascia al braccio.

Quanto mi manca...

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, GuglielmoWilly ha scritto:

Manca farlo apposta, mi ripeto,  da me a cinisello (milano) viene organizzato tutti gli anni (tranne che per gli ultimi due) un torneo europeo, vengono le giovanili del barcellona, ajax e delle squadre italiane.

 

Torneo Scirea.

 

Ecco chi è Gaetano Scirea.

 

❤️

Buongiorno 

 

Quoto

 

Gaetano Scirea Cittadino di Cinisello Balsamo, cresciuto nel G.S. Serenissima S. Pio X

5cd66c6b66b872f4-e86e6.gif?1590484966
Nasce a Cernusco sul Naviglio il 25/5/1953. Nel 1958, a cinque anni si trasferisce a Cinisello Balsamo in via XXV Aprile 235.

 

A dieci anni comincia a giocare sul campetto della Parrocchia S. Pio X, sotto la guida di Gianni Crimella, tesserato per il G.S. Serenissima S. Pio X rimane sino al 1967, anno del suo trasferimento all’Atalanta.

 

A 19 anni esordio in serie “A” contro il grande Cagliari di Gigi Riva (Cagliari 0-Atalanta 0).

 

Nel 1974, a 21 anni, si trasferisce alla Juventus e inizia quella sfolgorante carriera che lo porta a diventare, unico giocatore al mondo, vincitore di tutte le competizioni alle quali ha partecipato.

 

Nel 1976 si trasferisce a Torino e sposa Mariella Cavanna. Nel 1977 nasce Riccardo.

 

Il 3 settembre 1989 scompare tragicamente in Polonia lasciando nella costernazione i familiari, gli amici e tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato per le sue grandi doti umane.

ti riporto quello che viene scritto sul sito del Comune di Cinisello Balsamo 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
51 minuti fa, andreasv ha scritto:

Buongiorno 

 

ti riporto quello che viene scritto sul sito del Comune di Cinisello Balsamo 

Yes!

E io per questa cosa me la tiro sempre (giustamente)

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
23 hours ago, LondonCri said:

Un esempio 

Una leggenda 

Non dimentichero' mai il momento della notizia 

 

Gaetano 🤍🖤

Sandro Ciotti e il pianto di Tardelli 

  • Triste 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gaetano Scirea è stato uno dei migliori giocatori di sempre, anche se non è mai facile paragonare epoche diverse.

E se di un tale campione se ne sottolineano spesso le doti umane, allora possiamo capire di quale spessore sia stato quest'uomo che ci ha lasciato troppo troppo presto.

Ancora oggi, a distanza di tanti anni da quella maledetta giornata del 1989, mi viene un groppo in gola ripensandoci.

Ciao Capitano!

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'aspetto più 'ridicolo', quando si parla di Gaetano Scirea, è che definirlo 'solamente' il miglior difensore della storia del calcio (cosa che è, ed è universalmente riconosciuto come tale), è anche troppo poco e non gli fa onore. Gaetano fu anche una persona squisita, un vero modello, un exemplum Virtus anche fuori dal campo.

 

Onore a forse il miglior uomo e calciatore della Juventus e del calcio italiano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 ore fa, 29 MAGGIO 1985 ha scritto:

 

 

Cari Amici, solo 2 paginette per rendere il dovuto omaggio a Scirea : Incredibile ! 

 

 

 

Le paginette sono salite a 3, ma lo scandalo rimane!

Fortuna che c'è un manipolo di persone che ancora ha la voglia e il gusto di documentarsi e ricordare i grandi uomini che fanno parte della storia bianconera, grazie a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 ore fa, 29 MAGGIO 1985 ha scritto:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cari Amici, solo 2 paginette per rendere il dovuto omaggio a Scirea : Incredibile ! 

 

Dopo una rapida " cernita " dei vari messaggi devo dire che i vostri post mi hanno in parte rincuorato !

 

Grazie a Dio c'è ancora qualcuno che ha la sensibilità di rendere il dovuto omaggio ad un GRANDE UOMO ed a un FANTASTICO CALCIATORE ! 

 

Troppo labile, invece, è la memoria di molti iscritti a questo forum :

 

30 PAGINE PER PLSUVALENZE E MINUSVALENZE ..... 2 PAGINETTE PER GAETANO SCIREA  ... UNA DELLE COLONNE PIU' FULGENTI DELLA STORIA BIANCONERA

 

NON DIMENTICHIAMOLO MAI : 

 

GAETANO SCIREA, SEPPUR A CAUSA DI UN TRAGICO ED ASSURO INCIDENTE, PER LA JUVENTUS HA DATO LA SUA VITA ! 

 

Grazie a tuti voi e scusate il disturbo, .salveStefano !

 

P.S. - se volete e se potete il mio ricordo di Gaetano è a pag.2 

 

Caro Stefano..io sono più che strasicuro 

che il ricordo di Gaetano superi per noi juventini,  come diceva Battiato, le onde gravitazionali il tempo e la luce  ( e anche le pagine del forum) ...però è importantissimo mantenerne sempre viva la memoria soprattutto per le generazioni che non lo hanno vissuto in prima persona ..e in questo i tuoi post non hanno rivali.

Grazie 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.